Approfondimenti

L’addio a Giampiero Galeazzi, la quarta ondata di Covid in Europa e le altre notizie della giornata

galeazzi ANSA

Il racconto della giornata di venerdì 12 novembre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. L’addio a Giampiero Galeazzi, amato telecronista sportivo, morto a 75 anni. L’Europa fronteggia la quarta ondata di Covid tra corsa alla terza dose di vaccino e restrizioni. A Glasgow i negoziatori di tutti i Paesi cercano l’accordo finale in chiusura della Cop 26. Cresce la tensione nelle forze politiche in vista dell’elezione del Presidente della Repubblica. Nell’ormai consueto sabato di proteste no-green pass di Milano sarà consentito solo un sit-in. 

È morto Giampiero Galeazzi

Addio a una delle voci storiche del giornalismo sportivo italiano. Giampiero Galeazzi è morto all’età di 75 anni, da tempo soffriva di una grave forma di diabete.

Prima atleta azzurro e poi commentatore della sua più grande passione sportiva, il canottaggio, la sua telecronaca rese memorabile il trionfo olimpico dei fratelli Giuseppe e Carmine Abbagnale e del timoniere Peppiniello di Capua a Seoul 88.

Senza mai abbandonare il suo sport, che avrebbe commentato fino alle olimpiadi di Atene 2004, per anni Galeazzi è stato anche la voce di tennis e calcio, diventando conduttore di Novantesimo Minuto, la celebre trasmissione RAI sul campionato di Serie A.

Da Franco Baresi a Valentina Vezzali, sono stati centinaia gli omaggi e i messaggi di commozione ed affetto dopo la notizia della sua morte. Abbiamo intervistato la voce di Tutto il Calcio Minuto per Minuto, il suo collega e amico Riccardo Cucchi:

 

L’Europa è nel pieno della quarta ondata di Covid

La situazione è molto preoccupante in 10 Paesi. L’allarme è stato lanciato dal Centro Europeo per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie.
I Paesi dove la situazione si fa sempre più critica, per numero di casi, ricoveri e decessi, sono : Belgio, Polonia, Paesi Bassi, Bulgaria, Croazia, Repubblica Ceca, Estonia, Grecia, Ungheria e Slovenia.
In Austria il governo potrebbe annunciare nelle prossime ore un lockdown per i non vaccinati, il via libera formale è atteso per domenica e dovrebbe entrare in vigore già lunedì. Ha annunciato il premier Alexander Schallenberg. I non vaccinati potranno uscire di casa solo per andare al lavoro e per acquistare beni di prima necessità.

Anche in Italia i dati confermano un peggioramento. Lo ha certificato il monitoraggio settimanale dell’istituto superiore di sanità. “In tutte le Regioni c’è un aumento della circolazione del virus l’andamento è in crescita anche se meno che in altri Paesi Europei ” ha dichiarato oggi il presidente dell’Istituto superiore di sanità, Silvio Brusaferro.

L’incidenza settimanale di casi è arrivata a 78 per 100mila abitanti contro 53 della scorsa settimana. Sale anche l’indice di trasmissibilità Rt. In crescita ma ancora sotto il livello di guardia i ricoveri ordinari e le terapie intensive, fatta eccezione per Friuli Venzia Giulie e Marche che superano il limite del 10% dei ricoveri in rianimazione.
Abbiamo fatto un punto sulla situazione nelle Marche con il dottor Stefano Menzo, direttore della Virologia dell’ospedale di Torrette di Ancona:

Negoziati non stop nell’ultima giornata di COP26

Oggi è l’ultimo giorno dei negoziati a Glasgow per trovare un accordo al termine della COP26, ma il presidente della cop Alok Sharma ha detto che i negoziati continueranno per tutta la notte.
Intanto oggi è circolata una seconda bozza dell’accordo finale, nella quale si indica come priorità l’accelerazione su rinnovabili e l’ eliminazione del carbone. E’ sparita però l’indicazione del limite del 2023 per attivare il fondo da 100 miliardi di dollari l’anno per i Paesi meno sviluppati.
Cosa significa? Ne abbiamo parlato con il nostro collaboratore Andrea di Stefano:

 

La partita di poker per il Quirinale

(di Anna Bredice)

Parafrasando il titolo di un film, si potrebbe dire “i partiti sull’orlo di una crisi di nervi” e di tempo ne manca tanto alle prime votazioni per il capo dello Stato. Forse è per questo che Enrico Letta tenta di mostrare una calma apparente, è l’unico al momento, una calma che sembra del tutto surreale rispetto alle voci, alle tensioni e agli interrogativi che sono diventati ancora più densi dopo le parole di Mattarella.

