Approfondimenti

La possibile svolta nel conflitto in Ucraina, il rischio di una guerra a colpi di atomica e le altre notizie della giornata

Ucraina Kiev ANSA

Il racconto della giornata di venerdì 25 marzo 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Nel trentesimo giorno di guerra in Ucraina le bombe comunque continuano ad esplodere. Mariupol è ormai quasi completamente distrutta e i bombardamenti sono continui anche a Kharkiv, ma la Russia è riuscita a congiungere il Donbass con la Crimea. Dall’inizio dell’invasione russa il rischio che qualcuno usi l’atomica, o che scoppi una guerra a colpi di atomica, è diventato più concreto e le parole di Biden sembrano confermare questo rischio. Papa Francesco, intanto, si è schierato in modo chiaro e deciso non soltanto contro la guerra in Ucraina, ma anche contro l’aumento delle spese militari annunciato da molti Paesi del Mondo. Oggi in tutto il Mondo sono tornati in piazza i ragazzi e le ragazze di Fridays For Future, che domani torneranno in piazza a Firenze per il corteo indetto dai lavoratori dell’ex GKN. La Corte di Cassazione ha emesso una sentenza considerata storica dalle associazioni che si occupano di violenza sulle donne e sui minori. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

La Russia congiunge il Donbass alla Crimea e la svolta nel conflitto potrebbe essere vicina

Dopo giorni di stallo sia militare sia diplomatico oggi è stato un giorno che forse può rappresentare una svolta nel conflitto.

 Fonti ucraine hanno confermato infatti che i russi sono riusciti a congiungere il Donbass con la Crimea, attraverso la parte orientale della costa sul Mar d’Azov. 

Contemporaneamente l’Ucraina sostiene di avere guadagnato nuove posizioni attorno a Kiev, spingendo più indietro l’esercito di invasione e allontanandolo dalla capitale, verso est e verso nord. 

Queste notizie di fonte ucraina coincidono, per una volta, con le dichiarazioni del Ministero della Difesa russo, secondo il quale l’esercito di Mosca ora si concentra sulla “completa liberazione del Donbass”, come l’ha definita lui, quindi non più sugli sugli altri obiettivi, pur non escludendo che Kiev e altre città possano essere di nuovo bombardate, con lo scopo – secondo Mosca – di evitare che dall’Ucraina occidentale arrivino rinforzi a est e a sud.


In altri termini potremmo essere di fronte a un assestamento militare: se fosse stabile, i russi rinuncerebbero alla conquista totale del Paese dopo aver ottenuto l’obiettivo di congiungere il Donbass alla Crimea, compresa Mariupol, e dopo essersi presa la costa sud-est ucraina, con il controllo completo del Mar d’Azov. 

Quanto questo ipotetico equilibrio possa riaprire la trattativa non è facile da prevedere. I russi potrebbero sedersi al tavolo rivendicando di aver raggiunto un obiettivo importante in termini di territorio, gli ucraini dicendo di aver respinto l’avanzata sulla loro capitale e sulla gran parte del territorio del Paese.


Finora però Kiev ha sempre escluso di poter accettare uno smembramento del territorio nazionale. 

Il Ministro degli Esteri russo Medinsky oggi ha detto che Mosca vuole un “trattato globale”, ma ha aggiunto che “è improbabile la conclusione di un accordo”, e che “lo stato attuale delle cose nei negoziati non suscita ottimismo” anche se ha aperto all’ipotesi che “l’Ucraina riceva garanzie di sicurezza da terze potenze se non si unisce alla NATO”.


Secondo il Guardian le dichiarazioni di oggi della Russia sarebbero di fatto una proposta all’Occidente di spartizione dell’Ucraina, con le regioni dell’est e la costa sud di fatto annesse a Mosca in cambio di un possibile cessate il fuoco. 

Ma non si sa, al momento, né come questa ipotesi di spartizione comprenderebbe Odessa (finora saldamente in mano a Kiev) né se la proposta è onesta o al contrario è solo un modo per raccogliere le forze e poi lanciare una nuova offensiva sul resto del paese invaso.

