Approfondimenti

Donald Trump: “Via i trattati di commercio”

“Il messaggio è soprattutto uno. Compra americano. Assumi lavoratori americani“.

La frase è stata pronunciata da Donald Trump durante il suo discorso di inaugurazione. Puntuale, è arrivata la messa in pratica. Con un ordine esecutivo, il nuovo presidente cancella il TPP, la Trans Pacific Partnership, il trattato di commercio tra i Paesi che si affacciano sul Pacifico, che era stato per anni negoziato da Barack Obama con il consenso e l’appoggio convinto dei repubblicani – e che non era ancora stato approvato dal Congresso.

Stessa cosa avviene con il Nafta, il North American Free Trade Agreement negoziato da George HW Bush e firmato da Bill Clinton nel 1994 (anche questo accolto da un consenso bipartisan di democratici e repubblicani). Trump intende rinegoziarlo insieme al primo ministro canadese Justin Trudeau e al presidente messicano Enrique Peña Nieto, allargando la discussione “alle questioni dell’immigrazione e della sicurezza ai confini”.

Si tratta, da parte di Trump, di un modo per ripagare l’appoggio elettorale che gli hanno dato i settori della working class di Michigan, Wisconsin, Ohio. Una decisione che però rischia di mettere Trump in conflitto aperto con i repubblicani dei Congresso, che invece in questi anni hanno sempre appoggiato in modo convinto i trattati di commercio internazionale.

Una prima reazione di Paul Ryan, lo speaker della Camera, è comunque prudente. “Il presidente Trump non ha perso tempo a tener fede alle sue promesse”, ha detto Ryan, inizialmente un convinto sostenitore del TPP – tanto da appoggiare con convinzione i i tentativi di approvarlo da parte di Barack Obama -, in seguito più tiepido e elusivo.

Del resto, la richiesta forte di isolazionismo commerciale, che la candidatura di Trump ha raccolto e rilanciato, ha presto gettato una luce poco positiva sul TTP. La stessa Hillary Clinton, che da segretario di stato ha negoziato il patto, aveva espresso la preoccupazione che il TPP portasse benefici alle corporation a spese di lavoratori e ambienti.

Incontrando alcuni rappresentanti del mondo degli affari alla Casa Bianca a inizio mattinata di lunedì, Trump aveva in qualche modo anticipato le sue decisioni: “Vogliamo riportare l’industria manifatturiera nel nostro paese… Vogliamo tornare a fare i nostri prodotti, non vogliamo importarli, vogliamo farli qui. Questo non significa che non vogliamo commerciare. Vogliamo commerciare, ma vogliamo fare le cose nostre a casa nostra”.

Gli ordini esecutivi sul commercio non sono gli unici decisi da Trump nel suo primo giorno di lavoro. Trump ha anche deciso di bloccare le assunzioni di impiegati federali e ogni aumento di stipendio – altra promessa fatta in campagna elettorale. E, ancora, Trump ha reintrodotto un bando, che c’era già ai tempi di George W. Bush, per bloccare il finanziamento a quegli organismi internazionali che praticano aborti o danno informazioni sull’aborto.

Nel complesso, si tratta chiaramente di una serie di provvedimenti che come previsto intendono smantellare l’eredità di Barack Obama.

  • Autore articolo
    Roberto Festa
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 28/05/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 28/05/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 27/05/2022 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 27/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Good Times di sabato 28/05/2022

    Good Times è il trampolino per tuffarsi in bello stile nel weekend. Visioni, letture, palchi, percorsi, incontri, esperienze, attività. Gli…

    Good Times - 28/05/2022

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 28/05/2022

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 28/05/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 28/05/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 28/05/2022

  • PlayStop

    Mash-Up di sabato 28/05/2022

    A Lunenburg, in primavera, Ilona Staller e Immanuel Kant studiano insieme come muovere le dita nelle variazioni Goldberg, ascoltando Fela…

    Mash-Up - 28/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 27/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 28/05/2022

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 27/05/2022

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di…

    Psicoradio - 28/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di venerdì 27/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 28/05/2022

  • PlayStop

    Ep. 10 – Life After Death – Una realtà inaccettabile

    Life After Death – Una realtà inaccettabile

    Who shot ya - 28/05/2022

  • PlayStop

    Ep. 7 – Our Side Till We Die – Conflitto Tra Coste

    Our Side Till We Die – Conflitto Tra Coste

    Who shot ya - 28/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 27/05/2022

    1- Egitto. Lo sciopero della fame di Alaa Abdel Fattah, una sfida lanciata al Presidente Al Sisi. Da 56 giorni…

    Esteri - 28/05/2022

  • PlayStop

    Lezioni di antimafia di venerdì 27/05/2022

    “Giustizia, Diritti e Memoria” È il titolo del nuovo e sesto ciclo di lezioni di antimafia che inizia martedì 15…

    Lezioni di antimafia - 28/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 27/05/2022

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda…

    Muoviti muoviti - 28/05/2022

  • PlayStop

    Ep. 2 – All Eyez On Me – Chi era Tupac Amaru Shakur

    All Eyez On Me – Chi era 2Pac Amaru Shakur

    Who shot ya - 28/05/2022

  • PlayStop

    I premi dell'Operazione Primavera - Scuola di Arte Applicata

    La Scuola di Arte Applicata di Milano mette a disposizione tre corsi online per una persona, relativi alla tecnica di…

    Clip - 27/05/2022

  • PlayStop

    I premi dell'Operazione Primavera - Viaggi&Miraggi

    L'agenzia Viaggi&Miraggi mette in palio un viaggio a Lanzarote per 2 persone, il nostro primo premio. Al1 e Disma hanno…

    Clip - 27/05/2022

  • PlayStop

    Puntata di venerdì 27/05/2022

    Una delle principali sfide che l’Unione europea sta affrontando oggi è legata a questa domanda: come portare lo spirito e…

    L’Europa in casa nostra - 28/05/2022

  • PlayStop

    Jack di venerdì 27/05/2022

    Tommaso Toma ricorda Andy Fletcher, Intervista a Cathy Lucas ( Vanishing Twins)

    Jack - 28/05/2022

  • PlayStop

    Ramen Remix

    quando il dj emergente Niccolò Guffanti presenta il nuovo remix di Noi siamo i Robot da lui stesso eseguito, poi…

    Poveri ma belli - 28/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di venerdì 27/05/2022 delle 12:49

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 28/05/2022

  • PlayStop

    Cult di venerdì 27/05/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare: l'ultimo collegamento da Cannes con Barbara Sorrentini, Tiziana Ricci parla della…

    Cult - 28/05/2022

Adesso in diretta