Approfondimenti

“La Guardia costiera libica responsabile del naufragio”

Foto di Sea Watch

Con un comportamento violento e sconsiderato la Guardia costiera libica ha causato la morte di diversi migranti, durante i soccorsi di un gommone alla deriva. E’ l’accusa della Ong tedesca Sea Watch, arrivata sul posto in contemporanea con la motovedetta libica, su richiesta della Guardia costiera italiana.

Al termine della giornata abbiamo raggiunto al telefono Gennaro Giudetti, operatore italiano a bordo della Sea Watch 3, che vedete nella foto: “Durante il tragitto abbiamo trovato dei cadaveri dispersi in acqua, perché il gommone era distrutto. Ho visto il corpo di un bambino che galleggiava, l’ho raccolto, poco distante c’era la madre, straziata, che stava tentando di sopravvivere tra le onde. Il bimbo aveva solo 4 anni, è stato terribile”.

La Ong (link al video) ha filmato parte delle operazioni di soccorso e racconta di come l’arrivo repentino della motovedetta libica abbia causato la caduta in mare dei migranti.

Una volta sul posto, secondo la Ong, i libici hanno cercato di raccogliere più persone possibile a bordo, per riportarle nei centri di detenzione in Libia. L’accordo tra Europa e Libia prevede infatti che chi viene intercettato dalla Guardia costiera libica sia respinto e riportato al punto di partenza, mentre chi è soccorso dalle Ong e dalle navi europee sia portato sulle coste italiane.

“Abbiamo salvato 58 persone. Una parte di questi migranti era aggrappata al gommone vicino alla motovedetta libica e voleva raggiungerci. I militari libici hanno iniziato a gridare contro di noi, intimandoci di allontanarci e andarcene, ci hanno persino lanciato delle patate. Tiravano a bordo i migranti in maniera violenta” – continua Gennaro Giudetti “Abbiamo visto che sulla nave libica i marinai stavano picchiando con corde e bastoni i migranti che si rivolgevano a noi, pregandoci di intervenire per ricongiungerli con le famiglie. A bordo avevamo una donna, il marito era stato preso dai libici. A un certo punto si è gettato in acqua per raggiungerci, ma siccome non sapeva nuotare si è dovuto aggrappare a una corda della motovedetta. A quel punto i libici hanno azionato i motori e si sono allontanati velocemente. Non sappiamo cosa sia accaduto a quell’uomo, non siamo riusciti a raggiungerlo”.

La Guardia costiera libica ha risposto alle accuse attaccando Sea Watch: “Hanno interrotto il nostro lavoro, creando il caos tra i migranti”.

 

 

  • Autore articolo
    Chiara Ronzani
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sab 31/10/20

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 31/10/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di ven 30/10/20 delle 19:48

    Metroregione di ven 30/10/20 delle 19:48

    Rassegna Stampa - 31/10/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Sabato Libri di sab 31/10/20

    Sabato Libri di sab 31/10/20

    Sabato libri - 31/10/2020

  • PlayStop

    Itaca di sab 31/10/20

    Itaca di sab 31/10/20

    Itaca - 31/10/2020

  • PlayStop

    Itaca Rassegna di sab 31/10/20

    Itaca Rassegna di sab 31/10/20

    Itaca – Rassegna Stampa - 31/10/2020

  • PlayStop

    Mash-Up di sab 31/10/20

    Mash-Up di sab 31/10/20

    Mash-Up - 31/10/2020

  • PlayStop

    Doppia Acca di ven 30/10/20

    Doppia Acca di ven 30/10/20

    Doppia Acca - 31/10/2020

  • PlayStop

    A casa con voi di ven 30/10/20

    con Andrea Cegna. - punto metro..- Roberto Festa dagli USA..- comitato bresciano "non sta andando tutto bene"..- Claudio Agostoni in…

    A casa con voi - 31/10/2020

  • PlayStop

    Esteri di ven 30/10/20

    1-Coronavirus. La Francia di nuovo in Lockdown. Ma da lunedì gli studenti riprendono la scuola dopo due settimane di vacanza.…

    Esteri - 31/10/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di ven 30/10/20

    Ora di punta di ven 30/10/20

    Ora di punta – I fatti del giorno - 31/10/2020

  • PlayStop

    Follow Friday di ven 30/10/20

    Vincenzo De Luca cosplayer di se stesso, i trending topic della settimana, la campagna elettorale di Ordinary Girls per i…

    Follow Friday - 30/10/2020

  • PlayStop

    Uno di Due di ven 30/10/20

    Uno di Due di ven 30/10/20

    1D2 - 31/10/2020

  • PlayStop

    Jack di ven 30/10/20

    Jack di ven 30/10/20

    Jack - 31/10/2020

  • PlayStop

    Considera l'armadillo ven 30/10/20

    Considera l'armadillo ven 30/10/20

    Considera l’armadillo - 31/10/2020

  • PlayStop

    Stay Human di ven 30/10/20

    Stay Human di ven 30/10/20

    Stay human - 31/10/2020

  • PlayStop

    Memos di ven 30/10/20

    L’antropologo Marco Aime, dell’università di Genova, commenta l’intervista di ieri a Arjun Appadurai, antropologo statunitense di origine indiana. I temi:…

    Memos - 31/10/2020

  • PlayStop

    Grazia Giardiello e Barbara Cappi, Balene

    GRAZIA GIARDIELLO E BARBARA CAPPI - BALENE - presentato da BARBARA SORRENTINI

    Note dell’autore - 31/10/2020

  • PlayStop

    Cult di ven 30/10/20

    ira rubini, cult, segni mantova 2020, tiziana ricci, tiepolo, gallerie d'italia milano, manifestazione assenza spettacolare, piazza scala, lavoratori spettacolo, silvia…

    Cult - 31/10/2020

  • PlayStop

    C'e' Luce di ven 30/10/20

    Jacopo Bencini, di Italian Climate Network, è, insieme a Marirosa Iannelli e Stefano Caserini, uno dei curatori di un importante…

    C’è luce - 31/10/2020

  • PlayStop

    Prisma di ven 30/10/20

    Prisma di ven 30/10/20

    Prisma - 31/10/2020

Adesso in diretta