Approfondimenti

Le cose che La Russa dovrebbe sapere, le accuse di Meloni alla magistratura e le altre notizie della giornata

La Russa Meloni ANSA

Il racconto della giornata di venerdì 7 luglio 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. La reazione del Presidente del Senato La Russa alla notizia dell’accusa mossa nei confronti di uno dei suoi figli ci fa capire tante cose. Dal governo, intanto, arriva l’ennesima pressione nei confronti dei magistrati, la conferma che la riforma della giustizia arriverà in Parlamento dopo il via libera di Mattarella. Il rapporto annuale Istat è l’ennesima conferma di un paese completamente incagliato in diseguaglianze profonde, che non dà opportunità, con l’ascensore sociale bloccato e dove il lavoro non è fattore di emancipazione. Nelle prossime ore il Pentagono annuncerà l’invio di bombe a grappolo all’Ucraina e tra i Paesi membri della Nato soltanto la Germania ha espresso parere negativo.

Le cose che Ignazio La Russa dovrebbe sapere

(di Lorenza Ghidini)

Oltre che essere Presidente del Senato, Ignazio la Russa è un avvocato di lunghissima esperienza. Strano quindi che ignori alcune leggi o le dimentichi al momento di diffondere le sue “note”.
L’articolo 609 bis del codice penale, così come modificato dalla legge 69/2019 (detta il Codice Rosso) ha esteso a 12 mesi il tempo in cui una donna può querelare chi l’ha violentata. Prima erano 6 mesi, quindi comunque il doppio del tempo previsto per tutti gli altri reati. Cosa ci dice questo? Cosa dovrebbe dire a un uomo di legge? Che la vittima ha bisogno di tempo per elaborare quanto accaduto e trovare la forza di rivolgersi all’autorità. Che ci sono accertamenti da fare, anche invasivi, che possono spaventare e portare a rinviare la decisione. Che non si sa mai se fidarsi a raccontare, perchè magari ti diranno che avevi preso droghe o bevuto troppo, come se questo provasse che te la sei cercata. Esattamente quello che ha fatto la seconda carica dello Stato per difendere suo figlio.
L’avvocato La Russa dovrebbe sapere anche che per il reato di stupro si procede solo dietro querela, se la donna decide di farla, se no no. Ma una volta fatta, la querela non si può più ritirare, perché sennò sarebbe troppo facile minacciare le vittime sperando che si rimangino tutto. Come ha fatto l’avvocato di suo figlio, dicendo: se questa ragazza dicesse che la coca gliel’ha data Leonardo, dovremmo querelarla.
Con la legge 172/2012 è stato inoltre raddoppiato il tempo di prescrizione per il reato di violenza sessuale: il tempo, ancora una volta fattore cruciale.
Altro che 40 giorni.
E a proposito di tempo, stiamo ancora aspettando la manifestazione di soli uomini che La Russa aveva proposto, lasciandoci in effetti sbigottite, dopo l’ennesimo femminicidio. “Un segnale deve partire da noi, aveva detto. Il rispetto per le donne nasce in famiglia”.

La strategia di Meloni per gli esponenti di governo sotto inchiesta

(di Anna Bredice)

Dal governo si fa sapere che il disegno di legge di riforma della giustizia attende solo il via libera del Capo dello Stato per arrivare in Parlamento per la discussione e il voto. L’ennesima pressione nei confronti dei magistrati per dimostrare che si risponderà colpo su colpo ad ogni azione della magistratura che ormai per Meloni sarebbe, come sosteneva Berlusconi, politicizzata. Quando mancano ancora mesi a quell’appuntamento, la Presidente del Consiglio nota per le sue posizioni giustizialiste, ha già deciso che c’è un’area della magistratura che pensa alle elezioni europee, un modo per difendere a priori qualsiasi esponente del governo che finirà sotto inchiesta. Oggi si è riunita la giunta dell’Associazione nazionale magistrati. Potrebbero aver discusso degli attacchi del governo, si attende un comunicato o stasera o domani al termine delle assemblee dei magistrati. Nella riforma della giustizia c’è una stretta sulla pubblicazione degli avvisi di garanzia, un tema che è stato al centro del caso Santanchè, indagata da mesi. C’è una stretta sulle intercettazioni, sull’abuso di ufficio, manca la riforma dell’imputazione coatta, ma su quello lo stesso ministro della giustizia ha fatto sapere che si tratta di una cosa “irragionevole”. L’annuncio, quindi, di una prossima riforma per modificare anche questo strumento. Giorgia Meloni quindi al momento sembra blindare gli esponenti del suo governo sotto inchiesta, accusando i magistrati di fare politica, come fece Berlusconi per anni, e inizia a farlo a nemmeno un anno dal suo governo, un segno di debolezza. Citando le Europee sembra proprio riconoscere che sarà una difficile campagna elettorale, sia per gli ostacoli posti dagli alleati, vedi Salvini, che per gli affari che riguardano i suoi ministri, con Santanchè che potrebbe essere la prima ad essere rimossa se arriverà un avviso di garanzia.

