Approfondimenti

Biden spiazza l’UE su vaccini e brevetti, le sberle tra Salvini e Meloni e le altre notizie della giornata

Matteo Salvini ANSA quota 100

Il racconto della giornata di venerdì 7 maggio 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Bruxelles vuole che il Recovery Plan sia gestito da Draghi e teme che a succedervi potrà essere un’alleanza Salvini-Meloni, ma ad oggi i due leader del centrodestra sono impegnati in una gara di sberle. Proprio oggi il Recovery Plan presentato alla Commissione Europea e arrivato sui tavoli di ogni parlamentare. Oggi a Milano c’è stato un anticipo della manifestazione di domani a favore dell’approvazione della legge Zan contro la omotransfobia. Infine, i dati di oggi sull’andamento dell’epidemia da COVID in Italia.

Le preoccupazioni di Bruxelles sul Recovery nel post-Draghi

(di Alessandro Principe)

Bruxelles vuole che il Recovery Plan sia gestito da Mario Draghi: si fida di lui. E teme che finisca in mano a un governo sovranista. Oggi le leve del comando sono considerate al sicuro. I ministeri, la struttura creata al Mef che parla direttamente con la Commissione Europea. E infine, naturalmente, Palazzo Chigi. Ora c’è Draghi, il suo ministro Daniele Franco e i tecnici da loro incaricati. Per Bruxelles è una garanzia. Ma è anche una preoccupazione. Cosa succede all’inizio dell’anno prossimo quando si sceglierà il nuovo presidente della Repubblica? Se Draghi va al Quirinale chi terrà da Palazzo Chigi le redini del Recovery? E per quanto tempo? Ci saranno elezioni anticipate o Draghi arriverà fino al 2023? Tutti elementi di incertezza. C’è però qualcosa di più: la possibilità che al governo vadano Salvini e Meloni con un’alleanza sovranista. È vero che obiettivi e progetti del Recovery sono già stabiliti. Ma non è indifferente chi li attuerà e come. Chi sarà l’interlocutore a Roma. Dal fisco alle pensioni, dall’ambiente al welfare. Dalle infrastrutture alla sanità. Non c’è niente di politicamente neutro. E che a Palazzo Chigi ci sia Salvini o un premier europeista è tutt’altra cosa. Meglio ancora, per Bruxelles, se ci fosse ancora Draghi.

Le prime scadenze del Recovery Plan

(di Anna Bredice)

Quasi 2.500 pagine racchiudono il Recovery Plan presentato alla Commissione Europea e arrivato oggi sui tavoli di ogni parlamentare. Sei missioni da realizzare entro il 31 agosto 2026. Entro quella data le opere devono essere “effettivamente implementate”, c’è scritto nel corposo dossier per gran parte scritto in inglese e corredato da cartine e tabelle. Entro quella data quindi le riforme e i progetti dovranno essere tutti avviati, con uno schema di controllo e di governance su più piani, con un un controllo rafforzato contro le frodi, la corruzione e i conflitti di interesse.
Ogni missione, come vengono definiti i capitoli, hanno un finanziamento già fissato. 59 miliardi alla transizione ecologica, 40 miliardi alla digitalizzazione, questo è il primo progetto che si dovrà compiere già quest’anno. 30 miliardi all’istruzione e ricerca, 25 alle infrastrutture e qui nel piano vengono indicate alcune opere legate all’alta velocità, dalla Brescia-Verona-Padova, alla Napoli-Bari. 19 miliardi andranno all’inclusione e 15 miliardi per la salute. In tutto 191 miliardi, che arrivano però a 248 se si aggiungono risorse nazionali e quelle date dalla Next generation Ue.
La sfida più impegnativa è prevista per il 2024, i soldi che arriveranno quell’anno sono i più consistenti, 42 miliardi. Ma chi li riceverà, dai ministeri al piccolo comune, dovrà esser capace di spenderli bene, realizzando i progetti che nel piano hanno già previsto una loro scadenza. Per quanto riguarda le riforme, già nelle prossime settimane è prevista la presentazione della bozza di riforma delle semplificazioni, le altre, a cominciare da quella della giustizia hanno come termine per i decreti attuativi il 31 dicembre 2022.
La governance del piano sarà definita con un decreto ad hoc. Chi monitora lo stato di realizzazione del piano è una “control room” di Palazzo Chigi, che potrà proporre poteri sostitutivi nel caso un progetto dovesse rallentare o bloccarsi. Sempre Palazzo Chigi dovrà collaborare con le singoli amministrazioni. Infine c’è il ministero dell’Economia con una struttura apposita che sarà l’unico punto di contatto con la Commissione europea. a realizzare gli interventi e i progetti ci saranno i ministeri, ma anche le regioni e gli enti locali.

