Approfondimenti

La manovra del governo in deficit, l’ultimo decreto migranti a rischio incostituzionalità e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di sabato 30 settembre 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Nella “nota di aggiornamento al documento di economia e finanza” il governo annuncia un nuovo deficit di 23,5 milarti in tre anni; l’ultimo decreto-migranti finisce davanti al tribunale di Catania; un anno fa la dichiarazione di annessione di alcune regioni ucraine da parte della Russia; 5 milioni e mezzo di slovacchi al voto per rinnovare il parlamento.

Una manovra economica all’insegna del profondo decifit

(di Andrea di Stefano)

23,5 miliardi di deficit aggiuntivo in tre anni, il numero sostanziale della prima vera manovra economica del governo Meloni emerge nella relazione che accompagna la Nadef, depositata al Parlamento. Le parole scelte dal ministro dell’economia e delle finanze sono significative: “La situazione economica e di finanza pubblica è più delicata di quanto prefigurata in primavera – ha scritto Giancarlo Giorgetti – in una situazione in cui la finanza pubblica è gravata dagli oneri di incentivi edilizi, dal rialzo dei tassi di interesse e dal rallentamento del ciclo economico internazionale è necessario fare scelte difficili”. Ma la difficoltà per il governo è principalmente quella di rispettare alcune promesse fatte agli elettori perché negli interventi delineati non si vede traccia di alcuna misura che possa intervenire in modo strutturale né sulla dinamica industriale né sulla contrazione dei consumi delle famiglie. Quasi metà del deficit aggiuntivo è prodotto dal taglio del cuneo fiscale e dalla flat tax per le partite Iva. Il resto del deficit servirà per il rinnovo dei contratti della pubblica amministrazione, in primis la sanità, e per il prossimo bonus famiglie. Si avviano a una progressiva cancellazione invece le misure per il caro energia, un altro azzardo del governo che potrebbe provocare un effetto recessivo nel 2024 qualora sparisse la misura di riduzione dell’Iva sul gas dal 22 all’attuale 5% e i prezzi dovessero rimanere ancora alti.

Migranti: decreto del governo a rischio incostituzionalità

Il Viminale impugnerà la decisione del tribunale di Catania, che ha accolto il ricorso di un migrante, sbarcato il 20 settembre a Lampedusa e portato nel cpr di Pozzallo, definendo il decreto del governo “illegittimo in più parti”. I giudici hanno visto nel provvedimento governativo violazioni alla legislazione internazionale e anche all’articolo 10 della costituzione, quello relativo al diritto d’asilo per gli stranieri a cui nei paesi d’origine non sono garantiti i diritti democratici. Nel caso specifico i giudici contestano la nuova procedura del trattenimento e della cauzione di 5mila euro da pagare per non essere trattenuti nei centri di detenzione. Sentiamo Riccardo Campochiaro, uno degli avvocati che ha presentato il ricorso…

Mentre il governo porta avanti la sua crociata contro i migranti, continuano gli sbarchi e i salvataggi in mare. Open Arms nel pomeriggio ha salvato 178 persone, su tre barche differenti, che rischiavano il naufragio. Ora la nave della Ong si dirige a Genova, porto assegnato, che dista almeno quattro giorni di navigazione. Un’altyra Ong, la Sea Watch, ha invece denunciato ocn un video che la cosiddetta guardia costiera libica avrebbe speronato un gommone carico di migranti per costringerlo a tornare in Libia. La stessa Ong ha risposto anche all’accusa di ricevere soldi dal governo tedesco. Sentiamo Giorgia Linardi, di Sea watch…

Putin istituisce la “Festa della riunificazione”, mentre Zelensky serra l’alleanza con gli Usa

Un anno fa Mosca annetteva 4 regioni ucraine alla Russia. Oggi Vladimir Putin si è congratulato con i cittadini che lo hanno reso possibile “Con il loro voto hanno permesso la riunificazione alla madrepatria delle regioni del Donetsk, Lugansk, Zaporizhzhia e Kherson”, ha detto Putin, annunciando l’istituzione di una festa nazionale: la festa della riunificazione, appunto. Oggi poi il vicepresidente del consiglio di sicurezza russo Dmitry Medvedev ha parlato di annettere nuove regioni alla Russia. 

“Non ci sono nuovi territori della Russia, esiste solo il territorio dell’Ucraina, compresa la Crimea” ha risposto su Telegram il consigliere del presidente ucraino Mykhailo Podolyak. L’alto rappresentante Ue per la Politica estera Josep Borrell, in visita a Odessa per riaffermare il sostegno a Kiev, ha detto che l’Unione Europea “sosterrà  l’Ucraina nella sua lotta per ripristinare l’integrità territoriale”.

Intanto il consigliere presidenziale ucraino Andry Yerma, ha annunciato la firma di un accordo tra Zelensky e il presidente Usa Joe Biden per una cooperazione tra i due Paesi per la produzione di sistemi di difesa aerea in Ucraina. Un tema di cui i due presidenti avrebbero discusso durante l’ultima visita di Zelensky a Washington. 

Slovacchia alle urne: soffia il vento sovranista

Si vota ancora fino alle 22 in Slovacchia,  dove 5,4 milioni di abitanti sono chiamati a votare per eleggere il nuovo parlamento. Un chiaro favorito non c’è, ma la maggior parte dei sondaggi prevede una vittoria del partito socialdemocratico Smer di Robert Fico, l’ex premier con simpatie sovraniste e putiniane che ha intenzione di interrompere l’invio di armi all’Ucraina. Nonostante la Slovacchia sia un piccolo paese, Bruxelles e la Nato guardano con attenzione le elezioni di oggi, perché la vittoria di Fico potrebbe portare un paese membro di Ue e Nato ad avvicinarsi a Mosca.

