Approfondimenti

Il silenzio elettorale, i referendum illegali nel Donbass, le proteste in Iran e le altre notizie della giornata

elezioni politiche 2022

Il racconto della giornata di venerdì 23 settembre 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Il giorno precedente alle elezioni è tradizionalmente “muto” ma all’epoca dei social network non è più così. I referendum in Donbass non sono riconosciuti dalla comunità internazionale e la Russia risponde con la minaccia nucleare. Si dirada la nebbia sul caso dell’omicidio di Saman Abbas. In Iran non cessano le manifestazioni per la libertà, nonostante la violenza della polizia.

Elezioni: un giorno di silenzio elettorale solo sulla carta

Ancora poche ore e poi si vota per le elezioni politiche. Urne aperte dalle 7 alle 23.

Oggi  giornata di silenzio elettorale. Ormai solo sulla carta.
Perché tra newsletter, mail, Whatsapp, post sui vari social network, non sono mancati per tutta la giornata gli appelli dei partiti a votare e far votare. Le destra ci ha aggiunto del suo. Il pretesto è stata una bandiera con la falce e martello comparsa durante la manifestazione conclusiva del PD, che ha dato modo a Lega e Fdi di gridare al pericolo comunista: prima il segretario della Lega Matteo Salvini su Instagram, poi con una dichiarazione stampa del il capogruppo di Fratelli d’Italia alla Camera, Francesco Lollobrigida, che ha chiesto ai responsabili del partito di smentire di aver  autorizzato quelle bandiere.

Russia ancora più isolata, anche la Turchia non riconosce i referendum nel Donbass

L’indizione dei cosiddetti referendum per annettersi le regioni ucraine occupate sta continuando a provocare una serie di prese di distanza dalla Russia, anche da parte dei paesi che non hanno mai interrotto i canali col Cremlino. Ultima oggi la Turchia, il paese che più si è speso per ergersi a possibile mediatore con l’Ucraina. il portavoce del presidente turco Erdogan Ibrahim Kalin, ha riferito che Ankara non riconoscerà i risultati del voto. Le operazioni nelle regioni  di Donetsk, Luhansk, Kherson e Zaporizhzhia continuano tra minacce e intimidazioni per portare alle urne più persone possibile, entro il 27 di settembre.

Sul fronte interno Mosca irrigidisce le norme per aumentare il numero di militari sul terreno, e cercare di frenare le manifestazioni di protesta.

Il presidente russo Vladimir Putin ha firmato un pacchetto di emendamenti al codice penale relativo al servizio militare. La diserzione o la mancata comparizione alla leva è punita con la reclusione da cinque a15 anni, riporta la Tass. Mentre un’altra una legge facilita l’accesso alla nazionalità russa per i cittadini stranieri che servono nell’esercito.

Non mancano i problemi interni, per il Cremlino, che ha rimosso dal suo incarico il generale Dmitry Bulgakov, massimo responsabile della logistica, destituito da viceministro della Difesa e sostituito dal generale Mikhail Mizintsev,  soprannominato “il macellaio di Mariupol” e colpito da sanzioni occidentali.

Intanto cresce il numero di cittadini russi che cercano di lasciare il Paese . La Bbc riferisce di code ai confini con la Georgia, il presidente del Consiglio europeo Charles Michel ha detto che l’Unione Europea dovrebbe mostrare “apertura a quelli che non vogliono essere strumentalizzati dal Cremlino”.  Ma per ora  le porte europee restano chiuse. A Milano oggi di fronte all’ufficio della commissione europea c’è stata una manifestazione per chiedere di aprire ai visti per i disertori russi, ma per ora solo la Germania ha autonomamente aperto all’accoglienza, la Turchia è l’altro paese dove i disertori russi stanno cercando di fuggire. E oggi all’Ansa, un portavoce della Commissione ha detto che, in sostanza, le cose non cambieranno: “gli Stati membri possono ancora rilasciare visti ai cittadini russi, anche se con un processo più lungo e macchinoso.” le sue parole. Insomma ogni stato faccia come crede.

