Approfondimenti

La fine del reddito di cittadinanza, il primo via libera alla delega fiscale e le altre notizie della giornata

Mattarella Palermo ANSA

Il racconto della giornata di venerdì 28 luglio 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. La fine del reddito di cittadinanza è arrivata: oggi decine di migliaia di famiglie hanno ricevuto l’sms dell’Inps che annuncia lo stop. Il Capo dello Stato oggi si è recato in prima persona in uno dei luoghi più funestati dai roghi a Palermo. Intanto la maggioranza di governo vuole complicare il lavoro dell’Agenzia delle Entrate, in particolare i controlli successivi sulle dichiarazioni dei redditi. In Ucraina Kiev sta mobilitando sempre più forze nel sud del Paese per capire se si può aprire una nuova breccia nelle difese russe.

La fine del reddito di cittadinanza: l’sms dell’Inps per migliaia di famiglie

(di Alessandro Principe)

La fine del reddito di cittadinanza è arrivata. Preparata da una campagna di screditamento, dalla narrazione dei fannulloni che mangiano a sbafo, poi decisa e approvata dal governo Meloni il primo maggio. Ora ci siamo: oggi decine di migliaia di famiglie hanno ricevuto l’sms dell’Inps che annuncia lo stop.
I telefoni degli uffici dell’Inps a Napoli oggi suonavano in continuazione. A chiamare centinaia di persone che avevano ricevuto l’sms sullo stop all’erogazione del RdC. Per protestare, molti, per avere informazioni. Per capire se fosse proprio vero. In altri uffici, quelli comunali, molti sono andati di persona. A Scampia e a Calvizzano ad esempio. E proprio Napoli la Provincia più coinvolta dalla cancellazione del reddito decisa dal governo. A livello nazionale, due terzi dei percettori sono al Sud.
Poco più di un milione di famiglie, 2milioni e centomila persone hanno ricevuto a giugno il reddito di cittadinanza. Importo medio: 565 euro. Con agosto è arrivato lo stop per i cosiddetti “occupabili” se non ci sono disabili o minori o anziani. Il 27 luglio, ieri, è stata erogata ultima rata.
Oggi è arrivato l’sms a 169mila famiglie, circa 350mila persone coinvolte. Sono i primi a perdere il reddito di cittadinanza. Ma altri ne seguiranno già dal mese prossimo. Chi non ha ancora avuto le 7 mensilità previste per il 2023 infatti continuerà a percepirle: poi, tra agosto e settembre per altre altre 100mila famiglie (circa 250 mila persone). E via così: alla fine dell’anno saranno circa 500mila persone coinvolte a fine anno.
Lo stop al reddito sarà per tutti: per non occupabili assegno inclusione, per occupabili supporto per la formazione. Con tutti i dubbi sulla effettiva possibilità di essere seguiti dai servizi sociali dei comuni, che come è noto, hanno subìto pesanti tagli di risorse e personale negli anni. E ancora di più sulla reale possibilità di trovare un lavoro in regioni come la Campania dove la disoccupazione giovanile è sopra il 35%.

Il messaggio di Mattarella al governo Meloni

(di Anna Bredice)

La benedizione di Gentiloni, ora Commissario europeo, ma ex Presidente di un governo di centrosinistra, per lo sblocco della terza rata e il via libera anche alla quarta, vengono ostentati dal governo come un grande successo. Il governo si mette sotto l’ombrello della Commissione Europea per far dimenticare tutti i miliardi che mancano all’appello per progetti non portati a termini, soprattutto i 16 miliardi che sono stati cancellati con un tratto di penna per obiettivi legati al dissesto idrogeologico, per combattere i danni causati dai cambiamenti climatici, legati all’ambiente e a fonti rinnovabili e all’efficienza energetica. Punti che dovrebbero essere in cima ai progetti, priorità che il Capo dello Stato ha ricordato ieri con parole nette, parlando di danni dovuti al cambiamento climatico, senza nessun dubbio rispetto alle cause dei nubifragi e delle alte temperature di queste settimane. E per rendere ancora più concreto il messaggio si è recato in prima persona in uno dei luoghi più funestati dai roghi. In occasione dell’anniversario della morte del magistrato Chinnici, Mattarella è andato nella chiesa di Santa Maria del Gesù a Palermo, colpita nei giorni scorsi da un incendio che ne ha distrutto gli interni.
“È una ferita aperta”, ha detto. Ancora più chiaro è stato nel messaggio inviato al sindaco di Tempio Pausania in Sardegna nel quarantennale di un rogo che distrusse ampi territori e uccise 9 persone. “È necessario rispettare l’ambiente e la natura”, ha detto il Capo dello Stato, attraverso un impegno costante nella cura del territorio”, obiettivi che forse non potranno essere raggiunti tanto presto con i soldi del PNRR, vista la cancellazione di tanti progetti legati all’ambiente e al clima.