Diseguaglianze consolidate o in crescita: l’Italia secondo i dati Istat

(di Massimo Alberti)

Il rapporto annuale Istat è l’ennesima conferma di un paese completamente incagliato in diseguaglianze profonde, che non dà opportunità, con l’ascensore sociale bloccato e dove il lavoro non è fattore di emancipazione. L’analisi riguarda il 2022, anno di crescita dove l’Italia si è avvicinata a recuperare quanto perso nella pandemia. Ma questo recupero non è stato per tutti. Non per i lavoratori. Lo stipendio medio annuo lordo per dipendente è pari a quasi 27mila euro, inferiore del 12% alla media UE. Lordo, appunto: il che smentisce che l’Italia abbia un problema di tasse sul lavoro troppo alte, o che il lavoro costi troppo. Ad essere basso è il lordo nel suo complesso, e questo si spiega con ciò che ormai diversi studi (Ocse o Forum Ambrosetti) dicono da tempo: la quota-profitto delle imprese è al contrario sopra la media europea a scapito dei salari. Segno di politiche sul lavoro che hanno permesso alle imprese di fare soldi proprio sul basso costo del lavoro e non con investimenti e innovazione. Il risultato, continua il rapporto Istat, è che i figli dei poveri, restano tali. In Europa sull’ascensore sociale bloccato fanno peggio di noi solo Romania e Bulgaria. Ne segue la denatalità, un invecchiamento costante della popolazione che infatti diminuisce, entro i prossimi 20 anni, continua Istat, vi sarà una riduzione consistente della popolazione in età di studio e di lavoro. Nonostante l’attenuarsi della crisi energetica, nel primo trimestre 2023, l’inflazione condizionerà consumi e salari reali. Ed infatti, ad una spesa di beni in crescita del 3% in valore, corrisponde un calo in volume di quasi il 5%.

Gli USA pronti a fornire bombe a grappolo all’Ucraina

Nelle prossime ore il Pentagono annuncerà l’invio di bombe a grappolo all’Ucraina. Secondo i media americani la Casa Bianca ha firmato oggi l’autorizzazione e le controverse munizioni dovrebbero essere incluse nel prossimo pacchetto di aiuti militari a Kiev.
A questa decisione si sono opposte diverse associazioni per i diritti umani, che hanno sottolineato l’effetto devastante che queste bombe hanno sui civili. Tra i paesi membri della Nato, solo la Germania ha espresso il suo parere negativo. Il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, ha detto che l’Alleanza Atlantica non ha una posizione e che la decisione spetta ai paesi membri. Abbiamo chiesto un commento a Riccardo Noury, portavoce di Amnesty Italia:

Oggi intanto è il giorno che marca 500 giorni dall’inizio del conflitto. L’ONU ha pubblicato un nuovo bilancio delle vittime civili causate dalla guerra. Sono 9mila le persone uccise, 500 erano bambini.Sentiamo Filippo Ungaro, direttore della comunicazione di Save the Children:


 

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR mercoledì 22/05 7:00

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 22-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di martedì 21/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 21-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di martedì 21/05/2024 delle 19:51

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 21-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    PoPolaroid di mercoledì 22/05/2024

    Ho amato tanto la Polaroid. Vedere stampare sotto i miei occhi la foto è sempre stata una sorpresa divertente ed emozionante. Ho amato anche la bellezza dello spazio bianco intorno all’immagine, che mi permetteva di scrivere la data e dare un titolo alla foto; spesso era ispirato da una canzone. Se ci pensate bene le canzoni, come le fotografie, sono la nostra memoria nel tempo, sono il clic che fa catturare ricordi meravigliosi. A PoPolaroid accompagno la musica con istantanee sonore; sono scatti personali, sociali e soprattutto sentimentali. Con PoPolaroid ascolta e vedrai. Basil Baz

