Approfondimenti

Siria, la guerra di Erdogan ai curdi e il silenzio della comunità internazionale

Mosca Putin Erdogan ANSA

Erdogan non ha escluso un’operazione di terra nel nord della Siria. Nelle ultime 48 ore l’aviazione di Ankara – la sua versione – ha già bombardato decine di postazioni delle milizie curdo-siriane dall’altra parte della frontiera.

Sono state colpite Kobane, alcuni villaggi a nord di Aleppo e altre località nella provincia di Hasaka. È una parte importante di quella striscia di territorio siriano che a nord confina con la Turchia, quasi mille chilometri. Fonti curde hanno denunciato 14 morti, soprattutto civili.

Ieri mattina sono caduti in territorio turco – nella provincia di Gaziantep – colpi di mortaio. La risposta curda. Avrebbero fatto almeno due vittime e diversi feriti.

Formalmente il governo turco ha deciso questa nuova operazione militare dopo l’attentato di otto giorni fa a Istanbul, che considera opera del PKK, il Partito dei Lavoratori del Kurdistan. Organizzazione armata che non solo la Turchia, ma anche Unione Europea e Stati Uniti, considerano un gruppo terroristico. La guerra con lo stato turco va avanti dalla metà degli anni ottanta.

Cosa c’entra il nord della Siria? Il nord della Siria, nello specifico il nord-est della Siria, è la zona del paese a maggioranza curda, come il sud-est della Turchia. E in quella zona operano le milizie curdo-siriane, quelle che hanno fatto il lavoro sporco, la battaglia sul campo, nella guerra contro l’ISIS in alleanza con l’Occidente.

La Turchia considera questi gruppi armati la stessa cosa del PKK. E in effetti i legami sono molto forti. Per il semplice motivo che in questo territorio i legami tra le famiglie e le comunità sono profondi, antichi di secoli. Molti curdi nel sud-est della Turchia oppure nel nord-est della Siria, hanno legami di parentela con chi vive dall’altra parte del confine. Da un certo punto di vista si tratta di un’unica terra. Viaggiando lungo il confine lo si nota molto chiaramente.

Da anni Erdogan sta cercando di fare in modo che dal caos della guerra siriana non esca una regione – il nord-est appunto – amministrata in maniera autonoma dai curdi siriani. O almeno che questa regione non sia a ridosso del confine turco. Per paura che questo possa alimentare ulteriormente le rivendicazioni e le aspirazioni dei curdi turchi. Anche da qui – nei primi anni della guerra siriana Ankara doveva colpire, in parte, anche l’ISIS – comunque anche da qui le tre operazioni militari degli ultimi anni nel nord della Siria: 2016, 2018, 2019. Oltre a una serie continua di incursioni aeree. Un conflitto a bassa intensità.

E non dimentichiamo che la Turchia è presente nel nord della Siria, proprio perché territorio sotto la sua frontiera, anche dove non ci sono i curdi. Per esempio nella provincia di Idlib.
Perché adesso? L’obiettivo è sempre lo stesso, colpire e indebolire i curdi-siriani e il PKK. Ma la tempistica è dettata dal contesto interno e da quello internazionale.

Erdogan, che l’anno prossimo si ricandiderà per l’ennesima volta alle elezioni, sta perdendo popolarità, anche perché il paese è alle prese con un’importante crisi economica. L’inflazione – solo il dato ufficiale – è arrivata quasi al 90%.
Sul piano internazionale, invece, il presidente sfrutta il suo ruolo di punto di equilibrio su alcune questioni critiche. Basta citare l’accordo sul grano ucraino e l’apertura dei porti sul Mar Nero, così come l’imminente ingresso di Svezia e Finlandia nella NATO, al quale devono dare il via libera tutti i membri dell’Alleanza Atlantica. Inizialmente Erdogan aveva minacciato il veto per l’asilo concesso a diversi curdi dai due paesi nordici.

Insomma, Ankara sa che in questo momento la comunità internazionale, occupata in altro, a partire dall’Ucraina, non protesterà più di tanto. Vale soprattutto per l’Occidente, che come abbiamo detto ha usato le milizie curde per fare la guerra all’ISIS dopo gli attentati dello Stato Islamico in Europa e ora si girerà dall’altra parte.

  • Autore articolo
    Emanuele Valenti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 26/11/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 27/11/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 25/11/2022 delle 19:51

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 27/11/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Snippet di sabato 26/11/2022

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45…

    Snippet - 27/11/2022

  • PlayStop

    News della notte di sabato 26/11/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 27/11/2022

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 26/11/2022

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come…

    Il sabato del villaggio - 27/11/2022

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 26/11/2022

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da…

    Senti un po’ - 27/11/2022

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 26/11/2022

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e…

    Jailhouse Rock - 27/11/2022

  • PlayStop

    Ollearo.con di sabato 26/11/2022

    Un faro nel weekend per orientare la community di RP. Il collante a tenuta super che tiene insieme gli elementi…

    Ollearo.con - 27/11/2022

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 26/11/2022

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria…

    DOC – Tratti da una storia vera - 27/11/2022

  • PlayStop

    Chassis di sabato 26/11/2022

    Dal 2002 va in onda Chassis-Il contenitore di pellicole di Radio Popolare. Un programma pensato per informare ed evocare con…

    Chassis - 27/11/2022

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 26/11/2022

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere…

    I girasoli - 27/11/2022

  • PlayStop

    Good Times di sabato 26/11/2022

    Good Times è il trampolino per tuffarsi in bello stile nel weekend. Visioni, letture, palchi, percorsi, incontri, esperienze, attività. Gli…

    Good Times - 27/11/2022

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 26/11/2022

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 27/11/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 26/11/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 27/11/2022

  • PlayStop

    Let's spend the night together di sabato 26/11/2022

    Let's Spend The Night Together è il salottino rock'n'roll di Radio Popolare. Si parla di attualità, si passano le novità…

    Let’s spend the night together - 27/11/2022

  • PlayStop

    Doppia Acca di venerdì 25/11/2022

    Dal 2011 è la trasmissione dedicata all’hip-hop di Radio Popolare.

    Doppia_Acca - 27/11/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 25/11/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 27/11/2022

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 25/11/2022

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di…

    Psicoradio - 27/11/2022

  • PlayStop

    Sui Generis di venerdì 25/11/2022

    Una trasmissione che parla di donne e altre stranezze. Attualità, cultura, approfondimenti. Tutte le domeniche dalle 15.35 alle 16.30. A…

    Sui Generis - 27/11/2022

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di venerdì 25/11/2022

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici.

    Quel che resta del giorno - 27/11/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 25/11/2022

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di…

    Esteri - 27/11/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 25/11/2022

    (47 - 238) Dove si scopre che per fare il Vice Ministro degli Esteri non è così importante conoscere, almeno…

    Muoviti muoviti - 27/11/2022

Adesso in diretta