Approfondimenti

Il falso storico di Meloni sulle Fosse Ardeatine, le tensioni sui mercati dopo il tonfo di Deutsche Bank e le altre notizie della giornata

Meloni Bruxelles ANSA

Il racconto della giornata di venerdì 24 marzo 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Nel giorno del 79esimo anniversario dell’eccidio delle Fosse Ardeatine, Giorgia Meloni finge di non ricordare che i fascisti presero parte al massacro insieme ai nazisti. A pochi giorni dalla visita di Xi Jinping a Mosca, l’Unione Europea non vuole restare indietro e cerca un filo con Pechino. Al Consiglio Europeo si è discusso anche di immigrazione, ma nel giorno in cui sono stati registrati nuovi sbarchi e un altro naufragio nel Mediterraneo, non è stato fatto alcun passo in avanti. La crisi finanziaria è stato l’altro tema al centro del Consiglio Europeo nel giorno del tonfo di Deutsche Bank e la conferma che la politica di rialzo dei tassi di interesse delle Banche centrali non sta producendo gli effetti sperati. Si è tenuta oggi l’udienza sulla richiesta dei domiciliari per Alfredo Cospito e la decisione tribunale di sorveglianza di Milano arriverà entro i prossimi 5 giorni.

La pezza di Meloni sulle Fosse Ardeatine è peggio del buco

(di Anna Bredice)

C’è quasi un tono di derisione e compatimento nelle parole e nel modo in cui Giorgia Meloni ha cercato di chiudere il caso delle sue parole nell’anniversario dell’eccidio delle Fosse Ardeatine. “Gli antifascisti non sono italiani? È un termine onnicomprensivo”, ha detto, quasi infastidita da domande e polemiche che considera forse inutili, svalutando così e rimuovendo ancora una volta un pezzo enorme di storia italiana, con cui a quanto pare una parte del governo non riesce ancora a fare i conti. Questa mattina, nero su bianco, quindi non una frase casuale e sbagliata, ma una nota firmata da Palazzo Chigi, ricordava l’eccidio, dicendo che “335 italiani innocenti erano stati massacrati solo perché italiani”. E invece esattamente da 79 anni, quanti sono gli anniversari ricordati finora, si sa che in quelle cave di pozzolana alla prima periferia di Roma, ci sono 335 antifascisti, ebrei e partigiani, ma dirlo vuole dire per la presidente del Consiglio riconoscere in questo giorno che i fascisti presero parte insieme ai nazisti a quell’eccidio. E Giorgia Meloni, a parte le frasi dovute durante il suo intervento per la fiducia in Parlamento, sull’ignominia delle leggi razziali, di più si vede non riesce a fare. Del resto non è l’unica, perché se si vanno a vedere le dichiarazioni di oggi di esponenti del governo, si passa da quelle come la nota del Presidente della Regione Lazio Rocca, che riesce a non citare mai le vittime, scrive solo Fosse Ardeatine, fino al solito La Russa, presidente del Senato, e il ministro Sangiuliano che parlano solo di strage nazista.

L’Unione Europea cerca un filo con Pechino

A pochi giorni dalla visita di Xi Jinping a Mosca, l’Unione Europea non vuole restare indietro e cerca un filo con Pechino. Oggi a Bruxelles, al vertice europeo, la Cina – e il suo piano in 12 punti sulla guerra in ucraina – sono stati in qualche modo al centro delle discussioni. Uno dopo l’altro i leader europei hanno annunciato prossimi viaggi a Pechino. Dopo il premier spagnolo Sanchez, che oggi ha confermato la sua visita per settimana prossima, oggi anche l’Alto Commissario per la politica estera dell’UE Borrell, il presidente francese Macron e Ursula Von der Leyen hanno annunciato i loro viaggi in Cina. Il nostro collaboratore Gabriele Battaglia:


 

