Approfondimenti

Il femminicidio di Giulia Checchettin, il collasso umanitario nella Striscia di Gaza e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di sabato 18 novembre 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Il cadavere di Giulia Cecchettin è stato trovato dopo una settimana dalla sparizione della ragazza e del suo presunto, quasi certo, assassino: l’età degli assassini di donne si abbassa, segno che il patriarcato non è un “affare da uomini del ‘900”; la situazione umanitaria a Gaza è vicina al collasso completo; il governo italiano sbaglia su quasi tutto, ma forte del consenso e della maggioranza in Parlamento, prosegue con la sua politica incerta.

Giulia Cecchettin è stata uccisa, sono 103 i femminicidi nel 2023

Giulia Cecchettin è morta. È stato trovato oggi il corpo della 22enne sparita da una settimana insieme all’ex fidanzato, ricercato e indagato per omicidio. Il cadavere della ragazza era nei pressi del lago di Barcis, in provincia di Pordenone, con addosso i vestiti che Giulia aveva al momento della scomparsa una settimana fa. 

Secondo la ricostruzione fatta dalla polizia, Filippo Turetta l’ha abbandonata al bordo della strada e l’ha lasciata rotolare lungo un dirupo per una cinquantina di metri, fino a quando il corpo di Giulia si è fermato in un canalone. 

Su Turetta pende un mandato d’arresto europeo firmato dalla Procura di Venezia. Ora si cerca l’auto, che è stata avvistata l’ultima volta a Linz (Austria), in Tirolo, domenica – e non mercoledì come era stato precedentemente detto. 

“Filippo, consegnati alle forze dell’ordine, così puoi spiegare cos’è successo”. È il messaggio che la famiglia del ragazzo ha fatto lanciare attraverso il legale al figlio. Giulia Cecchettin è la 103esima donna ad essere uccisa nel 2023.

“È stato il vostro bravo ragazzo” ha scritto su Instagram la sorella di Giulia, Elena Cecchettin, riferendosi alla retorica che per tutta questa settimana ha dipinto Turetta come un ragazzo d’oro. A colpire, però, è soprattutto la giovane età del ragazzo, soli 22 anni. Ne abbiamo parlato con Francesco Menditto, procuratore di Tivoli, esperto di femminicidi:

 

Il patriarcato che non si riesce a sradicare

(di Lorenza Ghidini)

Lo sapevamo tutte. Per una settimana la consapevolezza del finale di questa ennesima terribile storia è stata più forte della speranza.
A guardare la faccia di quel Filippo si fa fatica a crederlo. Cosa scatta nella mente di un ragazzino appena cresciuto, quale mostro alberga in lui, in grado di fargli aggredire e ammazzare la sua ragazza?
È il famoso patriarcato, una parola che suona ancora irritante nei maschi quando la pronunciamo, si vede a occhio nudo. Nei maschi e anche in alcune donne. Suona vecchia, ideologica. E intanto invece l’età dei maschi violenti si abbassa, le statistiche dicono che sempre più giovani commettono femminicidi. Come Filippo, che ha solo 22 anni. La cultura patriarcale è cosi difficile da sradicare, che più le donne crescono indipendenti dagli uomini che hanno accanto, anno dopo anno, lotta dopo lotta, corteo dopo corteo, e più si vede come questo resti inaccettabile. Come ai tempi del film di Paola Cortellesi. Come sempre. Come oggi, che siamo tutte potenziali vittime, noi, le nostre figlie. Nessuna esclusa.

Gaza, la situazione umanitaria è a un passo dalla catastrofe

Cresce ancora il numero dei morti a Gaza. Sono 12300 secondo l’ultimo bilancio del ministero della salute di Hamas, più di 5mila bambini. Oggi i raid israeliani hanno colpito ancora il nord della striscia, soprattutto il campo profughi di Jabalia dove almeno 50 persone sono rimaste uccise in una scuola dell’Onu che fungeva da rifugio per migliaia di sfollati e poi una casa privata, uccidendo circa 30 persone tutte della stessa famiglia, dei quali 19 minori.

Il capo dell’agenzia Onu per i rifugiati palestinesi, Philippe Lazzarini, ha condannato il raid di Israele contro la scuola: “Questi attacchi non possono diventare un fatto comune, devono cessare – ha detto – Un cessate il fuoco umanitario non può più aspettare”.

Oggi poi centinaia di persone hanno evacuato e si sono dirette a piedi verso le regioni meridionali della Striscia.

Il direttore generale dell’ospedale, in un’intervista ad Al Jazeera ha detto che “dozzine di feriti perderanno la vita lungo la strada”.

La situazione umanitaria è sull’orlo della catastrofe. I bombardamento proseguono anche al sud, soprattutto su Khan Younis, dove centinaia di migliaia di persone scappate dal nord si affollano.

Proprio da Khan Younis, abbiamo ricevuto questo messaggio da Sami, cooperante della Striscia. 

