Approfondimenti

Sei anni di guerra, e non è finita

La guerra siriana ha distrutto intere città e ha fatto centinaia di migliaia di morti. Oltre la metà della popolazione è dovuta scappare. E interi centri sono ancora sotto assedio.

Quella che sta vivendo la Siria è la peggiore crisi umanitaria dalla fine della Seconda Guerra Mondiale. Eppure il conflitto non è ancora finito. I tentativi di negoziato, da una parte quello di Ginevra sponsorizzato dalle Nazioni Unite, dall’altra quello di Astana con Russia, Iran e Turchia, non stanno producendo alcun tipo d’intesa.

Nonostante lo stallo e la complessità geopolitica delle considerazioni su questi sei anni di guerra si possono fare.

La rivoluzione, la rivolta popolare, non c’è più. I ribelli, quelli che combattevano per far cadere Assad, hanno perso. E la linea dura del regime di Damasco ha portato alla supremazia, all’interno dell’opposizione armata, dei gruppi più radicali.

L’intervento russo, così come quello turco nel nord, hanno confermato in maniera sfacciata che quella siriana è anche una guerra regionale e internazionale. Mosca è la grande vincitrice. L’assenteismo dell’Occidente, insieme alle ambiguità degli altri sponsor dell’opposizione, soprattutto i paesi arabi del Golfo Persico, hanno lasciato campo libero a Putin.

L’unico punto d’incontro è rappresentato dalla lotta all’Isis, anche se le differenze fra le tante forze in campo (curdi, turchi, ribelli, russi, americani, iraniani) non fanno prevedere nulla di buono per il futuro. Una volta sconfitto militarmente l’ISIS passerà agli attentati, cosa che in realtà sta già facendo. Mentre la Siria, ufficialmente o no, sarà spartita in zone d’influenza.

Nonostante le sue grosse responsabilità il presidente Bashar al-Assad è ancora al suo posto. Le atrocità, i massacri, le ripetute violazioni dei diritti umani non sono state sufficienti a produrre un cambio di governo. Ha vinto l’impunità. Siamo in una fase delle relazioni internazionali dove una guerra come quella siriana, nonostante i tantissimi interessi contrapposti, non ha prodotto un conflitto su scala mondiale e nemmeno regionale. Stesso motivo per il quale è impossibile trovare una via d’uscita.

  • Autore articolo
    Emanuele Valenti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di gio 22/10/20 delle 19:48

    Metroregione di gio 22/10/20 delle 19:48

    Rassegna Stampa - 23/10/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Serve And Volley di ven 23/10/20

    Serve And Volley di ven 23/10/20

    Serve&Volley - 23/10/2020

  • PlayStop

    Rotoclassica di gio 22/10/20

    Rotoclassica di gio 22/10/20

    Rotoclassica - 23/10/2020

  • PlayStop

    A casa con voi di gio 22/10/20

    A casa con voi di gio 22/10/20

    A casa con voi - 23/10/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di gio 22/10/20

    Ora di punta di gio 22/10/20

    Ora di punta – I fatti del giorno - 23/10/2020

  • PlayStop

    Esteri di gio 22/10/20

    ..1- Stati Uniti. Questa notte l’ultima sfida prima del voto tra Joe Biden e Donald Trump...( Roberto Festa) ..2-Coronavirus, primo…

    Esteri - 23/10/2020

  • PlayStop

    Malos di gio 22/10/20

    Malos di gio 22/10/20

    MALOS - 23/10/2020

  • PlayStop

    Uno di Due di gio 22/10/20

    Uno di Due di gio 22/10/20

    1D2 - 23/10/2020

  • PlayStop

    Jack di gio 22/10/20

    Ospite della puntata di oggi, Laura Pescatori

    Jack - 23/10/2020

  • PlayStop

    Considera l'armadillo gio 22/10/20

    Considera l'armadillo gio 22/10/20

    Considera l’armadillo - 23/10/2020

  • PlayStop

    Stay Human di gio 22/10/20

    Shaggy, Coldplay, Canzoni fotocopia, Nirvana, Offspring, Sum 41, Evanescence, 21 Savage, George Michael, Keith Jarrett, Morgan

    Stay human - 23/10/2020

  • PlayStop

    Memos di gio 22/10/20

    Il futuro della pandemia da Covid-19, tra speranze generiche e aspettative più o meno solide. Quanto durerà? Ci accorgeremo di…

    Memos - 23/10/2020

  • PlayStop

    Note dell'autore di gio 22/10/20

    Note dell'autore di gio 22/10/20

    Note dell’autore - 23/10/2020

  • PlayStop

    Cult di gio 22/10/20

    ira rubini, cult, bookpride 2020, giorgio vasta, tiziana ricci, lo sposalizio della vergine, raffaello, brera, bruno munmari, the red lion,…

    Cult - 23/10/2020

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mer 21/10/20

    Jazz Ahead 96 - Playlist: 1. Altalena, Franco D'Andrea new Things, New Things, Parco della Musica Records, 2020..2. YSC, Don…

    Jazz Ahead - 23/10/2020

  • PlayStop

    37 e 2 di gio 22/10/20

    Rispondiamo alle domande che sono arrivate; cerchiamo di capire che fine ha fatto la cura con il plasma; vi parliamo…

    37 e 2 - 23/10/2020

  • PlayStop

    Prisma di gio 22/10/20

    La Lombardia tra coprifuoco e ritorno della didattica a distanza. Intervista alla vicesindaca di Milano Anna Scavuzzo e al direttore…

    Prisma - 23/10/2020

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di gio 22/10/20

    Rassegna stampa internazionale di gio 22/10/20

    Rassegna stampa internazionale - 23/10/2020

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di gio 22/10/20

    Il demone del tardi - copertina di gio 22/10/20

    Il demone del tardi - 23/10/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di gio 22/10/20

    Fino alle otto di gio 22/10/20

    Fino alle otto - 23/10/2020

Adesso in diretta