L’Ue, che si prepara a nuove sanzioni, fa sapere di prendere sul serio le minacce nucleari russe. L’Alto Rappresentante Ue per la Politica Estera, Josep Borrell, ha usato parole allarmate: “È certamente un momento pericoloso perché l’esercito russo è stato messo all’angolo e la reazione di Putin che minaccia di usare armi nucleari è molto grave. Quando le persone dicono che non è un bluff, bisogna prenderle sul serio“.

Un cugino di Saman ha raccontato come è stata uccisa la ragazza pakistana

E’ stata tenuta ferma dai cugini, così da permettere allo zio di strangolarla. Sarebbe morta così Saman, la giovane di origine pachistana scomparsa nell’aprile del 2021, secondo quanto raccontato da uno degli indagati, il cugino, a un altro detenuto che a sua volta l’avrebbe riferito alla polizia penitenziaria. Il corpo di Saman sarebbe poi stato infilato in un sacco e gettato nel fiume Po, sempre stando a queste dichiarazioni che però i carabinieri di Reggio Emilia ritengono credibili solo in parte. Ieri in un’altra intercettazione era emersa la confessione del padre di Saman, fuggito in Pakistan, che al telefono con un parente aveva detto di essere l’autore dell’omicidio.

Continuano in Iran le proteste seguite all’uccisione di Mahsa Amini

La polizia iraniana ha arrestato 739 persone,tra cui 60 donne, nella sola provincia di Guilan durante le proteste dell’ultima settimana in seguito alla morte della 22/enne curda Mahsa Amini mentre era sotto la custodia della polizia morale che l’aveva arrestata perché non indossava correttamente il velo. 

Almeno quattro bambini sono rimasti uccisi, secondo Amnesty International.  Complessivamente secondo Teheran, sono 35 le persone morte dopo una settimana di proteste, mentre Ong e fonti dell’opposizione parlano già da ieri di almeno 50 morti, con centinaia di feriti e centinaia di arresti, inclusi giornalisti, studenti e attivisti politici.“Le forze di sicurezza non prendano di mira i manifestanti con i proiettili.” E’ l’appello lanciato da oltre 100 personalità del cinema iraniano, tra attori e registi.

Le manifestazioni sono proseguite anche oggi.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR lunedì 20/05 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 20-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 20/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 20-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 20/05/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 20-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    From Genesis To Revelation di lunedì 20/05/2024

    From Genesis to Revelation è una trasmissione dedicata al rock-progressive: sebbene sporadicamente attiva già da molti anni, a partire dall’estate del 1999 con il consolidamento del palinsesto e della redazione ha iniziato a trasmettere regolarmente un’ora di rock progressivo alla settimana. La redazione è composta da Renato Scuffietti, collaboratore di lunga data di Radio Popolare con un grande passione per il prog canonico dei megagruppi dei seventies e dalla ondata albionica di newprog (Marillion, Pendragon, Twelfth Night) e da Matthias Scheller, fan del prog sinfonico, della scena italiana e attento osservatore della cosiddetta borderline progressiva (psichedelia, space, gotico). Nata quasi come divertissement la trasmissione in brevissimo tempo è diventato un preciso punto di riferimento, presentando novità, i grandi classici, fanzine, oscuri inediti, intervistando band, case discografiche, recensendo concerti e dedicando piccole ma preziose monografie ai sottogeneri.

