Approfondimenti

Sì alla legalizzazione della marijuana

La Corte Suprema messicana ha aperto le porte alla legalizzazione della marijuana. Con una sentenza – quattro giudici contro uno – la Corte ha stabilito che i singoli hanno il diritto di “far crescere e distribuire marijuana per uso personale”. La decisione è destinata a cambiare in profondità l’approccio alla questione in un Paese da decenni sconvolto da una violenta guerra intorno al commercio della droga.

Nelle 88 pagine della sentenza, scritta dal giudice Arturo Zaldívar, non si fa menzione delle vicende sanguinose che hanno sconvolto il Messico, e altri Paesi dell’area, in questi anni. Il giudice piuttosto – sulla base di una valutazione dei fondamentali diritti dell’uomo – riconosce il diritto dell’individuo di godere in autonomia di “ogni tipo di attività ricreazione che non danneggi gli altri”.

La causa è stata portata davanti alla Corte da quattro persone legate a un gruppo anticrimine, México Unido Contra la Delincuencia (MUCD). I quattro hanno richiesto all’agenzia messicana che si occupa della regolamentazione nel consumo delle droghe una licenza per poter coltivare marijuana a casa loro. L’atteso rifiuto ha fatto arrivare il caso davanti alla Corte Suprema. Non si tratta ancora di una piena legalizzazione, ma della possibilità per i quattro di produrre marijuana a casa propria. Perché la legalizzazione diventi “legge dello Stato”, è necessario che i giudici votino in questo senso per almeno cinque volte.

Il sì dei giudici è destinato ad avere enormi influenze in Messico, un Paese con leggi molto restrittive sull’uso della droga e devastato da una guerra tra differenti cartelli che negli ultimi anni ha fatto migliaia di morti. Nonostante l’approccio proibizionista, sostenuto dagli Stati Uniti e fatto proprio anche dall’attuale presidente Enrique Peña Nieto, sono stati scarsi i risultati nella lotta contro corruzione, criminalità, violenza. “E’ un dramma che va al di là delle nostre forze”, ha commentato uno degli avvocati che ha sostenuto la causa della liberalizzazione davanti alla Corte.

L’assenza di concreti risultati sta dunque conducendo a una revisione complessiva delle strategie sin qui adottate. Prima della sentenza messicana, c’è stata la legge di legalizzazione in Uruguay, nel 2013, che ha condotto alla creazione di una piccola ma ben presente “industria della marijuana”. Il Cile, quest’anno, ha inaugurato una politica di apertura all’uso della marijuana per “fini medici”. La Bolivia consente la coltivazione della coca e in Brasile è in discussione la legalizzazione di marijuana, cocaina e altre droghe. Juan Manuel Santos, il presidente colombiano, ha ordinato che vengano sospesi i voli aerei su campagne e montagne per irrorare il territorio e i raccolti di coca con potenti erbicidi. “Danneggiano e criminalizzano i contadini più poveri”, ha detto Santos.

Ora arriva la decisione del Messico, che va peraltro nella direzione di una lenta decriminalizzazione anche in alcuni Stati americani: Colorado, Oregon, Washington, District of Columbia. In Messico l’uso della marijuana resta comunque molto basso. Solo il 2% dei messicani, secondo una ricerca, ha fumato marijuana nel corso del 2014. Gran parte dell’opinione pubblica, secondo i sondaggi effettuati prima della sentenza della Corte, resta decisamente contraria alla sua legalizzazione.

  • Autore articolo
    Roberto Festa
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 18/05/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 19/05/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 18/05/2022 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 19/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di mercoledì 18/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 19/05/2022

  • PlayStop

    Gimme Shelter di mercoledì 18/05/2022

    I suoni dell’architettura. A cura di Roberto Centimeri e Riccardo Salvi.

    Gimme Shelter - 19/05/2022

  • PlayStop

    Il giusto clima di mercoledì 18/05/2022

    Con Fabio Ciconte parliamo della grande industria agricola e alimentare mondiale, con Samantha Pilati, meteorologa dell'Osservatorio Milano Duomo, dell’ondata di…

    Il giusto clima - 19/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di mercoledì 18/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 19/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di mercoledì 18/05/2022

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di…

    Esteri - 19/05/2022

  • PlayStop

    The Game di mercoledì 18/05/2022

    1) Indipendenti da Mosca, ma non ancora dal nucleare e dal carbone. Il piano europeo Re-PowerEu punta a ridurre la…

    The Game - 19/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di mercoledì 18/05/2022

    Dove si parla della lettera dell'assessore al turismo della regione Liguria Gianni Berrino a Google perché le recensioni dei ristoranti…

    Muoviti muoviti - 19/05/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di mercoledì 18/05/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 19/05/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di mercoledì 18/05/2022

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una…

    Considera l’armadillo - 19/05/2022

  • PlayStop

    Jack di mercoledì 18/05/2022

    Live di Bandabardò e Cisco, Live di Galeffi

    Jack - 19/05/2022

  • PlayStop

    Gianumberto Accinelli, Dagli animali si impara. Le invenzioni tecnologiche che abbiamo copiato dal regno animale

    GIANUMBERTO ACCINELLI - DAGLI ANIMALI SI IMPARA. LE INVENZIONI TECNOLOGICHE CHE ABBIAMO COPIATO DAL REGNO ANIMALE - presentato da CECILIA…

    Note dell’autore - 18/05/2022

  • PlayStop

    Puntata di mercoledì 18/05/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 19/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di mercoledì 18/05/2022 delle 12:49

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 19/05/2022

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 18/05/2022

    il Festival di Cannes, l'intervista ad Arianna Bacheroni protagonista della serie “Bang Bang Baby“, il libro “Il custode del bosco”…

    Cult - 19/05/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di mercoledì 18/05/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 19/05/2022

  • PlayStop

    Prisma di mercoledì 18/05/2022

    GUERRA IN UCRAINA, AGGIORNAMENTI E ANALISI Con Nico Piro, inviato speciale Rai, in Afghanistan, ora di ritorno dalla Russia, che…

    Prisma - 19/05/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di mercoledì 18/05/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 19/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di mercoledì 18/05/2022 delle 7:48

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 19/05/2022

Adesso in diretta