Approfondimenti

La nuova allerta rossa in Emilia-Romagna, la chiusura della campagna elettorale e le altre notizie della giornata

Emilia-Romagna ANSA

Il racconto della giornata di venerdì 26 maggio 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Le bombe russe oggi hanno colpito un ospedale psichiatrico a Dnipro, provocando la morte di 2 persone a almeno 30 feriti. In Emilia-Romagna resta l’allerta rossa almeno fino alla mezzanotte di domani sulle aree alluvionate. Quasi un milione e mezzo di persone tornano al voto domenica e lunedì per i ballottaggi: queste sono le ultime ore dei comizi. Il gruppo di 500 migranti in difficoltà in acque di competenza maltese segnalato nei giorni scorsi dalla ong Alarm Phone potrebbe essere stato riportato in Libia. Oggi il Fondo monetario internazionale ha ipotizzato che quest’anno l’economia italiana crescerà dell’1,1%.

Gli sviluppi nel fronte diplomatico per il dialogo tra Russia e Ucraina

Le bombe russe oggi hanno colpito un ospedale psichiatrico a Dnipro, provocando la morte di 2 persone a almeno 30 feriti. Un attacco che Zelensky ha definito “l’ennesimo crimine di guerra” e dopo il quale è subito tornato a chiedere nuovi sistemi di difesa aerea. Oggi intanto ci sono stati sviluppi anche per quanto riguarda il fronte diplomatico.

Dopo settimane di incertezze sembra che oggi, leggendo tra le righe delle dichiarazioni fatte, si sia delineata in modo un po’ più chiaro la parabola che stanno assumendo i movimenti diplomatici che girano intorno al conflitto in Ucraina. Innanzitutto partiamo dalla Russia. Oggi in diversi momenti ha mostrato la sua apertura a ben tre iniziative diplomatiche: quella vaticana, quella cinese e quella proposta dal presidente Brasiliano Lula che oggi ha telefonato a Putin ribadendogli la sua disponibilità, insieme a India, Indonesia e Cina, a dialogare per la pace in Ucraina. Concentriamoci però ora sul piano cinese che è per il momento quello che ha fatto più progressi. Secondo il Wall Street Journal, infatti, che cita diplomatici europei, il piano che l’inviato cinese per l’Ucraina avrebbe comunicato durante le sue tappe europee prevedrebbe un congelamento del conflitto immediato, lasciando alla Russia il possesso dei territori occupati. Di fatto quindi una soluzione alla Coreana, che da parte di Pechino fino ad ora non era mai stata sollevata. C’è da dire che Pechino per il momento non ha commentato queste indiscrezioni, senza confermare né smentire. La reazione di Kiev, però, è indicativa, considerando che Li Hui, l’inviato cinese che oggi ha incontrato a Mosca il ministro degli esteri russo Lavrov, è stato prima anche a Kiev, dove le reazioni erano state abbastanza positive. Oggi invece, il consigliere di Zelensky Podolyak su twitter si è scagliato non tanto contro la Cina, quanto sulle indiscrezioni riportate dal Wall Street Journal. “Qualsiasi ‘scenario di compromesso’ che preveda la NON liberazione di tutti i territori dell’Ucraina, di cui periodicamente parlano ‘fonti anonime’ nelle élite europee e americane, equivale ad ammettere la sconfitta della democrazia” ha scritto Podolyak.
Sulla percorribilità di una strada diplomatica, abbiamo sentito Alberto Negri, editorialista del Manifesto:


 

La chiusura della campagna elettorale per amministrative e ballottaggi

Chiusura di campagna elettorale per i leader dei principali partiti. Domenica e lunedì si vota per le amministrative in centinaia di Comuni in Sicilia e Sardegna e per i ballottaggi dopo il primo turno di due settimane fa.