    From Genesis To Revelation - 20-05-2024

  • PlayStop

    Jazz Anthology di lunedì 20/05/2024

    Come suggerisce il titolo della trasmissione, presente nel palinsesto di Radio Popolare fin dagli inizi, Jazz Anthology ripercorre la ormai lunga vicenda del jazz proponendone momenti e artisti salienti. Al di là della varietà delle sue forme, per Jazz Anthology questo genere è un fenomeno unitario di innovazione musicale in rapporto con una tradizione di matrice neroamericana. Jazz Anthology vuole quindi valorizzare sia la pluralità degli aspetti del jazz che la continuità della sua storia, dedicando la propria attenzione a tutte le epoche di questa musica, dal New Orleans al bebop, fino alle espressioni più audaci degli ultimi decenni. Il programma si articola soprattutto in serie di trasmissioni a carattere monografico, con l’intenzione – in un contesto mediatico che al jazz dà pochissimo spazio e in modo molto dispersivo – di dare così un contributo alla diffusione di una effettiva cultura del jazz. La sigla di Jazz Anthology è Straight Life (Art Pepper), da Art Pepper meets The Rhythm Section (1957, Contemporary/Original Jazz Classics)

    Jazz Anthology - 20-05-2024

  • PlayStop

    News della notte di lunedì 20/05/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 20-05-2024

  • PlayStop

    La Pillola va giù di lunedì 20/05/2024

    Una trasmissione settimanale  a cura di Anaïs Poirot-Gorse con in regia Nicola Mogno. Una trasmissione nata su Shareradio, webradio metropolitana milanese in questo momento di emergenza, cercando di ridare un spazio di parola a tutti i ragazzi dei centri di aggregazione giovanili di Milano con cui svolgiamo regolarmente laboratori radiofonici.

    La Pillola va giù - 20-05-2024

  • PlayStop

    Il Suggeritore Night Live di lunedì 20/05/2024

    Il Suggeritore, la storica trasmissione di teatro di Radio Popolare, ha compiuto 17 anni e può uscire da sola la sera! Ora, infatti, si chiama Il Suggeritore Night Live e va in onda in diretta ogni lunedì, dalle 21.00 alle 22.00, dall’Auditorium “Demetrio Stratos” di Radio Popolare: un night talk-show con ospiti da vari ambiti dello spettacolo dal vivo, che si raccontano ai nostri microfoni e propongono estratti dai loro lavori, nella serata in cui tradizionalmente il teatro osserva il riposo. Finalmente possiamo accogliere i nostri ascoltatori in auditorim: quindi vi aspettiamo dalle 20.00 in veste di pubblico privilegiato di Il Suggeritore Night Live.

    Il Suggeritore Night Live - 20-05-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di lunedì 20/05/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 20-05-2024

  • PlayStop

    Esteri di lunedì 20/05/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 20-05-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di lunedì 20/05/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 20-05-2024

  • PlayStop

    Playground di lunedì 20/05/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 20-05-2024

  • PlayStop

    Jack Meets: Malika Ayane

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista Malika Ayane

    Jack meets - 20-05-2024

  • PlayStop

    Jack Meets: Selton

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista i Selton

    Jack meets - 20-05-2024

  • PlayStop

    Mash-Up di lunedì 20/05/2024

    Mash Up è un dj set di musiche e parole diverse, anzi diversissime, che si confondono fra loro all’insegna di un tema diverso.  Anzi, “si pigliano perché non si somigliano”.  Conduce, mixa, legge e ricerca il vostro dj per Matrimoni Impossibili, Piergiorgio Pardo aka Pier Nowhere Mail: mischionepopolare@gmail.com

    Mash-Up - 20-05-2024

  • PlayStop

    Jack di lunedì 20/05/2024

    Ospite della puntata Malika Ayane con il nuovo singolo Sottosopra

    Jack - 20-05-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di lunedì 20/05/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali che oggi ha iniziato la settimana dedicata a #Anche gli animali votano, in vista delle elezioni europee con Gianluca Felicetti, presidente di @LAV Lega Antivivisezione per definire la politica sugli altri animali, ma anche di Giornata mondiale delle api, @oasi Smeraldino, di Ribellione Animale contro il Food&Science Festival e il bambino morto per i morsi del cane, @oipa

    Considera l’armadillo - 20-05-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di lunedì 20/05/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 20-05-2024

Adesso in diretta