Approfondimenti

Lo sciopero globale per il clima, lo scaricabarile sui morti di Cutro, la guerra in Ucraina e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di venerdì 3 marzo 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Oggi c’è stato lo sciopero globale per il clima: in Italia manifestazioni in decine di città per chiedere di agire subito contro il surriscaldamento del pianeta, a quattro anni dalla prima mobilitazione. Continuano le ricerche dei dispersi di Crotone. Salvini prova a difendere se stesso e il suo ministero, ma uno dei punti da chiarire è proprio il mancato via ai soccorsi: perché la Guardia Costiera, dal momento della segnalazione di Frontex delle 23, non ha lanciato un’operazione di soccorso? Il premio Nobel per la Pace 2022, fondatore della ong bielorussa per i diritti umani Viasna Ales Bialiatski, è stato condannato a 10 anni di carcere. Le accuse sono “contrabbando di denaro” e “finanziamento di manifestazioni di protesta con il pretesto di attività per i diritti umani”, imputazioni ritenute dall’opinione pubblica internazionale e dagli stessi attivisti come politicamente motivate. Ancora: la guerra in Ucraina, il caso Cospito e l’addio a Wayne Shorter.

Cinque giorni di scaricabarile e incongruenze sul naufragio di Cutro

(di Mattia Guastafierro)

Cinque giorni di scaricabarile, incongruenze e buchi temporali. A quasi una settimana dal naufragio di Cutro è questo ciò che le versioni di Frontex, Guardia di Finanza e Guardia Costiera hanno restituito sulle proprie modalità di intervento. Una catena dei non-soccorsi che ora spetterà alla procura di Crotone ricostruire.
Alcuni elementi sono stati chiariti, altri restano nell’ombra.
Il principale è la mancata apertura di un evento SAR. Perché la Guardia Costiera, dal momento della segnalazione di Frontex delle 23, non ha lanciato un’operazione di soccorso? Secondo vari esperti di diritto marittimo c’erano le condizioni per attivarla: la significativa presenza di persone nel ventre della nave, rilevata dalle fotografie termiche, l’assenza apparente di giubbotti di salvataggio, di equipaggio professionale e le condizioni agitate del mare. Bastava forse questo per spingere la Capitaneria a uscire in mare, con i propri mezzi “ognitempo”.
Il secondo punto da chiarire riguarda gli orari e le modalità di intervento della Guardia di Finanza. Le navi delle fiamme gialle escono per prime di notte per un’operazione di polizia. La missione fallisce due volte, per via del mare forza 4, ma l’avviso alla Guardia Costiera arriva solo alle 3.48 del mattino, pochi minuti prima del naufragio. Una telefonata a cui non segue, nemmeno in questo caso, l’avvio dei soccorsi.
Infine c’è un’ultima incognita che la Procura dovrà chiarire e riguarda il ruolo di Frontex. Nella sua segnalazione, l’agenzia di frontiera europea indica un caicco carico di persone e all’apparenza privo di condizioni di sicurezza. Eppure, allo stesso tempo, afferma che non ci sono segni di pericolo, scaricando le responsabilità sulle autorità italiane. A questo si aggiunge un altro mistero. Frontex avrebbe individuato una telefonata partita dalla barca verso la Turchia. I superstiti hanno detto che gli scafisti possedevano un telefono satellitare, da cui si può rintracciare la posizione della nave. Se Frontex lo ha rilevato, a chi è stato consegnato il riferimento dell’apparecchio? Domande a cui risponderanno i magistrati.

Migliaia in piazza per il clima

Oggi lo sciopero globale per il clima. In Italia manifestazioni in decine di città per chiedere di agire subito contro il surriscaldamento del pianeta, a quattro anni dalla prima mobilitazione di questo tipo, quando le strade di 2mila città del mondo si riempirono di giovani. Nel nostro paese si parlò di circa un milione di persone, 100mila solo a Milano, dove oggi si sono viste alcune migliaia di manifestanti. Lorenzo Tecleme è un giornalista ed è attivista del movimento Fridays for future

L’Onu accoglie il ricorso dei legali di Alfredo Cospito

L’Alto commissariato dell’Onu per i diritti umani ha accolto il ricorso dei legali di Alfredo Cospito, il militante anarchico detenuto al 41 bis. In attesa di esprimersi sul merito, l’Organismo internazionale ha chiesto all’Italia di assicurare il rispetto degli standard internazionali di detenzione, e degli articoli 7 e 10 del patto internazionale sui diritti dei detenuti, che riguardano il divieto di tortura e di trattamenti o punizioni disumane e degradanti. Il documento è stato notificato al difensore di Cospito, l’avvocato Flavio rossi Albertini, ed alla rappresentanza del governo italiano presso l’Unhcr di Ginevra. Ora il governo italiano ha sei mesi per rispondere a questa richiesta. In un comunicato l’avvocato Rossi Albertini e sottolineano che con questa azione la Commissione sta per la prima volta mettendo in dubbio la legittimità del regime 41 bis rispetto alle convenzioni internazionali. È molto difficile che l’Italia possa dimostrare che una detenzione a vita e in un regime di estremo isolamento stia garantendo il fine essenziale di ravvedimento e riabilitazione sociale”.