(di Anna Bredice)

Quasi un milione e mezzo di persone tornano al voto domenica e lunedì per i ballottaggi. Queste sono le ultime ore dei comizi, Giorgia Meloni si è fatta vedere di più alla vigilia del primo turno, Elly Schlein sta girando alcune città importanti, è stata a Massa, in Toscana dove insieme a Pisa e Siena il Pd conta e spera di vincere. Al primo turno il centrodestra ha conquistato 4 sindaci nei comuni capoluogo: Latina, poi ha riconfermato Sondrio, Treviso e Imperia, al centrosinistra è andata al primo turno Brescia e Teramo. Ora gli occhi sono puntati su Ancona, Brindisi, Vicenza, Pisa, Siena, Massa e Terni. Queste sono le città importanti al ballottaggio, ma domenica c’è il primo turno anche in molti comuni della Sicilia, si vota in città come Catania, Ragusa, Trapani e Siracusa. Un test quindi importante per numeri di elettori, che interessa ad Elly Schlein in particolare, perché darebbe più forza alla sua leadership nel Pd, legandola ad un buon risultato nei territori, su cui il partito conta di tornare in vista delle europee dell’anno prossimo. Vicenza, Ancona, le città toscane, sono al centro dell’attenzione. A livello locale, in vista del ballottaggio, qualche vantaggio ce l’ha il candidato del centrosinistra anche dove è arrivato secondo, perché la destra si è presentata pressoché unita dappertutto, il centrosinistra no e i Cinque stelle oppure il Terzo polo anche senza apparentamenti formali, che non ci sono stati, potrebbero fare la differenza. Anche la destra naturalmente attende, soprattutto i risultati di lista nella competizione tra Meloni e Salvini, ma Giorgia Meloni sembra avere meno bisogno in questo momento di una vittoria alle amministrative per confermare il suo potere, quello se lo sta prendendo da Palazzo Chigi direttamente e si è visto ieri con la scalata ai vertici della Rai.

Ancora allerta rossa in Emilia-Romagna

In Emilia-Romagna resta l’allerta rossa almeno fino alla mezzanotte di domani sulle aree alluvionate. Nelle zone più colpite oggi sono iniziate le vaccinazioni di massa contro i rischi sanitari che possono essere provocati dall’acqua stagnante, in particolare contro tetano ed epatite-A.
Le vaccinazioni stanno avvenendo in alcuni comuni delle province di Bologna, Forlì-Cesena e Ravenna. A Conselice, uno dei paesi ancora allagati nel ravennate, l’acqua sfiora ancora i due metri di altezza in alcune strade. La sindaca ha disposto l’evacuazione delle case ancora allagate. Anche qui nella giornata ci sono state lunghe code fuori dal centro vaccinale come ci ha raccontato il giornalista freelance Lorenzo Adorni:


 

I 500 migranti in difficoltà potrebbero esser stati riportati in Libia

Il gruppo di 500 migranti in difficoltà in acque di competenza maltese segnalato nei giorni scorsi dalla ong Alarm Phone potrebbe essere stato riportato in Libia. Oggi Emergency, che aveva inviato una nave sul luogo da cui era partita la richiesta di aiuto, ha pubblicato un comunicato: “Non abbiamo trovato i resti di un naufragio e le persone non risultano sbarcate in Italia. In passato le autorità di Malta avevano commissionato a un’imbarcazione privata un respingimento verso la Libia e non si può escludere che si tratti di un meccanismo simile” si legge nel testo. Da parte sua Alarm Phone ha scritto su Twitter di aver saputo che le 500 persone ora sarebbero detenute nel paese nordafricano. Chiara Denaro fa parte della ong:


 

La stima del fondo monetario internazionale sulla crescita dell’Italia

Oggi il Fondo monetario internazionale ha ipotizzato che quest’anno l’economia italiana crescerà dell’1,1%. Il dato è migliore rispetto a stime precedenti dell’organizzazione, che ad aprile prevedeva una crescita dello 0,7%. Dallo stesso Fondo questo pomeriggio sono arrivati dei richiami al nostro paese su temi come il Pnrr e la riforma del fisco, provvedimento al centro anche di critiche dall’ufficio parlamentare di bilancio.