La maggioranza prova a rendere più difficili i controlli dell’Agenzia delle Entrate

I favori del governo alle aziende in materia di tasse. La maggioranza propone di cancellare le sanzioni penali per quelle che evadono, se lo fanno dopo aver condiviso informazioni con il fisco. Il via libera alla delega fiscale in Commissione finanze al Senato contiene anche questo emendamento, contestato dalle opposizioni e che rende più difficili i controlli dell’Agenzia delle Entrate.

(di Luca Parena)

Il voto di oggi sulla delega fiscale sembra dare soprattutto questa indicazione: la maggioranza vuole complicare il lavoro dell’Agenzia delle entrate, in particolare i controlli successivi sulle dichiarazioni dei redditi.
La sanatoria proposta per le aziende che fanno dichiarazioni infedeli, evasioni superiori ai 100 mila euro, varrebbe in regime di adempimento collaborativo.
Questo istituto prevede uno scambio di informazioni tra contribuenti e Agenzia delle entrate, prima che venga messo in atto uno schema fiscale: le aziende condividono i loro piani, chi controlla dà un parere preventivo sulla loro correttezza, in questa fase non dà alcun tipo di sanzione.
In Italia sono circa 90 le grandi aziende, banche e multinazionali ammesse a questo regime. Eliminare le sanzioni penali per alcuni reati contro il fisco, di fatto, costringe l’Agenzia delle Entrate a prendere posizione il prima possibile, a trovare anomalie quando le informazioni sono soprattutto quelle che l’azienda decide di condividere: intervenire dopo, in maniera incisiva, sarebbe più difficile e comunque non comporterebbe il penale.
Per questo le opposizioni parlano di un regalo agli evasori. Il Pd ha abbandonato i lavori, in segno di protesta.

La controffensiva ucraina si intensifica nel sud del Paese

La guerra in Ucraina. C’è stato oggi un attacco ucraino a Taganrog, una città portuale della Russia meridionale che si trova al confine con l’Ucraina. Siamo nella regione di Rostov. Almeno 15 persone sono rimaste ferite. Il Ministero della Difesa russo accusa gli ucraini di aver usato un missile di difesa aerea S-200. Il razzo, secondo il Cremlino, è stato intercettato, ma i detriti hanno danneggiato alcuni edifici. Sempre in territorio russo c’è stato oggi un altro attacco: un ordigno è esploso vicino a una raffineria di petrolio nella regione di Samara.
Non sono questi i segnali che la controffensiva è entrata in una nuova fase, ma Kiev sta mobilitando sempre più forze nel sud del Paese per capire se si può aprire una nuova breccia nelle difese russe. Sentiamo Sabato Angieri, giornalista del Manifesto e nostro collaboratore, più volte inviato in Ucraina:


 

A rischio l’edizione 2023 della Contro-Cernobbio

La Contro-Cernobbio quest’anno potrebbe non tenersi. Il forum per un’economia alternativa a quella di mercato, organizzato da Sbilanciamoci! in contemporanea con il forum Ambrosetti, è stato negato. L’evento doveva tenersi dall’1 al 3 settembre, ma il 21 luglio scorso gli organizzatori hanno ricevuto un messaggio dall’amministrazione comunale di destra che non ha concesso gli spazi. Il motivo sarebbe di ordine pubblico. Secondo il sindaco di Cernobbio la sala richiesta è troppo vicina agli spazi dell’altro evento concomitante. Giulio Marcon, economista di Sbilanciamoci:


 

La vittoria di Londra contro le auto più inquinanti

Londra tasserà le auto più inquinanti. Il sindaco Sadiq Kahn ha vinto la battaglia per ampliare la zona a basse emissioni all’intera capitale. L’Alta Corte britannica ha respinto oggi il ricorso di cinque distretti contro la sua decisione. Tra un mese dunque i veicoli oltre i limiti dovranno pagare per entrare nella City. Dalla Gran Bretagna il nostro collaboratore Daniele Fisichella:


 

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR lunedì 20/05 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 20-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 20/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 20-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 20/05/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 20-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    From Genesis To Revelation di lunedì 20/05/2024

    From Genesis to Revelation è una trasmissione dedicata al rock-progressive: sebbene sporadicamente attiva già da molti anni, a partire dall’estate del 1999 con il consolidamento del palinsesto e della redazione ha iniziato a trasmettere regolarmente un’ora di rock progressivo alla settimana. La redazione è composta da Renato Scuffietti, collaboratore di lunga data di Radio Popolare con un grande passione per il prog canonico dei megagruppi dei seventies e dalla ondata albionica di newprog (Marillion, Pendragon, Twelfth Night) e da Matthias Scheller, fan del prog sinfonico, della scena italiana e attento osservatore della cosiddetta borderline progressiva (psichedelia, space, gotico). Nata quasi come divertissement la trasmissione in brevissimo tempo è diventato un preciso punto di riferimento, presentando novità, i grandi classici, fanzine, oscuri inediti, intervistando band, case discografiche, recensendo concerti e dedicando piccole ma preziose monografie ai sottogeneri.

