Approfondimenti

“Sposa il tuo stupratore”. In venti paesi nel mondo, così dice la legge

Sposa il tuo stupratore. Non è semplicemente una frase agghiacciante, ma in alcuni paesi è una legge. E’ nota come “Marry-your-rapist Law”, ed è in vigore – attualmente – in 20 paesi nel mondo.Venti paesi in cui il matrimonio viene considerato la cura legale per lo stupro, un modo con cui gli stupratori possono evitare il carcere o qualunque tipo di pena per il loro crimine. Una legge che per le donne rappresenta una doppia condanna. Le donne stuprate, nei paesi in cui vige la “Marry your rapist law”, non solo sono costrette a convivere per sempre con il trauma e la ferita dello stupro, ma anche – fisicamente – con il loro carnefice.

Il rapporto annuale pubblicato dal United Nations Population Fund cita – tra i 20 che prevedono questo sistema – paesi come la Thailandia, il Kuwait, la Bolivia, la Serbia e la Russia. In Kuwait, ad esempio, lo stupratore può sposare la sua vittima se ha il permesso del guardiano di lei, mentre in Russia, se la vittima ha meno di 16 anni e lo stupratore più di 18, può sposarla ed evitarsi ogni tipo di punizione. Secondo Dima Dabbous, direttrice dell’organizzazione per i diritti umani Equality Now nelle regioni del Medio Oriente e dell’Africa, citata nel report, cambiare queste regole è molto difficile, ma non impossibile. In Marocco, per esempio, la legge è stata abrogata nel 2013 dopo che una ragazza si era tolta la vita dopo essere stata costretta a sposare l’uomo che l’aveva stuprata.

L’esempio del Marocco fu seguito da Giordania, Palestina, Libano e Tunisia. Il problema, però, è anche legato a quei paesi in cui la giurisdizione su questo argomento è confusa. In particolare, sono circa 43 i paesi in non esiste una legge che controlli – e punisca – il cosiddetto “Marital Rape”, lo stupro coniugale. In questi paesi, sostanzialmente, lo stupro all’interno del matrimonio è accettato e anzi, previsto. Di fatto, infatti, in questi paesi non viene considerato stupro, dato che le leggi legate alla tradizione patriarcale vigenti in questi paesi stabiliscono che nel momento in cui una donna si lega con il matrimonio ad un uomo, il suo corpo diventa di proprietà del marito. In questo modo, la donna perde completamente il potere di dire si o no. E’ il caso dell’India, ad esempio, dove poco più di un mese fa, il presidente della Corte suprema nel corso di un’udienza ha suggerito ad un uomo accusato di aver stuprato una studentessa minorenne disposare la sua vittima per evitare di finire in carcere. Le sue parole, sarebbero state: “Se la sposi, noi ti possiamo aiutare, altrimenti perderai il tuo lavoro e andrai in carcere”. Questo vuoto legislativo rappresenta un problema enorme per l’India, un paese dove viene denunciato uno stupro ogni 15 minuti, dove la media giornaliera è di 87 violenze sessuali al giorno e dove questo tipo di reati cresce con una media annua del 7%.

Il caso specifico aveva sollevato l’opinione pubblica che ha richiesto le dimissioni del giudice, ma il problema è ben più radicato. Le leggi sullo stupro all’interno del matrimonio non sono l’unico modo con cui gli uomini affermano il proprio potere sulle donne. Secondo i dati presentati nel rapporto del United Nations Population Fund, raccolti in 57 paesi in tutto il mondo, solo il 55% delle donne, le ragazze e le bambine possono decidere liberamente del proprio corpo. Questo significa che poco meno di una donna ogni due non è libera non solo di dare o meno il suo consenso ad un rapporto sessuale, o decidere chi sposare, ma nemmeno se e quando richiedere cure mediche. Imprigionare il corpo delle donne equivale a imprigionare la sua essenza, ad annichilire il suo spirito. Ed è una pratica che deve finire.

Foto | Le proteste per uno stupro di gruppo di una ragazza di 19 anni avvenuto a Dalit girl, nello stato di Uttar Pradesh a ottobre del 2020

  • Autore articolo
    Martina Stefanoni
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 18/08/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 19/08/2022

  • PlayStop

    Conduzione musicale di giovedì 18/08/2022 delle 21:00

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che…

    Conduzione musicale - 19/08/2022

  • PlayStop

    Popsera di giovedì 18/08/2022

    Popsera è lo spazio che dedicheremo all’informazione nella prima serata per tutta l’estate. Si comincia alle 18.35 con le notizie…

    Popsera - 19/08/2022

  • PlayStop

    La Portiera di giovedì 18/08/2022

    Dopo aver rivoltato la redazione della radio come un calzino durante le vacanze invernali, Cinzia Poli ritorna in portineria per…

    La Portiera - 19/08/2022

  • PlayStop

    Democrazia, maneggiare con cura. Una difesa preventiva di valori e principi fondamentali

    Ospiti di Lele Liguori: Ota De Leonardis, sociologa, ha insegnato all’Università Bicocca, fa parte del comitato scientifico del Centro per…

    All you need is pop 2022 - 19/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Ben Harper

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista Ben Harper

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: The Zen Circus

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci ospita gli The Zen Circus

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Africa Unite

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista gli Africa Unite

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Emeli Sandé

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Emeli Sandé ospite di Matteo Villaci

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Bloc Party

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. I Bloc Party ospiti di Matteo Villaci

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Fantastic Negrito

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Fantastic Negrito ospite di Matteo Villaci

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Xavier Rudd

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Xavier Rudd intervistato da Matteo Villaci

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Selah Sue

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista Selah Sue

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Conduzione musicale di giovedì 18/08/2022 delle 15:34

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che…

    Conduzione musicale - 19/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Cypress Hill

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. I Cypress Hill ospiti di Matteo Villaci

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Franz Ferdinand

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Franz Ferdinand

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack Meets: Giovanni Truppi

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Giovanni Truppi

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Alt-J

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Alt-J

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Litfiba

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Litfiba

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Samuele Bersani

    Le interviste del magazine musicale di Radio popolare. Samuele Bersani

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Cimafunk

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Cimafunk

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Carmen Consoli

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Carmen Consoli

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Puntata 4 - Factory/In cerca di lavoro

    B. Springsteen, Working on the Highway, Factory, Highway Patrolman (Johnny Cash) W.A. Mozart, Concerto per flauto in Sol maggiore, op.…

    American Life - 19/08/2022

  • PlayStop

    Poveri ma belli di giovedì 18/08/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 19/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Mario Venuti

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Mario Venuti

    Jack meets - 18/08/2022

Adesso in diretta