Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di mer 11/12 delle ore 13:30

    GR di mer 11/12 delle ore 13:30

    Giornale Radio - 12/11/2019

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mer 11/12

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 12/11/2019

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 11/12 delle 07:15

    Metroregione di mer 11/12 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 12/11/2019

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Memos di mer 11/12

    Memos di mer 11/12

    Memos - 12/11/2019

  • PlayStop

    Tazebao di mer 11/12

    Tazebao di mer 11/12

    Tazebao - 12/11/2019

  • PlayStop

    Cult di mer 11/12 (seconda parte)

    Cult di mer 11/12 (seconda parte)

    Cult - 12/11/2019

  • PlayStop

    Cult di mer 11/12 (prima parte)

    Cult di mer 11/12 (prima parte)

    Cult - 12/11/2019

  • PlayStop

    Note dell'autore di mer 11/12

    Note dell'autore di mer 11/12

    Note dell’autore - 12/11/2019

  • PlayStop

    Cult di mer 11/12

    Cult di mer 11/12

    Cult - 12/11/2019

  • PlayStop

    Barrilete Cosmico di mer 11/12

    Barrilete Cosmico di mer 11/12

    Barrilete Cosmico - 12/11/2019

  • PlayStop

    Prisma di mer 11/12 (terza parte)

    Prisma di mer 11/12 (terza parte)

    Prisma - 12/11/2019

  • PlayStop

    Prisma di mer 11/12 (prima parte)

    Prisma di mer 11/12 (prima parte)

    Prisma - 12/11/2019

  • PlayStop

    Prisma di mer 11/12 (seconda parte)

    Prisma di mer 11/12 (seconda parte)

    Prisma - 12/11/2019

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mer 11/12

    Il demone del tardi - copertina di mer 11/12

    Il demone del tardi - 12/11/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di mer 11/12 (prima parte)

    Fino alle otto di mer 11/12 (prima parte)

    Fino alle otto - 12/11/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di mer 11/12 (seconda parte)

    Fino alle otto di mer 11/12 (seconda parte)

    Fino alle otto - 12/11/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di mer 11/12 (terza parte)

    Fino alle otto di mer 11/12 (terza parte)

    Fino alle otto - 12/11/2019

  • PlayStop

    Stile Libero di mar 10/12

    Stile Libero di mar 10/12

    Stile Libero - 12/11/2019

  • PlayStop

    Notte Vulnerabile di mar 10/12

    Notte Vulnerabile di mar 10/12

    Notte vulnerabile - 12/11/2019

  • PlayStop

    L'altro martedi' di mar 10/12

    L'altro martedi' di mar 10/12

    L’Altro Martedì - 12/10/2019

  • PlayStop

    Wi-Fi Area del mar 10/12

    Wi-Fi Area del mar 10/12

    Wi-fi Area - 12/10/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 10/12 (prima parte)

    La manifestazione di Milano contro tutte le forme di odio con Liliana Segre, Beppe Sala e seicento sindaci italiani (prima…

    Ora di punta – I fatti del giorno - 12/10/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 10/12 (seconda parte)

    Ora di punta di mar 10/12 (seconda parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 12/10/2019

Adesso in diretta

Approfondimenti

Sgombero di “Aldo Dice 26X1” a Sesto

sgombero aldo dice sesto san giovanni

È iniziato alle prime ore di oggi, martedì 4 settembre, lo sgombero dell’edificio occupato pochi giorni fa in piazza Don Mapelli a Sesto San Giovanni da circa 200 attivisti del residence sociale “Aldo Dice 26×1”, dopo aver abbandonato la struttura in zona Corvetto a Milano mentre era in corso la mediazione col Comune.

A confermare a Radio Popolare la mediazione in corso col comune di Milano è stato Pierfrancesco Majorino, assessore alle Politiche sociali, Salute e Diritti: “Siamo contro le occupazioni, ma non si può mandare la gente in strada. Il dialogo con le famiglie di Aldo Dice 26×1 era in corso e continuerà“.

L’intervista di Claudio Jampaglia a Giorni Migliori.

Dobbiamo precisare che lo sgombero di Sesto lo abbiamo praticamente appreso mentre era in atto. Adesso c’è una richiesta di aiuto e già questo mi pare un modo di agire e di intervenire piuttosto bizzarro dalle istituzioni. Nel momento in cui non ci sono dei pacchi postali, ma cittadini, famiglie e bambini coinvolti, se si vuole intervenire in maniera attenta e coscienziosa bisogna essere chiamati in causa anche noi per poterlo fare. Questa è una modalità nuova, non so se si sperimenta oggi con la circolare di Salvini, ma siamo di fronte a una modalità nuova e sbagliata. Noi stavamo dialogando con diverse famiglie, che non sappiamo se sono quelle andate a Sesto, per la collocazione in appartamenti e strutture di accoglienza. Il nostro dialogo prosegue e in queste ore stiamo cercando di capire qual è la situazione esatta.

Il comune di Milano conferma quindi che c’è invece un dialogo. Perché dopo due anni non è riuscito a dare delle risposte in tempo?

Noi siamo intervenuti sull’esperienza di Aldo Dice una volta che si è avviato effettivamente un dialogo con quel tipo di esperienza. Non è che tiriamo fuori 200 posti dal cilindro, altrimenti li avremmo già messi a disposizione. Ricordo anche che quell’esperienza è stata lì due anni, a Sesto San Giovanni solo un giorno: anche agli ascoltatori che si chiedono cosa fa il comune, vorrei direi che l’atteggiamento dei comuni spesso è differente e oggi ne abbiamo una dimostrazione palese. Per quello che ci riguarda, là dove esiste la disponibilità per famiglie con minori e di cittadini adulti ad accettare le nostre proposte, queste sono sul tavolo da giorni e il dialogo con gli occupanti, mi sento di dirlo, stava andando avanti positivamente.

Cosa cambia con questa circolare?

La circolare è un atto grave secondo me e non va assolutamente minimizzata. È un atto che modificherà la cose. Il punto è semplice: nessuno è per le occupazioni abusive, noi non lo siamo, ma il tema è come intervieni. Se intervieni valutando caso per caso le situazioni, e quindi cercando una soluzione attenta alla sistemazione di nuclei familiari con bambini o ragazzi, o se intervieni mandando la gente per strada. Se si applica la circolare senza investimenti nazionali sulla casa e sui servizi sociali, il risultato semplice è quello di avere la gente per strada e le famiglie per strada. Li mandi via dall’occupazione abusiva e li mandi in giro per la città o ad occupare di nuovo oppure a spostarsi in un comune vicino ad occupare un’altra volta, oppure a scaricare sui servizi sociali qualcosa che deve essere affrontato in una maniera diversa. Finché noi continueremo ad affrontare questo tipo di problemi solo con gli strumenti dei comuni, non riusciremo ad essere efficaci. Ci vuole un piano nazionale di riqualificazione delle case molto più importante, perchè ci sono migliaia di alloggi vuoti e sfitti che dovrebbero essere subito messi a disposizione e per questo servono interventi e risorse. Lì dove gli alloggi sono vuoti, spesso hanno bisogno di interventi di manutenzione e riqualificazione. Gli enti locali le risorse le hanno solo in parte e bisogna intervenire estendendo la potenzialità d’offerta, non divertendosi a buttare per strada le persone.

Posted by Residence Sociale ALDO DICE 26 X 1 on Monday, September 3, 2018

sgombero aldo dice sesto san giovanni
Foto dal profilo FB di Laura Wainer https://www.facebook.com/laura.wainer.927

RIASCOLTA L’INTERVISTA

intervista Pierfrancesco Majorino

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni