Approfondimenti

La morte di sette cooperanti a Gaza, l’immobilità del governo sul caso Salis e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di martedì 2 aprile 2024 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Nonostante le decine di migliaia di morti palestinesi nella guerra Israeliana contro Gaza, le diplomazie occidentali si muovono solo ora, dopo che un bombardamento dell’esercito di Netanyahu ha colpito un convoglio di una ong statunitense uccidendo sette persone; il governo italiano resta immobile e subisce apparentemente senza reagire l’arroganza ungherese sul caso Salis; domani in Parlamento mozioni di sfiducia contro Salvini e Santanché senza possibilità di passare; quattro parlamentari del PD sono stati ammessi parte civile al processo che vede imputato per rivelazione di segreto d’ufficio il sottosegretario alla Giustizia, Andrea Delmastro. 

La morte di sette cooperanti sotto le bombe israeliane

Il governo statunitense e quello britannico chiedono indagini rapide e imparziali sull’attacco in cui sono stati uccisi sette membri di un’organizzazione umanitaria con base a Washington, World Central Kitchen. Sei di queste persone non erano palestinesi: tre venivano dal Regno Unito, dove è stato anche convocato l’ambasciatore israeliano, una dalla Polonia, una dall’Australia e una aveva doppia cittadinanza statunitense e canadese. La loro morte è avvenuta nell’ennesima strage di una guerra catastrofica, e di cui non si vede la fine. Il servizio di Andrea Monti:

Un titolo del quotidiano israeliano Haaretz rende l’idea della follia in corso da mesi a Gaza. “Un drone dell’esercito ha bombardato per tre volte il convoglio di World Central Kitchen, puntando a un membro armato di Hamas che non era lì”. Secondo la ricostruzione pubblicata dalla testata, l’unità militare responsabile della sicurezza di quella zona avrebbe identificato un uomo armato su un camion di aiuti, che viaggiava insieme alle tre macchine che trasportavano le vittime. Il convoglio avrebbe raggiunto un magazzino e il tir sarebbe rimasto lì insieme all’uomo armato, mentre le auto sarebbero ripartite. Lungo il percorso – concordato con l’esercito – è avvenuto l’attacco, con tre missili che secondo Haaretz sarebbero stati sparati in momenti diversi: tra uno e l’altro le persone sopravvissute avrebbero avuto il tempo di spostarsi da una macchina all’altra e addirittura di contattare l’esercito per denunciare quello che stava succedendo. World Central Kitchen è l’organizzazione che insieme a Open Arms aveva portato aiuti via mare a Gaza, aiuti che in parte in queste ore stanno tornando indietro a Cipro: la ong statunitense ha annunciato la sospensione della sua attività nella Striscia. Il fatto che sia stato attaccato un gruppo umanitario, che siano coinvolti cittadini britannici e degli Stati Uniti e che siano diventate pubbliche le foto dei loro volti dà alla strage una dimensione mediatica e politica diversa rispetto ai molti altri massacri avvenuti in questi mesi, tanto che il primo ministro israeliano Netanyahu ha ammesso che è stata colpita “gente innocente”, pur dicendo che è stato fatto “senza intenzione”. Le reazioni occidentali nel complesso sono state un po’ più dure di altre volte. La guerra però continua e altri fatti gravissimi, come il massacro di palestinesi che cercavano di procurarsi della farina avvenuto a fine febbraio, non hanno portato a un vero cambiamento, a fermare la guerra. Le reazioni di queste ore fanno comunque pensare che anche stavolta sarà così.

Dalle Nazioni unite un portavoce ha definito la strage delle scorse ore “il risultato inevitabile del modo in cui questa guerra viene portata avanti”. Un ennesimo allarme umanitario oggi è arrivato da Save the children, secondo cui nel nord di Gaza un terzo dei bambini sotto i due anni soffre di deperimento, la forma più grave di malnutrizione. L’organizzazione umanitaria sottolinea che gli attacchi di questi mesi hanno messo fuori uso 26 dei 36 ospedali della Striscia, con casi clamorosi come quello di Al-Shifa, al centro dell’attenzione nei giorni scorsi. Angelo Stefanini è stato direttore dell’Oms per i Territori occupati palestinesi, ha frequentato Gaza per oltre 20 anni ed è ancora in contatto con persone nella Striscia.

Un altro fatto centrale delle ultime ore legato alla guerra di Gaza è il bombardamento sull’ambasciata iraniana a Damasco, in Siria, attribuito a Israele. Stasera se ne parlerà al consiglio di sicurezza dell’Onu, mentre dal regime di Teheran arrivano minacce: “Israele sarà punito” ha detto la guida suprema Ali Khamenei.

