Approfondimenti

I lavoratori della GKN in corteo a Firenze, la crisi diplomatica Francia-Usa e le altre notizie della giornata

GKN Firenze

Il racconto della giornata di sabato 18 settembre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. La protesta dei lavoratori della GKN di Firenze con la solidarietà di operai da tutta Italia; l’anniversario della strage di Castel Volturno quando i casalesi uccisero sei migranti; il candidato del centrodestra alle comunali di Milano minaccia di ritirarsi perché i partiti lo sostengono solo a parole; la crisi diplomatica Francia-Usa per i sottomarini da vendere all’Australia; il ritorno del pubblico a piena capienza nei cinema e nei teatri. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

Firenze, il corteo a sostegno dei lavoratori licenziati della GKN

(di Massimo Alberti)

A Firenze sono scesi in piazza in migliaia al corteo organizzato dai lavoratori della GKN, licenziati con un whatsapp a pochi giorni dalla fine del blocco dei licenziamenti. Con loro delegazioni di lavoratori e lavoratrici da tutta Italia, dalla fabbriche in crisi, dai collettivi e le organizzazioni di base.

Le voci raccolte dal nostro inviato Luca Parena:

 

Quella della GKN non è una semplice “vertenza sindacale”, così come genericamente intesa. Fin da subito i suoi protagonisti, lavoratrici e lavoratori della fabbrica, hanno scelto una strada ostica mettendo il problema sul piano politico. Perché la questione della GKN si apre all’indomani, di un atto politico: lo sblocco dei licenziamenti deciso dal governo. Fin da subito operi ed operaie hanno rifiutato il ruolo delle povere vittime, respingendo le sfilate per visibilità di politici e sindacalisti. Hanno chiesto cose ben precise dietro allo slogan “insorgiamo”: non la soluzione della singola vertenza, che da sola, spiegano lucidamente, non ha possibilità di essere risolta. Non un caso specifico perché “se sfondano qua sfondano ovunque” legando la loro storia alle migliaia di altre persone che in quelle ore stavano perdendo il lavoro. “Bloccare i licenziamenti qua e ovunque”, “allargare la lotta”, perché o ci si salva tutti i non si salva nessuno. Indicando dove sta il problema: le scelte politiche del governo, chiedendo di fatto al loro corpo intermedio di riferimento, il sindacato, cosa intenda fare. Un atteggiamento nuovo che ha messo in difficoltà il sindacato stesso: non a caso Landini sarà a Firenze solo 22 giorni dopo l’inizio della vertenza. Accolto da “una gelida cordialità” come l’ha definita il collettivo di fabbrica. La stessa riservata a chi, dal mondo politico, sia passato da lì. “la sinistra riparta da qui” lo si è detto tante volte, fino a renderlo un meme vuoto di significato. Ma qualche volta è ancora vero, dove ci sono persone in carne ed ossa come in questo caso.  I sindacati e la politica di sinistra hanno una grande occasione per ascoltare con attenzione a quel che accade a Firenze, soprattutto agire di conseguenza per dare le risposte richieste.

L’anniversario della strage di migranti di Castel Volturno

13 anni fa a Castel Volturno 6 migranti venivano uccisi dalla camorra, dal Clan dei Casalesi.  Un settimo fu ferito ma testimoniò con coraggio e portò alla condanna dei responsabili, tra loro Giuseppe Setola capo dell’ala stragista del clan. Oggi come ogni anno il ricordo e le commemorazioni a cui hanno partecipato migranti , associazioni e sindaci della zona. Noi abbiamo cercato di capire  come vivono oggi i migranti a Castel Volturno, a 13 anni da quella strage.

Gianluca Castaldi  della Caritas di Caserta che questa mattina ha partecipato alle iniziative di ricordo.

Comunali di Milano: Bernardo minaccia di ritirarsi

Clamoroso a Milano:

“Così non si può andare avanti, i partiti devono dare i soldi alla mia campagna elettorale o lunedì mi ritiro”
Il candidato del centrodestra a Milano manda un vocale Whatsapp ai capi della sua coalizione dai toni esasperati.

È stato Bernardo stesso a registrare il messaggio e a mandarlo alla chat di Whatsapp. Poi evidentemente qualcuno lo ha fatto uscire. Successivamente contattato, Bernardo conferma: è tutto vero.

Una debacle incredibile a tre settimane dal voto.
Bernardo, scelto da Salvini, è stato mollato da tutti, Berlusconi non gli ha dato un euro, la Meloni gli tema contro.

A Milano il centrodestra è allo sbando.

Francia e Usa ai ferri corti per la fornitura di sottomarini all’Australia

È una crisi diplomatica inedita per lo meno dai tempi della Crisi di Suez del ’56, quella tra Francia e Stati Uniti, per la vendita dei sottomarini nucleari all’Australia.

Nonostante i vari incontri ad alto livello degli ultimi mesi, compreso quello tra Joe Biden e Emmanuel Macron in giugno, gli Usa non hanno mai  informato Parigi dei negoziati segreti con l’Australia per la fornitura di sommergibili nucleari.  Lo scrive il New York Times, rivelando i retroscena della vicenda. Nelle scorse ore Parigi ha ritirato i suo ambasciatori dagli stati Uniti e dall’Australia come risposta all’accordo per la sicurezza nel pacifico tra Stati Uniti, Australia e Gran Bretagna che sostanzialmente ha tagliato fuori Parigi.

Biden in campagna elettorali e in questi mesi di presidenza ha  ribadito più volte  l’importanza dell’alleanza con l’Europa e la volontà di rinsaldare i rapporti deteriorati dal suo predecessore Trump. Ma al momento tutto questo non sta avvenendo.

