Approfondimenti

Strage di migranti in Libia. La denuncia di Flavio Di Giacomo dell’OIM

migranti OIM - Decreti Salvini

Poche ore fa dalla Libia è arrivata notizia dell’uccisione di 30 migranti. La strage sarebbe una rappresaglia per la morte di un trafficante. Flavio Di Giacomo, portavoce dell’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni, ne ha parlato a Radio Popolare.

L’intervista di Andrea Monti.

30 migranti sono stati uccisi da trafficanti in Libia a Mezdah, una città a sud-ovest di Tripoli. Pare che un trafficante sia stato ucciso da un migrante ci sia stata una vendetta da parte dei trafficanti che hanno fatto un massacro: hanno ucciso 30 persone, di cui pare 26 bengalesi e quattro africani. Ci sono stati anche 11 feriti, poi portati in ospedale.
Questo dimostra la situazione drammatica in cui vivono i migranti in Libia in questo momento e non da oggi purtroppo. Questa è veramente una strage senza precedenti. Una uccisione del genere non la ricordo nell’ultimo anno, ma anche negli anni precedenti si era parlato di migranti uccisi dai trafficanti quando cercavano di sfuggire dai vari centri di detenzione non ufficiali. Però questa è una notizia confermata e sicuramente gravissima.

Negli ultimi mesi la situazione in Libia è peggiorata?

La situazione in Libia sta costantemente peggiorando perché il conflitto continua ed è ancora più duro. I migranti e i civili che vivono nella zona di Tripoli vivono in situazioni disperate. La Libia in questo momento non può essere considerato un Paese sicuro ed per questo che noi diciamo sempre che i migranti che partono dalla Libia cercando di raggiungere l’Europa non possono essere rimandati in Libia. Purtroppo, invece, quest’anno addirittura 4.000 migranti sono stati riportati in Libia dalla Guardia Costiera libica e il dramma è che questi migranti, molto spesso, vengono portati in centri di detenzione non ufficiali dove noi, come organizzazioni, non possiamo entrare.
Non sappiamo che fine facciano questi migranti e sappiamo per certo che molti di questi migranti da questi centri sono venduti ai trafficanti. E poi ecco quello che succede: stragi come quella dell’altro giorno.

Nelle ultime settimane sembra esserci stato un aumento delle partenze dalla Libia. Qual è, dal vostro punto di vista, la situazione in quella parte del Mar Mediterraneo?

È grave. È grave perchè, come dicevo, le persone che partono vengono riportate in un Paese dove i migranti non solo devono subire il conflitto, ma sono anche loro stessi particolarmente vittime di violenze, abusi e torture. Sappiamo che ultimamente le partenze si sono concentrate soprattutto nella zona di Zliten, ad est di Tripoli e meno controllata dal governo di al-Sarraj. Molto spesso si parte da lì e si arriva direttamente verso Malta e anche lì abbiamo visto come Malta si sta comportando ultimamente: non sta facendo sbarcare sulla propria isola i migranti. Adesso ci sono 400 persone al largo di Malta a bordo di vari traghetti commerciali tenuti là da Malta senza possibilità di sbarcare.
Noi abbiamo anche sollevato il problema che alcuni pescherecci o alcuni mercantili stanno riportando indietro persone in Libia, creando delle operazioni assolutamente illegali dal punto di vista del diritto internazionale. Si tratta di respingimenti che non è possibile fare perché la Libia è un porto non sicuro. Diciamo che in questo momento ci vorrebbe un po’ più di apertura da parte degli Stati europei, perché le partenze ci sono, ma non è niente di paragonabile a quello che abbiamo visto qualche anno fa. In Italia sono arrivate 4.838 persone, 4.000 sono state rimandate indietro dalla Guardia Costiera libica, ma non sono numeri assolutamente paragonabili con quello che vedevamo due o tre anni fa. Non è un’emergenza in termini numerici, ma è un’emergenza in termini umanitari. La gente scappa da una guerra, la gente rischia di morire in mare perché di fatto non ci sono più controlli e non ci sono più pattugliamenti come una volta per salvare le persone in mare. La situazione è veramente grave da un punto di vista umanitario.

Dopo anni di lotta alle ONG, a chi è affidato in questo momento il salvataggio dei migranti?

