Approfondimenti

La rielezione di Sergio Mattarella, la sconfitta dei partiti e le altre notizie della giornata

Mattarella primo maggio ANSA

Il racconto della giornata di sabato 29 gennaio 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Alla fine è arrivata la fumata bianca: Sergio Mattarella ha messo d’accordo tutti o quasi ed è rieletto Presidente della Repubblica. A uscirne con le ossa rotte sono i partiti e i loro leader, soprattutto Matteo Salvini. Ad Avellino quattro condanne nel processo per le morti da amianto tra gli operai che bonificavano i vagoni dei treni delle Ferrovie dello Stato. A Voghera una donna si ritrova sbattuta fuori di casa illegalmente, ma le istituzioni tacciono. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

Sergio Mattarella riconfermato Presidente della Repubblica

L’Italia ha il suo nuovo Presidente della Repubblica. È Sergio Mattarella. L’attuale capo dello Stato si è messo a disposizione per un secondo mandato. In questi minuti è in corso alla Camera l’ottava votazione che, con ogni probabilità, certificherà la sua rielezione.

“Avevo altri piani ma se serve sono a disposizione e rispettoso del Parlamento”, ha detto Mattarella ai capigruppo di maggioranza che ha ricevuto oggi al Quirinale. Mercoledì prossimo dovrebbe tenersi il suo giuramento.

I leader dei partiti hanno alla fine trovato un’intesa sul suo nome, dopo una settimana di logoranti trattative e dopo aver bruciato tutta una serie di candidati. Decisiva è stata anche la mediazione di Mario Draghi che questa mattina ha avuto un colloquio con il capo dello Stato.

Oggi i leader di partito hanno rilasciato alcune dichiarazioni in cui si sono detti soddisfatti per il bis di Mattarella. Il segretario del Pd, Enrico Letta, ha rivendicato l’unità che il centrosinistra ha mostrato nelle trattative. 

Diverso il discorso per quanto riguarda il centrodestra. Fratelli d’Italia è uno dei pochi gruppi che non sta votando per Mattarella. La sua rielezione sta scuotendo la coalizione con Lega e Forza Italia. “Il centrodestra parlamentare non esiste più”, ha detto Meloni.

Tensioni ci sono anche nella Lega. Il ministro Giorgetti starebbe valutando l’ipotesi di dimissioni dal governo. “Serve una nuova fase”, ha detto Giorgetti, mentre il segretario Matteo Salvini ha chiesto un incontro di chiarimento a Mario Draghi. Richiesta, questa, arrivata anche dal presidente dei 5 Stelle Giuseppe Conte.

La tormentata rielezione di Mattarella, con le logoranti trattative tra i partiti della maggioranza, rischia ora di mettere a dura prova la tenuta del governo.

Peggio di così non poteva andare. Ma trovarne uno che lo ammetta è un’impresa impossibile

(di Luigi Ambrosio)

rovare uno in Parlamento oggi che non si dica felice della rielezione di Mattarella, e che non dica “è quello che volevamo” è praticamente impossibile. A parte Fratelli d’Italia, tutti gli altri rivendicano di avere vinto. E’ la fotografia forse più sconcertante, al termine della settimana in cui i partiti non sono stati capaci di eleggere il Presidente della Repubblica.
Nella storia della Repubblica non era mai successo che non ci fossero vincitori ma solo sconfitti. Ci si sarebbero aspettate facce cupe, autocritiche, buone intenzioni per il futuro. Magari anche qualche dimissione. Niente di tutto questo. Il Parlamento vive in un’altra dimensione.

Salvini, l’uomo su cui pesano le maggiori responsabilità, dopo avere bruciato tutti i candidati compresi la presidente del Senato e la direttrice dei servizi segreti, dopo avere distrutto il centrodestra, dopo che nel suo partito è iniziata la fronda contro di lui, va in tv e si comporta come se avesse vinto.

Giorgia Meloni glielo ha detto: solo Fratelli d’Italia adesso rappresenta gli elettori di destra. Ma la stessa Meloni si ritrova oggi schiacciata a destra, isolata, visto che Forza Italia si è sganciata e ha iniziato ad avvicinarsi al magma centrista.
Conte pure parla come se Mattarella fosse stata la sua opzione, nega l’operazione Belloni con Salvini, finge di crederci. Ai 5 Stelle più che a chiunque altro conviene Mattarella. Per coprire le lacerazioni tra chi si immagina stabilmente nel centrosinistra e chi rimpiange il gialloverde. Mentre i consensi crollano.

Oggi il segretario del Pd Letta ha detto che si fida ancora di Conte. E’ il tentativo di tenere insieme una coalizione che non sta molto meglio di quella avversaria. Letta ha adottato la strategia dello stare fermo, immobile. Gli è andata bene solo perché di fronte aveva degli attori incapaci e maldestri.
Uno che ha vinto forse in effetti c’è ed è Mario Draghi. E’ stato lui a telefonare a Mattarella. Poi ha chiamato i politici e ha detto loro: Mattarella resta.

Il Parlamento è commissariato nei fatti e la colpa è dei politici. Non si potranno evocare presunti “poteri forti”, casomai sono le forze politiche ad avere dimostrato di essere “poteri deboli”.

