Approfondimenti

Il palazzo in fiamme nel centro di Torino, i 200 milioni di fiale di AstraZeneca che quasi nessuno vuole e le altre notizie della giornata

incendio torino

Il racconto della giornata di venerdì 3 settembre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Continuano ad avanzare le fiamme che da stamattina a Torino stanno distruggendo i piani alti di un palazzo tra piazza Carlo Felice e via Lagrange. La strategia di Lotta e di Governo di Matteo Salvini non funziona e il leader della Lega sta prendendo schiaffi da tutte le parti. AstraZeneca sta per inviare 200 milioni di dosi all’Europa, ma quasi nessuno le vuole. A Milano si apre il primo fine settimana per il nuovo mercato dentro la stazione centrale. La storia di Hossain Rasouli e Zakia Khudadadi, due atleti afghani che pur di partecipare alle Paralimpiadi di Tokyo hanno lasciato il loro paese in incognito. L’intervista a Paolo Sorrentino, in concorso a Venezia col film “È stata la mano di Dio”. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

In fiamme i piani alti di un palazzo nel centro di Torino

Continuano ad avanzare le fiamme che da stamattina a Torino stanno distruggendo i piani alti di un palazzo tra piazza Carlo Felice e via Lagrange, davanti alla stazione di Porta Nuova. Tutte le mansarde e gli attici sono bruciati, e nel pomeriggio da terra si sono sentiti scoppi che probabilmente vengono dalle bombole a gas nelle abitazioni.
Un centinaio di persone è stato evacuato, la rete elettrica è sospesa e la zona è transennata. Sentiamo le voci di commercianti ed esercenti della zona:

Non ci sono stati morti, solo cinque persone ferite lievemente e soccorse sul posto: tra di loro un poliziotto e un vigile del fuoco con lievi ustioni e una donna che ha avuto un malore vedendo la propria abitazione distrutta. Secondo le prime ricostruzioni l’incendio sarebbe partito da alcuni lavori fatti da un privato all’interno della sua abitazione. Cristina Palazzo, giornalista di Repubblica, segue la vicenda da questa mattinata:

Lo sentivate, sono circa 100 le persone evacuate, e che ancora non sanno quando potranno rientrare nelle loro case. Ma chi vive nelle mansarde tra via Lagrange e Piazza Carlo Felice? Giovanni Semi è sociologo e vive a Torino:


 

I 200 milioni di fiale di AstraZeneca, ma nessuno le vuole

Quando l’Europa aveva disperatamente bisogno dei vaccini, a inizio anno, AstraZeneca non mantenne i patti, cioè i contratti già firmati, e inviò un numero di dosi molto minore di quello concordato. Ne scaturì una controversia legale che solo questa mattina si è risolta e nel giro di poche settimane inizieranno ad arrivare un totale di 200 milioni di fiale all’Europa, di cui 27 milioni destinate all’Italia.
Peccato che nel frattempo AstraZeneca non lo voglia più nessuno, quasi tutti i paesi UE lo hanno limitato a ristrette fasce d’età, in Danimarca è stato addirittura proibito. In più è cresciuta la sfiducia – motivata o meno – verso il farmaco inglese dopo alcuni casi di trombosi verificatisi in diversi Paesi.
In Italia la situazione è ancora più paradossale: AstraZeneca è limitato, infatti, agli over 60, cioè a quelli che non si sono voluti finora vaccinare in alcun modo. Già oggi AstraZeneca è pochissimo utilizzato nel nostro paese: meno dell’1% delle vaccinazioni totali questa settimana e diverse regioni non lo usano proprio più. Cosa fare adesso dei 27 milioni di dosi in arrivo? Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio il 23 agosto scorso ha dichiarato – pur senza specificare a quali vaccini si riferisse – che sarebbero partite donazioni nei confronti di paesi bisognosi, come Libia, Yemen e Kosovo.
Finora però né il Ministero della Salute né il generale Figliuolo hanno detto cosa faranno di queste dosi.

Gli schiaffi a Matteo Salvini

(di Michele Migone)

