Approfondimenti

Putin rompe il tabù atomico, non c’è ancora un accordo sul rincaro del gas e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di venerdì 30 settembre 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30.  Il presidente russo Vladimir Putin ha annunciato l’annessione dei territori occupati in Ucraina con una cerimonia al Cremlino seguita anche da un maxischermo nella Piazza Rossa. Si è poi detto disposto a riprendere i negoziati con l’Ucraina, aggiungendo: “L’Occidente ora non si azzardi ad attaccare la Russia”. Ed ha evocato la minaccia nucleare. Non c’è ancora nessun accordo sul tetto del prezzo del gas in Europa. Berlino si difende dall’accusa di aver pensato solo per sé con un accordo da 200 miliardi: “Non è un tetto, ma solo un freno ai rincari e un aiuto sulle bollette”. Intanto Giorgia Meloni lancia un avvertimento all’alleato Matteo Salvini – “non è tempo di divisioni, ma di responsabilità” – e si prepara per la sua prima uscita pubblica dopo il voto, domani a Milano.

A Mosca la cerimonia di annessione delle regioni ucraine

Vladimir Putin oggi dal Cremlino ha celebrato l’annessione dei territori occupati in Ucraina. Davanti a lui i governatori filo-russi delle regioni ucraine di Dontesk, Lugughansk, Zaporizhia e Kherson, i fedelissimi del presidente russo – il ceceno Kadyrov e l’ex presidente Medvedev – e i vertici dell’esercito e della chiesa ortodossa russa. “Ora ci sono quattro nuove regioni in Russia, i loro abitanti diventeranno per sempre cittadini russi” ha detto Putin. Sentiamo un passaggio del suo intervento

Putin poi ha detto di essere ora pronto a riprendere i negoziati con Kiev, ma poi ha evocato, in caso di attacco ai territori annessi, l’uso dell’arma atomica affermando che “c’è già un precedente, sull’uso del nucleare, quello degli americani a Hiroshima”. Infine l’attacco alla cultura occidentale definita satanica “fanno perfino cambiare sesso ai loro figli” ha detto il presidente Russo. Un doppio messaggio quello di Putin, lanciato sia sul fronte interno che alla comunità internazionale. Ne parliamo con Giovanni Savino, docente di storia contemporanea esperto di Russia

Il primo a reagire al discorso di Putin è stato Zelensky. “L’annessione è una farsa, l’intero territorio del nostro Paese sarà liberato dal nemico, non tratteremo mai con Putin” ha detto il presidente ucraino, che proprio oggi ha firmato la richiesta di adesione alla Nato chiedendo ai Paesi dell’alleanza atlantica un procedura rapida. Condanne all’annesione Russa e sostegno all’Ucraina sono arrivati dall’intero fronte Occidentale, Biden ha annunciato l’invio di nuove armi a Kiev e di ulteriori sanzioni contro Mosca. Jens Stoltemberg, numero uno della Nato, ha ribadito il diritto dell’Ucraina a liberare i territori occupati ma ha frenato sull’ingresso di Kiev nell’alleanza atlantica: “Serve l’unanimità, ora siamo conentrati a dare sostegno pratico all’Ucraina”. Sentiamo un passaggio della conferenza stampa di Stoltenberg

Intanto sul campo di battaglia proseguono scontri e bombardamenti. Questa mattina un attacco missilistico ha colpito un convoglio umanitario con a bordo decine di civili in uscita da Zaporizhzhia: 25 i morti oltre 50 i feriti. Mentre sul fronte orientale sono arrivati i primi dei 300mila riservisti russi per arginare la controffensiva ucraina. Ascoltiamo Francesco Strazzari, docente di relazioni internazionali alla scuola Sant’Anna di Pisa