    PoPolaroid – istantanee notturne per sognatori - 21-05-2024

  • PlayStop

    Avenida Brasil di martedì 21/05/2024

    La trasmissione di musica brasiliana di Radio Popolare in onda dal 1995! Da nord a sud, da est ad ovest e anche quella prodotta in giro per il mondo: il Brasile musicale di ieri, di oggi e qualche volta di domani... Ogni martedì dalle 23.00 alle 24.00, a cura di Monica Paes Potrete anche, come sempre, scaricare i podcast e sentirla quando e quante volte volete... https://www.facebook.com/groups/avenidabrasil.radio/ https://www.facebook.com/avenidabrasil.radio/

    Avenida Brasil - 21-05-2024

  • PlayStop

    News della notte di martedì 21/05/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 21-05-2024

  • PlayStop

    L'altro martedì di martedì 21/05/2024

    Dal 19 settembre dalle ore 22.00 alle 22.30 alla sua quarantatreesima edizione L’Altro Martedì, la trasmissione LGBT+ di Radio Popolare torna in onda con le voci dei protagonisti della movimento omotransgender. Conduzione e regia di Eleonora Dall’Ovo Musiche scelte da Lucy Van Pelt Si partirà con la rassegna stampa nostrana ed estera, per poi intervistare i\le protagonisti\e del movimento lgbt+ e concludere con gli eventi culturali che ruotano intorno alla realtà arcobaleno da non perdere.

    L’Altro Martedì - 21-05-2024

  • PlayStop

    Doppio Click di martedì 21/05/2024

    Doppio Click è la trasmissione di Radio Popolare dedicata ai temi di attualità legati al mondo di Internet e delle nuove tecnologie. Ogni settimana approfondiamo le notizie più importanti, le curiosità e i retroscena di tutto ciò che succede sul Web e non solo. A cura di Marco Schiaffino.

    Doppio Click - 21-05-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di martedì 21/05/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 21-05-2024

  • PlayStop

    Esteri di martedì 21/05/2024

    1- Spagna – Argentina ai ferri corti. Il premier Pedro Sanchez ritira definitivamente l’ambasciatore da Buenos Aires dopo i nuovi insulti di Milei. 2-Taipei, il giorno dopo l’insediamento dl Lai Ching-te. Pechino lo accusa esplicitamente il presidente taiwanese di separatismo. 3- Diario americano. Tra una settimana il verdetto del processo Trump. 4-Francia. Macron in missione Nuova Caledonia ma senza un piano politico per uscire dalla gravissima crisi. 5- Fondi Ue destinati alla deportazioni di migranti nel deserto nord africano. La denuncia pubblicata da Lighthouse Reports in collaborazione con le principali testate europee 7-Rubrica sportiva. La lezione di Jurgen Klopp al mondo del calcio.

    Esteri - 21-05-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di martedì 21/05/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 21-05-2024

  • PlayStop

    Playground di martedì 21/05/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 21-05-2024

  • PlayStop

    Express - Ep. 30 - 21/05/2024

    Partenza dal Mediterraneo con i Nu Genea, poi in Svizzera con Ele A, a Milano con Mace e Venerus, in Basilicata con Chiello, in Sicilia con Colapesce, Dimartino e Joan Thiele, in Sardegna con Daniela Pes, da Abbiategrasso al Nepal con Marta Del Grandi e infine a Manchester con gli Smiths.

    Express - 21-05-2024

  • PlayStop

    Jack di martedì 21/05/2024

    Per raccontare tutto quello che di interessante accade oggi nella musica e in ciò che la circonda. Anticipazioni e playlist sui canali social di Matteo Villaci.

    Jack - 21-05-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di martedì 21/05/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali che oggi per la serie #ancheglianimalivotano ha ospitato Francesca Flati di @Animal Equality Italia e Simone Montuschi di @Essere Animali per parlare dei 3 punti sul Benessere Animale della piattaforma, ma anche del Film Festival La Ninna del @centro Recupero Ricci La Ninna

    Considera l’armadillo - 21-05-2024

  • PlayStop

    Cercasi McGyver

    quando testiamo l'abilità degli ascoltatori nel fai da te, eseguiamo una regalia di biglietti dell'Operazione Primavera attraverso un nuovo fiammante rebus sonoro e infine arriva la prima parte di una nuova puntata di Voeia de Laurà, dedicata all'oreficeria

    Poveri ma belli - 21-05-2024

Adesso in diretta