Caso Salis: l’Italia trattata a pesci in faccia dal governo ungherese

Il governo ungherese ha deciso di fregarsene di qualsiasi azione nei confronti di Ilaria Salis e ribadisce la linea dura sull’italiana detenuta a Budapest.

“Nessuna richiesta diretta da parte del governo italiano (o di qualsiasi altro importante mezzo di informazione) al governo ungherese renderà più semplice difendere la causa di Salis – ha scritto il portavoce del governo ungherese – perché il governo, come in qualsiasi altra democrazia moderna, non ha alcun controllo sui tribunali”.

In realtà da parte del governo italiano non c’è stata alcuna pressione anzi, anche oggi da parte di Meloni c’è silenzio. 

Sabato scorso si era mosso invece il Presidente della Repubblica Mattarella il quale, rispondendo al padre di Ilaria Salis, aveva affermato che avrebbe fatto il possibile in relazione alle condizioni di detenzione.

Affranto oggi, dopo le parole del rappresentante di Budapest, il padre di Ilaria: “Il processo è già stato fatto, il verdetto è già stato emesso, non si capisce perché proseguano con le udienze” è stato il  commento di Roberto Salis.

 

Mozioni di sfiducia (simboliche) in vista per Salvini e Santanché

Domani ci saranno in Parlamento le mozioni di sfiducia nei confronti dei ministri Santanché e Salvini. Zero possibilità che passino, ovviamente. Oggi in ogni caso la Lega si è preoccupata di difendere il suo segretario affermando che il contratto di collaborazione con Russia Unita, il partito di Putin, non sia più valido. Le opposizioni chiedono le dimissioni di Salvini perché lo accusano di collusione con la Russia. 

“I propositi di collaborazione puramente politica del 2017 tra la Lega e Russia Unita non hanno più valore dopo l’invasione dell’Ucraina. Di più: anche negli anni precedenti non c’erano state iniziative comuni” scrive oggi la Lega.

Ma si tratta di affermazioni che non sono supportate da alcun documento ufficiale di rescissione del contratto che prevede lo scambio di informazioni politico istituzionali e il tacito rinnovo a ogni scadenza. 

Stefano Vergine, assieme a Giovanni Tizian è l’autore della inchiesta sul Metropol, ossia sui presunti finanziamenti occulti del Cremlino alla Lega

 

Al processo Delmastro ammessi come parte civile i deputati vittime di dossieraggio

Quattro parlamentari del PD sono stati ammessi parte civile al processo che vede imputato per rivelazione di segreto d’ufficio il sottosegretario alla Giustizia, Andrea Delmastro. 

Secondo l’accusa, Delmastro avrebbe passato a Giovanni Donzelli, in maniera illegale, la documentazione che provava come i 4 parlamentari fossero andati in carcere a trovare l’anarchico Alfredo Cospito, allora in sciopero della fame contro il 41bis. Donzelli aveva poi montato una violenta campagna politico mediatica.

foto | Un fermo immagine tratto da un video mostra i passaporti di tre degli operatori umanitari della ong statunitense World Central Kitchen che hanno perso la vita a Gaza, 2 aprile 2024. ANSA

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR domenica 14/04 8:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 14-04-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 14/04/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 14-04-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 12/04/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 12-04-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Apertura musicale classica di domenica 14/04/2024

    La musica classica e le sue riverberazioni con Carlo Lanfossi per augurare un buon risveglio a “tutte le mattine del mondo”. Novità discografiche, segnalazioni di concerti, rassegna stampa musicale e qualunque altra scusa pur di condividere con voi le musiche che ascolto, ho ascoltato e ascolterò per tutta la settimana.

    Apertura musicale classica - 14-04-2024

  • PlayStop

    Emergenza di sabato 13/04/2024

    La trasmissione sulle novità musicali della scena emergente italiana. Per chi crede nel talento dei giovani artisti o ha solo voglia di scoprire nuova musica. Le canzoni in primo piano, ma anche tanti ospiti che ci raccontano la loro storia. Conduce La Melchi. - @lamelchi_

    Emergenza - 13-04-2024

  • PlayStop

    Snippet di sabato 13/04/2024

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45 (tranne il primo sabato di ogni mese)

    Snippet - 13-04-2024

  • PlayStop

    News della notte di sabato 13/04/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 13-04-2024

  • PlayStop

    Warm-up di sabato 13/04/2024

    musica by Davide Facchini

    Warm-up - 13-04-2024

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 13/04/2024

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come recita la famosa canzone del fu Giacomo: Questo di sette è il più grandioso giorno, pien di speme e di gioia: di man tristezza e noia recheran l'ore, ed il travaglio usato ciascuno in suo pensier farà ritorno.

