Approfondimenti

Rosa Piro, la mamma di Davide “Dax” Cesare, ricorda Letizia Mosca

Letizia Mosca

Rosa Piro, la mamma di Davide “Dax” Cesare, il giovane ucciso a Milano il 17 marzo 2003 da tre fascisti all’esterno del centro sociale O.R.So., ricorda Letizia Mosca, che per Radio Popolare aveva seguito la vicenda di Dax e l’aveva intervistata nelle settimane successive al delitto.

L’intervista di Lorenza Ghidini e Roberto Maggioni nella trasmissione Prisma.

Lei ha conosciuto Letizia Mosca nella peggiore delle circostanze per un genitore, l’uccisione di un figlio.

Io ho conosciuto Letizia nella settimana dell’assassinio di mio figlio da parte di questi fascisti o nelle settimane successive, i ricordi sono un po’ confusi proprio per l’accaduto. Io ho conosciuto il lato umano di Letizia, credo che quello della giornalista lo conoscano tutti ormai.

Cosa le lascia questo rapporto con Letizia Mosca?

Se io dovessi descrivere Letizia in tre parole direi solare, brava e umana. Lei è venuta a casa mia per farmi un’intervista per Radio Popolare, ma in quel momento non aveva nulla della giornalista. Era una persona che voleva condividere con me il dolore e questo mi ha aiutato molto ad aprirmi con lei, ero sempre restia a parlare coi giornalisti, soprattutto quando venivano a chiedermi come mi sentissi. Come si può sentire una persona in un momento del genere? Letizia mi aveva fatto capire che voleva condividere con me questo dolore. Letizia era umana, oltre che solare.

Aveva avuto un approccio diverso rispetto a tutti gli altri.

Decisamente. Un po’ perché in lei veniva fuori la compagna, la militante. Poi parlando abbiamo scoperto di essere quasi compaesane e forse Letizia veniva da una famiglia abbastanza avanti come idee, tanto è vero che mi rimane una frase che all’epoca, nonostante tutto, era riuscita a farmi ridere. Mi disse che si era sposata abbastanza tardi e che sua nonna le disse: “Letizia, sei arrivata fino a qui per andarti a prendere uno sciancalenzuola“, per dire che poteva rimanere libera, cosa impensabile per la nostra terra.

Quindi vi eravate raccontate anche cose piuttosto personali.

Sì, forse per starmi vicino in quel momento, Letizia aveva capito qual era la chiave per farmi parlare, lì sta anche la bravura della giornalista. L’ho sempre incontrata ai cortei, la vedevo andare avanti e indietro in mezzo ai giovani. Non posso dire di avere avuto un’amicizia forte, ma Letizia Mosca era quella che quando ti incontrava ad un corteo veniva a salutarti ed abbracciarti. Era impossibile dimenticarla. L’ultima volta l’ho vista nel 2018 ad un corteo, è venuta a salutarmi insieme alla sua bambina. L’avevo trovata un po’ stanca, anche se lei parlava con me e cercava di sorridere. Mi dispiace, in quell’occasione, non aver potuto chiederle più profondamente come stava lei. La ricordo così, come una bellissima persona.

(Potete ascoltare l’intervista a partire dal minuto 14)

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di ven 15/01/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 16/01/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di ven 15/01/21 delle 07:15

    Metroregione di ven 15/01/21 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 16/01/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Uno di Due di ven 15/01/21

    Uno di Due di ven 15/01/21

    1D2 - 16/01/2021

  • PlayStop

    Jack di ven 15/01/21

    Jack di ven 15/01/21

    Jack - 16/01/2021

  • PlayStop

    Stay Human di ven 15/01/21

    Stay Human di ven 15/01/21

    Stay human - 16/01/2021

  • PlayStop

    Memos di ven 15/01/21

    Freddo intenso in arrivo nel prossimo fine settimana. Non è la prima volta che succede in questo inverno pandemico. I…

    Memos - 16/01/2021

  • PlayStop

    Lorenzo Marone, La donna degli alberi

    LORENZO MARONE - LA DONNA DEGLI ALBERI - presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 16/01/2021

  • PlayStop

    Cult di ven 15/01/21

    Cult di ven 15/01/21

    Cult - 16/01/2021

  • PlayStop

    C'e' Luce di ven 15/01/21

    Il bilancio del 2020 di Sara Capuzzo, presidente di è nostra, e i programmi per il 2021 della Cooperativa; la…

    C’è luce - 16/01/2021

  • PlayStop

    Fino alle otto di ven 15/01/21

    Fino alle otto di ven 15/01/21

    Fino alle otto - 16/01/2021

  • PlayStop

    Prisma di ven 15/01/21

    Prisma di ven 15/01/21

    Prisma - 16/01/2021

  • PlayStop

    Il Giorno Delle Locuste di ven 15/01/21

    Il Giorno Delle Locuste di ven 15/01/21

    Il giorno delle locuste - 16/01/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di ven 15/01/21

    Il demone del tardi - copertina di ven 15/01/21

    Il demone del tardi - 16/01/2021

  • PlayStop

    Serve And Volley di gio 14/01/21

    Serve And Volley di gio 14/01/21

    Serve&Volley - 16/01/2021

  • PlayStop

    Rotoclassica di gio 14/01/21

    Rotoclassica diventa ROTOSTREAMING..ovvero numerosi esempi di come l'offerta degli spettacoli e dei concerti in rete..sta crescendo in quantità e soprattutto…

    Rotoclassica - 16/01/2021

  • PlayStop

    A casa con voi di gio 14/01/21

    con Alessandro Diegoli - - punto quotidiano con metro..- collegamento con Mark Bernardini..(traduttore e ascoltatore) da Mosca..- Anais sui nuovi…

    A casa con voi - 16/01/2021

  • PlayStop

    Ora di punta di gio 14/01/21

    Ora di punta di gio 14/01/21

    Ora di punta – I fatti del giorno - 16/01/2021

  • PlayStop

    DeGenerazione. Racconti dal lato oscuro.

    degenerazione, Margherita Fruzza, giovani, sessismo, parità, genere, DAD, Lecco, scuola, distanza, movimento, marco brambilla

    1D2 - 16/01/2021

  • PlayStop

    Sunday Blues di gio 14/01/21

    Sunday Blues di gio 14/01/21

    Sunday Blues - 16/01/2021

Adesso in diretta