Approfondimenti

Gli ospedali a dura prova per la crescita dei ricoveri, la ripresa della scuola, le inefficienze della sanità lombarda e le altre notizie della giornata

ritorno a scuola

Il racconto della giornata di venerdì 7 gennaio 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Il diffondersi della variante Omicron del coronavirus dipinge orizzonti di grande preoccupazione per l’affollamento negli ospedali, in particolare nei reparti ordinari. Anche la scuola, che il governo pare irremovibile nella volontà di far ripartire il 10 gennaio, è un fronte caldo per la gestione della pandemia. La sanità lombarda si dimostra sempre più un terreno per esercitare privilegi per chi se lo può premettere economicamente: tra gli stessi servizi si misurano in svariati giorni le differenze nella velocità di erogazione tra utenti privati e “mutuati”. La città di Bologna si stringe attorno alla famiglia di Michele Ammendola, attivista antimafia e antifascista, prematuramente scomparso. Braccio di Ferro tra gli avvocati di Djokovic e le autorità australiane, in attesa del pronunciamento del tribunale sulla partecipazione del tennista numero uno del mondo al primo torneo del Grande Slam del 2022.

I dati sul contagio e la preoccupazione per ospedali e scuole

L’epidemia in Italia: sono ancora vicini ai 200mila i nuovi contagi in 24 ore. Precisamente oggi il bollettino riporta 197.552 casi. Il tasso di positività è al 16,2%, in calo rispetto al 22% di ieri. Le vittime sono invece 184, in calo rispetto a ieri, quando erano state 223. 

La situazione dunque si conferma critica: il tracciamento dei contagi è praticamente saltato, di fronte ai numeri così grandi della variante Omicron. Il peso sugli ospedali cresce. La preoccupazione è grande anche per la scuola, in vista della riapertura di lunedì.

Restiamo per il momento sui numeri. Le proiezioni dicono che a questo ritmo, in poche settimane saremo di fronte a cifre ancora più imponenti. Il fisico Giorgio Sestili, curatore dell’osservatorio “Coronavirus – Dati e analisi scientifiche” 

I pazienti in terapia intensiva, 58 in più in 24 ore. I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 339 in più rispetto a ieri. E’ vero che i vaccini danno protezione dalla malattia grave e che la Omicron sembra avere effetti meno forti delle varianti precedenti. Tuttavia con questi numeri la situazione degli ospedali è destinata ad aggravarsi. Sentiamo ancora Giorgio Sestili.

Tutti contro il governo sulla ripresa della scuola

(di Chiara Ronzani)

Da un lato c’è il governo deciso a tenere fermo il punto della didattica in presenza. Dall’altro le regioni, in particolare quelle del Sud, che temono un disastro sanitario e hanno deciso di rinviare il rientro: oggi la Sicilia ha annunciato uno slittamento di tre giorni, dopo che la Campani aveva fissato in una ordinanza il 31 gennaio. Anche il presidente pugliese Emiliano ha detto che le regioni hanno tentato in tutti i modi di posticipare la ripresa per le scuole dell’infanzia e primarie, in cui i vaccinati sono ancora pochi. 

Critici anche molti sindaci, l’ordine dei medici e i sindacati. Un incontro stamattina tra rappresentanti dei lavoratori e governo non è stato risolutivo: c’è il problema delle mascherine che ancora non sono ovunque disponibili, dei controlli che i dirigenti scolastici dovranno fare sugli studenti in caso di due positivi, e sapere se sono o meno vaccinati è un dato sensibile. Il ministero ha stabilito che saranno autorizzati a chiederlo, ma domandarlo alle famiglie non sarà semplice. Meglio chiederlo alle autorità sanitarie, ma questo non sarà automatico e dunque? E dunque i tempi rischiano di diventare lunghi e l’efficacia del sistema dubbia. E poi i tamponi: tanti quelli che dovranno essere fatti per la cosiddetta autosorveglianza. Il ministero ha detto che saranno gratuiti con la ricetta del medico di base, ma sappiamo che il sistema di tracciamento è in tilt, sarà in grado di sopportare le richieste provenienti dalle scuole?

L’impressione dei sindacati è che si sia atteso troppo e che, ora che il rientro si avvicina, la scuola sia disarmata davanti all’ondata di contagi che sta arrivando. 

L’associazione nazionale presidi ha provato a fare una stima: l’ipotesi è che siano 100mila i lavoratori della scuola che lunedì non potranno essere in aula a causa di positività o quarantena, e a breve le classi in dad potrebbero essere decine di migliaia.

