Approfondimenti

“Spegniamo la guerra, accendiamo la pace”. Il 25 gennaio la mobilitazione contro le guerre e le dittature

"spegniamo la guerra, accendiamo la pace"

Spegniamo la guerra, accendiamo la pace“. Questo è lo slogan della mobilitazione internazionale in programma per sabato 25 gennaio. In Italia sono già più di 50 gli eventi in programma da una parte all’altra del Paese, a cominciare dalla manifestazione che si terrà a Milano in piazza del Duomo a partire dalle 15.30.

Ne abbiamo parlato con Franco Uda, componente della presidenza nazionale dell’Arci e membro del collettivo che sta organizzando le manifestazione. L’intervista di Serena Tarabini a Fino alle Otto.

Cosa vi spinto in questo momento ad organizzare una manifestazione internazionale per la pace?

Le cose sono precipitate dopo l’omicidio del generale Soleimani da parte degli Stati Uniti. Quell’atto ha rischiato di farci entrare in una spirale molto pericolosa. La preoccupazione è aumentata in tutto il Mondo e questo ci ha indotto a muoverci e collegarci con la chiamata del movimento statunitense contro la guerra che ha fissato la data del 25 gennaio per la mobilitazione.
La cosa più rilevante è stata il modo in cui questa cosa è stata trattata in tutto il Mondo dai media. Se ne è parlato soltanto da un punto di vista geo-politico e di convenienza dei governi. Almeno dal 2011 la Siria sta vivendo una situazione difficilissima in cui la popolazione civile ha patito più di tutte gli accordi e i vertici e i movimenti delle grandi potenze. Noi invece vogliamo provare ad uscire da questa narrazione per rifocalizzare quello che accade veramente nella guerra: l’unica vittima è la popolazione civile.

Il movimento pacifista ha segnato con grandi eventi delle tappe fondamentali della nostra storia civile. Qual è lo stato di salute del movimento pacifista in Italia?

Questa è una domanda che negli ultimi anni ci hanno rivolto spesso. C’è un fraintendimento da questo punto di vista, perché si pensa che il termometro per stabilire qual è la temperatura di questo soggetto che chiamiamo movimento pacifista sia la capacità di scendere in piazza, ma è una misurazione assolutamente parziale. Il movimento pacifista nel nostro Paese ha proseguito la propria azione anche in un momento di oggettiva difficoltà nel convocare manifestazioni e mobilitazioni di massa. È una difficoltà percepibile che avvertono tutti, anche le grandi organizzazioni di massa.
Il movimento pacifista in questi anni non si è ritirato, ma ha studiato, si è riorganizzato e ha provato ad affrontare una fase differente della società e della vita pensando che dovesse anche provare a cogliere delle nuove sfide.
Bisogna essere onesti: la società civile non può limitare la propria azione soltanto alla mobilitazione di massa. Questo è un aspetto, uno strumento che abbiamo a disposizione e che stiamo usando in questa occasione, ma ne abbiamo anche altri. Abbiamo usato tantissimo in questi anni la dinamica dell’advocacy e delle campagne, ma anche delle proposte di legge. Queste sono forme che la società civile deve saper utilizzare e metterle insieme alla possibilità di scendere in piazza.
Da questo punto di vista in questi anni si è prodotto tanto. Proprio a Milano nel prossimo fine settimana ci sarà una cosa importantissima, che magari non farà tanto notizia: le due più grandi reti del nostro Paese, la rete della Pace e la rete del disarmo, andranno a fondersi insieme.

Qual è il messaggio che verrà lanciato con la manifestazione di sabato?

Ce ne sono diversi. Sicuramente la rifocalizzazione dell’attenzione verso le popolazioni locali e le dinamiche sociali che hanno caratterizzato e che hanno attraversato in questo periodo il Medio Oriente.
La richiesta di maggiori diritti da parte di quelle società ci fa anche riflettere sul tema stesso della democrazia, che altro non è se non uno strumento per attutire e riequilibrare una divaricazione che sta diventando sempre più ampia nel Mondo: la divaricazione tra le politiche dei governi e i bisogni dei governati.
L’altro messaggio è quello di risincronizzare le cose sul Mondo intero. Da questo punto di vista il movimento Fridays for Future ha fatto delle cose importanti: ha rimesso al centri una sincronia del Mondo intero. Non ce la caviamo più se pensiamo che il nostro Paese sta bene, non è in guerra ed è una democrazia compiuta se poi a qualche centinaio di chilometri da casa nostra ci sono i conflitti.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lun 19/04/21 delle 19:49

