Approfondimenti

Rischio colera, la malattia dei poveri

Continua a salire il numero dei morti ad Haiti. L’ultimo bilancio ha superato abbondantemente la cifra di 900 vittime per le quali sono stati dichiarati tre giorni di lutto nazionale.  Aumenta anche il numero delle persone che hanno perso tutto ed hanno bisogno di assistenza totale. Almeno 350 mila sono raccolte in campi di fortuna dove non c’è ancora nulla di organizzato.

Questa promiscuità e la mancanza di igiene, di latrine, di acqua potabile rischia di far esplodere le epidemie, in particolare quella di colera. Ad Haiti il colera c’è da quando fu devastata dal terremoto del 2010. Da allora avrebbe fatto almeno diecimila morti.

Ora c’è il rischio che i danni provocati dall’uragano facciano registrare un nuovo picco di questa malattia che, allora come adesso, è provocata da un batterio che si annida nell’acqua inquinata. Un paradosso perché per curare il colera basterebbe dell’acqua potabile ma ad Haiti l’acqua manca anche in condizioni di normalità, figuriamoci col terremoto o con l’uragano.

I morti per il colera, che non è altro che una grave disidratazione provocata da violente scariche di diarrea o di vomito, sono, dunque, più che il prodotto di un batterio il frutto di una estrema povertà.

Per curare un malato di colera molto spesso basta solo idratarlo per via orale, cioè farlo bere acqua pulita. Ma anche questo bene essenziale, semplice, banale, ad Haiti manca.  Le grandi agenzie umanitarie hanno già lanciato l‘allarme perché è quasi certo che l’epidemia esploderà nelle disperate condizioni igieniche nelle quali la gente è costretta a vivere.

Per curare la malattia basta aggiungere ad un litro d’acqua mezzo cucchiaino di sale, sei di zucchero e mezza banana schiacciata. Un rimedio semplice, alla portata di tutti. Peccato che manchi quel maledetto litro di acqua potabile.

  • Autore articolo
    Raffaele Masto
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di gio 13/08

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 13/08/2020

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Jazz Ahead 86

    Playlist: 1. Street Dreams, Kamaal Williams, Wu Hen, Black Focus, 2020 2. 1989, Kamaal Williams, Wu Hen, Black Focus, 2020…

    Jazz Ahead - 13/08/2020

  • PlayStop

    50 Special di gio 13/08

    50 Special di gio 13/08

    50 Special - 13/08/2020

  • PlayStop

    Red Beans 6 - 13/08/20

    la musica black a Radio Popolare... Soul, funky, RandB, hip hop e le tradizionali rubriche: black lives matter corner, i…

    Red beans - 13/08/2020

  • PlayStop

    Magic Box di gio 13/08

    Magic Box di gio 13/08

    Magic Box - 13/08/2020

  • PlayStop

    Note dell'autore - 13/08/20

    ROCCO TANICA - LO SBIANCAMENTO DELL'ANIMA - presentato da FLORENCIA DI STEFANO-ABICHAIN

    Note dell’autore - 13/08/2020

  • PlayStop

    LOGOS: La Bella Estate: You Know Nothing 4 - Africa

    a cura di Riccardo Salvi e Roberto Centimeri. Ma gli architetti e i musicisti africani, dunque, esistono? ..Kizz Daniel_Ayee..Bob Marley_Redemption…

    Logos - 13/08/2020

  • PlayStop

    La Febbra di gio 13/08

    La Febbra di gio 13/08

    La febbra - 13/08/2020

  • PlayStop

    Prisma di gio 13/08

    Prisma di gio 13/08

    Prisma - 13/08/2020

  • PlayStop

    A casa con voi di mer 12/08

    con Matteo Villaci. - associazione Loto, onlus che organizza viaggi nazionali e internazionali di cooperazione..- Andrea Cegna in diretta dal…

    A casa con voi - 08/12/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 12/08

    Ora di punta di mer 12/08

    Ora di punta – I fatti del giorno - 08/12/2020

  • PlayStop

    Tamarindo di mer 12/08

    Tamarindo di mer 12/08

    Tamarindo - 08/12/2020

  • PlayStop

    Riff Raff di mer 12/08

    Riff Raff di mer 12/08

    Riff Raff - 08/12/2020

Adesso in diretta