C’è chiaramente un vuoto. I salvataggi vengono operati a chiamata dalle Guardie Costiere, dalle Marine o dalle imbarcazioni che si trovano in zona, però di fatto non ci sono veri pattugliamenti come c’erano qualche anno fa. Sappiamo che i migranti hanno difficoltà dopo 10-11 ore dalla partenza dalle coste libiche, quindi quando sono in alto mare e ben lontani dalle coste italiane o maltesi. E lì il pattugliamento non c’è.
Sappiamo che quest’anno nel Mediterraneo centrale ci sono stati 268 morti, ma può darsi che ci siano stati dei naufragi di cui nessuno è venuto a conoscenza.

Le persone che sono in Libia e che ci vengono riportate sono esposte anche ad un forte rischio di contagio da coronavirus?

Tra i migranti arrivati fino adesso e che sono stati messi in quarantena dal governo italiano e altri che sono arrivati in questi mesi non abbiamo finora avuto casi di COVID. Detto questo, la situazione in Libia è preoccupante perché, trattandosi di un Paese già in conflitto, un’eventuale diffusione del COVID porterebbe ad ancora più difficoltà perché la Libia non è un Paese in grado di sostenere una crisi del genere. I migranti, soprattutto quelli in detenzione, rischiano di essere anche vittime di questo ulteriore pericolo.
Siamo anche preoccupati dal fatto che dalla Tunisia stanno arrivando molte ragazze ivoriani che, come abbiamo dimostrato l’anno scorso in un rapporto pubblicato ad ottobre, molto spesso sono potenziali vittime di tratta.

Foto dalla pagina Facebook dell’OIM – Ufficio di Coordinamento per il Mediterraneo

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR sabato 13/07 15:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 13-07-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 13/07/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 13-07-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 12/07/2024 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 12-07-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Agitanti di sabato 13/07/2024

    Un programma per gente che muove mente, corpo e spirito. Un programma di sport – sport paralimpico – per imparare a conoscere le vite, i sogni, le discipline degli atleti che stanno cercando di qualificarsi per Parigi 2024. Per arrivare preparati alle prossime Paralimpiadi, al via il 28 agosto: sapendo cosa cercare, dove guardare, come godere della grandissima competizione che le discipline che gli sport per persone con disabilità riservano. Un magazine che prende il suo nome dagli Agitos (dal latno “agito”, metto in movimento), le tre anime – verde, rossa e blu, come i colori più diffusi nelle bandiere del mondo – che compongono lo stendardo dei giochi paralimpici e che rappresentano appunto mente, corpo e spirito. Magari – chissà – ascoltandolo scoprirai che esistono discipline a cui non avevi pensato. In cui puoi metterti in gioco con il corpo che hai, esattamente per come è fatto: metterti alla prova, sudare, divertirti, competere, tenerti in forma e spostare il tuo limite un po’ più in là. “You can’t be what you can’t see”, diceva Marian Wright Edelman, la prima donna afroamericana ammessa all’albo degli avvocati del Mississippi nel 1965. Non puoi essere ciò che non puoi vedere: ci vogliono modelli in cui ci si riconosce per come si è, altrimenti è difficile persino sognare di poter diventare qualcosa. Un discorso che vale per tutti quelli che in qualche misura vengono etichettati come “diversi”. Ogni sabato alle 15 per mezz’ora su Radio Popolare. Conduce Giulia Riva, giornalista e nuotatrice paralimpica. Un programma di corpi, teste e voci “diversamente” agili.

    Agitanti - 13-07-2024

  • PlayStop

    Aria fresca di sabato 13/07/2024

    Aria Fresca è la trasmissione estiva di Radio Popolare dedicata a chi rimane in città durante l'estate. Anais Poirot Gorse e Nicola Mogno esplorano la quotidianità dei giovani che restano nei loro quartieri, raccontando come affrontano il caldo e il tempo libero. Attraverso sport, musica, conversazioni nei parchi e serate all'aria aperta, il programma fa vivere le attività e le esperienze che caratterizzano la vita estiva urbana. Un appuntamento settimanale che approfondisce le dinamiche sociali e culturali locali.