Bombardamenti continui su Mariupol e Kharkiv

Le bombe comunque continuano ad esplodere. Mariupol è ormai quasi completamente distrutta e le circa 100mila persone rimaste in città vivono in condizioni catastrofiche. Secondo il sindaco almeno 300 persone sarebbero morte sotto le macerie del teatro distrutto. Anche a Kharkiv, nell’est del paese, i bombardamenti sono continui e oggi hanno colpito anche un’area intorno all’ospedale policlinico della città provocando almeno 4 morti. Noi qui abbiamo raggiunto Alfredo Bosco, fotografo freelance:


 

Il rischio di una guerra a colpi di atomica è diventato più concreto?

Oggi la Presidente della Commissione Europea Von der Leyen e quello degli Stati Uniti Biden hanno annunciato un accordo per aumentare la fornitura di gas americano al nostro continente. Poi Biden si è spostato in Polonia, dove ha incontrato una parte dei soldati americani presenti nel paese. Di fronte a loro ha parlato della guerra in Ucraina: “La posta in gioco – ha detto – è la democrazia nel mondo”. Sempre oggi il Wall street Journal ha scritto che Biden avrebbe cambiato idea su un impegno preso in campagna elettorale: quello di minacciare l’uso di armi nucleari solo di fronte al rischio o alla certezza del loro utilizzo da parte di altri. Secondo il quotidiano il presidente si è spostato su una linea più tradizionale per la politica americana, secondo cui l’uso di armi atomiche può essere ipotizzato anche in risposta a minacce non nucleari, per esempio legate ad armi convenzionali. In generale dall’inizio dell’invasione russa il rischio che qualcuno usi l’atomica, o che scoppi una guerra a colpi di atomica, è diventato più concreto. Ne abbiamo parlato col sociologo Marco Revelli:


 

Le dure parole del Papa contro l’aumento delle spese militari

Oggi il Papa è tornato a parlare del conflitto in Ucraina, definendolo “una guerra crudele e insensata che minaccia il mondo. Notizie e immagini di morte continuano a entrare nelle nostre case, mentre le bombe distruggono le case di tanti nostri fratelli e sorelle ucraini inermi”, ha detto Francesco, che ieri era intervenuto sul tema delle spese militari.

(di Andrea Monti)

Papa Francesco ci ha abituato a dichiarazioni forti, a effetto, perfette dal punto di vista mediatico. È il caso delle parole pronunciate ieri sull’aumento delle spese militari, un tema di cui in Italia i partiti politici discutono proprio in questi giorni. “Io mi sono vergognato – ha detto – quando ho letto che un gruppo di Stati si sono compromessi a spendere il 2% del Pil per l’acquisto di armi come risposta a questo che sta accadendo, pazzia!”.
Questa era la notizia, una delle notizie di ieri, che però sui giornali in edicola stamattina ha trovato spazio solo in alcuni casi. “Avvenire” e “Il Fatto Quotidiano” l’hanno messa in apertura, quindi in grande evidenza. “Il Manifesto” ha inserito un richiamo nella parte bassa della prima pagina. “La Stampa” ha dedicato al Papa un articolo di alcune colonne a pagina 17. Su “Corriere della Sera” e “Repubblica” qualche riga, rispettivamente a pagina 15 e 14. Ancora meno aveva fatto ieri sera il TG1, omettendo completamente di citare Francesco, come invece hanno fatto gli altri telegiornali della Rai. Ognuna di queste scelte è legittima e ogni testata giornalistica commette degli errori, Radio Popolare compresa, ovviamente. Secondo noi il Papa che dice no all’aumento delle spese militari – con quelle parole, in questo momento – è una notizia, e lo è anche lo spazio che ha trovato (o non ha trovato) sui mezzi di comunicazione.

