Approfondimenti

“Un errore l’incontro politico nella sede di Expo”

Giuseppe Sala lo ammette: avere ricevuto la comunità ebraica milanese nella sede di Expo è stato un errore. E sulle primarie dice: “Non mi sento molto in vantaggio, sarà una bella competizione”.

Il candidato alle primarie del centrosinistra di Milano più vicino a Renzi però se la prende, indirettamente, con il sindaco uscente Giuliano Pisapia: “Mi hanno pregato di fermarmi un mese in più per non lasciare sguarnita la società (Expo2015, ndr). Io me ne volevo andare e sono rimasto lì per ragioni di servizio quando è evidente che è contro il mio interesse. Perché in questo momento voglio fare tutt’altro nella vita e vorrei del tempo pieno per occuparmi di questo”.

“Certamente è stato un errore che è nato dal fatto che io non potevo uscire perché avevo un impegno improvviso e una riunione che dovevamo fare fuori l’abbiamo fatta dentro”, ha affermato Sala ai microfoni di Radio Popolare a proposito della polemica nata dopo che ha incontrato, nella veste di candidato, la comunità ebraica milanese nella sede di Expo.

“C’è da dire si è sbagliato non avverrà più. Però propongo anche un’altra chiave di lettura: io ho dato le dimissioni da amministratore delegato di Expo il 2 gennaio. Il Cda e anche i soci, tra cui anche il sindaco di Milano, mi hanno pregato di fermarmi un mese in più per non lasciare sguarnita la società. Io ancora oggi sto firmando una quantità di carte impressionante e ad oggi non c’è ancora indicato un mio sostituto come rappresentante del Comune”.

Ascolta qui Giuseppe Sala

Giuseppe Sala errore

Sala ha iniziato la campagna elettorale per le primarie milanesi con una agenda meno fitta rispetto a quella dei suoi competitori e non nega che il risultato non sia scontato: “Non mi sento molto in vantaggio, non mi sento così in vantaggio, sarà una buona competizione e ognuno di noi farà la sua parte”.

Lei punta ad allargare il bacino degli elettori rispetto al perimetro del centrosinistra?

“Per votare bisogna firmare il documento di adesione ai valori della sinistra quindi io punto ad allargare a tutti quelli che si riconoscono nei valori della sinistra, dopodiché è abbastanza evidente che più gente va a votare più chi vince sarà legittimato, per cui è importante per me che ci vada tanta gente”.

Più per lei che per gli altri forse.

Probabilmente più per me che per gli altri, perché è abbastanza evidente che il mio profilo politico è anche un profilo nuovo, nel senso che mi sto occupando di politica praticamente da venti giorni. Ma la mia notorietà, per uno che poi fa le cose, qualche valore ce l’ha quindi onestamente penso più per me che per gli altri”.

Ascolta qui Giuseppe Sala

Giuseppe Sala vantaggio

  • Autore articolo
    Luigi Ambrosio
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mer 20/01/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 20/01/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 20/01/21 delle 07:15

    Metroregione di mer 20/01/21 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 20/01/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Uno di Due di mer 20/01/21

    Uno di Due di mer 20/01/21

    1D2 - 20/01/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mer 20/01/21

    Considera l'armadillo mer 20/01/21

    Considera l’armadillo - 20/01/2021

  • PlayStop

    Jack di mer 20/01/21

    Jack di mer 20/01/21

    Jack - 20/01/2021

  • PlayStop

    psicoradio di mar 19/01/21

    Cosa succede quando una persona che dovrebbe prendersi cura di te, che dovrebbe accoglierti, ti tratta con estrema freddezza? Umberto…

    Psicoradio - 20/01/2021

  • PlayStop

    Stay Human di mer 20/01/21

    Stay Human di mer 20/01/21

    Stay human - 20/01/2021

  • PlayStop

    Memos di mer 20/01/21

    La Russia di Putin e la rivoluzione di Navalny. Reazioni indignate in Europa e Stati Uniti per l’arresto di Alexei…

    Memos - 20/01/2021

  • PlayStop

    Giancarlo Elfo Ascari, E la nebbia che va

    GIANCARLO ELFO ASCARI - E LA NEBBIA CHE VA - presentato da IRA RUBINI -

    Note dell’autore - 20/01/2021

  • PlayStop

    Cult di mer 20/01/21

    ira reubini, cult, maurizio principato risonanze, tiziana ricci, segrete tracce di memoria, palazzo ducale genova, luci nella shoa, matteo corradini,…

    Cult - 20/01/2021

  • PlayStop

    Doppio Click di mer 20/01/21

    Con i dati di Parler, la mappa interattiva dell’assalto a Washington; YouTube “cancella” Donald Trump;Ocasio Cortez contro Zuckerberg ; novità…

    Doppio Click - 20/01/2021

  • PlayStop

    Prisma di mer 20/01/21

    Prisma di mer 20/01/21

    Prisma - 20/01/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mer 20/01/21

    Rassegna stampa internazionale di mer 20/01/21

    Rassegna stampa internazionale - 20/01/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mer 20/01/21

    Il demone del tardi - copertina di mer 20/01/21

    Il demone del tardi - 20/01/2021

  • PlayStop

    Fino alle otto di mer 20/01/21

    Fino alle otto di mer 20/01/21

    Fino alle otto - 20/01/2021

  • PlayStop

    Stile Libero di mer 20/01/21

    Stile Libero: Culture in Movimento - Autogrill, Simone Colafranceschi, Sting, Lady Gaga, Sufjan Stevens, Jim O'Rourke, Sleaford Mods, Suicide, Trent…

    Stile Libero - 20/01/2021

  • PlayStop

    Music Revolution di mar 19/01/21

    Puntata 2 - Sigla:.Alan Parsons Project - The Fall of the House of Usher. Playlist: ..01 - Sigur Ros -…

    Music Revolution - 20/01/2021

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 19/01/21

    Ora di punta di mar 19/01/21

    Ora di punta – I fatti del giorno - 20/01/2021

Adesso in diretta