Approfondimenti

Il silenzio elettorale, i referendum illegali nel Donbass, le proteste in Iran e le altre notizie della giornata

elezioni politiche 2022

Il racconto della giornata di venerdì 23 settembre 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Il giorno precedente alle elezioni è tradizionalmente “muto” ma all’epoca dei social network non è più così. I referendum in Donbass non sono riconosciuti dalla comunità internazionale e la Russia risponde con la minaccia nucleare. Si dirada la nebbia sul caso dell’omicidio di Saman Abbas. In Iran non cessano le manifestazioni per la libertà, nonostante la violenza della polizia.

Elezioni: un giorno di silenzio elettorale solo sulla carta

Ancora poche ore e poi si vota per le elezioni politiche. Urne aperte dalle 7 alle 23.

Oggi  giornata di silenzio elettorale. Ormai solo sulla carta.
Perché tra newsletter, mail, Whatsapp, post sui vari social network, non sono mancati per tutta la giornata gli appelli dei partiti a votare e far votare. Le destra ci ha aggiunto del suo. Il pretesto è stata una bandiera con la falce e martello comparsa durante la manifestazione conclusiva del PD, che ha dato modo a Lega e Fdi di gridare al pericolo comunista: prima il segretario della Lega Matteo Salvini su Instagram, poi con una dichiarazione stampa del il capogruppo di Fratelli d’Italia alla Camera, Francesco Lollobrigida, che ha chiesto ai responsabili del partito di smentire di aver  autorizzato quelle bandiere.

Russia ancora più isolata, anche la Turchia non riconosce i referendum nel Donbass

L’indizione dei cosiddetti referendum per annettersi le regioni ucraine occupate sta continuando a provocare una serie di prese di distanza dalla Russia, anche da parte dei paesi che non hanno mai interrotto i canali col Cremlino. Ultima oggi la Turchia, il paese che più si è speso per ergersi a possibile mediatore con l’Ucraina. il portavoce del presidente turco Erdogan Ibrahim Kalin, ha riferito che Ankara non riconoscerà i risultati del voto. Le operazioni nelle regioni  di Donetsk, Luhansk, Kherson e Zaporizhzhia continuano tra minacce e intimidazioni per portare alle urne più persone possibile, entro il 27 di settembre.

Sul fronte interno Mosca irrigidisce le norme per aumentare il numero di militari sul terreno, e cercare di frenare le manifestazioni di protesta.

Il presidente russo Vladimir Putin ha firmato un pacchetto di emendamenti al codice penale relativo al servizio militare. La diserzione o la mancata comparizione alla leva è punita con la reclusione da cinque a15 anni, riporta la Tass. Mentre un’altra una legge facilita l’accesso alla nazionalità russa per i cittadini stranieri che servono nell’esercito.

Non mancano i problemi interni, per il Cremlino, che ha rimosso dal suo incarico il generale Dmitry Bulgakov, massimo responsabile della logistica, destituito da viceministro della Difesa e sostituito dal generale Mikhail Mizintsev,  soprannominato “il macellaio di Mariupol” e colpito da sanzioni occidentali.

Intanto cresce il numero di cittadini russi che cercano di lasciare il Paese . La Bbc riferisce di code ai confini con la Georgia, il presidente del Consiglio europeo Charles Michel ha detto che l’Unione Europea dovrebbe mostrare “apertura a quelli che non vogliono essere strumentalizzati dal Cremlino”.  Ma per ora  le porte europee restano chiuse. A Milano oggi di fronte all’ufficio della commissione europea c’è stata una manifestazione per chiedere di aprire ai visti per i disertori russi, ma per ora solo la Germania ha autonomamente aperto all’accoglienza, la Turchia è l’altro paese dove i disertori russi stanno cercando di fuggire. E oggi all’Ansa, un portavoce della Commissione ha detto che, in sostanza, le cose non cambieranno: “gli Stati membri possono ancora rilasciare visti ai cittadini russi, anche se con un processo più lungo e macchinoso.” le sue parole. Insomma ogni stato faccia come crede.

L’Ue, che si prepara a nuove sanzioni, fa sapere di prendere sul serio le minacce nucleari russe. L’Alto Rappresentante Ue per la Politica Estera, Josep Borrell, ha usato parole allarmate: “È certamente un momento pericoloso perché l’esercito russo è stato messo all’angolo e la reazione di Putin che minaccia di usare armi nucleari è molto grave. Quando le persone dicono che non è un bluff, bisogna prenderle sul serio“.