Oggi intanto è arrivata a Gerusalemme la marcia dei parenti degli ostaggi, partita 5 giorni fa da Tel Aviv. Migliaia di persone hanno raggiunto l’ufficio del premier Netanyahu gridando “Liberateli ora”,  chiedono maggiore impegno per la liberazione degli ostaggi rapiti da Hamas il 7 ottobre. Netanyahu ha annunciato che convocherà il gabinetto di guerra nei prossimi giorni per un incontro con le famiglie degli ostaggi, ma secondo Lorenzo Cremonesi, inviato del corriere della sera in Israele e Palestina, sono tutte mosse di facciata.

 

Tra errori e litigi, il governo va avanti per la sua strada

È improbabile che cambierà alcunché nelle politiche sociali del governo dei prossimi mesi dopo lo sciopero generale di Cgil e Uil di ieri, anche se proseguirà la concorrenza elettorale tra Fratelli d’Italia e Lega verso le europee.

In Trentino il presidente riconfermato Maurizio Fugatti del Carroccio non ha nominato sua vice la meloniana Federica Gerosa, come dichiarato in campagna elettorale. 

Per ora Fratelli d’Italia ha deciso di ritirare dalla giunta gli altri assessori ma non l’appoggio, anche se c’è da votare il bilancio nelle prossime settimane.

Il centrodestra proseguirà con l’attuale impostazione di governo perché ha consenso, dice ai nostri microfoni Gianfranco Pasquino professore emerito di Scienze Politiche all’Università di Bologna, ma da alcune categorie potrebbero arrivare ulteriori segnali di disaffezione, sentiamolo intervistato da Fabio Fimiani

E nella proposta di legge sul premierato è stata tolta il riferimento alla scheda unica elezione delle camere e del primo ministro. Nel testo del governo depositato al Senato è solo scritto che avverrà contestualmente.

“Anche questo aspetto che può sembrare marginale”, dice il senatore dem Alessandro Alfieri ed evidenzia che è “una proposta molto pasticciata con tanti aspetti che non funzionano”. 

Un altro fronte aperto del governo è quello dei migranti. L’intesa con l’Albania, presentata con orgoglio dalla presidente del consiglio Giorgia Meloni, fa acqua da tutte le parti. Secondi il Viminale servirebbero 1000 agenti della polizia italiana per coprire i Centri di permanenza e rimpatrio in Albania, ma non ci sono.

Un’intesa che viola il diritto europeo quella firmata a Roma da Meloni e il primo ministro Edvin Rama.

Sentiamo il giurista Fulvio Vassallo Paleologo:

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR domenica 26/05 19:29

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 26-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 26/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 26-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 24/05/2024 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 24-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    L'artista della settimana di domenica 26/05/2024

    Ogni settimana Radio Popolare sceglierà un o una musicista, un gruppo, un progetto musicale, a cui dare particolare spazio nelle sue trasmissioni, musicali e non. La nostra scelta racconterà molte novità discografiche, ma non soltanto. E ogni domenica, con mezz’ora di speciale, concluderemo i sette giorni proponendo un profilo approfondito del nostro Artista della Settimana.

    L’Artista della settimana - 26-05-2024

  • PlayStop

    Bollicine di domenica 26/05/2024

    Che cos’hanno in comune gli Area e i cartoni giapponesi? Quali sono i vinili più rari al mondo? Giunta alla stagione numero 15, Bollicine ogni settimana racconta la musica attraverso le sue storie e le voci dei suoi protagonisti: in ogni puntata un filo rosso a cui sono legate una decina di canzoni, con un occhio di riguardo per la musica italiana. Come sempre, tutte le playlist si trovano sul celeberrimo Bolliblog.com. A cura di Francesco Tragni e Marco Carini

    Bollicine - 26-05-2024

  • PlayStop

    Archivio Ricordi di domenica 26/05/2024

    Era da tempo che pensavo ad un nuovo programma, e non mi accorgevo che era già lì…ma dove? Semplice, nei vari supporti magnetici e negli hard disk dei miei due pc contenenti i miei incontri musicali (che non voglio chiamare interviste) degli ultimi quarantasei anni: quindi oramai un archivio, un archivio di parole e di voci che raccontano e portano alla musica! Quindi un archivio parlato, un Archivio Ricordi, da non confondere con quello cartaceo iniziato duecento anni fa dal mio antenato Giovanni, che ci ha conservato - tra le altre - la storia del melodramma: quello è l’Archivio storico Ricordi. Il mio non è ancora storico ma ci manca poco, eppoi vale la continuità: dalla conservazione su carta a quella digitale, tutto scorre… Ad ogni puntata un personaggio: spesso musicista, o in qualche modo legato alla musica, e non proprio un’intervista ma una conversazione con un’intelligenza musicale, potremmo dire. Qualche nome per le prime settimane? Bruno Canino, Claudio Abbado, Giorgio Gaslini, Franco Battiato, Maurizio Pollini, Riccardo Chilly, Sergio Endrigo, Karlheinz Stockhausen, Ennio Morricone… Un archivio sonoro che non si ferma, e che mentre racconta nel passato continua ad alimentarsi nel presente. E senza accorgerci ci troveremo su un sentiero della Storia della Musica. Buon ascolto. Claudio Ricordi settembre 2022