    Aria fresca - 13-07-2024

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 13/07/2024

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere più notizie ed approfondimenti in quell’ambito della cultura che cerchiamo di racchiudere nella definizione “Arti Visive”. A cura di Tiziana Ricci va in onda il sabato alle 13.15 e vuole essere un viaggio fra alcuni degli eventi più importanti della settimana, ma non solo. Interviste ai protagonisti per scoprire le idee che stanno dietro la loro ricerca creativa e rendere cosi’ accessibile a tutti il significato delle loro opere. Vi proporremo anche le opinioni dei critici che stimiamo di piu’ per la loro onesta’ intellettuale e cercheremo di avere un’attenzione particolare per giovani talenti che come ben sappiamo hanno difficolta’ a far conoscere il loro lavoro.Infine ci auguriamo che ” I GIRASOLI ” possa essere uno strumento utile per capire se gli eventi che ci vengono proposti sono operazioni culturali serie oppure frutto di furbizie che hanno come obiettivo solo business o intenti propagandistici.Ci sembra che questa attenzione sia piu’ che mai necessaria oggi dato che assistiamo a un grande aumento degli eventi , molti dei quali di pessima qualità. Contiamo anche di dare spazio a notizie ed eventuali polemiche che riguardano i progetti di politica culturale.

    I girasoli - 13-07-2024

  • PlayStop

    Sing Sing Sing di sabato 13/07/2024

    Le canzoni preferite del musicista del cuore di chi solitamente ai microfoni di Radio Pop parla di tutt’altro. Da cantare mentre ci si prepara al pranzo estivo del sabato!

    Sing Sing Sing - 13-07-2024

  • PlayStop

    Letti e lettini di sabato 13/07/2024

    Un'estate speciale richiede uno speciale appuntamento settimanale dedicato ai suggerimenti di lettura: in ogni puntata un personaggio della cultura propone i suoi "must" da leggere in estate e un libraio o una libraia indipendenti propongono alcuni titoli tratti dal loro scaffale.

    Letti e lettini - 13-07-2024

  • PlayStop

    Itaca di sabato 13/07/2024

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 13-07-2024

  • PlayStop

    Apertura Musicale di sabato 13/07/2024

    Svegliarsi con la musica libera di Radio Popolare

    Apertura musicale - 13-07-2024

  • PlayStop

    Jukebox & Slot Machine di sabato 13/07/2024

    Come molte altre cose, un luogo è definito dalle funzioni che dentro di esso si possono svolgere. Un po' come l'ambiente che ci circonda può essere più o meno ostile. Ne consegue che la presenza ormai capillare in Italia delle macchinette da gioco d'azzardo nei bar, qualcosa deve aver cambiato rispetto a quando la possibile macchina-mangia-monetine che si rischiava di incontrare sotto casa, invece che vacue promesse di un'antidoto alla disperazione della povertà, spacciava il lato di un 45 giri o al massimo anni dopo qualche giocosa avventura con le fattezze del cartone animato. In quell'epoca invece che un semplice schermo e dei bottoni, le slot-machine confinate ai casinò avevano una manopola e dei rulli che scorrevano prima di dare un responso in forma di immagini miste o uguali, spesso non casualmente in tema di frutta, poiché la natura costruisce sopra l'esistente invece che sostituirlo ed il cervello sapiens non fa eccezione. una banana, delle ciliegie, una mela? ciliegie, ciliegie e un'ananas? tre pere? sono tutte combinazioni possibili. parafrasando un celebre umanista e compositore, si potrebbe dire che "these are tunes that go together well", o almeno così ci auguriamo che sarà. anche perché dalle retrovie pare si dica che "vincere sempre è come non vincere mai".

    Jukebox & Slot Machine - 12-07-2024

  • PlayStop

    Doppia Acca di venerdì 12/07/2024

    Dal 2011 è la trasmissione dedicata all’hip-hop di Radio Popolare.

    Doppia_Acca - 12-07-2024

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 12/07/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 12-07-2024

  • PlayStop

    Conduzione musicale di venerdì 12/07/2024 delle 20:31

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che serve!

    Conduzione musicale - 12-07-2024

  • PlayStop

    Popsera di venerdì 12/07/2024

    La guerra a Gaza con Marco De Ponte di Action aid e Sarah Parenzo, giornalista e ricercatrice. Le proteste nel carcere di Trieste con il nostro collaboratore Edi Pernici e Giovanna Del Giudice, presidente della Conferenza Basaglia. La guerra in Sudan con Pietro Parrino di Emergency. L'allontanamento delle persone senza fissa dimora da Parigi per le olimpiadi, con Paul Alauzy dell'associazione Le revers de la médaille. Malpensa intitolato a Berlusconi, con Rosy Bindi e microfono aperto.

    Popsera - 12-07-2024

Adesso in diretta