I ragazzi di Fridays For Future si uniscono al corteo del lavoratori dell’ex GKN

In tutto il mondo, e anche in decine di città italiane, oggi sono tornati in piazza i ragazzi dei Fridays For Future. Sciopero per il clima, ma declinato anche in relazione agli altri temi di attualità, dalla guerra al nodo dei combustibili fossili. Domani, in una sorta di staffetta intesa a unire le lotte per il clima e quelle per il lavoro e la giustizia sociale, si svolgerà a Firenze il corteo indetto dai lavoratori dell’ex GKN a cui parteciperanno anche i Fridays For Future. Tante le adesioni anche dal mondo della cultura e dello spettacolo. Tra loro anche l’attore/scrittore Stefano Massini:


 

La storica sentenza della Cassazione contro la sindrome da alienazione parentale

La Cassazione ha emesso una sentenza considerata storica dalle associazioni che si occupano di violenza sulle donne e sui minori. Riguarda la vicenda di Laura Massaro, una donna che per 10 anni ha lottato nelle aule di giustizia affinché non le togliessero il figlio. L’ex marito, denunciato per violenza e stalking, ha sostenuto che il bambino non lo volesse vedere perché vittima della sindrome di alienazione parentale, cioè istigato dalla madre a respingerlo. Anni di perizie, giudizi, interventi anche violenti della forza pubblica per collocare il bambino in una casa famiglia e la decadenza della responsabilità genitoriale. La Cassazione ha annullato quella decisione, scrivendo parole chiare sul ruolo delle istituzioni coinvolte nelle separazioni. Vicende come questa sono molto più diffuse di quanto si pensi. 

Ilaria Boiano è avvocata della associazione Differenza Donna, che ha composto il collegio difensivo:


 

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

A una settimana dal primo step di allentamenti delle misure anti-COVIV, che scatteranno il 1° aprile, il monitoraggio settimanale del Ministero della Sanità conferma la ripresa dei contagi. Per la prima volta da diverse settimane a questa parte l’RT, l’indice di riproduzione della malattia, è tornato sopra quota 1, segno che l’epidemia è in una fase di espansione. Aumenta anche l’incidenza dei casi, che torna prossima a 900 per 100mila abitanti. L’aumento dei contagi non si riflette ancora nel dato sulla pressione ospedaliera, che è il criterio sulla base del quale si decidono i cambi di fascia: ragion per cui dalla prossima settimana anche la Sardegna passa in fascia bianca, insieme a tutte le altre regioni e province autonome. Dalla prossima settimana il sistema dei colori sarà abolito.

https://twitter.com/MinisteroSalute/status/1507412710245691393

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR lunedì 26/02 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 26-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 26/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 26-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 26/02/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 26-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Jazz Anthology di lunedì 26/02/2024

    Come suggerisce il titolo della trasmissione, presente nel palinsesto di Radio Popolare fin dagli inizi, Jazz Anthology ripercorre la ormai lunga vicenda del jazz proponendone momenti e artisti salienti. Al di là della varietà delle sue forme, per Jazz Anthology questo genere è un fenomeno unitario di innovazione musicale in rapporto con una tradizione di matrice neroamericana. Jazz Anthology vuole quindi valorizzare sia la pluralità degli aspetti del jazz che la continuità della sua storia, dedicando la propria attenzione a tutte le epoche di questa musica, dal New Orleans al bebop, fino alle espressioni più audaci degli ultimi decenni. Il programma si articola soprattutto in serie di trasmissioni a carattere monografico, con l’intenzione – in un contesto mediatico che al jazz dà pochissimo spazio e in modo molto dispersivo – di dare così un contributo alla diffusione di una effettiva cultura del jazz. La sigla di Jazz Anthology è Straight Life (Art Pepper), da Art Pepper meets The Rhythm Section (1957, Contemporary/Original Jazz Classics)

    Jazz Anthology - 26-02-2024

  • PlayStop

    News della notte di lunedì 26/02/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 26-02-2024

  • PlayStop

    La Pillola va giù di lunedì 26/02/2024

    Una trasmissione settimanale  a cura di Anaïs Poirot-Gorse con in regia Nicola Mogno. Una trasmissione nata su Shareradio, webradio metropolitana milanese in questo momento di emergenza, cercando di ridare un spazio di parola a tutti i ragazzi dei centri di aggregazione giovanili di Milano con cui svolgiamo regolarmente laboratori radiofonici.