(di Andrea Monti)

L’ultima bocciatura che il governo deve subire, per il momento, è quella della presidente dell’ufficio di bilancio. Lilia Cavallari ha inviato alla commissione finanze della camera un documento sulla riforma del fisco portata avanti dalla maggioranza. Il testo dice che gli obiettivi dichiarati sono condivisibili, ma anche che la legge rischia di penalizzare i redditi medi e favorire quelli alti, col passaggio da una tassazione progressiva a una ad aliquota unica, la cosiddetta flat tax. La presidente dell’ufficio solleva anche dubbi sulle coperture finanziarie previste dalla riforma, che indica solo in parte dove prendere i soldi necessari per abbassare le imposte come si vorrebbe fare. Tra i timori quello di una riduzione dei servizi pubblici, ipotizzata dalla stessa Cavallari. Poi c’è il Fondo monetario, organizzazione-simbolo dell’economia neoliberista che però oggi ha chiesto di tutelare la progressività del fisco, oltre a una “piena e tempestiva” attuazione del Pnrr. A proposito del piano finanziato da fondi europei, mercoledì la commissione di Bruxelles aveva parlato di un “rischio crescente di ritardi”. Vale la pena ricordare anche la questione dell’autonomia delle regioni, che la destra e in particolare la Lega vorrebbero rafforzare: un progetto che aumenterebbe le disuguaglianze interne al paese, come denunciato dallo studio del servizio bilancio del senato pubblicato 10 giorni fa – anche se per errore e in una versione non definitiva, come ha sostenuto poi l’ufficio stampa dello stesso senato. Nel complesso una serie di critiche e allarmi da istituzioni diverse e non politiche in senso stretto, un fatto che può mettere in difficoltà il governo più di normali attacchi dall’opposizione.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR domenica 25/02 8:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 25-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 23/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 23-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 23/02/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 23-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Apertura musicale classica di domenica 25/02/2024

    La musica classica e le sue riverberazioni con Carlo Lanfossi per augurare un buon risveglio a “tutte le mattine del mondo”. Novità discografiche, segnalazioni di concerti, rassegna stampa musicale e qualunque altra scusa pur di condividere con voi le musiche che ascolto, ho ascoltato e ascolterò per tutta la settimana.

    Apertura musicale classica - 25-02-2024

  • PlayStop

    Emergenza di sabato 24/02/2024

    La trasmissione sulle novità musicali della scena emergente italiana. Per chi crede nel talento dei giovani artisti o ha solo voglia di scoprire nuova musica. Le canzoni in primo piano, ma anche tanti ospiti che ci raccontano la loro storia. Conduce La Melchi. - @lamelchi_

    Emergenza - 24-02-2024

  • PlayStop

    Snippet di sabato 24/02/2024

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45 (tranne il primo sabato di ogni mese)

    Snippet - 24-02-2024

  • PlayStop

    News della notte di sabato 24/02/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 24-02-2024

  • PlayStop

    Warm-up di sabato 24/02/2024

    musica by Davide Facchini

    Warm-up - 24-02-2024

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 24/02/2024

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come recita la famosa canzone del fu Giacomo: Questo di sette è il più grandioso giorno, pien di speme e di gioia: di man tristezza e noia recheran l'ore, ed il travaglio usato ciascuno in suo pensier farà ritorno.

    Il sabato del villaggio - 24-02-2024

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 24/02/2024

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da vent’anni si occupa di novità musicali su queste frequenze. Ospiti, interviste, minilive, ma anche tanta tanta musica nuova. 50 minuti (circa…) con cui orientarsi tra le ultime uscite italiane e internazionali. Da ascoltare anche in Podcast (e su Spotify con le playlist della settimana). Senti un po’. Una trasmissione di Niccolò Vecchia In onda il sabato dalle 18.30 alle 19.30.

    Senti un po’ - 24-02-2024

  • PlayStop

    Stay human di sabato 24/02/2024

    Ogni sabato dalle 17.35 alle 18.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni e il fedele Fela.