L’Europa resta senza tetto sul gas

Al vertice dei ministri dell’Energia non è stato siglato alcun accordo su un limite da applicare al prezzo del gas. E’ stata raggiunta, invece, l’intesa sulla riduzione dei consumi (che dovrebbe far calare i prezzi) e sugli extra-ricavi delle compagnie energetiche. Il governo tedesco, intanto, ha respinto le accuse di voler procedere per conto proprio sul price-cap: “Il nostro piano da 200 miliardi di euro non è un tetto, ma solo un freno ai rincari e un aiuto sulle bollette”, ha detto una portavoce del ministero dell’economia di Berlino.
La fissazione di un tetto al prezzo del gas a livello europeo sembrerebbe molto rischiosa. Secondo diverse analisi tecniche, potrebbe disincentivare i fornitori dal vendere la materia prima ai paesi che impongono il tetto stesso.

Nel Pd si inizia a parlare di “scioglimento”

(di Anna Bredice)

Due fatti quasi in tempo reale scuotono il Partito democratico, una lettera di Enrico Letta agli iscritti per annunciare una fase costituente, mettendo in discussione anche il nome del partito e poi il cammino verso il congresso, l’altro fatto è un appello di alcune personalità che sono vicine al partito, ma fortemente deluse, e chiedono una cosa diversa, un cantiere nuovo, tra i firmatari Rosy Bindi, che non esita più a pronunciare una parola che finora era tabù: lo scioglimento del partito.
Il dopo voto si conferma come momento da cui ripartire: “un risultato insufficiente, ma ne usciamo vivi”, dice Letta, forse per tirare su il morale della truppa. Ma per quanto aperto ad un rinnovamento, il percorso di Letta finirà prima o poi, forse gennaio o febbraio, con le primarie tra sole due persone. Un percorso che è fatto di quattro fasi, la prima è una chiamata per una fase costituente, è il momento forse del ritorno di Articolo uno nel partito, il tempo necessario per iscriversi e si passa alla fase due, quella più importante, della soluzione dei nodi, obiettivo non facile perché si tratta di trovare la ricetta dello scollamento sempre più ampio tra partito e quella parte di società che per ragioni economiche, povertà, diritti, lavoro, servizi sociali – il confronto di alcune ragazze con Laura Boldrini sull’aborto è un esempio – si sono sentiti abbandonati. E in questa fase Letta promette di mettere in discussione tutto, il nome e l’organizzazione, un partito democratico quindi che potrebbe alla fine non chiamarsi più così. Non è poco, certo.
Nello stesso tempo però Letta aggiunge che tutto questo avverrà con le regole vigenti, che sono frutto dell’esistenza e del potere delle correnti nel partito. La fase tre è quella delle candidature, frutto della discussione, che non deve essere un casting, dice il segretario, riferendosi forse alla pioggia di candidature arrivate in questi giorni. E infine primarie aperte a tutti, non solo agli gli iscritti, primarie tra i due candidati vincenti. Rinnovamento quindi, ma nello stesso tempo la sicurezza di arrivare alla fine con un segretario che potrebbe essere frutto di una discussione profonda, ma di questo non c’è una certezza.
Nell’appello diffuso oggi invece, firmato da personalità come Rosy Bindi, Gad Lerner, Franco Monaco, Tomaso Montanari, si chiede di posticipare le primarie e di dedicare il tempo ad un nuovo cantiere per ripensare ed eventualmente ricostruire un nuovo partito aperto anche ad altre formazioni politiche e società civile.