Le previsioni sul Pil riviste al ribasso

La perdita di potere d’acquisto dei salari e la bassa domanda interna ammazzano il Pil: nel quarto trimestre del 2022 l’Italia è stata in recessione, col prodotto interno lordo diminuito dello 0,1% rispetto al trimestre precedente ed è cresciuto dell’1,4% nei confronti del quarto trimestre del 2021, un dato rivisto al ribasso rispetto alle stime. Due in particolare le casue: il calo della domanda interna e dei consumi privati: nel quarto trimestre del 2022 la spesa delle famiglie è calata dell’1,3%.

Il punto sulla guerra in Ucraina

E’ previsto per le 20 italiane l’incontro tra il cancelliere tedesco Scholz e il presidente degli stati uniti Joe Biden. Non è prevista una conferenza stampa finale, né una cena di stato, e il bilaterale è stato preannunciato solo da una brevissima nota della cancelleria tedesca che indica come unico tema di discussione il conflitto in Ucraina. Secondo il New York Times potrebbe essere un primo step verso la costruzione di una road map per porre fine al conflitto. Sia Washington che Berlino, negli ultimi giorni stanno affrontando una crescente irrequietudine interna sull’invio di armi a Kiev. Poco fa gli Usa hanno annunciato ufficialmente un nuovo pacchetto di aiuti militari a Kiev da 400 milioni di dollari, mentre crescono le voci di chi si chiede come e quando finirà il conflitto.
Proprio oggi Zelensky è tornato a chiedere nuove forniture militari, parlando della necessità sia di missili a lungo raggio che di caccia militari. Una richiesta sempre più pressante anche alla luce degli sviluppi sul campo. L’esercito ucraino oggi ha detto che “Intensi combattimenti si stanno svolgendo dentro e intorno alla città di Bakhmut”. Il fondatore del gruppo di mercenari russi Wagner ha detto che le forze russe hanno praticamente circondato la città e ha invitato il presidente ucraino Volodymir Zelensky a evacuare anziani e bambini. Kiev continua a negare, ma la difesa della città è sempre più difficile, soprattutto dopo che l’esercito russo oggi ha fatto saltare in aria un ponte chiave che rappresentava l’ultima e principale via di rifornimento per la difesa ucraina, che potrebbe decidere per il ritiro da un momento all’altro. Sentiamo il nostro collaboratore Sabato Angieri

Addio al sassofonista e compositore Wayne Shorter

(di Niccolò Vecchia)

Wayne Shorter è stato una leggenda del jazz e uno dei più grandi sassofonisti di sempre, ha contribuito a dare forma e sostanza al suono del jazz moderno, attraversandone la storia, in quasi 60 anni di carriera, suonando con alcune delle formazioni più significative e influenti. Lo troviamo con i Jazz Messengers di Art Blakey e nel secondo quintetto di Miles Davis, nei Weather Report che fondò insieme a Joe Zawinul, oltre che in molti album da solista. E’ stato un innovatore, un gigante dell’improvvisazione, capace di esprimersi oltre qualsiasi barriera di genere, collaborando anche con musicisti pop e rock come Joni Mitchell, gli Steely Dan, Carlos Santana e ancora molti altri. “E’ stato in grado di raggiungere il culmine dell’eccellenza come sassofonista, compositore e orchestratore”, ha scritto di lui, omaggiandolo, l’amico fraterno Herbie Hancock. Come colonna dei Weather Report, Wayne Shorter suona sul brano Black Market, che diede il titolo a un disco celeberrimo della band, e che da sempre è la sigla del nostro Giornale Radio. Normalmente non trasmettiamo la parte della composizione in cui entra il suo sax tenore, ma oggi la useremo come chiusura del notiziario, inchinandoci doverosamente all’arte di Wayne Shorter.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 19/04 6:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 19-04-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di giovedì 18/04/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 18-04-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di giovedì 18/04/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 18-04-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Serve & Volley di venerdì 19/04/2024

    Musica e parole per chiudere in bellezza il palinsesto dei giovedì! Con Marco Sambinello e Niccolò Guffanti.

    Serve&Volley - 18-04-2024

  • PlayStop

    Labirinti Musicali di giovedì 18/04/2024

    Finita la quasi quarantennale militanza domenicale della “classica apertura”, la redazione musicale classica di Radio Popolare ha ideato un programma che si intitolerà Labirinti Musicali: ovvero un titolo generico da contenitore di storie, aneddoti, curiosità legate tra di loro da un qualsivoglia soggetto/percorso/monografia proposto da uno di noi in forma di racconto, con ascolti ad esso legati, sempre con buona alternanza di parole e di musica. Uno spazio radiofonico che può essere la storia di un disco, un libro, un personaggio anche famoso, ma proposta da angolazioni nuove, curiose. Non una lezione, quasi una confidenza all’orecchio di un ascoltatore. I labirinti sono luoghi reali e circoscritti, e allo stesso tempo irreali: sono la sorpresa, sono l’incontro, sono l’imprevisto…e anche la musica è qualcosa che si muove in uno spazio acustico-temporale ben determinato, qualcosa che ci stupisce e sparisce dietro un angolo per poi farci ritornare al punto di partenza senza avere avuto il tempo di memorizzarne il percorso melodico, armonico, ritmico. Ci perdiamo nella musica proprio come in un labirinto, e la ritroviamo nei meandri più nascosti della mente… Viviamo in un labirinto di idee diverse nel quale ognuno di noi deve trovare un proprio spazio, e per uscire da questo labirinto dobbiamo affidarci alla nostra ragione…e al potere semantico della musica. Nel Medioevo si diceva che il labirinto è come la vita, e la vita come un labirinto. Ma nel labirinto non ci si perde, nel labirinto ci si trova. Con la complicità della musica.