Avellino, le sentenze del processo per lo smaltimento dell’amianto sui treni FFSS

(di Massimo Alberti)

Eternit, Fibronit, Breda, Pirelli… al lungo elenco di morti da amianto in Italia si aggiungono anche 33 operai dell’Isochimica  di Avellino. A 36 anni dalla prima denuncia da parte del WWF, ed a 6 anni dall’inizio del processo, in primo grado sono stati condannati a 10 anni di carcere 2 dirigenti della fabbrica e 2 funzionari delle ferrovie dello stato. Il proprietario della fabbrica era morto nel 2017. Per ognuna delle famiglie dei 33 morti è stata disposta una provvisionale di 50 mila euro. A partire dalla fine degli anni 70 nella fabbrica irpina le FFSS mandavano a bonificare dall’amianto le carrozze dei treni. Senza protezioni e senza sicurezza, ma nemmeno senza controlli medici, secondo l’accusa che aveva chiesto le condanne per disastro doloso, omicidio colposo, lesioni personali e rimozione ed omissione dolosa di cautele contro gli infortuni. Il risultato: tumori e malattie legate all’inalazione dell’amianto. Gli ex operai e le famiglie delle vittime hanno atteso la sentenza davanti ala fabbrica. “E’ stato chiarito che il mandante sono le ferrovie dello stato”, hanno commentato gli operai. La prima denuncia per smaltimento di rifiuti tossici risale al 1986, poi un’altra nel 2009 sulla mancata bonifica dell’area e sulle malattie degli ex operai, che ha dato il via al processo. 270 le parti civili, perché oltre ai 33 morti ci sono almeno altri 200 ex operai ammalati per patologie correlate all’asbesto. 

Perdere la casa illegalmente nel silenzio delle istituzioni, succede a Voghera

Questa mattina a Voghera, in provincia di Pavia, c’è stata una manifestazione per chiedere una casa per una famiglia vittima di uno sfratto illegale. La capofamiglia era tornata nel paese d’origine, il Marocco, per le pratiche di divorzio. Aveva 4 mesi di affitto arretrato, ma aveva assicurato al padrone di casa che avrebbe pagato al rientro. Invece al rientro ha scoperto di non avere più una casa, e nemmeno tutte le cose che c’erano dentro. La donna, che vive con i due anziani genitori e i tre bambini piccoli, ha fatto denuncia ma non ha ricevuto alcun aiuto dalle istituzioni.

Antonio Oliverio fa parte del Presidio permanente di Castelnuovo Scrivia e sta seguendo la vicenda:

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

La pandemia in Italia. I nuovi contagiati da Covid oggi sono 137.147, circa 34 mila in meno rispetto ad una settimana fa, mentre i morti sono 377, 44 in più della settimana scorsa.

Il tasso di positività è al 13,7%, in discesa.

La situazione negli ospedali è in miglioramento: 42 in meno i pazienti in terapia intensiva, 160 in meno nei reparti ordinari.

Secondo gli esperti questa ondata della pandemia caratterizzata dalla variante Omicron sta lentamente rientrando, abbiamo chiesto una previsione all’epidemiologo dell’Università di Milano Carlo La Vecchia:

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 27/05/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 27/05/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 27/05/2022 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 27/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Seconda pagina di venerdì 27/05/2022 delle 12:49

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 27/05/2022

  • PlayStop

    Cult di venerdì 27/05/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare: l'ultimo collegamento da Cannes con Barbara Sorrentini, Tiziana Ricci parla della…

    Cult - 27/05/2022

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 27/05/2022

    Torniamo a parlare dei Medici di Medicina generale; le ultime decisioni prese dalla Regione in materia sanitaria; ci spostiamo a…

    37 e 2 - 27/05/2022

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 27/05/2022

    GUERRA IN UCRAINA ANALISI E AGGIORNAMENTI. Con l'ex Ambasciatore Gianpaolo Scarante e Francesco Giumelli docente di Relazioni internazionali a Groningen…

    Prisma - 27/05/2022

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di venerdì 27/05/2022

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Gianmarco…

    Il giorno delle locuste - 27/05/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di venerdì 27/05/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 27/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di venerdì 27/05/2022 delle 7:48

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 27/05/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di venerdì 27/05/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Esteri – La rassegna stampa dei giornali internazionali - 27/05/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di venerdì 27/05/2022

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 27/05/2022

  • PlayStop

    Serve & Volley di giovedì 26/05/2022

    Musica e parole per chiudere in bellezza il palinsesto dei giovedì! Con Marco Sambinello e Niccolò Guffanti.

    Serve&Volley - 27/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 26/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 27/05/2022

  • PlayStop

    Musiche dal mondo di giovedì 26/05/2022

    Musiche dal mondo è una trasmissione nel solco della lunga consuetudine di Radio Popolare con la world music – da…

    Musiche dal mondo - 27/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di giovedì 26/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 27/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di giovedì 26/05/2022

    1 – Ucraina, nel Donbass la battaglia è al punto di intensità massima. La Russia, in vantaggio nella regione di…

    Esteri - 27/05/2022

  • PlayStop

    The Game di giovedì 26/05/2022

    1) Scuola, sciopero il prossimo 30 maggio. Oltre un milione di lavoratori e lavoratrici senza contratto dal 2018. Come per…

    The Game - 27/05/2022

  • PlayStop

    La mitica compagnia degli eroi S 01 E 09

    Le oscure arti magiche del mago Sbruffenkel avevano soggiogato tutti gli esseri viventi del continente di Alador, c'era ancora solo…

    Poveri ma belli - 27/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di giovedì 26/05/2022

    Dove si chiacchiera di cose trovate in auto dopo molto tempo, del problema dello spopolamento della città di Venezia che…

    Muoviti muoviti - 27/05/2022

Adesso in diretta