Approfondimenti

Il rapporto annuale dell’Istat, la conclusione del G20 di Bali e le altre notizie della giornata

Lvrov e Wang Yi al G20 di Bali

Il racconto della giornata di venerdì 8 luglio 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Il rapporto annuale dell’Istat descrive l’Italia come un paese dove la sofferenza sociale è aumentata e rischia di aumentare ancora di più. A Bali è andata in onda la rappresentazione della nuova Cortina di Ferro: da una parte gli Stati Uniti, l’Europa e l’Ucraina, dall’altra la Russia e in mezzo il gruppo dei paesi che, come una volta, si potrebbero definire non allineati. Un tribunale di Mosca ha condannato a sette anni di reclusione l’oppositore Alexei Gorinov. L’ex premier giapponese Shinzo Abe è stato ucciso da un attentatore nella città di Nara. L’ex presidente della FIFA Joseph Blatter e l’ex Presidente della Federazione Europea del calcio Michel Platini sono stati assolti dall’accusa di truffa. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia. 

Il Rapporto annuale dell’Istat: l’Italia della povertà e delle disuguaglianze

(di Raffaele Liguori)

L’Italia è un paese dove anche la mortalità è disuguale e risente delle condizioni economiche e sociali: ad esempio è maggiore laddove il titolo di studio è più basso.
Il rapporto annuale dell’Istat è una preoccupante descrizione di un paese che vede allargare le proprie aree di sofferenza.
La povertà, quella assoluta, quella che non permette una vita “libera e dignitosa” (come dice la nostra costituzione) è triplicata nel giro di 15 anni: oggi coinvolge 5 milioni e 600 mila persone (nel 2005, meno di due milioni). Rispetto a 15 anni fa la povertà assoluta è quattro volte più frequente (dal 3 all’11%) per i giovani tra i 18 e i 34 anni (quasi il 70% di loro vive in famiglia).
Di fronte a questa situazione, il reddito di cittadinanza non ha abolito la povertà (come diceva Di Maio dal balcone di palazzo Chigi 4 anni fa), ma ha evitato ad un milione di persone di cadere nella povertà assoluta, dice il rapporto Istat.
Diseguali negli stipendi, così come nell’affrontare i rincari e l’inflazione.
L’Istat racconta che circa 4 milioni di dipendenti del settore privato guadagnano meno di 12 mila euro lordi l’anno. I salari in Italia sono bassi e l’inflazione pesa di più (2,6 punti) su chi guadagna poco: alimentari ed energia – ha calcolato l’Istat – si mangiano oltre il 60% del potere d’acquisto.
Salari che restano bassi, vuol dire salari che non aumentano. Tanto basta per rassicurare il governatore di Bankitalia Visco: “la dinamica delle retribuzioni non sembra al momento indicare l’avvio di una pericolosa rincorsa prezzi e salari”. Visco è preoccupato della spirale salari-prezzi, ma senza aumenti degli stipendi – dice l’Istat – le retribuzioni contrattuali torneranno indietro, sotto i livelli del 2009.
L’occupazione: dagli anni ‘90 ad oggi – scrive l’Istat – i dipendenti a termine sono raddoppiati. Oggi sono 3 milioni. Per metà di loro i lavori precari che svolgono durano al massimo sei mesi.
Le cifre e il quadro fatto dall’istituto di statistica nel rapporto presentato oggi non tengono conto degli ultimi sei mesi, del rallentamento dell’economia e dell’inflazione che ha continuato a salire.
Infine del rapporto Istat c’è un ultimo dato, ma non il meno importante, che riguarda la “famiglia”: al centro-nord – scrive l’Istat – le coppie con figli non rappresentano più il modello familiare prevalente, sono state superate dalle persone che vivono sole”.