Un cugino di Saman ha raccontato come è stata uccisa la ragazza pakistana

E’ stata tenuta ferma dai cugini, così da permettere allo zio di strangolarla. Sarebbe morta così Saman, la giovane di origine pachistana scomparsa nell’aprile del 2021, secondo quanto raccontato da uno degli indagati, il cugino, a un altro detenuto che a sua volta l’avrebbe riferito alla polizia penitenziaria. Il corpo di Saman sarebbe poi stato infilato in un sacco e gettato nel fiume Po, sempre stando a queste dichiarazioni che però i carabinieri di Reggio Emilia ritengono credibili solo in parte. Ieri in un’altra intercettazione era emersa la confessione del padre di Saman, fuggito in Pakistan, che al telefono con un parente aveva detto di essere l’autore dell’omicidio.

Continuano in Iran le proteste seguite all’uccisione di Mahsa Amini

La polizia iraniana ha arrestato 739 persone,tra cui 60 donne, nella sola provincia di Guilan durante le proteste dell’ultima settimana in seguito alla morte della 22/enne curda Mahsa Amini mentre era sotto la custodia della polizia morale che l’aveva arrestata perché non indossava correttamente il velo. 

Almeno quattro bambini sono rimasti uccisi, secondo Amnesty International.  Complessivamente secondo Teheran, sono 35 le persone morte dopo una settimana di proteste, mentre Ong e fonti dell’opposizione parlano già da ieri di almeno 50 morti, con centinaia di feriti e centinaia di arresti, inclusi giornalisti, studenti e attivisti politici.“Le forze di sicurezza non prendano di mira i manifestanti con i proiettili.” E’ l’appello lanciato da oltre 100 personalità del cinema iraniano, tra attori e registi.

Le manifestazioni sono proseguite anche oggi.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 26/11/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 26/11/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 25/11/2022 delle 19:51

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 26/11/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di sabato 26/11/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 26/11/2022

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 26/11/2022

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come…

    Il sabato del villaggio - 26/11/2022

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 26/11/2022

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da…

    Senti un po’ - 26/11/2022

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 26/11/2022

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e…

    Jailhouse Rock - 26/11/2022

  • PlayStop

    Ollearo.con di sabato 26/11/2022

    Un faro nel weekend per orientare la community di RP. Il collante a tenuta super che tiene insieme gli elementi…

    Ollearo.con - 26/11/2022

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 26/11/2022

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria…

    DOC – Tratti da una storia vera - 26/11/2022

  • PlayStop

    Chassis di sabato 26/11/2022

    Dal 2002 va in onda Chassis-Il contenitore di pellicole di Radio Popolare. Un programma pensato per informare ed evocare con…

    Chassis - 26/11/2022

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 26/11/2022

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere…

    I girasoli - 26/11/2022

  • PlayStop

    Good Times di sabato 26/11/2022

    Good Times è il trampolino per tuffarsi in bello stile nel weekend. Visioni, letture, palchi, percorsi, incontri, esperienze, attività. Gli…

    Good Times - 26/11/2022

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 26/11/2022

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 26/11/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 26/11/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 26/11/2022

  • PlayStop

    Let's spend the night together di sabato 26/11/2022

    Let's Spend The Night Together è il salottino rock'n'roll di Radio Popolare. Si parla di attualità, si passano le novità…

    Let’s spend the night together - 26/11/2022

  • PlayStop

    Doppia Acca di venerdì 25/11/2022

    Dal 2011 è la trasmissione dedicata all’hip-hop di Radio Popolare.

    Doppia_Acca - 26/11/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 25/11/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 26/11/2022

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 25/11/2022

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di…

    Psicoradio - 26/11/2022

  • PlayStop

    Sui Generis di venerdì 25/11/2022

    Una trasmissione che parla di donne e altre stranezze. Attualità, cultura, approfondimenti. Tutte le domeniche dalle 15.35 alle 16.30. A…

    Sui Generis - 26/11/2022

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di venerdì 25/11/2022

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici.

    Quel che resta del giorno - 26/11/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 25/11/2022

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di…

    Esteri - 26/11/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 25/11/2022

    (47 - 238) Dove si scopre che per fare il Vice Ministro degli Esteri non è così importante conoscere, almeno…

    Muoviti muoviti - 26/11/2022

Adesso in diretta