Approfondimenti

L’attesa per il voto del Consiglio di sicurezza, il via libera alla revisione del PNRR italiano e le altre notizie della giornata

Gentiloni Ecofin ANSA

Il racconto della giornata di venerdì 8 dicembre 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Questa sera il Consiglio di Sicurezza voterà una risoluzione che chiederà una tregua, ma gli Stati Uniti hanno fatto capire che non sono a favore. I ministri economici dell’Unione Europea hanno approvato le modifiche ai Piani nazionali di ripresa e resilienza proposte da 13 paesi, tra cui l’Italia. Due loggionisti identificati dopo aver urlato slogan antifascisti durante la Prima alla Scala. Guai giudiziari per Marine Le Pen: la leader dell’estrema destra andrà a processo nel 2024, in un caso che potrebbe anche bloccare la sua carriera politica.

L’attesa per il voto del Consiglio di sicurezza per un cessate il fuoco

La guerra a Gaza. Questa sera il Consiglio di sicurezza voterà una risoluzione che chiederà una tregua. Gli Stati Uniti hanno fatto capire che non sono a favore e la bloccheranno. Nella Striscia la situazione umanitaria – anche se sembra impossibile – continua a peggiorare. Questo pomeriggio le autorità locali hanno detto che le vittime, in due mesi di conflitto, sono 17.487. Oltre 46mila i feriti.

(di Emanuele Valenti)

Il voto del Consiglio di sicurezza dovrebbe essere verso le 23.30 ora italiana. Si tratta di un voto particolare, perché il consiglio di sicurezza è stato convocato su richiesta del segretario generale, una procedura molto rara a Palazzo di Vetro. Il numero due della delegazione americana alle Nazioni Unite, Robert Wood, ha detto che un cessate il fuoco adesso metterebbe solo le basi per un’altra guerra. Sono però in corso colloqui tra Stati Uniti e diversi paesi arabi più la Turchia.
La situazione umanitaria non migliora. Le Nazioni Unite hanno detto che è stato toccato il fondo e che non si possono più consegnare aiuti umanitari. Un bombardamento questa mattina molto vicino all’ospedale di Khan Yunis ha fatto decine di vittime. Lo ha detto la Mezzaluna Rossa Palestinese. L’organizzazione ha postato immagini caotice dall’interno dell’ospedale. Si fa fatica a capire cosa stia succedendo.
Netanyahu ha ribadito che dopo la guerra Hamas non ci sarà e l’ANP non avrà alcun ruolo a Gaza. L’Autorità Nazionale Palestinese sta però parlando di questo con gli americani. Situazione molto fluida anche su questo fronte. Un raid israeliano nel nord della Cisgiordania ha fatto 6 morti palestinesi. Il fuoco israeliano ha poi ucciso un giornalista della Reuters nel sud del Libano.
Colpi di mortaio invece sono caduti sull’ambasciata americana in Iraq. Tensione anche fuori da Gaza.
Aspettiamo quindi il Consiglio di Sicurezza e ricordiamo che la notte scorsa l’amministrazione Biden, per bocca del segretario di stato Blinken, aveva criticato nel modo più netto dall’inizio della guerra l’azione militare di Israele: per quanto riguarda i civili di Gaza c’è distanza tra quello che Israele dice e quello che fa sul terreno.

La situazione umanitaria a Gaza continua a peggiorare

Moltissimi cittadini di Gaza sono scappati al sud, nella zona di Rafah, a ridosso del confine con l’Egitto. Questa sera fonti mediche hanno detto che gli ospedali non hanno più posti letto. Il racconto che ci ha fatto un cittadino palestinese proprio da Rafah:

I gruppi palestinesi, le organizzazioni per i diritti umani, diverse associazioni umanitarie, e anche il governo iraniano hanno condannato le immagini che ritraggono decine di palestinesi, spogliati e seduti a terra dopo essere stati arrestati dai militari israeliani questa settimana nel nord della Striscia di Gaza. Le immagini sono circolate in rete e le ha trasmesse anche la TV israeliana. Israele ha fatto capire che nelle zone dove si combatte gli uomini vengono praticamente arrestati tutti per verificare le loro possibili connessioni con Hamas. Riccardo Nouty, portavoce di Amnesty International Italia:


 

