Approfondimenti

Chi salverà i bambini di Aleppo?

Non esiste una sua foto pubblica. Non si conosce (ancora) il suo volto. Si sa soltanto che aveva 10 anni ed era il fratello maggiore di Omran, quel bimbo diventato famoso in tutto il mondo per la foto scattata sull’ambulanza; una foto simbolo del dolore, della sofferenza degli abitanti di Aleppo.

Si chiamava Ali. Non si vedeva nel filmato che è stato trasmesso da tutte le tv del mondo, ma anche lui era finito sotto le macerie della casa di famiglia, bombardata da un raid aereo russo il 17 di agosto.

Lo stesso dottore che ha rilasciato un’intervista alla Bbc per raccontare le condizioni di salute di Omran, ha confermato poi che il piccolo (perché anche lui era piccolo) Ali non ce l’ha fatta. I suoi organi erano stati danneggiati e un’emorragia interna l’ha portato via.

La strage ad Aleppo va avanti e nulla sembra essere in grado di fermarla. Chi vincerà quella battaglia, vincerà la guerra. Dopo aver perso terreno, le truppe fedeli al regime di Banshar al Assad, con l’aiuto dei russi, vogliono riconquistarlo.

Per questo i raid aerei non si fermano, nonostante le dichiarazioni di disponibilità per una tregua. Lo sdegno sollevato dalle foto del piccolo Omran, la notizia della morte del fratello, non sono serviti a fermare la strage.

aleppo 2

La Bbc aveva intervistato il dottore dell’ospedale di Aleppo che ha curato Omran. Ve la proponiamo. Termina con un appello a ciascuno di noi affinché si possa arrivare a una tregua nella città siriana sotto assedio da anni.

Questo il testo dell’intervista della Bbc

aleppo

Come sta Omran?

“Omran è arrivato in ospedale con altri feriti. Era scioccato, sconvolto. Non ha pianto perché era in stato di shock. L’abbiamo curato, abbiamo pulito la sua ferita.”

Quali erano le sue condizioni di salute ?

“Era scioccato, come dicevo. Ma la sua ferita non era profonda. Non ha subito danni cerebrali.  E’stato fortunato”.

Quali sono le sue condizioni psicologiche?

“Difficile dirlo. Da quando è arrivato in ospedale non ha detto una parola. Evidentemente a causa dello shock “.

Sapete se ha perso dei famigliari?

“Non lo so per certo, ma credo di aver sentito dai miei colleghi in ospedale che i suoi genitori sarebbero ancora vivi. ma in quel raid aereo sono morti alcuni suoi vicini di casa. Un bimbo di otto anni, una ragazza di quindici e un’anziana”.

E’tornato con i suoi genitori ?

“.

La sua fotografia ha fatto il giro del mondo, ma immagino che lei veda bambini così tutti i giorni?

“Omran è stato fortunato, molto fortunato. Ma ogni giorno io vedo bambini con feriti peggiori e storie più tristi. Vedo molto bambini morire”.

Che effetto fa su di lei ?

“E’difficile per noi. I miei due figli hanno la stessa età di molti di questi bambini che muoiono in questo ospedale. E’una cosa che spezza il cuore, ma facciamo quello che possiamo. Dovete darci una mano a fermare questa guerra e salvare questi bambini. Il nostro messaggio, di noi dottori, infermieri dell’ospedale è: fate qualche cosa per fermare i bombardamenti aerei prima che sia troppo tardi e che ad Aleppo si consumi una tragedia ancora più grande di quella che si sta già consumando”.

aleppo bimbi

Anche Radio Popolare ha raggiunto una donna, abitante di Aleppo. La conservazione dura però pochi secondi perché uno sparo che si sente nitidamente al telefono convince la nostra interlocutrice a interrompere la telefonato.

Potete sentire qui l’audio

Amina Aleppo bambini 8,30

 

 

 

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 25/09/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 25/09/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 23/09/2022 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 25/09/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 24/09/2022

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda…

    Slide Pistons – Jam Session - 25/09/2022

  • PlayStop

    Snippet di sabato 24/09/2022

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45…

    Snippet - 25/09/2022

  • PlayStop

    News della notte di sabato 24/09/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 25/09/2022

  • PlayStop

    AfroRaffa di sabato 24/09/2022

    Il settimanale di musiche dal continente africano. Presentazione di Skepticafro

    AfroRaffa - 25/09/2022

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 24/09/2022

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da…

    Senti un po’ - 25/09/2022

  • PlayStop

    Stay human di sabato 24/09/2022

    Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni…

    Stay human - 25/09/2022

  • PlayStop

    Ollearo.con di sabato 24/09/2022

    Un faro nel weekend per orientare la community di RP. Il collante a tenuta super che tiene insieme gli elementi…

    Ollearo.con - 25/09/2022

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 24/09/2022

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria…

    DOC – Tratti da una storia vera - 25/09/2022

  • PlayStop

    Chassis di sabato 24/09/2022

    Con Pippo Mezzapesa e Francesco Patané regista e attore del film “Ti mangio il cuore”. Roberta Torre parla del suo…

    Chassis - 25/09/2022

  • PlayStop

    Good Times di sabato 24/09/2022

    L’ultima notte. La maratona elettorale in diretta dalla sede di Fondazione Feltrinelli, con Radio Popolare; il Festival della fotografia etica;…

    Good Times - 25/09/2022

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 24/09/2022

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 25/09/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 24/09/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 25/09/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 23/09/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 25/09/2022

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 23/09/2022

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di…

    Psicoradio - 25/09/2022

  • PlayStop

    Sui Generis di venerdì 23/09/2022

    Parliamo di aborto in vista della manifestazione del 28 settembre: intervista a Lisa Canitano, ginecologa e attivista, fondatrice dell'associazione Vita…

    Sui Generis - 24/09/2022

  • PlayStop

    Camere Oscure di venerdì 23/09/2022

    Camere Oscure è la trasmissione che Radio Popolare dedica alla campagna elettorale. Da lunedì 12 a venerdi' 24 settembre, tutti…

    Camere Oscure - 25/09/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 23/09/2022

    1-Libano. La grave crisi economica spinge le famiglie a prendere le navi della morte. Nell’ultimo naufragio al largo delle coste…

    Esteri - 25/09/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 23/09/2022

    (9 - 200) Dove andiamo a sentire il tipico friccicorino delle ultime ore della campagna elettorale. Poi nella rubrica dei…

    Muoviti muoviti - 25/09/2022

Adesso in diretta