    La Pillola va giù - 26-02-2024

  • PlayStop

    Il Suggeritore Night Live di lunedì 26/02/2024

    Il Suggeritore, la storica trasmissione di teatro di Radio Popolare, ha compiuto 17 anni e può uscire da sola la sera! Ora, infatti, si chiama Il Suggeritore Night Live e va in onda in diretta ogni lunedì, dalle 21.00 alle 22.00, dall’Auditorium “Demetrio Stratos” di Radio Popolare: un night talk-show con ospiti da vari ambiti dello spettacolo dal vivo, che si raccontano ai nostri microfoni e propongono estratti dai loro lavori, nella serata in cui tradizionalmente il teatro osserva il riposo. Finalmente possiamo accogliere i nostri ascoltatori in auditorim: quindi vi aspettiamo dalle 20.00 in veste di pubblico privilegiato di Il Suggeritore Night Live.

    Il Suggeritore Night Live - 26-02-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di lunedì 26/02/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 26-02-2024

  • PlayStop

    Esteri di lunedì 26/02/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 26-02-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di lunedì 26/02/2024

    (104 - 486) Dove ringraziamo i "ragazzi" del rugby per la grande prestazione nel 6 Nazioni in Francia. Peccato per il palo. Poi andiamo in Sardegna per un aggiornamento sui risultati delle elezioni regionali e capire come mai i risultati arrivano così lentamente. Ci colleghiamo con Francesca Ghirra, Deputata di Sinistra Italiana Verdi, ma in questa occasione in veste di rappresentante di lista. Nella terza parte parliamo del festival del giornalismo di Verona con Ernesto Kieffer uno degli organizzatori.

    Muoviti muoviti - 26-02-2024

  • PlayStop

    Playground di lunedì 26/02/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 26-02-2024

  • PlayStop

    Mash-Up di lunedì 26/02/2024

    Mash Up è un dj set di musiche e parole diverse, anzi diversissime, che si confondono fra loro all’insegna di un tema diverso.  Anzi, “si pigliano perché non si somigliano”.  Conduce, mixa, legge e ricerca il vostro dj per Matrimoni Impossibili, Piergiorgio Pardo aka Pier Nowhere Mail: mischionepopolare@gmail.com

    Mash-Up - 26-02-2024

  • PlayStop

    Jack di lunedì 26/02/2024

    Per raccontare tutto quello che di interessante accade oggi nella musica e in ciò che la circonda. Anticipazioni e playlist sui canali social di Matteo Villaci.

    Jack - 26-02-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di lunedì 26/02/2024

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una coabitazione sul pianeta attraverso letteratura, musica, scienza, costume, linguaggio, arte e storia. Ogni giorno con l’ospite di turno si approfondisce un argomento e si amplia il Bestiario che stiamo compilando. In onda da lunedì a venerdì dalle 14.00 alle 14.30. A cura di Cecilia Di Lieto.

    Considera l’armadillo - 26-02-2024

  • PlayStop

    Storie di Giusti - S3 E5: Jurij Dmitriev

    Jurij Dmitriev è uno storico dell’associazione Memorial, premio Nobel per la Pace 2022. Dobbiamo soprattutto a lui la scoperta di Sandormoch, una delle più grandi fosse comuni di tutti i tempi, in cui vennero abbandonati i corpi di migliaia di vittime delle purghe staliniane. Oggi è in una colonia penale, in quello che è di fatto un ergastolo, a pagare per le peggiori accuse che un padre possa ricevere. Nonostante non ci siano prove contro di lui. Perché uno storico che si occupa di vicende di quasi un secolo fa è così scomodo al potere di oggi? Ospiti: Andrea Gullotta, Zoja Svetova e Anna Zafesova

    Clip - 26-02-2024

  • PlayStop

    Guarda, quella è Sirmione...

    quando lanciamo il nuovo mirabolante progetto social di poveri ma belli, il canale twitch, poi stiliamo la top10 dei manganelli più cool del momento, commentiamo le interviste di Gianstage sul lavoro dei giovani prima di un excursus sulle notti nei villaggi turistici e infine ascoltiamo la prima parte di una nuova puntata di Voeia de Laurà con Andrea, il Liutaio di Villapizzone

    Poveri ma belli - 26-02-2024

Adesso in diretta