L’Ecofin dà il via libera alla revisione del PNRR italiano

I ministri economici dell’Unione Europea hanno approvato le modifiche ai Piani nazionali di ripresa e resilienza proposte da 13 paesi, tra cui l’Italia. La Presidente del Consiglio Meloni ha commentato la notizia parlando di “grande risultato del governo”. Nessun accordo invece finora sulla riforma del patto di stabilità: i governi europei stanno discutendo su delle possibili nuove regole di bilancio, ma se non si arriverà a un compromesso a inizio anno torneranno in vigore i vecchi vincoli, sospesi da quando è scoppiata la pandemia. Sulle trattative in corso e sulla strategia del governo italiano abbiamo intervistato l’economista Emanuele Felice:


 

Il caso dei loggionisti identificati dopo aver urlato slogan antifascisti alla Prima alla Scala

Due loggionisti identificati dopo aver urlato slogan antifascisti. La notizia è emersa dopo la prima della Scala, a cui dal palco reale hanno assistito il presidente del senato La Russa e il ministro Salvini, oltre al sindaco di Milano Sala e alla senatrice a vita Liliana Segre. Subito prima dell’inno nazionale un uomo ha gridato “no al fascismo”. Subito dopo un altro ha detto “Viva l’Italia antifascista”. Lui si chiama Marco Vizzardelli, lo abbiamo intervistato:

La Questura di Milano ha diffuso un comunicato in cui dice che l’identificazione non è stata causata dal contenuto delle frasi urlate in sala ma dalle “particolari circostanze”, così si legge nel testo, che cita le proteste di piazza legate all’evento e la diretta tv, che secondo la questura poteva “essere di stimolo per iniziative finalizzate a turbarne lo svolgimento”.

(di Anna Bredice)

A volte i social hanno anche una funzione positiva a quanto pare. Da quando si è saputo dell’identificazione di Marco Vizzardelli da parte della Polizia, per aver gridato “Viva l’Italia antifascista”, c’è stata una pioggia di messaggi, migliaia di persone che si sono identificate su tutti i social con nome e cognome sotto la scritta Viva l’Italia antifascista. Privati cittadini, leader politici, parlamentari, fino al sindaco di Milano Sala, che su Instagram chiede “al loggionista identificato che gli si fa?”. Frase lapalissiana, dice ora stupito dal clamore il protagonista di questa storia, da una vita loggionista alla Scala, che racconta che qualcosa non gli andava giù dopo aver saputo che Liliana Segre stava lì in mezzo tra Matteo Salvini e Ignazio La Russa. E infatti la senatrice a vita è stata un po’ considerata come una protezione dal Presidente del Senato, potremmo dire quasi uno “scudo umano”, per proteggersi dalle critiche che già gli erano arrivate dall’Anpi e dai dipendenti della Scala per non aver mai condannato apertamente il fascismo. E la Scala da questo punto di vista una storia antifascista ce l’ha, gli applausi al ritorno di Toscanini dopo l’esilio dal fascismo sono solo un esempio. La Polizia oggi precisa che l’identificazione è stata un’azione preventiva per la sicurezza dell’evento, ma rimane comunque l’impressione di un atto esagerato di fronte ad una persona che ha gridato una frase da cui nasce l’intera Costituzione italiana, quella su cui hanno giurato anche Salvini e La Russa.

I nuovi guai giudiziari per Marine Le Pen

Francia. Guai giudiziari per Marine Le Pen. La leader dell’estrema destra andrà a processo nel 2024, in un caso che potrebbe anche bloccare la sua carriera politica. Il servizio da Parigi di Francesco Giorgini:


 

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR domenica 25/02 13:00

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 25-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 25/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 25-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 23/02/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 23-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Comizi d’amore di domenica 25/02/2024

    Quaranta minuti di musica e dialoghi cinematografici trasposti, isolati, destrutturati per creare nuove forme emotive di ascolto. Ogni domenica dalle 13.20 alle 14.00, a cura di Stefano Ghittoni.

    Comizi d’amore - 25-02-2024

  • PlayStop

    C'è di buono di domenica 25/02/2024

    La cucina, la gastronomia, quello che mangiamo…hanno un ruolo fondamentale nella vita di tutti noi. Il cibo che scegliamo ci cambia, ci influenza e parla di noi. Ci può far stare bene o male in base a quello che scegliamo di avvicinare alla bocca. L’atto di cucinare e di mangiare ogni giorno è uno dei più importanti che possiamo fare. E va affrontato con consapevolezza, con conoscenza, oltre che con uno spirito divertito. Per questo Niccolò Vecchia a C’è di buono ogni settimana racconterà di prodotti e di cucina, raccogliendo storie contadine antiche e contemporanee, parlando di una cultura che può essere, insieme, popolare e raffinata.