    From Genesis To Revelation - 20-05-2024

  • PlayStop

    Jazz Anthology di lunedì 20/05/2024

    Come suggerisce il titolo della trasmissione, presente nel palinsesto di Radio Popolare fin dagli inizi, Jazz Anthology ripercorre la ormai lunga vicenda del jazz proponendone momenti e artisti salienti. Al di là della varietà delle sue forme, per Jazz Anthology questo genere è un fenomeno unitario di innovazione musicale in rapporto con una tradizione di matrice neroamericana. Jazz Anthology vuole quindi valorizzare sia la pluralità degli aspetti del jazz che la continuità della sua storia, dedicando la propria attenzione a tutte le epoche di questa musica, dal New Orleans al bebop, fino alle espressioni più audaci degli ultimi decenni. Il programma si articola soprattutto in serie di trasmissioni a carattere monografico, con l’intenzione – in un contesto mediatico che al jazz dà pochissimo spazio e in modo molto dispersivo – di dare così un contributo alla diffusione di una effettiva cultura del jazz. La sigla di Jazz Anthology è Straight Life (Art Pepper), da Art Pepper meets The Rhythm Section (1957, Contemporary/Original Jazz Classics)

    Jazz Anthology - 20-05-2024

  • PlayStop

    News della notte di lunedì 20/05/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 20-05-2024

  • PlayStop

    La Pillola va giù di lunedì 20/05/2024

    Una trasmissione settimanale  a cura di Anaïs Poirot-Gorse con in regia Nicola Mogno. Una trasmissione nata su Shareradio, webradio metropolitana milanese in questo momento di emergenza, cercando di ridare un spazio di parola a tutti i ragazzi dei centri di aggregazione giovanili di Milano con cui svolgiamo regolarmente laboratori radiofonici.

    La Pillola va giù - 20-05-2024

  • PlayStop

    Il Suggeritore Night Live di lunedì 20/05/2024

    Il Suggeritore, la storica trasmissione di teatro di Radio Popolare, ha compiuto 17 anni e può uscire da sola la sera! Ora, infatti, si chiama Il Suggeritore Night Live e va in onda in diretta ogni lunedì, dalle 21.00 alle 22.00, dall’Auditorium “Demetrio Stratos” di Radio Popolare: un night talk-show con ospiti da vari ambiti dello spettacolo dal vivo, che si raccontano ai nostri microfoni e propongono estratti dai loro lavori, nella serata in cui tradizionalmente il teatro osserva il riposo. Finalmente possiamo accogliere i nostri ascoltatori in auditorim: quindi vi aspettiamo dalle 20.00 in veste di pubblico privilegiato di Il Suggeritore Night Live.

    Il Suggeritore Night Live - 20-05-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di lunedì 20/05/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 20-05-2024

  • PlayStop

    Esteri di lunedì 20/05/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 20-05-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di lunedì 20/05/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 20-05-2024

  • PlayStop

    Playground di lunedì 20/05/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 20-05-2024

  • PlayStop

    Jack Meets: Malika Ayane

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista Malika Ayane

    Jack meets - 20-05-2024

  • PlayStop

    Jack Meets: Selton

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista i Selton

    Jack meets - 20-05-2024

  • PlayStop

    Mash-Up di lunedì 20/05/2024

    Mash Up è un dj set di musiche e parole diverse, anzi diversissime, che si confondono fra loro all’insegna di un tema diverso.  Anzi, “si pigliano perché non si somigliano”.  Conduce, mixa, legge e ricerca il vostro dj per Matrimoni Impossibili, Piergiorgio Pardo aka Pier Nowhere Mail: mischionepopolare@gmail.com

    Mash-Up - 20-05-2024

  • PlayStop

    Jack di lunedì 20/05/2024

    Ospite della puntata Malika Ayane con il nuovo singolo Sottosopra

    Jack - 20-05-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di lunedì 20/05/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali che oggi ha iniziato la settimana dedicata a #Anche gli animali votano, in vista delle elezioni europee con Gianluca Felicetti, presidente di @LAV Lega Antivivisezione per definire la politica sugli altri animali, ma anche di Giornata mondiale delle api, @oasi Smeraldino, di Ribellione Animale contro il Food&Science Festival e il bambino morto per i morsi del cane, @oipa

    Considera l’armadillo - 20-05-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di lunedì 20/05/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 20-05-2024

Adesso in diretta