    Archivio Ricordi - 26-05-2024

  • PlayStop

    Mitologia Popular di domenica 26/05/2024

    Mitologia Popular esplora e racconta il folclore e la cultura popolare brasiliana: da miti e leggende come Saci Pererê, Mula sem cabeça, Cuca alla storia di piatti tipici come la feijoada o la moqueca, passando per la letteratura, il carnevale, la storia delle città più famose e la musica, ovviamente. Conduce Loretta da Costa Perrone, brasiliana nata a Santos che, pur vivendo a Milano da anni, è rimasta molto connessa con le sue origini. È autrice del podcast Lendas con il quale ha vinto gli Italian Podcast Award per il secondo anno consecutivo.

    Mitologia Popular - 26-05-2024

  • PlayStop

    Giocare col fuoco di domenica 26/05/2024

    Giocare col fuoco: storie, canzoni, poesie di e con Fabrizio Coppola Un contenitore di musica e letteratura senza alcuna preclusione di genere, né musicale né letterario. Ci muoveremo seguendo i percorsi segreti che legano le opere l’una all’altra, come a unire una serie di puntini immaginari su una mappa del tesoro. Memoir e saggi, fiction e non fiction, poesia (moltissima poesia), musica classica, folk, pop e r’n’r, mescolati insieme per provare a rimettere a fuoco la centralità dell’esperienza umana e del racconto che siamo in grado di farne.

    Giocare col fuoco - 26-05-2024

  • PlayStop

    Pop Music di domenica 26/05/2024

    Una trasmissione di musica, senza confini e senza barriere. Canzoni da scoprire e da riconoscere, canzoni da canticchiare e da cui farsi cullare. Senza conduttori, senza didascalie: solo e soltanto musica.

    Pop Music - 26-05-2024

  • PlayStop

    Comizi d’amore di domenica 26/05/2024

    Quaranta minuti di musica e dialoghi cinematografici trasposti, isolati, destrutturati per creare nuove forme emotive di ascolto. Ogni domenica dalle 13.20 alle 14.00, a cura di Stefano Ghittoni.

    Comizi d’amore - 26-05-2024

  • PlayStop

    C'è di buono di domenica 26/05/2024

    La cucina, la gastronomia, quello che mangiamo…hanno un ruolo fondamentale nella vita di tutti noi. Il cibo che scegliamo ci cambia, ci influenza e parla di noi. Ci può far stare bene o male in base a quello che scegliamo di avvicinare alla bocca. L’atto di cucinare e di mangiare ogni giorno è uno dei più importanti che possiamo fare. E va affrontato con consapevolezza, con conoscenza, oltre che con uno spirito divertito. Per questo Niccolò Vecchia a C’è di buono ogni settimana racconterà di prodotti e di cucina, raccogliendo storie contadine antiche e contemporanee, parlando di una cultura che può essere, insieme, popolare e raffinata.

    C’è di buono - 26-05-2024

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 26/05/2024

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown trendaioli. La bruss e la steppa. Yak e orsetti lavatori. Il mal d’Africa e le pastiglie di xamamina per chi sta male sui traghetti. Calepini e guide di viaggio. Zaini e borracce. Musiche del mondo e lullabies senza tempo. Geografie fantastiche ed escursioni metafisiche. Nel blog di Onde Road tutti i dettagli delle trasmissioni.

    Onde Road - 26-05-2024

  • PlayStop

    La domenica dei libri di domenica 26/05/2024

    La domenica dei libri è la trasmissione di libri e cultura di Radio Popolare. Ogni settimana, interviste agli autori, approfondimenti, le novità del dibattito culturale, soprattutto la passione della lettura e delle idee. Condotta da Roberto Festa

    La domenica dei libri - 26-05-2024

  • PlayStop

    Va pensiero di domenica 26/05/2024

    Viaggio a bocce ferme nel tema politico della settimana.

    Va Pensiero - 26-05-2024

  • PlayStop

    Apertura musicale classica di domenica 26/05/2024

    La musica classica e le sue riverberazioni con Carlo Lanfossi per augurare un buon risveglio a “tutte le mattine del mondo”. Novità discografiche, segnalazioni di concerti, rassegna stampa musicale e qualunque altra scusa pur di condividere con voi le musiche che ascolto, ho ascoltato e ascolterò per tutta la settimana.

    Apertura musicale classica - 26-05-2024

  • PlayStop

    Delorean di sabato 25/05/2024

    Una macchina del tempo musicale, per andare ogni puntata all’esplorazione di un diverso frammento di storia musicale, che è già storia o che ancora lo sta diventando. Dalla new wave al dreampop, dal prog-rock all’R&B contemporaneo, tra ispirazioni passate e prospettive future, ricostruzioni volutamente parziali per non pensare più alla musica in compartimenti stagni. Ogni sabato alle 23:45, a cura di Luca Santoro. IG: @lucaa.santoro

    Delorean - 25-05-2024

Adesso in diretta