Mario Draghi non si farà condizionare da Matteo Salvini. Anzi. Nella conferenza stampa ha scaricato una serie di colpi contro il leader leghista, dall’obbligo vaccinale alla difesa della ministra Lamorgese, che hanno reso evidente quanto, in questo momento, Salvini sia sempre di più in un angolo. La sua strategia di Lotta e di Governo non funziona. Lo dicono i sondaggi. Perseguirla si è rivelato un boomerang. Da una parte Draghi lo prende a schiaffi da mesi e non gli fa toccare palla e dall’altra, Giorgia Meloni gli ruba l’elettorato, in attesa di prendergli la corona. Dentro la Lega c’è una situazione analoga: aumentano i malumori delle varie anime. L’ala governista, guidata da Giorgetti, a cui appartengono i presidenti del Nord, il veneto Zaia in testa, non sopporta il Salvini oppositore: sono stanchi delle uscite populiste del leader, più attento ad alzare bandierine piuttosto che a concentrarsi sui temi veri: la fine della pandemia e la ripresa dell’economia. Dall’altra parte, invece, gli ultrà no vax no euro, come Claudio Borghi giudicano Salvini troppo moderato. E lo attaccano. Raccontano i beni informati che fino a qualche mese fa, la chat dei dirigenti leghisti era piena di applausi per ogni iniziativa politica di Salvini: ora c’è solo freddezza. Il Capitano ha fatto troppi errori. L’establishment lo ha già mollato da tempo, considerandolo non maturo per guidare il Paese; parte di quei settori delle categorie produttive del Nord che finora l’hanno appoggiato si stanno chiedendo se sia la persona giusta. La Lega rimane il primo o il secondo partito del Paese (dicono i sondaggi), ma Matteo Salvini sembra aver ormai bruciato in modo irrimediabile il patrimonio di credibilità che aveva come leader nazionale. E adesso aumentano le critiche nel partito. Dal Papeete in avanti, solo tanti, tanti errori.

Primo fine settimana per il Mercato Centrale Milano

A Milano primo fine settimana di apertura per il nuovo mercato dentro la stazione centrale. Una trentina i negozi, legati soprattutto al cibo. La struttura è simile a quelle già esistenti da alcuni anni a Firenze, Roma e Torino. Sia il sindaco Sala sia il presidente della Regione Fontana parlano di “riqualificazione”, di rigenerazione della stazione e di quella zona della città. Sarà davvero così o operazioni di questo tipo sono solo commerciali? Bertram Niessen è presidente dell’agenzia Che Fare e si occupa di sociologia urbana:


 

Dall’Afghanistan (in incognito) alle Paralimpiadi di Tokyo

(di Matteo Serra)

La poetica dello sport recita che quello che conta è partecipare, ma spesso suona come mera retorica. Alle volte però si carica di significati e storie che ne ricordano la verità. Come è successo a Hossain Rasouli e Zakia Khudadadi, due atleti afghani che pur di partecipare alle Paralimpiadi di Tokyo hanno lasciato il loro paese in incognito, hanno attraverso tre continenti e infine sono arrivati in Giappone. Hossain e Zakia, dopo 5 anni di allenamenti, a pochi giorni dalla partenza per Tokyo hanno visto l’Afghanistan cadere nel caos sotto i colpi dei talebani. Per loro come per molti, lasciare il paese diventa quasi impossibile e il sogno di una vita sembra essere svanito. Ma loro non sono disposti a rinunciarci: iniziano quindi a chiedere aiuto ad alcuni diplomatici francesi e la loro voce arriva fino alla ong australiana Human Rights For All, che decide di aiutarli. Per lasciare Kabul i due devono viaggiare in incognito, nascondono i documenti nella biancheria intima e indossano una sciarpa rossa, così da essere identificati dai militari occidentali e salire su un aereo. Il piano, per quanto improvvisato, funziona e i due riescono a partire. Arrivano prima a Dubai e poi a Parigi, dove iniziano ad allenarsi. Dalla Francia poi, lo scorso sabato, hanno preso un volo che li ha portati a Tokyo, dove sono stati accolti dal Presidente del comitato paralimpico Andrew Parsons. E così, dopo un viaggio pericoloso e travagliato, i due riescono ad finalmente a gareggiare. Houssein è arrivato ultimo nel salto in lungo mentre Zakia ha perso subito nel teakwando, ma questo importa marginalmente, perchè per una volta partecipare era davvero l’unica cosa che contava.

“È stata la mano di Dio” di Sorrentino presentato a Venezia

(di Barbara Sorrentini)

Il primo film italiano in concorso è quello di Paolo Sorrentino. “È stata la mano di Dio” è un film molto personale che prende ispirazione dalla biografia del regista Premio Oscar e dalla tragedia che ha segnato la sua vita e la sua carriera cinematografica. Al centro del film la Napoli degli anni ’70-’80, con una galleria di personaggi grotteschi che fanno da contraltare al dramma del protagonista, l’attore Filippo Scotti nei panni di Paolo Sorrentino adolescente. La madre nel film è Teresa Saponangelo e il padre è Toni Servillo, protagonista in concorso anche nel film “E qui rido io” di Mario Martone e pure in “Ariaferma” di Leonardo Di Costanzo. Come suggerisce il titolo, la figura di Maradona è sempre presente, una passione mai nascosta e qui resa salvifica. Come il cinema, la vera svolta, insieme alla famiglia, come ha raccontato lo stesso Paolo Sorrentino:


 

