Approfondimenti

Rozzano, i genitori: “Basta strumentalizzazioni politiche”

A Rozzano la destra di Salvini, Gelmini e La Russa, è riuscita a far infuriare anche i 28 genitori, quasi tutti cattolici, che avevano sollevato il caso della festa di Natale “sparita” dalle feste della scuola: “Basta strumentalizzazioni politiche” hanno detto dai microfoni di Radio Popolare. La vicenda è finita su tutti i giornali, siti internet e schermi Tv con toni da scontro di civiltà: “A Rozzano c’è un preside che vuole cancellare il Natale”.

La notizia, apparsa per la prima volta sull’edizione locale de Il Giorno il 27 novembre, ha fatto il giro delle redazioni e dei commentatori, per diventare in poche ore argomento del giorno nelle dichiarazioni di politici di ogni colore e grado, dal sindaco di Rozzano al presidente del consiglio Matteo Renzi. La destra ha deciso di farne una campagna politica. E così una vicenda locale, il cambio di programma sulle feste scolastiche natalizie rispetto all’anno precedente, è diventato un caso nazionale.

Ma cosa è successo? A settembre il collegio docenti e il consiglio di Istituto dell’Ics Garofani di Rozzano avevano deciso di sdoppiare il concerto con canti natalizi in due momenti distinti: il primo il 17 dicembre per i ragazzi della scuola secondaria, il secondo il 21 gennaio per i ragazzi della primaria. L’anno scorso si era svolto tutto in una sera in un teatro cittadino. Nelle scorse settimane il preside, Marco Parma, aveva detto “no” alla richiesta di due mamme cattoliche di poter insegnare canti della tradizione cristiana durante l’intervallo della pausa mensa.

Richiesta respinta e giudicata “inopportuna” dal preside in nome della laicità della scuola: in una scuola multietnica e multireligiosa, ha spiegato il preside, alcuni bambini si sarebbero potuti sentire esclusi. Giornali, siti e televisioni hanno invece raccontato per giorni la storia che la festa era stata annullata per paura dei genitori musulmani dopo i fatti di Parigi.

“Preside da licenziare in tronco”, ha tuonato il capo della Lega Matteo Salvini arrivato lunedì fuori dalla sede centrale dell’Istituto. Con lui anche gli altri due partiti della nuova destra uscita ridisegnata dalla manifestazione leghista a Bologna un mese fa, Fratelli d’Italia e Forza Italia. La coordinatrice di Forza Italia Maria Stella Gelmini ha cantato Tu scendi dalle stelle, Ignazio La Russa si è presentato con la bandiera di partito ed è stato fischiato. Alcuni genitori hanno cercato di spiegare che stavano strumentalizzando la vicenda, ma i politici erano lì per quello.

In molti hanno difeso il preside in quanto vittima di una strumentalizzazione mediatica e politica, più complicata e dibattuta la discussione sulla laicità della scuola, la separazione tra religioni e tradizione.

Alcuni giorni fa un gruppo di 28 genitori, perlopiù cattolici, aveva scritto al preside una lettera in cui chiedevano spiegazioni del perché la festa fosse stata spostata a gennaio mutando il nome in “Festa d’Inverno”. Sono stati loro ad aver sollevato a livello locale il caso, ma scoppiata la bolla mediatica la parola è passata ai politici. Sono convinti che la festa di Natale debba essere fatta come l’anno scorso ma chiedono alla politica di fare un passo indietro.

Paola Piazza è uno dei genitori firmatari di quella lettera, l’intervista a PopSera è di Massimo Alberti:

Paola Piazza Rozzano

 

 

 

  • Autore articolo
    Roberto Maggioni
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di giovedì 26/05/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 26/05/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di giovedì 26/05/2022 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 26/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Il demone del tardi di giovedì 26/05/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 26/05/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di giovedì 26/05/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Esteri – La rassegna stampa dei giornali internazionali - 26/05/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di giovedì 26/05/2022

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 26/05/2022

  • PlayStop

    The Weekly Report di giovedì 26/05/2022

    Ogni settimana un viaggio musica tra presente e passato all’insegna dei suoni di chitarra e la ricerca di grandi melodie.…

    The Weekly Report - 26/05/2022

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mercoledì 25/05/2022

    Dischi nuovi, progetti attivi, concerti imminenti, ospiti appassionati, connessi al più che ampio e molto vivo mondo del Jazz e…

    Jazz Ahead - 26/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di mercoledì 25/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 26/05/2022

  • PlayStop

    Gimme Shelter di mercoledì 25/05/2022

    I suoni dell’architettura. A cura di Roberto Centimeri e Riccardo Salvi.

    Gimme Shelter - 26/05/2022

  • PlayStop

    Il giusto clima di mercoledì 25/05/2022

    Ambiente, energia, clima, uso razionale delle risorse, mobilità sostenibile, transizione energetica. Il giusto clima è la trasmissione di Radio Popolare…

    Il giusto clima - 26/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di mercoledì 25/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 26/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di mercoledì 25/05/2022

    1- Stati Uniti, in Texas la più grande strage di una scuola degli ultimi dieci anni. Un 18enne ha sparato…

    Esteri - 25/05/2022

  • PlayStop

    The Game di mercoledì 25/05/2022

    1) Sono oltre un milione i lavoratori e le lavoratrici del settore agricolo in Italia. Da ieri hanno un nuovo…

    The Game - 26/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di mercoledì 25/05/2022

    Dove si parla dell'ultima orribile challenge che arrivata da Tik Tok, la Boiler Summer Cup. La commentiamo con Silvia Semenzin,…

    Muoviti muoviti - 26/05/2022

  • PlayStop

    Cavalcanti, stracciatella e copyright

    Con Gaia Grassi, Riccardo Burgazzi, Luca Cristiano e Marco Castelletta

    Di tutto un boh - 26/05/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di mercoledì 25/05/2022

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una…

    Considera l’armadillo - 26/05/2022

  • PlayStop

    Jack di mercoledì 25/05/2022

    Carlo Pastore presenta il MIAMI 2022, Niccolò Vecchia intervista Charlotte Adigéry e Bolis Pupol

    Jack - 26/05/2022

  • PlayStop

    Ali di folla

    Quando assegniamo un biglietto capibara su un vassoio d'argento, ci dirigiamo in Calabria a fare incetta di primizie enogastronomiche e…

    Poveri ma belli - 26/05/2022

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 25/05/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare in onda alle 11.30: torniamo al Festival di Cannes, l’artista Patrizio…

    Cult - 26/05/2022

Adesso in diretta