Cinema e teatri verso il ritorno alla piena capienza delle sale

(di Ira Rubini)

Sembra che finalmente la capienza di cinema e teatri sarà allargata. Del resto, a fronte di ristoranti e locali affollati, chiese che non devono chiedere il green pass e centri commerciali presi d’assalto, la remora sui luoghi di spettacolo ha ormai assunto un sapore vagamente moralistico.

«Ieri abbiamo approvato un decreto legge che prevede che entro il 30 settembre ci sarà un parere del Comitato tecnico scientifico e poi io spero in una misura di allargamento delle capienze; perché al teatro, stando con la mascherina, fermi, seduti, dove non si parla, non si mangia, e lo stesso vale per il cinema, credo ci siano le condizioni di sicurezza. Credo che stiamo andando in quella direzione». Così ha dichiarato il ministro della Cultura Franceschini, durante la visita al Teatro Municipale Giuseppe Verdi di Salerno.

Più cauto che in passato, niente annunci di “giornate storiche”, per intenderci, dopo il recente momento di tensione con il Ministro della Salute Speranza, che avrebbe preferito mantenere le restrizioni, Franceschini ha anche accennato al disegno di legge sullo spettacolo dal vivo, questione tuttora aperta e fonte di numerose perplessità fra i lavoratori e le lavoratrici dello spettacolo.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 23/02 17:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 23-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 23/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 23-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 23/02/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 23-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Playground di venerdì 23/02/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 23-02-2024

  • PlayStop

    Jack Box di venerdì 23/02/2024

    Jack Box è lo scatolone musicale di Jack del venerdi, dal quale estraiamo i suoni che hanno caratterizzato la settimana, gli approfondimenti musicali del periodo, in un ora che suona tanto e in cui si parla poco. Dalle 15:30 alle 16:30, ogni venerdi.

    Jack Box - 23-02-2024

  • PlayStop

    Jack di venerdì 23/02/2024

    Ospite della puntata Lepre che presenta il suo disco Eremo con un'intervista e tre brani live

    Jack - 23-02-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di venerdì 23/02/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali in onda alle che oggi ha ospitato Sara D'Angelo di @porcikomodi, @Vitadacani, @rete dei Santuari degli Animali liberi per parlare della nuova iniziativa per sollecitare il @ministero della salute, ma anche di aste di asini

    Considera l’armadillo - 23-02-2024

  • PlayStop

    Open to meraviglia nata vota

    quando facciamo un corso di inglese basato sulle peripezie poliglottologiche di Rutelli e Renzi, poi voliamo a Tenerife per scoprire che non è tutto oro quel che luccica, infine gestiamo un grosso carico di lenzuola nella puntata settimanale del Capibaratto

    Poveri ma belli - 23-02-2024

  • PlayStop

    Cult di venerdì 23/02/2024

    Cult è condotto da Ira Rubini e realizzato dalla redazione culturale di Radio Popolare. Cult è cinema, arti visive, musica, teatro, letteratura, filosofia, sociologia, comunicazione, danza, fumetti e graphic-novels… e molto altro! Cult è in onda dal lunedì al venerdì dalle 11.30 alle 12.30. La sigla di Cult è “Two Dots” di Lusine. CHIAMA IN DIRETTA: 02.33.001.001

    Cult - 23-02-2024

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 23/02/2024

    Se non è febbre, quasi. 37 e 2 è la trasmissione dedicata ai temi della sanità, dell’invalidità e della non autosufficienza. Dalle storie di vita reale ai suggerimenti su come sopravvivere nei meandri della burocrazia. Conducono Vittorio Agnoletto e Elena Mordiglia.

    37 e 2 - 23-02-2024

  • PlayStop

    Uscita di Sicurezza di venerdì 23/02/2024

    Dopo la strage di Firenze il governo batterà delle norme noi proponiamo un sondaggio ad ascoltatori e ascoltatrici: soluzione economica o penale? Ovvero ci vuole il ripristino delle medesime condizioni di salario e direttori c tutti i lavoratori sullo stesso sito o cantiere o ci vuole l’omicidio sul lavoro?

    Uscita di Sicurezza - 23-02-2024

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 23/02/2024

    DUE ANNI DI GUERRA IN UCRAINA commenti di Sergio Romano ambasciatore, editorialista del Corriere della Sera, Mara Morini docente di politiche dell’Europa Orientale all’Università di Genova e Irma Gjinaj capomissione dell'ong Cesvi in Ucraina INCENDIO PALAZZO A VALENCIA aggiornamenti con Giulio Maria Piantadosi LA RESISTENZA AL LAVORO. UNA SERATA A MILANO IN RICORDO DEGLI SCIOPERI DEL MARZO 1944 ce ne parla Carlo Ghezzi vicepresidente Nazionale Anpi CLIMITOLOGIE, TUTTE LE BUFALE CHE CI RACCONTANO SUL CAMBIAMENTO CLIMATICO la rubrica di Sara Milanese DOMANI A MILANO LA MANIFESTAZIONE NAZIONALE PER LA PALESTINA a Prisma parla Khader Tamimi presidente della comunità palestinese di Milano In studio Lorenza Ghidini, in redazione Massimo Alberti

    Prisma - 23-02-2024

  • PlayStop

    Note dell’autore di venerdì 23/02/2024

    Un appuntamento quasi quotidiano, sintetico e significativo con un autore, al microfono delle voci di Radio Popolare. Note dell’autore è letteratura, saggistica, poesia, drammaturgia e molto altro. Tutto concentrato in sei minuti, più o meno il tempo di un caffè!

    Note dell’autore - 23-02-2024

Adesso in diretta