    C’è di buono - 25-02-2024

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 25/02/2024

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown trendaioli. La bruss e la steppa. Yak e orsetti lavatori. Il mal d’Africa e le pastiglie di xamamina per chi sta male sui traghetti. Calepini e guide di viaggio. Zaini e borracce. Musiche del mondo e lullabies senza tempo. Geografie fantastiche ed escursioni metafisiche. Nel blog di Onde Road tutti i dettagli delle trasmissioni.

    Onde Road - 25-02-2024

  • PlayStop

    La domenica dei libri di domenica 25/02/2024

    La domenica dei libri è la trasmissione di libri e cultura di Radio Popolare. Ogni settimana, interviste agli autori, approfondimenti, le novità del dibattito culturale, soprattutto la passione della lettura e delle idee. Condotta da Roberto Festa

    La domenica dei libri - 25-02-2024

  • PlayStop

    Va pensiero di domenica 25/02/2024

    Viaggio a bocce ferme nel tema politico della settimana.

    Va Pensiero - 25-02-2024

  • PlayStop

    Apertura musicale classica di domenica 25/02/2024

    La musica classica e le sue riverberazioni con Carlo Lanfossi per augurare un buon risveglio a “tutte le mattine del mondo”. Novità discografiche, segnalazioni di concerti, rassegna stampa musicale e qualunque altra scusa pur di condividere con voi le musiche che ascolto, ho ascoltato e ascolterò per tutta la settimana.

    Apertura musicale classica - 25-02-2024

  • PlayStop

    Emergenza di sabato 24/02/2024

    La trasmissione sulle novità musicali della scena emergente italiana. Per chi crede nel talento dei giovani artisti o ha solo voglia di scoprire nuova musica. Le canzoni in primo piano, ma anche tanti ospiti che ci raccontano la loro storia. Conduce La Melchi. - @lamelchi_

    Emergenza - 24-02-2024

  • PlayStop

    Snippet di sabato 24/02/2024

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45 (tranne il primo sabato di ogni mese)

    Snippet - 24-02-2024

  • PlayStop

    News della notte di sabato 24/02/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 24-02-2024

  • PlayStop

    Warm-up di sabato 24/02/2024

    musica by Davide Facchini

    Warm-up - 24-02-2024

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 24/02/2024

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come recita la famosa canzone del fu Giacomo: Questo di sette è il più grandioso giorno, pien di speme e di gioia: di man tristezza e noia recheran l'ore, ed il travaglio usato ciascuno in suo pensier farà ritorno.

    Il sabato del villaggio - 24-02-2024

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 24/02/2024

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da vent’anni si occupa di novità musicali su queste frequenze. Ospiti, interviste, minilive, ma anche tanta tanta musica nuova. 50 minuti (circa…) con cui orientarsi tra le ultime uscite italiane e internazionali. Da ascoltare anche in Podcast (e su Spotify con le playlist della settimana). Senti un po’. Una trasmissione di Niccolò Vecchia In onda il sabato dalle 18.30 alle 19.30.

    Senti un po’ - 24-02-2024

  • PlayStop

    Stay human di sabato 24/02/2024

    Ogni sabato dalle 17.35 alle 18.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni e il fedele Fela.

    Stay human - 24-02-2024

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 24/02/2024

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e altre radio di Popolare Network, Radio Sonica, Radio Beckwith, Radio Zainet e Radio Onda d’Urto e altre ancora. In Jailhouse Rock storie di musica e di carcere si attraversano le une con le altre. Alla trasmissione collaborano detenuti del carcere romano di Rebibbia Nuovo Complesso e del carcere milanese di Bollate. Dando vita alla prima esperienza del genere, ogni settimana realizzano un Giornale radio dal carcere (Grc) in onda all’interno di Jailhouse Rock, nonché delle cover degli artisti ascoltati nella puntata. Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, a cura di Patrizio Gonnella e Susanna Marietti. http://www.jailhouserock.it/ https://www.facebook.com/Jailhouse-Rock-451755678297925/

    Jailhouse Rock - 24-02-2024

Adesso in diretta