In Iran continuano le proteste

Con effetto domino, le proteste iraniane coinvolgono diverse città del pianeta, da Ginevra a Melbourne. Mentre Berlino propone all’Unione Europea la possibilità di sanzioni contro Teheran, a Oslo le dimostrazioni di fronte alla sede diplomatica della Repubblica islamica hanno causato il ferimento di due persone e l’arresto di 90 persone. A esprimere solidarietà nei confronti degli iraniani sono anche state, ieri mattina, 25 afgane che a Kabul si sono ritrovate davanti all’ambasciata iraniana, suscitando l’ira dei Talebani. In risposta i pasdaran stanno prendendo di mira celebrità e giornalisti nel paese.
Sempre più convinti che le proteste siano fomentane dall’estero, i vertici di Teheran hanno convocato l’incaricato d’affari di Francia, per «denunciare l’ingerenza dell’Eliseo nelle questioni interne all’Iran. Intanto, il governatore di Teheran ha detto che nella capitale le manifestazioni sono completamente finite, ma non è vero. Manifestare è sempre più difficile. Nelle strade ci sono le forze dell’ordine, ovunque. Le caserme sono distribuite in modo capillare sul territorio e i militari arrivano in un attimo nei viali del centro, usando le corsie dedicate ai mezzi pubblici. Coloro che osano manifestare nel nord della capitale rischiano di ritrovarsi bloccati tra i pasdaran e le montagne.

Mark Zuckerberg non assume più nessuno

È emerso da un rapporto di Bloomberg che il colosso americano META, di cui fanno parte Facebook e Instagram, sospenderà ufficialmente le assunzioni. Ma non è tutto: finirà il 2023 come un’azienda “un po’ più piccola”. Queste sarebbero le parole dette da Mark Zuckerberg, il capo di META, ai suoi dipendenti durante uno spazio di domande e risposte. Ha parlato di una pianificazione “in maniera un po’ prudente” a causa della situazione economica ancora incerta. Il padre di Facebook non ha fatto alcun riferimento esplicito ad un piano di licenziamenti nella propria azienda, ma le sue parole sembrano non lasciare alcun dubbio. Infatti, ha annunciato che verranno ridotti i budget di quasi tutti i team dell’azienda e che questi saranno incaricati di gestire eventuali modifiche al proprio organico. META non è l’unica nel campo ad aver tirato il freno quest’anno: a inizio mese Snapchat ha licenziato circa 1200 dipendenti mentre Netflix, a maggio, ne ha mandati a casa circa 150. Insomma, nonostante i guadagni miliardari di queste aziende, a rimetterci saranno anche questa volta i lavoratori.

Foto | Una bara e pane distribuito gratis durante la protesta dei panificatori campani radunati in in piazza del Plebiscito a Napoli contro il caro bollette di luce e gas, ma anche per l’aumento di tutte le materie prime a partire dalla farina e dall’olio

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR lunedì 20/05 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 20-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 20/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 20-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 20/05/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 20-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    From Genesis To Revelation di lunedì 20/05/2024

    From Genesis to Revelation è una trasmissione dedicata al rock-progressive: sebbene sporadicamente attiva già da molti anni, a partire dall’estate del 1999 con il consolidamento del palinsesto e della redazione ha iniziato a trasmettere regolarmente un’ora di rock progressivo alla settimana. La redazione è composta da Renato Scuffietti, collaboratore di lunga data di Radio Popolare con un grande passione per il prog canonico dei megagruppi dei seventies e dalla ondata albionica di newprog (Marillion, Pendragon, Twelfth Night) e da Matthias Scheller, fan del prog sinfonico, della scena italiana e attento osservatore della cosiddetta borderline progressiva (psichedelia, space, gotico). Nata quasi come divertissement la trasmissione in brevissimo tempo è diventato un preciso punto di riferimento, presentando novità, i grandi classici, fanzine, oscuri inediti, intervistando band, case discografiche, recensendo concerti e dedicando piccole ma preziose monografie ai sottogeneri.

