Approfondimenti

Sei anni di guerra, e non è finita

La guerra siriana ha distrutto intere città e ha fatto centinaia di migliaia di morti. Oltre la metà della popolazione è dovuta scappare. E interi centri sono ancora sotto assedio.

Quella che sta vivendo la Siria è la peggiore crisi umanitaria dalla fine della Seconda Guerra Mondiale. Eppure il conflitto non è ancora finito. I tentativi di negoziato, da una parte quello di Ginevra sponsorizzato dalle Nazioni Unite, dall’altra quello di Astana con Russia, Iran e Turchia, non stanno producendo alcun tipo d’intesa.

Nonostante lo stallo e la complessità geopolitica delle considerazioni su questi sei anni di guerra si possono fare.

La rivoluzione, la rivolta popolare, non c’è più. I ribelli, quelli che combattevano per far cadere Assad, hanno perso. E la linea dura del regime di Damasco ha portato alla supremazia, all’interno dell’opposizione armata, dei gruppi più radicali.

L’intervento russo, così come quello turco nel nord, hanno confermato in maniera sfacciata che quella siriana è anche una guerra regionale e internazionale. Mosca è la grande vincitrice. L’assenteismo dell’Occidente, insieme alle ambiguità degli altri sponsor dell’opposizione, soprattutto i paesi arabi del Golfo Persico, hanno lasciato campo libero a Putin.

L’unico punto d’incontro è rappresentato dalla lotta all’Isis, anche se le differenze fra le tante forze in campo (curdi, turchi, ribelli, russi, americani, iraniani) non fanno prevedere nulla di buono per il futuro. Una volta sconfitto militarmente l’ISIS passerà agli attentati, cosa che in realtà sta già facendo. Mentre la Siria, ufficialmente o no, sarà spartita in zone d’influenza.

Nonostante le sue grosse responsabilità il presidente Bashar al-Assad è ancora al suo posto. Le atrocità, i massacri, le ripetute violazioni dei diritti umani non sono state sufficienti a produrre un cambio di governo. Ha vinto l’impunità. Siamo in una fase delle relazioni internazionali dove una guerra come quella siriana, nonostante i tantissimi interessi contrapposti, non ha prodotto un conflitto su scala mondiale e nemmeno regionale. Stesso motivo per il quale è impossibile trovare una via d’uscita.

  • Autore articolo
    Emanuele Valenti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 28/05/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 28/05/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 27/05/2022 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 27/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 28/05/2022

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere…

    I girasoli - 28/05/2022

  • PlayStop

    Stay human di sabato 28/05/2022

    Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni…

    Stay human - 28/05/2022

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 28/05/2022

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da…

    Senti un po’ - 28/05/2022

  • PlayStop

    Ollearo.con di sabato 28/05/2022

    Un faro nel weekend per orientare la community di RP. Il collante a tenuta super che tiene insieme gli elementi…

    Ollearo.con - 28/05/2022

  • PlayStop

    Good Times di sabato 28/05/2022

    Peace, brass and love: la festa della Banda degli ottoni a scoppio; l’intervista di Ira Rubini a Davide Enia; la…

    Good Times - 28/05/2022

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 28/05/2022

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 28/05/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 28/05/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 28/05/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 28/05/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 28/05/2022

  • PlayStop

    Mash-Up di sabato 28/05/2022

    A Lunenburg, in primavera, Ilona Staller e Immanuel Kant studiano insieme come muovere le dita nelle variazioni Goldberg, ascoltando Fela…

    Mash-Up - 28/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 27/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 28/05/2022

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 27/05/2022

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di…

    Psicoradio - 28/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di venerdì 27/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 28/05/2022

  • PlayStop

    Ep. 10 – Life After Death – Una realtà inaccettabile

    Life After Death – Una realtà inaccettabile

    Who shot ya - 28/05/2022

  • PlayStop

    Ep. 7 – Our Side Till We Die – Conflitto Tra Coste

    Our Side Till We Die – Conflitto Tra Coste

    Who shot ya - 28/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 27/05/2022

    1- Egitto. Lo sciopero della fame di Alaa Abdel Fattah, una sfida lanciata al Presidente Al Sisi. Da 56 giorni…

    Esteri - 28/05/2022

  • PlayStop

    Lezioni di antimafia di venerdì 27/05/2022

    “Giustizia, Diritti e Memoria” È il titolo del nuovo e sesto ciclo di lezioni di antimafia che inizia martedì 15…

    Lezioni di antimafia - 28/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 27/05/2022

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda…

    Muoviti muoviti - 28/05/2022

  • PlayStop

    Ep. 2 – All Eyez On Me – Chi era Tupac Amaru Shakur

    All Eyez On Me – Chi era 2Pac Amaru Shakur

    Who shot ya - 28/05/2022

Adesso in diretta