E in questo clima, a rendere tutto ancora più surreale ci si è messo il barista della signora Draghi che ad “Un giorno da pecora” ha raccontato che la signora gli avrebbe dato già per scontato che il marito sarebbe pronto a traslocare al Quirinale. Il marito, Mario Draghi, chiuso in un silenzio che nessuno ormai sa più come interpretare, certamente non è una persona pronta a dichiarare pubblicamente di essere disponibile, anche perché se venisse bocciato nel segreto del voto, per lui sarebbe uno smacco gravissimo e chissà se potrebbe considerare questo quasi come una sfiducia e dimettersi.

Nel Pd soprattutto, ma anche in chi teme molto il voto anticipato, non hanno rinunciato del tutto all’ipotesi doppio mandato di Mattarella, evidenziando che al massimo sarebbe inopportuno rimanere al Quirinale, ma non incostituzionale, perché la Costituzione non lo vieta.

In questo caos, emergono altri nomi. Se Draghi dicesse un netto no, potrebbero salire le quotazioni di Giuliano Amato, è uno dei nomi che potrebbe fare il Pd, che potrebbe trovare il consenso di Forza Italia e magari di una parte della Lega, quella meno sovranista. A lavorare per questa ipotesi potrebbe esserci Gianni Letta, quando Berlusconi avrà capito che la sua candidatura non è realistica e dovrà pensare a quale nome sia il più utile a conservare il suo ruolo e soprattutto le sue aziende. Gianni Letta da decenni è il diplomatico per eccellenza, primo consigliere di Berlusconi, ma stimato anche da Draghi, è l’uomo del dietro le quinte, del patto del Nazareno e degli accordi trasversali. Più facile questo ruolo per lui, più che di essere il candidato al Colle, e poi dice qualcuno nel Pd: sarebbe inelegante per noi votare lo zio del segretario.

Milano, per i no green pass concesso solo un presidio statico

(di Luca Parena)

Senza preavviso, niente cortei per le vie della città. Alla vigilia del 17esimo sabato di proteste No Green Pass, è questa la decisione che arriva dal Comitato per l’ordine e la sicurezza convocato dal prefetto di Milano. Nelle intenzioni, quindi, per la nuova prevedibile iniziativa dei No Pass sarà consentito solo un presidio statico, nessuno spostamento improvvisato come accaduto nei fine settimana degli ultimi quattro mesi.

Più in generale, per le manifestazioni preavvisate, i cortei saranno consentiti solo con precise assunzioni di responsabilità degli organizzatori e comunque con la facoltà per la questura di dare eventuali prescrizioni. Tradotto: se i No Green Pass continueranno a non avere un’organizzazione chiara non saranno possibili eccezioni ai sit-in.

Sui gruppi social e nelle chat No Pass circolano generici inviti a “disobbedire al divieto di manifestare” e a intensificare le proteste anche durante la settimana. Appelli da prendere con le pinze dato che in calce a questi comunicati non ci sono firme e talvolta sono semplicemente rilanciati dai vari gruppi.

Per il pomeriggio di domani a Milano l’unica certezza è l’affine iniziativa statica delle 15 all’Arco della Pace. A tenere banco sarà il presidente del Children Health Defense, Robert Kennedy jr., nipote di John Fitzgerald e presidente di questo comitato che dal nome riecheggia gli appelli a proteggere i bambini da non meglio precisate offensive alla loro salute. I No Green Pass potrebbero dividersi tra l’Arco della Pace e il solito ritrovo in piazza Fontana. Solo che questa volta da lì non si dovrebbero spostare.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR mercoledì 28/02 13:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 28-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 28/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 28-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 28/02/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 28-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 28/02/2024

    Oggi a Cult: la stand up comedian Giorgia Fumo con lo show "Vita bassa" al TAM Arcimboldi; Giovanni Piperno sul film "16 mm alla rivoluzione"; la mostra "Mariella Bettineschi. All in one" a Triennale Milano; Muta Imago a Triennale Teatro con "Tre sorelle; Marco Pesatori sul suo libro "Astrologia per intellettuali" (Mimesis)...

    Cult - 28-02-2024

  • PlayStop

    Pubblica di mercoledì 28/02/2024

    Draghi, candidato regista dell’Europa che verrà. L’ex presidente della Bce – che da Francoforte ha contribuito a dare forma all’Europa di oggi – appare sempre intenzionato a disegnare il profilo dell’Europa del futuro, da posizioni di primissimo piano nell’UE. Si moltiplicano i suoi interventi, l’ultimo ieri durante l’incontro con i presidenti delle commissioni del parlamento di Strasburgo. “Per favore, fate qualcosa. Non si può dire sempre di no”, ha detto Draghi. Secondo l’ex capo del governo italiano il modello di sviluppo dell’Europa degli ultimi decenni (costruito sui prezzi stracciati del gas russo , sulle esportazioni cinesi e sotto l’ombrello militare americano) è andato in crisi. Se l’Europa non vuole perdere la partita della competitività con Stati Uniti e Cina deve prepararsi ad un massiccio piano di investimenti, pubblici e privati. E includere la spesa militare e la difesa comune tra le priorità. Per Draghi l’Europa deve trasformarsi sempre di più in uno stato oppure non avrà futuro. Pubblica oggi ha ospitato l’economista Andrea Roventini, della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, e Lucia Tajoli, economista del Politecnico di Milano e collaboratrice dell’Ispi.