Le prove generali per la nuova cortina di ferro al G20 di Bali

(di Michele Migone)

La foto di gruppo è saltata, boicottata prima dal Segretario di stato Usa Blinken e poi dai suoi colleghi occidentali che non volevano farsi ritrarre insieme al russo Lavrov. Poi è saltata anche la cena di gala per la stessa ragione. Il capo della diplomazia di Mosca, invece, è uscito dalla sala prima quando parlava l’ucraino Kuleba e poi quando ha preso la parola la tedesca Baerbock. Infine Lavrov ha lasciato definitivamente e in anticipo la riunione dei G20 dopo aver detto che con l’Occidente non si può dialogare. A Bali è andata in onda la rappresentazione della nuova Cortina di Ferro: da una parte gli Stati Uniti, l’Europa e l’Ucraina, dall’altra la Russia e in mezzo il gruppo dei paesi che, come una volta, si potrebbero definire non allineati, nuove potenze economiche e militari regionali e globali, come l’India, mentre la Cina è un caso a parte. In sé, il vertice è stato un fallimento, nonostante gli sforzi dei padroni di casa indonesiani di tentare di raggiungere qualche risultato sulla crisi alimentare causata dalla guerra e sulle ripercussioni economiche del conflitto in Ucraina. Non c’è stata alcuna discussione. La Russia reclama invece di aver vinto sul fronte diplomatico. L’Occidente, soprattutto Washington, voleva isolarla a livello internazionale, puntava a che fosse trattata come uno stato canaglia, ma l’invito a Bali conferma che l’operazione non è riuscita. A parte la Cina – che merita un discorso a sé – tutti gli altri paesi presenti, dall’India al Messico, dall’Arabia Saudita alla Turchia, hanno deciso di mantenere buoni rapporti con Mosca. Per due motivi. il primo: hanno voluto riaffermare la loro sovranità, l’ indipendenza dal blocco occidentale, il secondo, invece, sono gli affari economici con la Russia ai quali non vogliono rinunciare. Così come, però, non vogliono assolutamente rinunciare ai loro rapporti con Usa e Europa. Da qui, la loro politica di temperata equidistanza per la guerra in Ucraina, le frequenti candidature come mediatori tra le parti, il tutto in attesa che la situazione si stabilizzi o faccia capire chi ne uscirà meglio, l’interlocutore da privilegiare in futuro.

l’oppositore russo Alexei Gorinov è stato condannato a sette anni di reclusione

A mosca, un tribunale ha condannato a sette anni di reclusione l’oppositore russo Alexei Gorinov colpevole secondo la corte di diffusione di false informazioni sull’esercito per aver condannato l’invasione dell’Ucraina, è uno dei primi oppositori condannato dopo l’entrata in vigore delle leggi contro la libertà di opinione e stampa volute dal governo russo dopo le prime dimostrazioni contro l’invasione dell’Ucraina.

L’attentato all’ex premier giapponese Shinzo Abe

L’ex premier giapponese Shinzo Abe è stato ucciso da un attentatore nella città di Nara, l’omicida Tetsuya Yamagami, 41 anni, ex militare avrebbe usato un’arma artigianale e altre ne sarebbero state trovate nella sua casa. Non si conoscono ancora le ragioni del gesto. Abe è la figura centrale della vita politica giapponese degli ultimi venti anni, figlio di una dinastia politica ha guidato i destini del partito conservatore al gvoerno ininterrottamente da 50 anni.
Cosa può significare questo attentato, lo abbiamo chiesto a Marco restelli, giornalista esperto di Giappone e Asia

 

FIFA, Blatter e Platini sono stati assolti dalle accuse di truffa

L’ex presidente della FIFA, la Federazione Internazionale del calcio, Joseph Blatter e l’ex Presidente della Federazione Europea del calcio Michel Platini sono stati assolti oggi dal tribunale Penale federale di Bellinzona in Svizzera dall’accusa di truffa per un compenso di 2 milioni di franchi svizzeri, circa 2 milioni di euro, che Platini aveva ricevuto dalla FIFA nel 2011. E le roi Platini, come era soprannominato quando giocava a calcio, oggi si è tolto qualche sassolino.