Le sberle tra Salvini e Meloni

(di Michele Migone)

Il leader è lui ed è quindi lui che deve convocare il vertice del centrodestra sulle elezioni amministrative. Il messaggio di Giorgia Meloni è stato chiaro. Ma è un’uscita a doppio taglio. Sottolinea le difficoltà di leadership di Matteo Salvini. Difficoltà che è la stessa Meloni a creare.
Il vertice si terrà mercoledì prossimo, ma il segretario della Lega non ci sarà. Manderà il responsabile enti locali. Tra i due è sempre più scontro. Non sono stracci quelli che volano, ma veri e propri schiaffi. Nella competizione tra i due sarebbe stato superato un livello di guardia e molti esponenti del centrodestra sono ora preoccupati. Nessuno pensa a una rottura, ma tutti credono che il braccio di ferro sicuramente renderà poco stabile la coalizione. Nel passato c’era Silvio Berlusconi a tenere a bada i due, a dividerli per essere lui a governare, ma ora le sue condizioni di salute gli impediscono qualsiasi mossa. Così, i due rimangono da soli, a prendersi a sberle, davanti a tutti. Quello che ne prende di più è Salvini. La Lega scende nei sondaggi, Fratelli d’Italia sale. La credibilità politica di Salvini declina, quella della Meloni migliora. Sembra di assistere al gioco del gatto con il topo. Salvini cerca di piazzare due candidati a Milano e Roma (Albertini e Bertolaso) ed entrambi rinunciano perché vedono che Giorgia Meloni picchia. E la Meloni lo fa per erodere l’immagine di Salvini come leader del centrodestra. Perché la gara tra i due, tutti lo sanno, è su chi sarà il candidato a Palazzo Chigi. Quando Fratelli d’Italia avrà superato la Lega, la Meloni potrà dirgli: sono io la vincitrice. Accadrà? È probabile. Mancano pochi punti. Salvini è sempre più nervoso. Lo si è capito dalle accuse lanciate alla sua alleata: sta all’opposizione per meri motivi elettorali. Lo ha detto proprio lui che per motivi elettorali sta con un piede fuori e l’altro dentro l’esecutivo. Una strategia che non sta pagando. Ma Salvini è un po’ che fa fatica ad azzeccarla.

Vaccini e brevetti. Il blitz di Biden spiazza l’UE

(di Chawki Senouci)

L’Unione Europea è rimasta spiazzata dal blitz di Biden. E prima di chiarirsi le idee ha tentato di mettere in dubbio la sincerità degli Stati Uniti perché – sostengono – la Casa Bianca mantiene ancora l’embargo sui vaccini e soprattutto sulle componenti dei vaccini. E senza queste componenti i brevetti non servono a nulla. In sostanza Joe Biden, da grande comunicatore, cerca di dare al mondo un’immagine di un America generosa. Tuttavia a Bruxelles riconoscono che bisogna diversificare la produzione per coprire il fabbisogno mondiale e soprattutto ridistribuire la ricchezza creata dal vaccino che adesso è nelle mani dei laboratori. Questa è la posizione della Commissione che sembra alla fine molto possibilista. Per quanto riguarda i Paesi membri, Macron si è detto favorevole alla sospensione dei brevetti. La posizione della Germania è ancora tutta da definire, Angela Merkel non ha commentato. Il ministro degli Esteri tedesco, Heiko Maas, del SPD, si è detto pronto al dialogo, mentre un portavoce del governo ha detto che la protezione della proprietà intellettuale è sacra.
Questo confermerebbe la fortissima pressione dei laboratori tedeschi sul governo. BioNTech, partner di Pfizer, prevede nel 2021 entrate per 26 miliardi. Anche il vaccino mRna CureVac, che sarà in commercio a fine maggio, è destinato a fare guadagni importanti. Ma in piena pandemia difendere gli interessi di Big Pharma è antistorico. Sarebbe il peggior modo per Angela Merkel di lasciare la politica.