Un nuovo naufragio nel Mediterraneo mentre l’Europa resta immobile

Al Consiglio Europeo si è discusso anche di immigrazione. Giorgia Meloni ha parlato di un cambio di passo all’interno dell’Unione Europea e si è definita soddisfatta dei risultati. Successi e risultati che però, di fatto, non ci sono stati.
Al Consiglio Europeo si è discusso anche di immigrazione. Giorgia Meloni ha parlato di un cambio di passo all’interno dell’Unione Europea e si è definita soddisfatta dei risultati. Successi e risultati che però, di fatto, non ci sono stati. Nel comunicato finale il tema è liquidato in poche righe e ogni decisione operativa è stata rinviata al vertice del prossimo giugno.
Intanto poco fa c’è stato un altro naufragio. Un barcone con a bordo 38 persone è affondato al largo della Tunisia e 34 persone risultano disperse. Alarm Phone aveva dichiarato questa mattina sul proprio account Twitter che “40 persone rischiano di annegare nel Mediterraneo centrale”.
Oggi, poi, 220 migranti soccorsi dalla Guardia Costiera italiana sono stati sbarcati al porto di Roccella Ionica, in Calabria. Mentre a Lampedusa sono arrivati 966 migranti soccorsi in parte dalle autorità italiane e in parte dalle barche delle Ong. Tra questi, 190 sono stati salvati dalla Geo Barents di Medici senza frontiere. Riccardo Gatti è il capo missione della nave:


 

Il tonfo di Deutsche Bank e le tensioni sui mercati

La crisi finanziaria è stato l’altro tema al centro del Consiglio Europeo. La Presidente della BCE, Christine Lagarde, ha provato a rassicurare i leader riuniti a Bruxelles: “Siamo pronti a intervenire, se necessario”, ha detto. Oggi preoccupa il tonfo di Deutsche Bank. La banca tedesca ha perso fino al 15%, trascinando con sé tutti i mercati europei. Il nostro collaboratore ed editorialista Andrea Di Stefano:

Sui mercati restano forti tensioni. La politica di rialzo dei tassi di interesse delle Banche centrali non sta producendo gli effetti sperati. Emiliano Brancaccio, professore di politica economica all’università del Sannio:


 

L’attesa per la decisione sui domiciliari per Alfredo Cospito

Si è tenuta oggi l’udienza sulla richiesta dei domiciliari per Alfredo Cospito. L’anarchico davanti ai giudici ha detto che sarebbe “disposto a interrompere lo sciopero della fame purché il tribunale di Sorveglianza liberasse altri detenuti al 41-bis”. La procura generale di Milano ha espresso parere negativo sui domiciliari, chiedendo al giudice che Cospito resti sempre al 41-bis ma che sia collocato stabilmente nel reparto di medicina penitenziaria dell’ospedale San Paolo, dove si trova attualmente. I legali del militante anarchico, in sciopero della fame da ottobre, chiedono che la pena venga sospesa per le sue precarie condizioni di salute e che nel periodo di differimento sia trasferito ai domiciliari a casa della sorella. Il tribunale di Sorveglianza di Milano ha ora 5 giorni per decidere.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR domenica 26/05 13:00

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 26-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 26/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 26-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 24/05/2024 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 24-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    C'è di buono di domenica 26/05/2024

    La cucina, la gastronomia, quello che mangiamo…hanno un ruolo fondamentale nella vita di tutti noi. Il cibo che scegliamo ci cambia, ci influenza e parla di noi. Ci può far stare bene o male in base a quello che scegliamo di avvicinare alla bocca. L’atto di cucinare e di mangiare ogni giorno è uno dei più importanti che possiamo fare. E va affrontato con consapevolezza, con conoscenza, oltre che con uno spirito divertito. Per questo Niccolò Vecchia a C’è di buono ogni settimana racconterà di prodotti e di cucina, raccogliendo storie contadine antiche e contemporanee, parlando di una cultura che può essere, insieme, popolare e raffinata.

    C’è di buono - 26-05-2024

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 26/05/2024

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown trendaioli. La bruss e la steppa. Yak e orsetti lavatori. Il mal d’Africa e le pastiglie di xamamina per chi sta male sui traghetti. Calepini e guide di viaggio. Zaini e borracce. Musiche del mondo e lullabies senza tempo. Geografie fantastiche ed escursioni metafisiche. Nel blog di Onde Road tutti i dettagli delle trasmissioni.