(di Luca Gattuso)

“E’ solo la conferma di quello che dico da sette anni. È un bene che la verità finalmente sia uscita fuori dopo tante manipolazioni, bugie e ingiustizie. La giustizia di chi non è nel calcio mi salva dalla giustizia del calcio.” Così Michel Platini all’uscita del Tribunale Penale Federale di Bellinzona che lo aveva appena assolto dall’accusa di truffa alla Fifa. Con lui imputato l’ex presidente della Federazione Joseph Blatter.
L’accusa era quella di un pagamento illecito di 2 milioni di franchi, versato nel 2011 dalla FIFA a Platini, pregiudicando il patrimonio della Federazione e arricchendo illecitamente Platini. Il pagamento c’è stato. Per l’accusa era una tangente. Per Platini e Blatter invece il frutto di consulenze. Peccato che mancasse il contratto e allora sia Blatter che Platini hanno detto che l’accordo era stato verbale. Il Tribunale ha creduto alla loro versione.
Sia Platini che Blatter erano stati allontanati dal mondo del calcio quando il comitato etico della FIFA nel 2015 li aveva squalificati per 8 anni poi ridotti in un primo tempo a 6 e poi a 4.
Platini l’8 giugno scorso all’apertura del processo aveva affrontato i giornalisti con le mani in tasca senza dire una parola ma dispensando il suo caratteristico sorriso. Oggi ha parlato e non si è contenuto. Sempre sorridendo ha detto “Posso solo dire che non lascerò passare niente, non è finita. In Francia ho sporto denuncia per sapere esattamente chi ha manipolato tutto, ora inizieremo a divertirci”.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR lunedì 26/02 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 26-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 26/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 26-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 26/02/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 26-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Jazz Anthology di lunedì 26/02/2024

    Come suggerisce il titolo della trasmissione, presente nel palinsesto di Radio Popolare fin dagli inizi, Jazz Anthology ripercorre la ormai lunga vicenda del jazz proponendone momenti e artisti salienti. Al di là della varietà delle sue forme, per Jazz Anthology questo genere è un fenomeno unitario di innovazione musicale in rapporto con una tradizione di matrice neroamericana. Jazz Anthology vuole quindi valorizzare sia la pluralità degli aspetti del jazz che la continuità della sua storia, dedicando la propria attenzione a tutte le epoche di questa musica, dal New Orleans al bebop, fino alle espressioni più audaci degli ultimi decenni. Il programma si articola soprattutto in serie di trasmissioni a carattere monografico, con l’intenzione – in un contesto mediatico che al jazz dà pochissimo spazio e in modo molto dispersivo – di dare così un contributo alla diffusione di una effettiva cultura del jazz. La sigla di Jazz Anthology è Straight Life (Art Pepper), da Art Pepper meets The Rhythm Section (1957, Contemporary/Original Jazz Classics)

    Jazz Anthology - 26-02-2024

  • PlayStop

    News della notte di lunedì 26/02/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 26-02-2024

  • PlayStop

    La Pillola va giù di lunedì 26/02/2024

    Una trasmissione settimanale  a cura di Anaïs Poirot-Gorse con in regia Nicola Mogno. Una trasmissione nata su Shareradio, webradio metropolitana milanese in questo momento di emergenza, cercando di ridare un spazio di parola a tutti i ragazzi dei centri di aggregazione giovanili di Milano con cui svolgiamo regolarmente laboratori radiofonici.

