Approfondimenti

Ricchissimi e cattivi, arriva la terza serie di “Succession”

Famiglie ricchissime e numerose sono da sempre protagoniste ricorrenti della serialità televisiva, in particolar modo nella soap opera e negli show che a una soap opera assomigliano: fin dai tempi di Dallas e Dynasty, la lotta per il controllo di imprese o eredità milionarie garantisce automaticamente un’alta dose di melodramma, un susseguirsi di tradimenti, alleanze e pugnalate alle spalle, insomma, ampio materiale narrativo. C’è però, quasi sempre, anche un doppio piacere opposto, più o meno nascosto: per la maggior parte degli spettatori, si tratta anche di spiare la grandiosità di vite inaccessibili, magari sospirando d’invidia e poi consolandosi con la consapevolezza che, sì, “anche i ricchi piangono”. Negli ultimi anni, però, è emersa qualche narrazione che, pur non rinunciando al piacere di cui sopra, prova ad adottare con i ricchi in questione uno sguardo più critico, e a proporlo, di conseguenza, al pubblico. Invece che ammirarne il privilegio, si cerca di esporlo, di identificarlo come forma spietata e inaccettabile di oppressione: «Non hai fatto le scelte giuste, hai avuto le possibilità giuste» spiega duramente Mia, nera e povera, alla bianca e privilegiata Elena nella miniserie di Prime Video “Little Fires Everywhere”. Sulla piattaforma Infinity è arrivata da qualche mese “Schitt’s Creek”, comedy di grandissimo successo e vincitrice di un numero record di Emmy, che in Italia era ancora inedita, nonostante ben sei stagioni: la storia è quella di una famiglia di miliardari, stupidi, meschini e scollegati dalla realtà, che perde tutto, si trasferisce in un paesino nel mezzo del nulla e impara, con molta fatica, un minimo sindacale di empatia. E la scorsa estate è andata in onda, anche qui in Italia su Sky, “The White Lotus”, una dramedy ambientata in un lussuosissimo resort delle Hawaii, capace di mettere in luce impietosamente l’ignoranza, l’egoismo e la crudeltà che un’esistenza immersa nel privilegio produce nei confronti del resto del mondo – soprattutto, in questo caso, nei confronti della popolazione indigena che, occupando solo ruoli di servizio per i ricchi clienti bianchi, vive un’ennesima forma di colonizzazione.
La serie che più di tutte, però, porta avanti questo discorso è “Succession”, di cui dal 29 novembre è in onda su Sky e Now la terza, attesa, stagione, dopo una pausa di un anno causa COVID-19. Creata da una penna inglese, Jesse Alexander, e prodotta dall’americano Adam McKay – di cui sta per uscire su Netflix il film “Don’t Look Up” con Leonardo DiCaprio, Jennifer Lawrence e Meryl Streep -, “Succession” è la storia della famiglia Roy, fittizia ma modellata su grandi dinastie delle telecomunicazioni come i Murdoch, e in questa terza annata la vediamo spaccarsi nello scontro testa a testa tra il patriarca Logan (interpretato dal grande attore shakespeariano Brian Cox) e uno dei figli, l’ex erede designato Kendall (Jeremy Strong, che ha vinto un Emmy per il ruolo).
La trama è la stessa delle molte soap di cui parlavamo all’inizio: un impero economico e finanziario, e una famiglia numerosa (compresi anche i membri acquisiti, i vassalli, gli alleati) che si sbrana per il suo possesso. Ma “Succession”, ogni stagione più della precedente, dimostra di avere un’anima satirica affilata, uno sguardo impietoso su personaggi consumati dal desiderio di potere e, ancora una volta, dal loro stesso privilegio: incapaci di sincerità, costantemente impegnati in strategie per fregare i membri della propria famiglia, e incessantemente assediati dai “nemici” esterni che vogliono far loro le scarpe – siano essi le altre imprese concorrenti, l’FBI, la politica, l’opinione pubblica. Se Succession funziona, però, è anche perché non si tratta di un semplice ritratto manicheo intento a dipingere i ricchi come cattivi imperscrutabili e lontani: tra le tante risate che i loro comportamenti ridicoli ci fanno fare, si annida anche la consapevolezza che, dalla tossicità del privilegio, nessuno è immune. Come ci comporteremmo, noi, in questo gioco dei troni? La risposta è meno semplice di quel che vorremmo, e ci punge sul vivo.