    Stay human - 24-02-2024

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 24/02/2024

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e altre radio di Popolare Network, Radio Sonica, Radio Beckwith, Radio Zainet e Radio Onda d’Urto e altre ancora. In Jailhouse Rock storie di musica e di carcere si attraversano le une con le altre. Alla trasmissione collaborano detenuti del carcere romano di Rebibbia Nuovo Complesso e del carcere milanese di Bollate. Dando vita alla prima esperienza del genere, ogni settimana realizzano un Giornale radio dal carcere (Grc) in onda all’interno di Jailhouse Rock, nonché delle cover degli artisti ascoltati nella puntata. Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, a cura di Patrizio Gonnella e Susanna Marietti. http://www.jailhouserock.it/ https://www.facebook.com/Jailhouse-Rock-451755678297925/

    Jailhouse Rock - 24-02-2024

  • PlayStop

    10 Pezzi di sabato 24/02/2024

    Una colonna sonora per il sabato pomeriggio, 45 minuti di musica con cui attraversare il repertorio di grandi artisti che hanno fatto la storia.

    10 Pezzi - 24-02-2024

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 24/02/2024

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria follia o di pura umanità. In ogni puntata DOC ne sceglierà uno per indagare e approfondire, anche dopo i titoli di coda, tematiche sempre più attuali, spesso inesplorate ma di grande rilevanza socio-culturale. E, tranquilli, no spoiler! A cura di Roberta Lippi e Francesca Scherini In onda sabato dalle 15 alle 15.30

    DOC – Tratti da una storia vera - 24-02-2024

  • PlayStop

    Chassis di sabato 24/02/2024

    con Margherita Buy su "Volare"; Vito Zagarrio parla di "Le seduzioni"; Giovanni Piperno e la storia di "16mm alla rivoluzione"; Velania A. Mesay presenta il documentario "Agape". Tra le uscite: "La zona d'interesse" di Jonathan Glazer; "Emma e il giaguaro nero" di Gilles de Maistre; "Night Swim" di Bryce Mc Guire.

    Chassis - 24-02-2024

  • PlayStop

    Climitologie S1 - E4

    La rubrica settimanale che smaschera le bufale sul cambiamento climatico a cura di Sara Milanese

    Clip - 24-02-2024

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 24/02/2024

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere più notizie ed approfondimenti in quell’ambito della cultura che cerchiamo di racchiudere nella definizione “Arti Visive”. A cura di Tiziana Ricci va in onda il sabato alle 13.15 e vuole essere un viaggio fra alcuni degli eventi più importanti della settimana, ma non solo. Interviste ai protagonisti per scoprire le idee che stanno dietro la loro ricerca creativa e rendere cosi’ accessibile a tutti il significato delle loro opere. Vi proporremo anche le opinioni dei critici che stimiamo di piu’ per la loro onesta’ intellettuale e cercheremo di avere un’attenzione particolare per giovani talenti che come ben sappiamo hanno difficolta’ a far conoscere il loro lavoro.Infine ci auguriamo che ” I GIRASOLI ” possa essere uno strumento utile per capire se gli eventi che ci vengono proposti sono operazioni culturali serie oppure frutto di furbizie che hanno come obiettivo solo business o intenti propagandistici.Ci sembra che questa attenzione sia piu’ che mai necessaria oggi dato che assistiamo a un grande aumento degli eventi , molti dei quali di pessima qualità. Contiamo anche di dare spazio a notizie ed eventuali polemiche che riguardano i progetti di politica culturale.

    I girasoli - 24-02-2024

  • PlayStop

    Good Times di sabato 24/02/2024

    Good Times è il trampolino per tuffarsi in bello stile nel weekend. Visioni, letture, palchi, percorsi, incontri, esperienze, attività. Gli appuntamenti fissati dal calendario, ma anche le occasioni offerte dall’ozio. Un dispenser di proposte e suggestioni per vivere al meglio il proprio tempo libero. Tutti i sabati, dalle 11.30 alle 13, Good Times è il nostro viaggio nelle proposte del fine settimana. E insieme il nostro augurio per trascorrere giorni belli e momenti felici. Conduce Elena Mordiglia.

    Good Times - 24-02-2024

Adesso in diretta