    From Genesis To Revelation - 20-05-2024

  • PlayStop

    Jazz Anthology di lunedì 20/05/2024

    Come suggerisce il titolo della trasmissione, presente nel palinsesto di Radio Popolare fin dagli inizi, Jazz Anthology ripercorre la ormai lunga vicenda del jazz proponendone momenti e artisti salienti. Al di là della varietà delle sue forme, per Jazz Anthology questo genere è un fenomeno unitario di innovazione musicale in rapporto con una tradizione di matrice neroamericana. Jazz Anthology vuole quindi valorizzare sia la pluralità degli aspetti del jazz che la continuità della sua storia, dedicando la propria attenzione a tutte le epoche di questa musica, dal New Orleans al bebop, fino alle espressioni più audaci degli ultimi decenni. Il programma si articola soprattutto in serie di trasmissioni a carattere monografico, con l’intenzione – in un contesto mediatico che al jazz dà pochissimo spazio e in modo molto dispersivo – di dare così un contributo alla diffusione di una effettiva cultura del jazz. La sigla di Jazz Anthology è Straight Life (Art Pepper), da Art Pepper meets The Rhythm Section (1957, Contemporary/Original Jazz Classics)

    Jazz Anthology - 20-05-2024

  • PlayStop

    News della notte di lunedì 20/05/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 20-05-2024

  • PlayStop

    La Pillola va giù di lunedì 20/05/2024

    Una trasmissione settimanale  a cura di Anaïs Poirot-Gorse con in regia Nicola Mogno. Una trasmissione nata su Shareradio, webradio metropolitana milanese in questo momento di emergenza, cercando di ridare un spazio di parola a tutti i ragazzi dei centri di aggregazione giovanili di Milano con cui svolgiamo regolarmente laboratori radiofonici.

    La Pillola va giù - 20-05-2024

  • PlayStop

    Il Suggeritore Night Live di lunedì 20/05/2024

    Il Suggeritore, la storica trasmissione di teatro di Radio Popolare, ha compiuto 17 anni e può uscire da sola la sera! Ora, infatti, si chiama Il Suggeritore Night Live e va in onda in diretta ogni lunedì, dalle 21.00 alle 22.00, dall’Auditorium “Demetrio Stratos” di Radio Popolare: un night talk-show con ospiti da vari ambiti dello spettacolo dal vivo, che si raccontano ai nostri microfoni e propongono estratti dai loro lavori, nella serata in cui tradizionalmente il teatro osserva il riposo. Finalmente possiamo accogliere i nostri ascoltatori in auditorim: quindi vi aspettiamo dalle 20.00 in veste di pubblico privilegiato di Il Suggeritore Night Live.

    Il Suggeritore Night Live - 20-05-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di lunedì 20/05/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 20-05-2024

  • PlayStop

    Esteri di lunedì 20/05/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 20-05-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di lunedì 20/05/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 20-05-2024

  • PlayStop

    Playground di lunedì 20/05/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 20-05-2024

  • PlayStop

    Jack Meets: Malika Ayane

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista Malika Ayane

    Jack meets - 20-05-2024

  • PlayStop

    Jack Meets: Selton

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista i Selton

    Jack meets - 20-05-2024

  • PlayStop

    Mash-Up di lunedì 20/05/2024

    Mash Up è un dj set di musiche e parole diverse, anzi diversissime, che si confondono fra loro all’insegna di un tema diverso.  Anzi, “si pigliano perché non si somigliano”.  Conduce, mixa, legge e ricerca il vostro dj per Matrimoni Impossibili, Piergiorgio Pardo aka Pier Nowhere Mail: mischionepopolare@gmail.com

    Mash-Up - 20-05-2024

  • PlayStop

    Jack di lunedì 20/05/2024

    Ospite della puntata Malika Ayane con il nuovo singolo Sottosopra

    Jack - 20-05-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di lunedì 20/05/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali che oggi ha iniziato la settimana dedicata a #Anche gli animali votano, in vista delle elezioni europee con Gianluca Felicetti, presidente di @LAV Lega Antivivisezione per definire la politica sugli altri animali, ma anche di Giornata mondiale delle api, @oasi Smeraldino, di Ribellione Animale contro il Food&Science Festival e il bambino morto per i morsi del cane, @oipa

    Considera l’armadillo - 20-05-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di lunedì 20/05/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 20-05-2024

Adesso in diretta