    Onde Road - 26-05-2024

  • PlayStop

    La domenica dei libri di domenica 26/05/2024

    La domenica dei libri è la trasmissione di libri e cultura di Radio Popolare. Ogni settimana, interviste agli autori, approfondimenti, le novità del dibattito culturale, soprattutto la passione della lettura e delle idee. Condotta da Roberto Festa

    La domenica dei libri - 26-05-2024

  • PlayStop

    Va pensiero di domenica 26/05/2024

    Viaggio a bocce ferme nel tema politico della settimana.

    Va Pensiero - 26-05-2024

  • PlayStop

    Apertura musicale classica di domenica 26/05/2024

    La musica classica e le sue riverberazioni con Carlo Lanfossi per augurare un buon risveglio a “tutte le mattine del mondo”. Novità discografiche, segnalazioni di concerti, rassegna stampa musicale e qualunque altra scusa pur di condividere con voi le musiche che ascolto, ho ascoltato e ascolterò per tutta la settimana.

    Apertura musicale classica - 26-05-2024

  • PlayStop

    Delorean di sabato 25/05/2024

    Una macchina del tempo musicale, per andare ogni puntata all’esplorazione di un diverso frammento di storia musicale, che è già storia o che ancora lo sta diventando. Dalla new wave al dreampop, dal prog-rock all’R&B contemporaneo, tra ispirazioni passate e prospettive future, ricostruzioni volutamente parziali per non pensare più alla musica in compartimenti stagni. Ogni sabato alle 23:45, a cura di Luca Santoro. IG: @lucaa.santoro

    Delorean - 25-05-2024

  • PlayStop

    Snippet di sabato 25/05/2024

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45 (tranne il primo sabato di ogni mese)

    Snippet - 25-05-2024

  • PlayStop

    News della notte di sabato 25/05/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 25-05-2024

  • PlayStop

    Warm-up di sabato 25/05/2024

    musica by Davide Facchini

    Warm-up - 25-05-2024

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 25/05/2024

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come recita la famosa canzone del fu Giacomo: Questo di sette è il più grandioso giorno, pien di speme e di gioia: di man tristezza e noia recheran l'ore, ed il travaglio usato ciascuno in suo pensier farà ritorno.

    Il sabato del villaggio - 25-05-2024

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 25/05/2024

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da vent’anni si occupa di novità musicali su queste frequenze. Ospiti, interviste, minilive, ma anche tanta tanta musica nuova. 50 minuti (circa…) con cui orientarsi tra le ultime uscite italiane e internazionali. Da ascoltare anche in Podcast (e su Spotify con le playlist della settimana). Senti un po’. Una trasmissione di Niccolò Vecchia In onda il sabato dalle 18.30 alle 19.30.

    Senti un po’ - 25-05-2024

  • PlayStop

    Stay human di sabato 25/05/2024

    Ogni sabato, dalle 17.35 alle 18.30, musica, libri e spettacoli che ci aiutano a 'restare umani'. Guida spirituale della trasmissione: Fela.

    Stay human - 25-05-2024

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 25/05/2024

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e altre radio di Popolare Network, Radio Sonica, Radio Beckwith, Radio Zainet e Radio Onda d’Urto e altre ancora. In Jailhouse Rock storie di musica e di carcere si attraversano le une con le altre. Alla trasmissione collaborano detenuti del carcere romano di Rebibbia Nuovo Complesso e del carcere milanese di Bollate. Dando vita alla prima esperienza del genere, ogni settimana realizzano un Giornale radio dal carcere (Grc) in onda all’interno di Jailhouse Rock, nonché delle cover degli artisti ascoltati nella puntata. Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, a cura di Patrizio Gonnella e Susanna Marietti. http://www.jailhouserock.it/ https://www.facebook.com/Jailhouse-Rock-451755678297925/

    Jailhouse Rock - 25-05-2024

  • PlayStop

    10 Pezzi di sabato 25/05/2024

    Una colonna sonora per il sabato pomeriggio, 45 minuti di musica con cui attraversare il repertorio di grandi artisti che hanno fatto la storia.

    10 Pezzi - 25-05-2024

Adesso in diretta