Approfondimenti

Salvini non è il padrone della Repubblica

Lo sbarco dalla nave Diciotti

Adesso la inarrestabile macchina della propaganda minimizza e punta su nuovi obiettivi.

Salvini se la prende coi 35 Euro e dice che se ne va a Mosca a guardare la finale per ‘gufare contro la Francia’. Di Maio dice che delle esagerazioni di Salvini non gliene frega niente, basta che Mattarella abbia sbloccato la situazione. Troncare e sopire. Fare finta di nulla. Spostare il problema. Ma questa volta non funziona.

Nessun ‘tweet’ ispirato (a proposito: avete letto qualcosa del ministro Toninelli, quello competente su porti e Guardia Costiera?) nessun nuovo nemico contro cui scagliarsi, nessuna narrazione manipolatoria nasconderà la verità. Che si compone di due aspetti. Il primo: il presidente del Consiglio Conte e il Governo tutto hanno fatto una colossare figuraccia, hanno dimostrato di essere incapaci di contenere Salvini e di gestire il semplice sbarco di 67 profughi che sono diventati 67 ostaggi del ministro dell’Interno. Ostaggi i profughi e ostaggio la Nave Diciotti della Guardia Costiera italiana. Alla fine, Conte e il governo si sono fatti commissariare dal Quirinale.

Il secondo e più grave aspetto: Salvini ha tentato di sostituirsi ai magistrati e alla legge. Sono gli organi investigativi e la Procura a indagare sugli eventuali reati. Sono i giudici, nel processo, a stabilire le eventuali colpevolezze. A Salvini che, giova sempre ricordarlo, è il ministro dell’Interno, comanda quindi gli apparati di Polizia, tutto questo non interessava, mentre i 67 profughi se ne stavano in rada su una nave della Guardia Costiera, ostaggi della sua ossessione. A lui interessava una cosa e una soltanto: le manette, le manette, le manette.

Salvini voleva vedere scendere da quella nave quanti più africani possibile con i ferri ai polsi. Trofei da immortalare. Immagini a cui far fare il giro del mondo, da ritwittare, da postare su Facebook, su Instagram, cui aggiungere una didascalia: io il problema dell’immigrazione lo risolvo così. Gli è andata male e ora schiuma rabbia, Salvini, non per i mancati arresti ma per la formidabile occasione propagandistica perduta.

Il presidente della Repubblica è dovuto intervenire per fare rispettare le leggi che regolano l’ordinamento democratico. Mattarella ha incarnato la Realtà e per una volta la Realtà è prevalsa sulla propaganda.
Ma nessun segnale dice che si fermeranno. Salvini se ne frega e che Salvini se ne freghi è grave e pericoloso. Che il presidente Conte e il governo e la maggioranza lo abbiano assecondato fino a ieri sera e si preparino a ricominciare ad assecondarlo da oggi, è altrettanto grave e pericoloso.

Lo sbarco dalla nave Diciotti
Foto di InterSos, scattata su Nave Diciotti durante le operazioni di sbarco
  • Autore articolo
    Luigi Ambrosio
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di ven 27/11/20

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 27/11/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di ven 27/11/20 delle 07:15

    Metroregione di ven 27/11/20 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 27/11/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Uno di Due di ven 27/11/20

    Uno di Due di ven 27/11/20

    1D2 - 27/11/2020

  • PlayStop

    Jack di ven 27/11/20

    Jack di ven 27/11/20

    Jack - 27/11/2020

  • PlayStop

    Stay Human di ven 27/11/20

    Stay Human di ven 27/11/20

    Stay human - 27/11/2020

  • PlayStop

    Serve And Volley di ven 27/11/20

    Serve And Volley di ven 27/11/20

    Serve&Volley - 27/11/2020

  • PlayStop

    Memos di ven 27/11/20

    “L’economia di Francesco”, la tre giorni di incontri digitali voluta da papa Bergoglio. Si è svolta una settimana fa, duemila…

    Memos - 27/11/2020

  • PlayStop

    Gabriella Pizzala, Nero Donna

    GABRIELLA PIZZALA - NERO DONNA - presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 27/11/2020

  • PlayStop

    Cult di ven 27/11/20

    ira rubini, cult, carlo sigon, barbara sorrentini, tavola rotonda film commission lombardia, libro ancora in cammino rabani, tiziana ricci, festival…

    Cult - 27/11/2020

  • PlayStop

    C'e' Luce di ven 27/11/20

    Parliamo di rinnovabili ed efficienza energetica con Francesco Ferrante, vicepresidente del Kyoto Club e del Coordinamento FREE; Eleonora Cogo, Manager…

    C’è luce - 27/11/2020

  • PlayStop

    Prisma di ven 27/11/20

    Lombardia zona arancione? Quale riforma della sanità? Intervista al segretario del Pd lombardo Vinicio Peluffo. La situazione negli ospedali, il…

    Prisma - 27/11/2020

  • PlayStop

    Il Giorno Delle Locuste di ven 27/11/20

    Il Giorno Delle Locuste di ven 27/11/20

    Il giorno delle locuste - 27/11/2020

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di ven 27/11/20

    Il demone del tardi - copertina di ven 27/11/20

    Il demone del tardi - 27/11/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di ven 27/11/20

    Fino alle otto di ven 27/11/20

    Fino alle otto - 27/11/2020

  • PlayStop

    Rotoclassica di gio 26/11/20

    Rotoclassica di gio 26/11/20

    Rotoclassica - 27/11/2020

  • PlayStop

    A casa con voi di gio 26/11/20

    con Alessandro DIegoli. - micap e promozione tessere..- punto metro..- Birrificio Lariano con le birre di di Radio Popolare acquistabili…

    A casa con voi - 27/11/2020

Adesso in diretta