    Pubblica - 28-02-2024

  • PlayStop

    Tutto scorre di mercoledì 28/02/2024

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 28-02-2024

  • PlayStop

    Prisma di mercoledì 28/02/2024

    PRIMARIE DEMOCRATICI IN MICHIGAN, SEGNALI NEGATIVI PER JOE BIDEN con Roberto Festa - LE TRATTATIVE PER IL CESSATE IL FUOCO A GAZA con Cristian Elia giornalista, autore di “J'accuse. Gli attacchi del 7 ottobre, Hamas, il terrorismo, Israele, l'apartheid in Palestina e la guerra” con Francesca Albanese, relatrice speciale Onu per i diritti umani in Palestina - ARIA INQUINATA, STATO DI EMERGENZA IN REGIONE LOMBARDIA? con Alessandro Braga, Simone Negri consigliere regionale PD e Michela Palestra consigliera regionale Patto Civico - FRANA NELLA NOTTE IN VALMALENCO, RIAPERTA LA STATALE aggiornamenti con Giovanni Gianotti sindaco di Torre Santa Maria (SO) - CASO IUVENTA, ULTIME UDIENZE PRELIMINARI: ANDRANNO A PROCESSO? con Francesca Cancellaro, avvocata del team legale Iuventa. In studio Lorenza Ghidini, in redazione Massimo Alberti

    Prisma - 28-02-2024

  • PlayStop

    GIULIA CORSALINI - LA CONDIZIONE DELLA MEMORIA

    GIULIA CORSALINI - LA CONDIZIONE DELLA MEMORIA - presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 28-02-2024

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mercoledì 28/02/2024

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni - per informarvi sui principali avvenimenti internazionali e su tutto quanto resta fuori dagli spazi informativi più consueti. Particolare attenzione ai temi delle libertà e dei diritti.

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 28-02-2024

  • PlayStop

    PoPolaroid di martedì 27/02/2024

    La prima volta che ho ascoltato I’m your man, era un grigio, piovoso e ventoso pomeriggio di novembre. La persiana sbatteva rumorosamente, e con il cuore che era in frantumi invece di alzarmi per affrancarla al battente, alzavo il volume del giradischi. Nel 1988 c'era ancora il giradischi, chiamato "stereo" per fare più bella figura. La voce sensuale e malinconica di Leonard Cohen riempiva la stanza. Cantava di un uomo disposto a indossare qualsiasi maschera per il suo amore. Pochi giorni prima, il mio mi aveva lasciato e come cantava Cohen, avrei fatto qualsiasi cosa per farla tornare. Avrei indossato qualunque maschera, avrei voluto essere tutto ciò che lei avesse desiderato. Ma era troppo tardi. Troppi errori e promesse non mantenute. In quella stanza dalle pareti verdi, con il fantasma dei miei 31 anni che mi tormentava, ho ascoltato quella canzone ininterrottamente, chiedendomi quale maschera avrei dovuto indossare per riportarla a me. Poi, all'improvviso, ho realizzato: "Forse non dovrei indossare nessuna maschera". Mi sono alzato e sono andato alla finestra per fermare la persiana. Playlist: I’m Your Man - Famous Raincoat Blue - Leaving The Table - Chelsea Hotel - On The Level - Almost Like The Blues - Hey, That’s No Way To Say Goodbye - You Got Me Singing - If I Didn’t Have Your Love - Take This Walz

    PoPolaroid – istantanee notturne per sognatori - 27-02-2024

  • PlayStop

    News della notte di martedì 27/02/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 27-02-2024

  • PlayStop

    L'altro martedì di martedì 27/02/2024

    Speciale Associazioni Cosa vuol dire essere non binario? Ci sono associazioni a Milano che hanno gruppi non-binary? Ne parliamo con Vitto e il Team Gruppo Non-Binary del CIG Arcigay Milano nato nel 2023 e che organizza diverse attività per chi abbraccia l'identità di genere non binaria o, semplicemente, vuole conoscere meglio il tema. https://www.instagram.com/nonbinary.cigarcigaymilano/ nonbinary@arcigaymilano.org

    L’Altro Martedì - 27-02-2024

Adesso in diretta