Approfondimenti

Scissione, la nuova serie thriller diretta da Ben Stiller

Scissione

Chi, negli ultimi due anni, si è trovato catapultato nel mondo dello smart working (che il più delle volte si rivela molto poco smart), ha probabilmente avuto qualche difficoltà a trovare un sano equilibrio tra vita lavorativa e tempo libero. E anche per chi continua ad andare in ufficio o in fabbrica, “staccare” non è quasi mai semplice: la stanchezza fisica, il carico mentale, l’ansia e la preoccupazione ci seguono, generalmente, fino a casa, nelle sere e nei week end. La Lumon Industries, la tentacolare ed enigmatica compagnia al centro della serie Scissione, ha una proposta che a qualcuno, a prima vista, può apparire allettante: perché non separare letteralmente in due la propria esistenza, far sì che durante le ore d’impiego non si abbia nessuna memoria della propria vita al di fuori dell’ufficio, e viceversa? Il protagonista della serie – che in originale s’intitola Severance, un termine usato anche per indicare i tagli al personale, ed è distribuita in queste settimane sulla piattaforma Apple Tv+ – è un uomo di nome Mark, rimasto vedovo e tormentato dal lutto: proprio per alleviare la sua sofferenza, pare, ha accettato l’offerta della Lumon, credendo che così, almeno per otto ore al giorno, non avrebbe pensato alla moglie scomparsa.

Ma a noi spettatori la faccenda appare immediatamente sinistra, anche perché la procedura di scissione crea, a tutti gli effetti, uno sdoppiamento di personalità: il Mark che esiste solo dentro l’ufficio, come i suoi colleghi, è praticamente imprigionato in un purgatorio senza sonno in cui la giornata lavorativa non finisce mai; di contro, il Mark che vive al di fuori non pare particolarmente sereno, rilassato o consapevole di sé.
Scissione ha indubbiamente un’ambientazione che potremmo chiamare “alla Black Mirror” o “alla Ai confini della realtà”, con una premessa fantascientifica – la procedura che altera chirurgicamente la memoria – non troppo lontana da quella di un film diventato un classico della sci-fi cerebrale, Eternal Sunshine of a Spotless Mind (o Se mi lasci ti cancello, se preferite l’orrido titolo italiano); una premessa utilizzata per far riflettere sulle inquietudini e gli angoli ciechi della nostra contemporaneità. Le scenografie asettiche, tra il rétro e il futuristico, contribuiscono alla sensazione di straniamento, un po’ come accaduto recentemente con un’altra interessante serie tv, Homecoming di Amazon Prime Video.

Scissione è però anche un thriller cospirativo: quando il suo miglior amico d’ufficio Petey scompare senza spiegazioni, e una nuova collega dall’anima ribelle mette in discussione le pratiche della Lumon, il Mark lavorativo inizia a porsi delle domande sulla propria condizione; e pure il Mark che vive all’esterno indaga sulle attività dell’azienda, per nulla trasparenti, mentre si agita il dubbio che qualcuno possa voler usare la pratica del “taglio della memoria” anche per altri scopi… Diretta per la maggior parte degli episodi dall’attore Ben Stiller con eleganza e minimalismo glaciale, Scissione ha per protagonista, nei panni di Mark, Adam Scott, che i fan delle serie tv conoscono soprattutto per la sitcom Parks and Recreation, anch’essa curiosamente ambientata in un ufficio.

Il cast, però, ha anche altri nomi notevoli: John Turturro è un collega veterano ed estremamente ligio alle direttive della compagnia, Christopher Walken è un dirigente particolare, e soprattutto Patricia Arquette è l’inquietantissima responsabile di tutta l’operazione, e offre una performance recitativa davvero da brividi (di paura, e di bravura). La trama cospirativa avvince un episodio dopo l’altro, e naturalmente non tutto è quello che sembra. Ma, come i migliori racconti di questo sotto filone di fantascienza, Scissione riesce soprattutto a interrogarci sul nostro presente, sui limiti del nostro sistema, sull’alienazione e disumanizzazione determinata spesso dalla routine capitalista, e su quanto della nostra esistenza accettiamo di sacrificare a un apparato lavorativo opprimente, e in cambio di cosa. In un periodo storico in cui il tema del lavoro è più che mai centrale – che lo si voglia affrontare o meno – Scissione sembra arrivare al momento giusto.

  • Autore articolo
    Alice Cucchetti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 28/05/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 29/05/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 27/05/2022 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 27/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 28/05/2022

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda…

    Slide Pistons – Jam Session - 29/05/2022

  • PlayStop

    Snippet di sabato 28/05/2022

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45…

    Snippet - 29/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di sabato 28/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 29/05/2022

  • PlayStop

    Avenida Brasil di sabato 28/05/2022

    La trasmissione di musica brasiliana di Radio Popolare in onda dal 1995! Da nord a sud, da est ad ovest;…

    Avenida Brasil - 29/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di sabato 28/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 29/05/2022

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 28/05/2022

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere…

    I girasoli - 29/05/2022

  • PlayStop

    Stay human di sabato 28/05/2022

    Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni…

    Stay human - 29/05/2022

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 28/05/2022

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da…

    Senti un po’ - 29/05/2022

  • PlayStop

    Ollearo.con di sabato 28/05/2022

    Un faro nel weekend per orientare la community di RP. Il collante a tenuta super che tiene insieme gli elementi…

    Ollearo.con - 29/05/2022

  • PlayStop

    Good Times di sabato 28/05/2022

    Peace, brass and love: la festa della Banda degli ottoni a scoppio; l’intervista di Ira Rubini a Davide Enia; la…

    Good Times - 29/05/2022

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 28/05/2022

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 29/05/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 28/05/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 29/05/2022

  • PlayStop

    Mash-Up di sabato 28/05/2022

    A Lunenburg, in primavera, Ilona Staller e Immanuel Kant studiano insieme come muovere le dita nelle variazioni Goldberg, ascoltando Fela…

    Mash-Up - 29/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 27/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 29/05/2022

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 27/05/2022

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di…

    Psicoradio - 29/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di venerdì 27/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 29/05/2022

  • PlayStop

    Ep. 10 – Life After Death – Una realtà inaccettabile

    Life After Death – Una realtà inaccettabile

    Who shot ya - 29/05/2022

Adesso in diretta