    Labirinti Musicali - 18-04-2024

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 18/04/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 18-04-2024

  • PlayStop

    Musiche dal mondo di giovedì 18/04/2024

    Musiche dal mondo è una trasmissione nel solco della lunga consuetudine di Radio Popolare con la world music – da prima che questa discussa espressione entrasse nell’uso internazionale – e in rapporto con World Music Charts Europe. WMCE è una iniziativa a cui Radio Popolare ha aderito e partecipa dall’inizio: una classifica europea realizzata attraverso il sondaggio mensile di animatori di programmi di world music su emittenti pubbliche, aderenti all’Ebu, appunto l’associazione delle emittenti pubbliche europee, ma con qualche eccezione come Radio Popolare, che è una radio privata di ispirazione comunitaria. Nel 1991 l’EBU sondò la Rai, per coinvolgerla in WMCE, ma la Rai snobbò la proposta. Però all’Ebu segnalarono che c’era una radio che sulle musiche del mondo aveva una certa tradizione e che probabilmente avrebbe risposto con interesse… L’Ebu si fece viva con noi, e Radio Popolare aderì entusiasticamente. Ormai quasi trent’anni dopo, WMCE continua e Radio Popolare continua a farne parte, assieme ad emittenti per lo più pubbliche di ventiquattro paesi europei, fra cui la britannica BBC, le francesi Radio Nova e RFI, le tedesche WDR, NDR e RBB, l’austriaca ORF, Radio Nacional de Espana, la russa Echo of Moskow, la croata Radio Student. Attraverso WMCE, Musiche dal mondo riceve annualmente centinaia di novità discografiche inviate dalle etichette o direttamente dagli artisti, dal vintage dell’Africa nera al canto di gola siberiano, dalle fanfare macedoni al tango finlandese: proponendo musica che difficilmente le radio mainstream fanno ascoltare e di cui i media correntemente non si occupano, Musiche dal mondo è una trasmissione per la salvaguardia e lo sviluppo della biodiversità musicale.

    Musiche dal mondo - 18-04-2024

  • PlayStop

    Live Pop di giovedì 18/04/2024

    Ogni giovedì alle 21, l’auditorium Demetrio Stratos di Radio Popolare ospita concerti, presentazioni di libri, reading e serate speciali aperte al pubblico.

    Live Pop - 18-04-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di giovedì 18/04/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 18-04-2024

  • PlayStop

    Esteri di giovedì 18/04/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 18-04-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di giovedì 18/04/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 18-04-2024

  • PlayStop

    Playground di giovedì 18/04/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 18-04-2024

  • PlayStop

    Sapore Indie di giovedì 18/04/2024

    Sapore Indie è la trasmissione per connettersi al presente e scoprire le novità più rilevanti della musica alternative internazionale. Tutti i giovedì alle 15.30, con Dario Grande, un'ora di esplorazione tra le ultime uscite di artisti grandi e piccoli, storie di musica e vite underground. Per uscire dalla bolla dei soliti ascolti e sfuggire l’algoritmo, per orientarsi nel presente e scoprire il suono più rigenerante di oggi. ig: https://www.instagram.com/dar.grande/

    Sapore Indie - 18-04-2024

  • PlayStop

    Jack di giovedì 18/04/2024

    Nella prima parte della puntata parliamo del passaggio di consegne del Todays Frstival con Carlo Bordone. Nella seconda parte Gaia Morelli ci presenta il suo disco La Natura delle Cose con intervista e mini live dal vivo

    Jack - 18-04-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di giovedì 18/04/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali in onda alle 14.00 che oggi ha ospitato Andrea Battisti, professore di Entomologia all' Università degli Studi di Padova per parlarci della Processonaria e delle sue caratteristiche, ma anche con Bianca Nogara Notarianni di Biennale di Tecnologia, di commissariamento di Regione Lombardia sulla caccia nei valichi e scopriamo che Andrea voleva essere processonaria

    Considera l’armadillo - 18-04-2024

  • PlayStop

    Continuare a fare i pir

    quando, per il terzo giovedì di fila Gilberto Dindini della Cedola parla di piani individuali di risparmio a lungo termine (PIR), e poi noi ci scagliamo contro la sosta selvaggia, autentica piaga moderna soprattutto a Milano

    Poveri ma belli - 18-04-2024

Adesso in diretta