Approfondimenti

Stefano Bollani presenta Piano Variations on Jesus Christ Superstar

Stefano Bollani

Stefano Bollani è tornato con un lavoro ambizioso e particolare: Piano Variations on Jesus Christ Superstar, una rivisitazione inedita e strumentale per pianoforte dell’iconica opera rock composta da Andrew Lloyd Webber con testi di Tim Rice cinquant’anni fa.

L’intervista di Ira Rubini a Stefano Bollani a Cult.

Jesus Christ Superstar ha sempre significato moltissimo per noi. E forse, a 50 anni di distanza, in questo momento ha un significato ancora più importante?

Jesus Christ Superstar è il racconto di un mito favoloso transreligiosa che riguarda tutti noi perché parla di noi stessi. Io in quella storia, che arriva principalmente dai vangeli apocrifi, vedo questo Gesù come una rappresentazione del mistero e un mistero è anche quello che stiamo affrontando noi in questo momento. Vedo Giuda che tradisce questo mistero, vedo Pilato ed Erode che schiacciano questo mistero per paura. Vedo gli apostoli che cercano di capirci qualcosa e ci mettono molta testa. E vedo Maria Maddalena che invece abbraccia e ama questa creatura senza neanche sapere perché. Capisce che è qualcosa di diverso da un amore terreno.
In questo momento penso che dovremmo essere tutti Maria Maddalena: dovremmo riuscire ad accogliere il mistero e non aver paura del futuro.

Questo Jesus Christ Superstar non è una trascrizione. Si tratta dell’approccio di Stefano Bollani con il corpus di Jesus Christ Superstar.

Sì, l’approccio è quello usuale per me. Forse per la prima volta, però, mi sono trovato in una struttura predefinita e anche un elemento narrativo importante. Ho tenuto la stessa scaletta, ma l’ho eseguito in studio tutto in colpo, andando poi a risistemare alcune canzoni che non mi avevano convinto.
L’effetto è quello del one-shot perché volevo mantenere un’attenzione narrativa e divertirmi a divagare e mettere l’accento su un accordo o un ritmo ed usarlo poi per andare da un’altra parte. Jesus Christ Superstar è farcito di informazioni che vengono dal jazz, dal rock, dall’opera e da Stravinskij.
Io, come un minatore, non ho fatto altro che andare a cercare e portare allo scoperto alcune pepite che mi piacevano.

So che hai usato un pianoforte particolare per questo lavoro.

Sì, un pianoforte accordato con il La a 432 hertz invece che a 440 o 442 come si usa nel Mondo. Una volta si usava il 432, a me piace molto perché il suono è più caldo e in questa mia scelta mi confortano anche scienziati ed esponenti della comunità spirituale. È un numero molto presente in natura, si ritrova nella formazione dell’universo in cui viviamo.

Tu sei sempre stato anche un grande divulgatore della musica e secondo me questo album potrebbe essere uno strumento per i giovani per scoprire un modo di essere.

Sì, e anche per scoprire una rock opera originale. Tocca dei temi profondi. Andrew Lloyd Webber e Tim Rice sono stati tra i più coraggiosi ad inventarsi un concept album così ambizioso pensato come un’unica narrazione. C’è un’ambizione che fa bene scoprire anche oggi.

Questo è un lavoro che, in qualche modo, sancisce la dichiarazione d’amore tra te e la tua generazione e e quest’opera rock.

Proprio per questo motivo volevo che rimanesse intimo. Piano solo, c’è solo una canzone cantata come se Giuda la sussurrasse all’orecchio di Gesù all’ultima cena. Nel coro sono accompagnato da mia figlia, mia sorella e mia moglie, che si è occupata anche dei disegni e della grafica del disco.

Ci suggerisci una tecnica di resistenza culturale per questo momento particolare e difficile?