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

Oggi in Italia sono stati accertati 6.735 casi di COVID ed è risultato positivo il 2,2% dei tamponi, dato stabile rispetto a ieri. Simile anche il numero di morti comunicati, oggi sono 58, e quello dei pazienti in terapia intensiva. Secondo il monitoraggio settimanale di Ministero e Istituto Superiore di Sanità l’indice di contagio RT cala da 1,01 a 0,97. Diminuisce anche l’incidenza, il numero di casi accertati ogni 100mila abitanti, che passa da 77 a 74. Aumentano però le Regioni o Province Autonome classificate a rischio moderato: 17 contro le 10 della scorsa settimana. Gli altri territori sono giudicati a rischio basso. Per domani sono state annunciate proteste contro il Green Pass in decine di città: dalla partecipazione si inizierà a capire se le contestazioni si sgonfieranno del tutto, dopo il flop di quelle nelle stazioni di due giorni fa. A livello politico si discute sull’obbligo vaccinale, avvicinato dal sì dichiarato ieri da Mario Draghi. Sandra Zampa è la responsabile salute del PD ed è stata sottosegretaria alla sanità fino a pochi mesi fa:

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 23/02 17:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 23-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 23/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 23-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 23/02/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 23-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Playground di venerdì 23/02/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 23-02-2024

  • PlayStop

    Jack Box di venerdì 23/02/2024

    Jack Box è lo scatolone musicale di Jack del venerdi, dal quale estraiamo i suoni che hanno caratterizzato la settimana, gli approfondimenti musicali del periodo, in un ora che suona tanto e in cui si parla poco. Dalle 15:30 alle 16:30, ogni venerdi.

    Jack Box - 23-02-2024

  • PlayStop

    Jack di venerdì 23/02/2024

    Ospite della puntata Lepre che presenta il suo disco Eremo con un'intervista e tre brani live

    Jack - 23-02-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di venerdì 23/02/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali in onda alle che oggi ha ospitato Sara D'Angelo di @porcikomodi, @Vitadacani, @rete dei Santuari degli Animali liberi per parlare della nuova iniziativa per sollecitare il @ministero della salute, ma anche di aste di asini

    Considera l’armadillo - 23-02-2024

  • PlayStop

    Open to meraviglia nata vota

    quando facciamo un corso di inglese basato sulle peripezie poliglottologiche di Rutelli e Renzi, poi voliamo a Tenerife per scoprire che non è tutto oro quel che luccica, infine gestiamo un grosso carico di lenzuola nella puntata settimanale del Capibaratto

    Poveri ma belli - 23-02-2024

  • PlayStop

    Cult di venerdì 23/02/2024

    Cult è condotto da Ira Rubini e realizzato dalla redazione culturale di Radio Popolare. Cult è cinema, arti visive, musica, teatro, letteratura, filosofia, sociologia, comunicazione, danza, fumetti e graphic-novels… e molto altro! Cult è in onda dal lunedì al venerdì dalle 11.30 alle 12.30. La sigla di Cult è “Two Dots” di Lusine. CHIAMA IN DIRETTA: 02.33.001.001

    Cult - 23-02-2024

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 23/02/2024

    Se non è febbre, quasi. 37 e 2 è la trasmissione dedicata ai temi della sanità, dell’invalidità e della non autosufficienza. Dalle storie di vita reale ai suggerimenti su come sopravvivere nei meandri della burocrazia. Conducono Vittorio Agnoletto e Elena Mordiglia.

    37 e 2 - 23-02-2024

  • PlayStop

    Uscita di Sicurezza di venerdì 23/02/2024

    Dopo la strage di Firenze il governo batterà delle norme noi proponiamo un sondaggio ad ascoltatori e ascoltatrici: soluzione economica o penale? Ovvero ci vuole il ripristino delle medesime condizioni di salario e direttori c tutti i lavoratori sullo stesso sito o cantiere o ci vuole l’omicidio sul lavoro?

    Uscita di Sicurezza - 23-02-2024

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 23/02/2024

    DUE ANNI DI GUERRA IN UCRAINA commenti di Sergio Romano ambasciatore, editorialista del Corriere della Sera, Mara Morini docente di politiche dell’Europa Orientale all’Università di Genova e Irma Gjinaj capomissione dell'ong Cesvi in Ucraina INCENDIO PALAZZO A VALENCIA aggiornamenti con Giulio Maria Piantadosi LA RESISTENZA AL LAVORO. UNA SERATA A MILANO IN RICORDO DEGLI SCIOPERI DEL MARZO 1944 ce ne parla Carlo Ghezzi vicepresidente Nazionale Anpi CLIMITOLOGIE, TUTTE LE BUFALE CHE CI RACCONTANO SUL CAMBIAMENTO CLIMATICO la rubrica di Sara Milanese DOMANI A MILANO LA MANIFESTAZIONE NAZIONALE PER LA PALESTINA a Prisma parla Khader Tamimi presidente della comunità palestinese di Milano In studio Lorenza Ghidini, in redazione Massimo Alberti

    Prisma - 23-02-2024

  • PlayStop

    Note dell’autore di venerdì 23/02/2024

    Un appuntamento quasi quotidiano, sintetico e significativo con un autore, al microfono delle voci di Radio Popolare. Note dell’autore è letteratura, saggistica, poesia, drammaturgia e molto altro. Tutto concentrato in sei minuti, più o meno il tempo di un caffè!

    Note dell’autore - 23-02-2024

Adesso in diretta