  • Autore articolo
    Alice Cucchetti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mer 26/01/22

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 27/01/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 26/01/22 delle 19:49

    Metroregione di mer 26/01/22 delle 19:49

    Rassegna Stampa - 27/01/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News Della Notte di mer 26/01/22

    News Della Notte di mer 26/01/22

    News della notte - 27/01/2022

  • PlayStop

    Gimme Shelter di mer 26/01/22

    Gimme Shelter di mer 26/01/22

    Gimme Shelter - 27/01/2022

  • PlayStop

    Il giusto clima di mer 26/01/22

    Il giusto clima di mer 26/01/22

    Il giusto clima - 27/01/2022

  • PlayStop

    Presi per il colle di mer 26/01/22 delle 20:31

    Presi per il colle di mer 26/01/22 delle 20:31

    Presi per il Colle - 27/01/2022

  • PlayStop

    Memorie d'inciampo

    Il podcast di Radio Popolare dedicato al Giorno della Memoria e alle donne deportate che hanno raccontato i campi e…

    Clip - 26/01/2022

  • PlayStop

    Esteri di mer 26/01/22

    ..1- A Parigi prove di dialogo tra russi e ucraini per tentare di allentare le tensioni. ..Attesa per il Vertice…

    Esteri - 27/01/2022

  • PlayStop

    The Game di mer 26/01/22

    //Utili, dal 2019 tre anni di segno più per le aziende quotate in borsa. E il 2021 ha superato perfino…

    The Game - 27/01/2022

  • PlayStop

    Muoviti muoviti di mer 26/01/22

    Dove si parla di quanto si discute sui posti di lavoro, di svago e di vita dell'elezione per il Presidente…

    Muoviti muoviti - 27/01/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di mer 26/01/22

    Di tutto un boh di mer 26/01/22

    Di tutto un boh - 27/01/2022

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mer 26/01/22

    Si parla con Devin Debianchi artista del Circus Atmosphere, il circo che non sfrutta gli animali, ma con tecniche avanzate…

    Considera l’armadillo - 27/01/2022

  • PlayStop

    Presi per il colle di mer 26/01/22 delle 15:37

    Presi per il colle di mer 26/01/22 delle 15:37

    Presi per il Colle - 27/01/2022

  • PlayStop

    Jack di mer 26/01/22

    Jack di mer 26/01/22

    Jack - 27/01/2022

  • PlayStop

    Diretti e montanti

    quando, assordati dai continui do di petto del misterioso melomane, organizziamo il primo torneo pugilistico sovracomunale dei pesi eccessivi e…

    Poveri ma belli - 27/01/2022

  • PlayStop

    Presi per il colle di mer 26/01/22 delle 12:48

    Presi per il colle di mer 26/01/22 delle 12:48

    Presi per il Colle - 27/01/2022

  • PlayStop

    Cult di mer 26/01/22

    ira rubini, cult, concerto conservatorio, giorno della memoria 2022, lydia cevidalli, architetto de santis, memoriale della shoah, daniele coluccini, c'è…

    Cult - 27/01/2022

  • PlayStop

    Hexagone di mer 26/01/22

    Nella nuova puntata di Hexagone celebriamo La Giornata della Memoria con qualche ora di anticipo. Abbiamo cercato le migliori canzoni…

    Hexagone - 27/01/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di mer 26/01/22

    Tutto scorre di mer 26/01/22

    Tutto scorre - 27/01/2022

  • PlayStop

    Prisma di mer 26/01/22

    Quirinale, trattative difficili. Ne parliamo con il deputato PD Emanuele Fiano e la senatrice M5S Alessandra Maiorino. Covid, la variante…

    Prisma - 27/01/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mer 26/01/22

    Il demone del tardi - copertina di mer 26/01/22

    Il demone del tardi - 27/01/2022

Adesso in diretta