    Metroregione di lun 19/04/21 delle 19:49

    Rassegna Stampa - 20/04/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Jazz Anthology di lun 19/04/21

    Jazz Anthology di lun 19/04/21

    Jazz Anthology - 20/04/2021

  • PlayStop

    News Della Notte di lun 19/04/21

    News Della Notte di lun 19/04/21

    News della notte - 20/04/2021

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di lun 19/04/21

    Jailhouse Rock di lun 19/04/21

    Jailhouse Rock - 20/04/2021

  • PlayStop

    A casa con voi di lun 19/04/21

    A casa con voi di lun 19/04/21

    A casa con voi - 20/04/2021

  • PlayStop

    Ora di punta di lun 19/04/21

    Ora di punta di lun 19/04/21

    Ora di punta – I fatti del giorno - 20/04/2021

  • PlayStop

    Esteri di lun 19/04/21

    1-Inghilterra, la culla del calcio . E sulle radio va in onda la rivolta popolare contro la Superlega. ..( Daniele…

    Esteri - 20/04/2021

  • PlayStop

    Sunday Blues di lun 19/04/21

    Sunday Blues di lun 19/04/21

    Sunday Blues - 20/04/2021

  • PlayStop

    La pillola va giu di lun 19/04/21

    puntata dedicata a Hafiz Brc Mohamed e Bruno Muente, due giovani artisti del Giambellino che fanno parte della storia di…

    La Pillola va giù - 20/04/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo lun 19/04/21

    Considera l'armadillo lun 19/04/21

    Considera l’armadillo - 20/04/2021

  • PlayStop

    Gimme Shelter di lun 19/04/21

    Puntata 34 - L’India, senza Le Corbusier, ma con i Beatles. 1.The Commitments “Mustang Sally”..2.The Beatles “Within You Without You”..3.…

    Gimme Shelter - 20/04/2021

  • PlayStop

    Jack di lun 19/04/21

    Myss Keta a cura di Piergiorgio Pardo

    Jack - 20/04/2021

  • PlayStop

    Record Store di lun 19/04/21

    Johnny Cash e Glen Sherley: un legame destinato al successo o alla rovina?

    Record Store - 20/04/2021

  • PlayStop

    Senti un po' di lun 19/04/21

    Senti un po' di lun 19/04/21

    Senti un po’ - 20/04/2021

  • PlayStop

    DOC di lun 19/04/21

    DOC 34 - TIME - Un racconto di amore e resilienza. L’attesa di un improbabile ritorno a casa. Una lotta…

    DOC – Tratti da una storia vera - 19/04/2021

  • PlayStop

    Luca Crovi e Peppo Bianchessi, Il libro segreto di Jules Verne

    LUCA CROVI E PEPPO BIANCHESSI - IL LIBRO SEGRETO DI JULES VERNE - presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 20/04/2021

  • PlayStop

    Cult di lun 19/04/21

    descrizione. ira rubini, cult, flashmob studenti universitari e accademie d'arte, piazza scala milano, nicola e teresa, tiziana ricci, festival diritti…

    Cult - 20/04/2021

  • PlayStop

    Sui Generis di lun 19/04/21

    La puntata di oggi è dedicata a due grandi anarchiche femministe: Louise Michel ed Emma Goldman. Anna Maria Farabbi, curatrice…

    Sui Generis - 20/04/2021

  • PlayStop

    Reggae Radio Station di dom 18/04/21

    Reggae Radio Station di dom 18/04/21

    Reggae Radio Station - 20/04/2021

  • PlayStop

    Sunday Blues di dom 18/04/21

    Sunday Blues di dom 18/04/21

    Sunday Blues - 20/04/2021

  • PlayStop

    Sacca del Diavolo di dom 18/04/21

    Sacca del Diavolo di dom 18/04/21

    La sacca del diavolo - 20/04/2021

  • PlayStop

    Prospettive Musicali di dom 18/04/21

    a cura di Alessandro Achilli. Musiche: Caravan, Sun Ra, Funkadelic, Mingus, Beefheart, Gato Barbieri, Pere Ubu, Dunmall-Tippett-Gibbs-Fairclough, Hat Shoes (Jauniaux-Cora-Gilonis-Hayward),…

    Prospettive Musicali - 20/04/2021

  • PlayStop

    Prisma di lun 19/04/21

    Riaperture, si parte con bar e ristoranti all'aperto. Milano come si organizza? Con Lino Stoppani Presidente Federazione Italiana Pubblici Esercizi…

    Prisma - 20/04/2021

Adesso in diretta