Fico è già stato premier nel Paese, dal 2006 al 2010 e dal 2012 al 2018. Sembrava uscito di scena dopo che nel 2018 si era dimesso dopo l’assassinio del giornalista Ján Kuciak e in seguito alle accuse sempre più pressanti per l’ascesa degli oligarchi nel paese. Ora, invece, ci riprova e – pare – con successo.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR martedì 23/07 10:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 23-07-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di martedì 23/07/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 23-07-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 22/07/2024 delle 19:47

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 22-07-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Giorni migliori di martedì 23/07/2024

    La corsa di Kamala Harris alla Casa Bianca con Federico Romero, professore emerito di Storia all’Istituto universitario europeo di Firenze. Il parere della Corte Internazionale di Giustizia contro Israele per l'occupazione dei territori palestinesi con Luigi Daniele, docente di Diritto dei conflitti armati alla Nottingham Trent University. La riforma dell'università che porterà tagli e precariato con Davide Clementi, vice segretario dell'Unione dottorandi italiani, e Lorenzo Zamponi, ricercatore in Sociologia e Scienze alla Scuola Normale Superiore a Firenze. Il crollo di un ballatoio nella Vela di Scampia con Ciro Pellegrino, giornalista di Fanpage. Le Olimpiadi di Parigi con Stefano Montefiori, corrispondente del Corriere della Sera da Parigi.

    Giorni Migliori – Intro - 23-07-2024

  • PlayStop

    Apertura Musicale di martedì 23/07/2024

    a cura di Barbara Sorrentini. Kamala Harris, accoglienza e reazioni alla sua possibile candidatura. Le misure di sicurezza per Parigi 2024. L'addio al regista Salvatore Piscicelli. 45 anni fa nasceva il primo walkman: i ricordi degli ascoltatori di Radio Popolare.

    Apertura musicale - 23-07-2024

  • PlayStop

    From Genesis To Revelation di martedì 23/07/2024

    From Genesis to Revelation è una trasmissione dedicata al rock-progressive: sebbene sporadicamente attiva già da molti anni, a partire dall’estate del 1999 con il consolidamento del palinsesto e della redazione ha iniziato a trasmettere regolarmente un’ora di rock progressivo alla settimana. La redazione è composta da Renato Scuffietti, collaboratore di lunga data di Radio Popolare con un grande passione per il prog canonico dei megagruppi dei seventies e dalla ondata albionica di newprog (Marillion, Pendragon, Twelfth Night) e da Matthias Scheller, fan del prog sinfonico, della scena italiana e attento osservatore della cosiddetta borderline progressiva (psichedelia, space, gotico). Nata quasi come divertissement la trasmissione in brevissimo tempo è diventato un preciso punto di riferimento, presentando novità, i grandi classici, fanzine, oscuri inediti, intervistando band, case discografiche, recensendo concerti e dedicando piccole ma preziose monografie ai sottogeneri.

    From Genesis To Revelation - 22-07-2024

  • PlayStop

    Jazz Anthology di lunedì 22/07/2024

    Come suggerisce il titolo della trasmissione, presente nel palinsesto di Radio Popolare fin dagli inizi, Jazz Anthology ripercorre la ormai lunga vicenda del jazz proponendone momenti e artisti salienti. Al di là della varietà delle sue forme, per Jazz Anthology questo genere è un fenomeno unitario di innovazione musicale in rapporto con una tradizione di matrice neroamericana. Jazz Anthology vuole quindi valorizzare sia la pluralità degli aspetti del jazz che la continuità della sua storia, dedicando la propria attenzione a tutte le epoche di questa musica, dal New Orleans al bebop, fino alle espressioni più audaci degli ultimi decenni. Il programma si articola soprattutto in serie di trasmissioni a carattere monografico, con l’intenzione – in un contesto mediatico che al jazz dà pochissimo spazio e in modo molto dispersivo – di dare così un contributo alla diffusione di una effettiva cultura del jazz. La sigla di Jazz Anthology è Straight Life (Art Pepper), da Art Pepper meets The Rhythm Section (1957, Contemporary/Original Jazz Classics)

    Jazz Anthology - 22-07-2024

  • PlayStop

    News della notte di lunedì 22/07/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 22-07-2024

  • PlayStop

    Conduzione musicale di lunedì 22/07/2024 delle 20:32

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che serve!

    Conduzione musicale - 22-07-2024

  • PlayStop

    Popsera di lunedì 22/07/2024

    Popsera è lo spazio che dedicheremo all’informazione dalla prima serata per tutta l’estate e nel periodo festivo di fine anno. Si comincia alle 18.00 con le notizie nazionali e internazionali, per poi dare la linea alle 19.30 al giornale radio. Popsera riprende con il Microfono aperto, per concludersi alle 20.30. Ogni settimana in onda un giornalista della nostra redazione.

    Popsera - 22-07-2024

  • PlayStop

    Poveri ma in ferie di lunedì 22/07/2024

    Quando gli emisferi di Al1 si alternano e quindi la puntata diventa metà serietà e metà faceta. Ci facciamo accompagnare dalle cover da ricopioni mentre parliamo di vacanze, medicine e il grande ritorno del fai da te che divide gli ascoltatori in team acido citrico ed od aceto.

    Poveri ma belli - 22-07-2024

Adesso in diretta