Sanità Lombarda: veloce per i ricchi, inefficiente per tutti gli altri

(di Massimo Alberti)

Quarantene tagliate, possibilità di muoversi anche per chi ha avuto contatti con i positivi: le nuove regole del governo sono focalizzate a non rallentare la produzione, all’efficienza. A chiederle per prime molte regioni. Eppure poi, se hai sintomi, anche lievi, e il tuo medico di base ti ha prescritto un tampone col servizio sanitario, puoi anche aspettare per 4-5 giorni l’esito, forse prendendo in parola il commissario Figliuolo secondo cui, se si sta in fila per i saldi si può fare anche per i tamponi.

Succede, ancora una volta, in Lombardia. Esiti del tampone molecolare in 36-48 ore, ti dicono appena lo fai. Eppure c’è chi in casa lo attende appunto da 4 o anche 5 giorni, prima di vedere il referto sul fascicolo sanitario elettronico, e sui social le testimonianze e le proteste si moltiplicano. Chi scrive, ne è coinvolto in prima persona, in attesa del referto da quasi 4 giorni.

Ma naturalmente non è così per tutti. Per chi va al nuovo hub di Rho, con prescrizione e senza appuntamento, ce la si cava, si fa per dire, con qualche ora di coda in auto al drive trough per fare il test. Ad eseguire i tamponi, per conto della Regione, è un soggetto privato: il gruppo San Donato, tra i colossi della sanità privata in Lombardia. Le ore e i giorni passano, ma il referto non arriva. Salvo poi vedere, sul loro sito, che lo stesso Gruppo San Donato incaricato dalla regione per il sevizio pubblico, se gli paghi dai 120 ai 145 euro, il referto del tampone molecolare fatto privatamente te lo fa arrivare anche in 1 o 2 ore, dichiarano.

È la solita storia della sanità lombarda: se hai i soldi, e paghi, hai visite e referti in tempi brevi. Altrimenti, aspetti. Alla faccia di efficienza e produttività.

Bologna in lutto per la scomparsa dell’attivista antimafia Michele Ammendola

Si chiamava Michele Ammendola e a Bologna era molto conosciuto: è morto a 46 anni dopo aver dato a vita a un progetto sociale che ha il suo centro nella pizzeria “Porta Pazienza”. Un simbolo della lotta alla mafia, dell’antifascismo e per l’inclusione sociale. Nel suo locale ha sempre dato lavoro ai più fragili, usando prodotti che provenivano dalle terre confiscate alle organizzazioni criminali.
Cordoglio in città di tante persone e attivisti che lo hanno conosciuto, dell’associazione Libera e del sindaco Matteo Lepore.

Il ricordo di Detjon Begaj, consigliere comunale e attivista bolognese:

Il caso Djokovic diventa un braccio di ferro burocratico

(di Guglielmo Vespignani)

Il caso in corso tra il tennista numero uno al mondo Novak Djokovic e il governo australiano ha sempre più l’aspetto di un testa a testa in singolo ancora molto lontano dalla palla-set.

Nelle ultime ore è spuntato fuori un nuovo documento, l’esenzione vaccinale dovuta all’infezione da covid-19, che spiegherebbe, secondo i legali, il motivo per cui il campione serbo si sarebbe recato in Australia sicuro di giocare, pur non essendo vaccinato. Ma andiamo con ordine, in questa partita dove i dritti, i rovesci e le volé hanno assunto la forma dei botta e risposta diplomatici.

Il 4 gennaio Djokovic annuncia di aver ottenuto l’esenzione dal vaccino, e che quindi sarà presente agli Australian Open. Vola quindi verso l’Australia, ma alle 23.30 locali, quando atterra a Tullamarine, viene bloccato dalla polizia di frontiera e trattenuto in aeroporto per circa otto ore, scatenando anche l’ira del padre Sribjan e dei tifosi del tennista, che nelle ore successive scendono a protestare in piazza a Belgrado.

L’esenzione non viene riconosciuta, perciò Djokovic viene trasferito in un in una struttura per gli immigrati in quarantena a Melbourne, il Park Hotel, dove attende tuttora le decisioni delle autorità.

Ora arriva questo certificato di guarigione, per il quale, sempre secondo i suoi avvocati, Djokovic avrebbe già ricevuto nelle scorse settimane un documento del Department of Home Affairs australiano che attesterebbe come, in base alle risposte fornite, il tennista fosse in possesso dei requisiti per entrare nel Paese senza l’obbligo di quarantena.