    La Pillola va giù - 26-02-2024

  • PlayStop

    Il Suggeritore Night Live di lunedì 26/02/2024

    Il Suggeritore, la storica trasmissione di teatro di Radio Popolare, ha compiuto 17 anni e può uscire da sola la sera! Ora, infatti, si chiama Il Suggeritore Night Live e va in onda in diretta ogni lunedì, dalle 21.00 alle 22.00, dall’Auditorium “Demetrio Stratos” di Radio Popolare: un night talk-show con ospiti da vari ambiti dello spettacolo dal vivo, che si raccontano ai nostri microfoni e propongono estratti dai loro lavori, nella serata in cui tradizionalmente il teatro osserva il riposo. Finalmente possiamo accogliere i nostri ascoltatori in auditorim: quindi vi aspettiamo dalle 20.00 in veste di pubblico privilegiato di Il Suggeritore Night Live.

    Il Suggeritore Night Live - 26-02-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di lunedì 26/02/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 26-02-2024

  • PlayStop

    Esteri di lunedì 26/02/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 26-02-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di lunedì 26/02/2024

    (104 - 486) Dove ringraziamo i "ragazzi" del rugby per la grande prestazione nel 6 Nazioni in Francia. Peccato per il palo. Poi andiamo in Sardegna per un aggiornamento sui risultati delle elezioni regionali e capire come mai i risultati arrivano così lentamente. Ci colleghiamo con Francesca Ghirra, Deputata di Sinistra Italiana Verdi, ma in questa occasione in veste di rappresentante di lista. Nella terza parte parliamo del festival del giornalismo di Verona con Ernesto Kieffer uno degli organizzatori.

    Muoviti muoviti - 26-02-2024

  • PlayStop

    Playground di lunedì 26/02/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 26-02-2024

  • PlayStop

    Mash-Up di lunedì 26/02/2024

    Mash Up è un dj set di musiche e parole diverse, anzi diversissime, che si confondono fra loro all’insegna di un tema diverso.  Anzi, “si pigliano perché non si somigliano”.  Conduce, mixa, legge e ricerca il vostro dj per Matrimoni Impossibili, Piergiorgio Pardo aka Pier Nowhere Mail: mischionepopolare@gmail.com

    Mash-Up - 26-02-2024

  • PlayStop

    Jack di lunedì 26/02/2024

    Per raccontare tutto quello che di interessante accade oggi nella musica e in ciò che la circonda. Anticipazioni e playlist sui canali social di Matteo Villaci.

    Jack - 26-02-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di lunedì 26/02/2024

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una coabitazione sul pianeta attraverso letteratura, musica, scienza, costume, linguaggio, arte e storia. Ogni giorno con l’ospite di turno si approfondisce un argomento e si amplia il Bestiario che stiamo compilando. In onda da lunedì a venerdì dalle 14.00 alle 14.30. A cura di Cecilia Di Lieto.

    Considera l’armadillo - 26-02-2024

  • PlayStop

    Storie di Giusti - S3 E5: Jurij Dmitriev

    Jurij Dmitriev è uno storico dell’associazione Memorial, premio Nobel per la Pace 2022. Dobbiamo soprattutto a lui la scoperta di Sandormoch, una delle più grandi fosse comuni di tutti i tempi, in cui vennero abbandonati i corpi di migliaia di vittime delle purghe staliniane. Oggi è in una colonia penale, in quello che è di fatto un ergastolo, a pagare per le peggiori accuse che un padre possa ricevere. Nonostante non ci siano prove contro di lui. Perché uno storico che si occupa di vicende di quasi un secolo fa è così scomodo al potere di oggi? Ospiti: Andrea Gullotta, Zoja Svetova e Anna Zafesova

    Clip - 26-02-2024

  • PlayStop

    Guarda, quella è Sirmione...

    quando lanciamo il nuovo mirabolante progetto social di poveri ma belli, il canale twitch, poi stiliamo la top10 dei manganelli più cool del momento, commentiamo le interviste di Gianstage sul lavoro dei giovani prima di un excursus sulle notti nei villaggi turistici e infine ascoltiamo la prima parte di una nuova puntata di Voeia de Laurà con Andrea, il Liutaio di Villapizzone

    Poveri ma belli - 26-02-2024

Adesso in diretta