Io ho provato una tecnica: dipingersi il Mondo come vorremmo che fosse. È il modo migliore affinché questo accada. Lamentarsi per quello che non va, come lamentarsi delle privazioni che stiamo subendo perché siamo costretti a casa, si può fare per 5 minuti, ma non serve a niente. La tecnica di resistenza è vedere l’opportunità clamorosa che abbiamo davanti. Tutti là fuori stanno facendo nel loro meglio, non dobbiamo farlo in casa. Usiamo questo tempo per capire qual è il nostro meglio. Io, come musicista, posso studiare e applicarmi di più. Chiunque può lavorare sul proprio essere spirituale.

Foto di Valentina Cenni dalla pagina Facebook di Stefano Bollani

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mar 26/05 delle 19:48

    Metroregione di mar 26/05 delle 19:48

    Rassegna Stampa - 27/05/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Stile Libero di mar 26/05

    Stile Libero di mar 26/05

    Stile Libero - 27/05/2020

  • PlayStop

    Cambiavento di mar 26/05

    Cambiavento di mar 26/05

    Cambia vento! - 27/05/2020

  • PlayStop

    A casa con voi di mar 26/05 (seconda parte)

    A casa con voi di mar 26/05 (seconda parte)

    A casa con voi - 27/05/2020

  • PlayStop

    A casa con voi di mar 26/05 (prima parte)

    A casa con voi di mar 26/05 (prima parte)

    A casa con voi - 27/05/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 26/05 (seconda parte)

    Ora di punta di mar 26/05 (seconda parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 27/05/2020

  • PlayStop

    Esteri di mar 26/05

    Esteri di mar 26/05

    Esteri - 27/05/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 26/05 (prima parte)

    Ora di punta di mar 26/05 (prima parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 27/05/2020

  • PlayStop

    Tempi Diversi di mar 26/05 (terza parte)

    Tempi Diversi di mar 26/05 (terza parte)

    Tempi diversi - 27/05/2020

  • PlayStop

    Tempi Diversi di mar 26/05 (seconda parte)

    Tempi Diversi di mar 26/05 (seconda parte)

    Tempi diversi - 27/05/2020

  • PlayStop

    Tempi Diversi di mar 26/05 (prima parte)

    Tempi Diversi di mar 26/05 (prima parte)

    Tempi diversi - 27/05/2020

  • PlayStop

    Radio Session di mar 26/05

    Radio Session di mar 26/05

    Radio Session (Stay Human) - 27/05/2020

  • PlayStop

    Memos di mar 26/05

    La colonizzazione dello spazio extra-terreste fa un notevole passo avanti. Dopo le imprese realizzate dalle grandi agenzie spaziali governative, ora…

    Memos - 27/05/2020

  • PlayStop

    Prospettive Musicali di dom 24/05 (seconda parte)

    A cura di Gigi Longo. Brani di Tony Allen, Jeff Mills, The Heliocentrics, Svitlana Nianio, Brian Eno, Christine Ott, Laila…

    Prospettive Musicali - 26/05/2020

  • PlayStop

    Note dell'autore - 26/05/20

    SILVIO VALPREDA-CAPITALOCENE - presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 27/05/2020

  • PlayStop

    Cult di mar 26/05

    Cult di mar 26/05

    Cult - 27/05/2020

  • PlayStop

    A come America del mar 26/05

    A come America del mar 26/05

    A come America - 27/05/2020

  • PlayStop

    Prisma di mar 26/05 (terza parte)

    Migranti, un'analisi degli ultimi flussi e dei cambiamenti nelle rotte con Matteo Villa ricercatore dell'Ispi, e il possibile processo a…

    Prisma - 27/05/2020

  • PlayStop

    Prisma di mar 26/05 (seconda parte)

    Microfono aperto sulla decisione del sindaco Sala di vietare il consumo di alcolici da asporto dopo le 19 (seconda parte)

    Prisma - 27/05/2020

  • PlayStop

    Lettere dal bosco

    Dal libro Lettere dal bosco: trecento storie di animali di Toon Tellegen, fiaba letta da Elena Mordiglia

    Favole al microfono - 27/05/2020

  • PlayStop

    Prisma di mar 26/05 (prima parte)

    Sandra Zampa sottosegretaria alla salute spiega l'atteggiamento tenuto dal Governo nei confronti dell'amministrazione regionale lombarda (prima parte)

    Prisma - 27/05/2020

Adesso in diretta