Tutto pronto a Milano per la manifestazione a favore dell’approvazione della legge Zan

Domani a Milano la manifestazione a favore dell’approvazione della legge Zan contro la omotransfobia che Radio Popolare seguirà in diretta a partire dalle 14.30.
Oggi a Milano c’è stato un anticipo della manifestazione. In piazza Morbegno Alessandro Zan e Monica Cirinnà hanno inaugurato una panchina che ricorda le vittime della omotransfobia. Lorenza Ghidini:


 

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

L’andamento dell’epidemia in Italia è di decrescita: lenta ma costante. E, per la prima volta, in tutte le Regioni. I contagi diminuiscono più velocemente nelle fasce di età più avanzate, per effetto delle vaccinazioni. L’età media dei nuovi contagi si è abbassata a 41 anni. “C’è una tendenza al miglioramento della situazione – ha spiegato il direttore della prevenzione del ministero della Salute Gianni Rezza – e per la prima volta abbiamo sotto la soglia critica sia l’occupazione delle terapie intensive sia dei reparti ospedalieri“.
Da lunedì tutte le Regioni saranno in fascia gialla tranne Valle d’Aosta, Sicilia e Sardegna che saranno arancioni. L’indice nazionale Rt dall’ultimo monitoraggio è leggermente salito rispetto alla scorsa settimana, ma – considerando tutti i parametri – nessuna Regione è considerata ad alto rischio.
Oggi sono stati rilevati 10.500 nuovi contagi, il tasso di positività è sceso al 3,2%. 207 le vittime. In calo sia le terapie intensive sia i ricoveri ordinari.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 18/08/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 19/08/2022

  • PlayStop

    Conduzione musicale di giovedì 18/08/2022 delle 21:00

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che…

    Conduzione musicale - 19/08/2022

  • PlayStop

    Popsera di giovedì 18/08/2022

    Popsera è lo spazio che dedicheremo all’informazione nella prima serata per tutta l’estate. Si comincia alle 18.35 con le notizie…

    Popsera - 19/08/2022

  • PlayStop

    La Portiera di giovedì 18/08/2022

    Dopo aver rivoltato la redazione della radio come un calzino durante le vacanze invernali, Cinzia Poli ritorna in portineria per…

    La Portiera - 19/08/2022

  • PlayStop

    Democrazia, maneggiare con cura. Una difesa preventiva di valori e principi fondamentali

    Ospiti di Lele Liguori: Ota De Leonardis, sociologa, ha insegnato all’Università Bicocca, fa parte del comitato scientifico del Centro per…

    All you need is pop 2022 - 19/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Ben Harper

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista Ben Harper

    Jack meets - 19/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Ben Harper

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista Ben Harper

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: The Zen Circus

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci ospita gli The Zen Circus

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Africa Unite

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista gli Africa Unite

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Emeli Sandé

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Emeli Sandé ospite di Matteo Villaci

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Bloc Party

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. I Bloc Party ospiti di Matteo Villaci

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Fantastic Negrito

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Fantastic Negrito ospite di Matteo Villaci

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Xavier Rudd

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Xavier Rudd intervistato da Matteo Villaci

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Selah Sue

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista Selah Sue

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Conduzione musicale di giovedì 18/08/2022 delle 15:34

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che…

    Conduzione musicale - 19/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Cypress Hill

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. I Cypress Hill ospiti di Matteo Villaci

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Franz Ferdinand

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Franz Ferdinand

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack Meets: Giovanni Truppi

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Giovanni Truppi

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Alt-J

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Alt-J

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Litfiba

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Litfiba

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Samuele Bersani

    Le interviste del magazine musicale di Radio popolare. Samuele Bersani

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Cimafunk

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Cimafunk

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Carmen Consoli

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Carmen Consoli

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Puntata 4 - Factory/In cerca di lavoro

    B. Springsteen, Working on the Highway, Factory, Highway Patrolman (Johnny Cash) W.A. Mozart, Concerto per flauto in Sol maggiore, op.…

    American Life - 19/08/2022

  • PlayStop

    Poveri ma belli di giovedì 18/08/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 19/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Mario Venuti

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Mario Venuti

    Jack meets - 18/08/2022

Adesso in diretta