    Il sabato del villaggio - 13-04-2024

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 13/04/2024

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da vent’anni si occupa di novità musicali su queste frequenze. Ospiti, interviste, minilive, ma anche tanta tanta musica nuova. 50 minuti (circa…) con cui orientarsi tra le ultime uscite italiane e internazionali. Da ascoltare anche in Podcast (e su Spotify con le playlist della settimana). Senti un po’. Una trasmissione di Niccolò Vecchia In onda il sabato dalle 18.30 alle 19.30.

    Senti un po’ - 13-04-2024

  • PlayStop

    Stay human di sabato 13/04/2024

    Ogni sabato dalle 17.35 alle 18.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni e il fedele Fela.

    Stay human - 13-04-2024

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 13/04/2024

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e altre radio di Popolare Network, Radio Sonica, Radio Beckwith, Radio Zainet e Radio Onda d’Urto e altre ancora. In Jailhouse Rock storie di musica e di carcere si attraversano le une con le altre. Alla trasmissione collaborano detenuti del carcere romano di Rebibbia Nuovo Complesso e del carcere milanese di Bollate. Dando vita alla prima esperienza del genere, ogni settimana realizzano un Giornale radio dal carcere (Grc) in onda all’interno di Jailhouse Rock, nonché delle cover degli artisti ascoltati nella puntata. Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, a cura di Patrizio Gonnella e Susanna Marietti. http://www.jailhouserock.it/ https://www.facebook.com/Jailhouse-Rock-451755678297925/

    Jailhouse Rock - 13-04-2024

  • PlayStop

    10 Pezzi di sabato 13/04/2024

    Una colonna sonora per il sabato pomeriggio, 45 minuti di musica con cui attraversare il repertorio di grandi artisti che hanno fatto la storia.

    10 Pezzi - 13-04-2024

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 13/04/2024

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria follia o di pura umanità. In ogni puntata DOC ne sceglierà uno per indagare e approfondire, anche dopo i titoli di coda, tematiche sempre più attuali, spesso inesplorate ma di grande rilevanza socio-culturale. E, tranquilli, no spoiler! A cura di Roberta Lippi e Francesca Scherini In onda sabato dalle 15 alle 15.30

    DOC – Tratti da una storia vera - 13-04-2024

  • PlayStop

    Chassis di sabato 13/04/2024

    Dal 2002 va in onda Chassis-Il contenitore di pellicole di Radio Popolare. Un programma pensato per informare ed evocare con un tono leggero fatto di parole, note e suoni che sostituendo le immagini permettono di ricreare con la propria capacità di ascolto emozioni e riflessioni suggerite dal cinema. Il programma, che prende il nome dal contenitore che conserva e ripara dalla luce le pellicole all’interno della macchina da presa, va in onda ogni domenica mattina con quasi un’ora di interviste a registi, attori, autori, musiche e parole dal mondo della celluloide. A volte con interventi e opinioni di critici, sempre con i racconti di chi il cinema lo fa. Un programma d’informazione sulle uscite cinematografiche settimanali e le cronache dai Festival di Cannes, Venezia, Torino, Locarno. Inoltre viene dato spazio alle novità editoriali in campo cinematografico e ogni puntata di Chassis si chiude con una canzone dei titoli di coda, tratta ogni mese da una colonna sonora diversa. Vi aspetta ogni sabato dalle 14.00 alle 15.00 in FM 107.60, in streaming o su app.

    Chassis - 13-04-2024

  • PlayStop

    Gli speciali di sabato 13/04/2024 - ore 13:18

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare Network sulla società, la politica, gli avvenimenti internazionali, la cultura, la musica.

    Gli speciali - 13-04-2024

  • PlayStop

    Good Times di sabato 13/04/2024

    Andiamo al festival Fondamentali di Varese e presentiamo l’incontro con Luca Radaelli di Emergency sul libro Una persona alla volta, di Gino Strada; TIPO Festival a Prato: le attività per bambini e bambine; Andrea Mirò, cantautrice, direttrice d'orchestra e polistrumentista, e il suo consiglio di lettura; la mostra fotografica organizzata dal Sant’Ambroeus; cinema, teatro, arte e tante, tantissime segnalazioni.

    Good Times - 13-04-2024

Adesso in diretta