Un disguido nato probabilmente da una mail di Tennis Australia, datata 7 dicembre 2021, che informava gli atleti guariti dal covid che avrebbero potuto partecipare al torneo anche se non vaccinati e richiedeva loro di inviare la documentazione. Ma in quella data il governo australiano aveva già comunicato agli organizzatori del torneo che la vaccinazione, per entrare in Australia, sarebbe stata comunque richiesta.

In questo storico qui-pro-quo, il tie break arriverà lunedì con la decisione del tribunale, che si dovrà pronunciare sul ricorso degli avvocati contro lo stop a Djokovic, e decidere se il campione serbo potrà giocare o meno gli Australian Open.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR martedì 28/05 8:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 28-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di martedì 28/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 28-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di martedì 28/05/2024 delle 7:16

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 28-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di martedì 28/05/2024

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni - per informarvi sui principali avvenimenti internazionali e su tutto quanto resta fuori dagli spazi informativi più consueti. Particolare attenzione ai temi delle libertà e dei diritti.

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 28-05-2024

  • PlayStop

    Non vedo l'ora di martedì 28/05/2024

    Non Vedo l'Ora, ma nonostante questo iniziamo con calma! Poi appena riprendiamo conoscenza, dopo un caffè, due chiacchiere e della buona musica, vi racconto le cose per cui NON VEDO L'ORA di stare ogni giorno con voi!!

    Non vedo l’ora - 28-05-2024

  • PlayStop

    Jazz Anthology di lunedì 27/05/2024

    Come suggerisce il titolo della trasmissione, presente nel palinsesto di Radio Popolare fin dagli inizi, Jazz Anthology ripercorre la ormai lunga vicenda del jazz proponendone momenti e artisti salienti. Al di là della varietà delle sue forme, per Jazz Anthology questo genere è un fenomeno unitario di innovazione musicale in rapporto con una tradizione di matrice neroamericana. Jazz Anthology vuole quindi valorizzare sia la pluralità degli aspetti del jazz che la continuità della sua storia, dedicando la propria attenzione a tutte le epoche di questa musica, dal New Orleans al bebop, fino alle espressioni più audaci degli ultimi decenni. Il programma si articola soprattutto in serie di trasmissioni a carattere monografico, con l’intenzione – in un contesto mediatico che al jazz dà pochissimo spazio e in modo molto dispersivo – di dare così un contributo alla diffusione di una effettiva cultura del jazz. La sigla di Jazz Anthology è Straight Life (Art Pepper), da Art Pepper meets The Rhythm Section (1957, Contemporary/Original Jazz Classics)

    Jazz Anthology - 27-05-2024

  • PlayStop

    News della notte di lunedì 27/05/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 27-05-2024

  • PlayStop

    La Pillola va giù di lunedì 27/05/2024

    Una trasmissione settimanale  a cura di Anaïs Poirot-Gorse con in regia Nicola Mogno. Una trasmissione nata su Shareradio, webradio metropolitana milanese in questo momento di emergenza, cercando di ridare un spazio di parola a tutti i ragazzi dei centri di aggregazione giovanili di Milano con cui svolgiamo regolarmente laboratori radiofonici.

    La Pillola va giù - 27-05-2024

  • PlayStop

    Il Suggeritore Night Live di lunedì 27/05/2024

    Il Suggeritore, la storica trasmissione di teatro di Radio Popolare, ha compiuto 17 anni e può uscire da sola la sera! Ora, infatti, si chiama Il Suggeritore Night Live e va in onda in diretta ogni lunedì, dalle 21.00 alle 22.00, dall’Auditorium “Demetrio Stratos” di Radio Popolare: un night talk-show con ospiti da vari ambiti dello spettacolo dal vivo, che si raccontano ai nostri microfoni e propongono estratti dai loro lavori, nella serata in cui tradizionalmente il teatro osserva il riposo. Finalmente possiamo accogliere i nostri ascoltatori in auditorim: quindi vi aspettiamo dalle 20.00 in veste di pubblico privilegiato di Il Suggeritore Night Live.

    Il Suggeritore Night Live - 27-05-2024

  • PlayStop

    Gli speciali di lunedì 27/05/2024 - ore 20:02

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare Network sulla società, la politica, gli avvenimenti internazionali, la cultura, la musica.

    Gli speciali - 27-05-2024

  • PlayStop

    Esteri di lunedì 27/05/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 27-05-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di lunedì 27/05/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 27-05-2024

Adesso in diretta