Approfondimenti

Una guerra senza fine

È difficile immaginare come possa peggiorare ulteriormente la situazione in Siria, ma quello che è successo in questi giorni ci obbliga a fare questo esercizio.

L’immagine del convoglio delle Nazioni Unite bombardato vicino ad Aleppo è la perfetta sintesi di un fallimento che riguarda tutti gli attori della guerra siriana. Il primo obiettivo della tregua concordata da Russia e Stati Uniti era l’invio di aiuti umanitari nelle zone sotto assedio. I veti incrociati hanno bloccato per diversi giorni i camion delle Nazioni Unite al confine tra Siria e Turchia. Non appena un convoglio è riuscito a muoversi è stato colpito. Gli operatori della Croce Rossa sono morti, il cibo e le medicine che dovevano andare ai civili di Aleppo sono diventati cenere.

Appena raggiunto l’accordo sul cessate il fuoco russi e americani hanno cominciato a litigare sulla sua applicazione, a partire dall’invio di aiuti umanitari. La fiducia tra le due superpotenze era già ai livelli più bassi di sempre, il fallimento della tregua consoliderà ulteriormente la distanza tra Mosca e Washington. E visto che la guerra siriana è fatta di molte guerre e di molti contrasti su più livelli, la distanza tra russi e americani non farà che aggravare anche i contrasti tra gli altri attori, interni ed esterni, del dramma siriano.

Come previsto tutti hanno negato ogni responsabilità per l’attacco al convoglio vicino ad Aleppo. In Siria ci sono centinaia di migliaia di morti, e la maggior parte sono civili. Ma i gruppi armati, primo fra tutti l’esercito di Assad, continuano a dire che colpiscono solo i terroristi. Come era già successo in passato, e come succederà ancora in futuro, i tanti crimini commessi in questi anni in Siria non hanno responsabili. O meglio, i responsabili ci sono ma non verranno mai chiamati a rispondere delle loro azioni.

Il segretario generale dell’Onu, Ban Ki-moon, ha usato parole durissime contro i tanti gruppi armati e i tanti governi che hanno interessi in Siria, con un messaggio particolare al regime di Damasco: “Nessuno ha fatto più vittime civili”. Parole che non si sentono tutti i giorni dai vertici della diplomazia internazionale, ma questo è possibile solo perché le Nazioni Unite, per stessa volontà dei governi che le compongono, contano sempre meno. Per questo motivo il suo segretario generale si può permettere di parlare senza freni del dramma siriano.

La guerra sarà ancora lunga. “Ci colpiscono senza pietà, cadono barili bomba ovunque – ci ha scritto un cittadino di Aleppo – non c’è più niente da dire”.

  • Autore articolo
    Emanuele Valenti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 01/10/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 10/01/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 30/09/2022 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 01/10/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 01/10/2022

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 10/01/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 01/10/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 10/01/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 01/10/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 10/01/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 30/09/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 01/10/2022

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 30/09/2022

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di…

    Psicoradio - 01/10/2022

  • PlayStop

    Sui Generis di venerdì 30/09/2022

    Una trasmissione che parla di donne e altre stranezze. Attualità, cultura, approfondimenti. Tutte le domeniche dalle 15.35 alle 16.30. A…

    Sui Generis - 01/10/2022

  • PlayStop

    Camere Oscure di venerdì 30/09/2022

    Camere Oscure è la trasmissione che Radio Popolare dedica alla campagna elettorale. Da lunedì 12 a venerdi' 24 settembre, tutti…

    Camere Oscure - 01/10/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 30/09/2022

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di…

    Esteri - 01/10/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 30/09/2022

    (14 - 205) Dove si cerca di capire dove sia finito "virtualmente" Luigi Di Maio visto che si è cancellato…

    Muoviti muoviti - 01/10/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di venerdì 30/09/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 01/10/2022

  • PlayStop

    Jack Box di venerdì 30/09/2022

    Jack Box è lo scatolone musicale di Jack del venerdi, dal quale estraiamo i suoni che hanno caratterizzato la settimana,…

    Jack Box - 01/10/2022

  • PlayStop

    Jack di venerdì 30/09/2022

    Il magazine musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 01/10/2022

  • PlayStop

    Emilio Isgrò ospite di Ira Rubini

    Oggi a Cult, l’artista e scrittore Emilio Isgrò ha condiviso le sue opinioni sul ruolo dell'artista e sui problemi dell’arte…

    Clip - 01/10/2022

  • PlayStop

    Emilio Isgrò ospite di Ira Rubini

    Oggi a Cult, l’artista e scrittore Emilio Isgrò ha condiviso le sue opinioni sul ruolo dell'artista e sui problemi dell’arte…

    Clip - 30/09/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di venerdì 30/09/2022 - ore 13:59

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 01/10/2022

  • PlayStop

    Il consesso degli imbecilli

    quando Dismacchione regge mezza puntata da solo, Al1 è ingiustamente accusato di ponte vacanziero e esordisce il think tank più…

    Poveri ma belli - 01/10/2022

  • PlayStop

    Cult di venerdì 30/09/2022

    Oggi a Cult: La regista Valentina Bertani introduce il suo doc "La timidezza delle chiome", in programma al Cinema Mexico…

    Cult - 01/10/2022

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 30/09/2022

    La situazione dei disabili gravi e gravissimi, come vivono, quali sarebbero i loro diritti, perché non vengono rispettati; prosegue il…

    37 e 2 - 01/10/2022

Adesso in diretta