Approfondimenti

La decisione della Corte dell’Aja su Israele, il piano del governo contro le contestazioni e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di venerdì 24 maggio 2024 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. La Corte internazionale di giustizia dell’Aja ha ordinato a Israele di fermare immediatamente l’offensiva militare su Rafah. Al consiglio dei ministri di oggi Salvini fa il pieno elettorale: la Lega porta a casa lo stop al redditometro e il cosiddetto decreto Salva-Casa. Due emendamenti leghisti al cosiddetto “pacchetto sicurezza” puntano a criminalizzare gli scioperi dei lavoratori e introdurre fino a 25 anni per chi protesta in modo “minaccioso o violento” contro le grandi opere. L’undicesima giornata del Festival di Cannes.

La Corte dell’Aja ordina a Israele di fermare l’offensiva su Rafah

Oggi la Corte internazionale di giustizia dell’Aja ha ordinato a Israele di fermare immediatamente l’offensiva militare su Rafah. I giudici hanno dunque accolto la richiesta presentata dal Sudafrica. “In conformità con queste indicazioni, sotto la convenzione del genocidio, Israele deve immediatamente fermare la sua offensiva militare a Rafah che potrebbe infliggere ai palestinesi condizioni di vita che potrebbe portare alla loro distruzione fisica”, ha detto il presidente della Corte Nawaf Salam. Sentiamo un passaggio del suo intervento:

Poco fa il segretario genera dell’Onu Guterres ha dichiarato che le decisioni della Corte Internazionale sono vincolati e dunque vanno rispettate. Sulla portata e sulle conseguenze dell’ordinanza della Corte dell’Aja ascoltiamo Chantal Meloni docente di diritto internazionale alla Statale di Milano:

Poco minuti dopo la decisione della Corte Internazionale aerei da guerra israeliani hanno lanciato una serie di attacchi sul centro della città di Rafah. Netanyahu ha convocato un vertice di governo e le prime reazioni dei suoi ministri sono state durissime: “L’ordinanza irrilevante della corte antisemita dell’Aja dovrebbe avere una sola risposta: l’occupazione di Rafah”, ha detto il ministro della sicurezza nazionale e leader della destra radicale Ben Gvir. Sulle possibili reazioni del governo di Tel Aviv ascoltiamo Eric Salerno, giornalista e saggista esperto di Medio Oriente:


 

La destra prova a mettere un altro freno alle contestazioni

(di Massimo Alberti)

La destra al governo non ama le contestazioni: fino a 25 anni per chi protesta in modo “minaccioso o violento” contro le grandi opere, e la criminalizzazione degli scioperi dei lavoratori. È il contenuto di 2 emendamenti della Lega, al cosiddetto “pacchetto sicurezza“ approvato a novembre e ora in discussione nelle Commissioni Giustizia e Affari Costituzionali della Camera. Carcere, carcere, sembra essere la soluzione del governo ad ogni conflitto sociale, politico o di lavoro.
L’allergia alle contestazioni, del resto, si vede quasi ogni giorno: dalle manganellate contro gli studenti, a leggi apposite contro le proteste simboliche dei movimenti ambientalisti, al vittimismo di fronte a semplici fischi o contestazioni. Ora la maggioranza vorrebbe andare anche oltre. Tra gli emendamenti al pacchetto sicurezza ce ne sono due particolarmente pesanti e di dubbia costituzionalità: il primo di fatto aumenta le pene per resistenza, violenza o minaccia durante manifestazioni pubbliche fino a 15 anni, che possono arrivare a 25 in caso di manifestazioni contro opere pubbliche strategiche, quali ad esempio il Ponte sullo Stretto, o la Tav e cosi via.
Nell’emendamento si parla anche di manifestazioni simboliche, se queste verranno considerate “minacciose o violente”. Un’altra proposta però, nel solco di quanto già contenuto nei decreti sicurezza di Salvini, e mai eliminato nemmeno con le modifiche del Conte2, mira a colpire le proteste dei lavoratori.Pensiamo ai mondi della logistica, o del tessile, dove spesso il blocco dei cancelli, i picchetti, son l’unico modo per farsi sentire, tanto che nelle sentenze di fronte a delle denunce, ultimo caso le assoluzioni per i picchetti alla Unes di Truccazzano, i giudici riconoscono il valore sociale delle proteste anche in questa forma. L’emendamento sempre della Lega, mira a scavalcare queste letture e considerare violenza privata anche i picchetti non violenti: si parla di reato punibile fino a 4 anni di carcere, infatti, anche in caso di sola interposizione dei propri corpi e resistenza passiva, anche nel contesto di azioni di sciopero. Una norma su misura delle aziende peggiori e che sarebbe palesemente anti sindacale.

Cosa prevede il cosiddetto decreto Salva-Casa

Al consiglio dei ministri di oggi, Salvini fa il pieno elettorale: la Lega porta a casa lo stop al redditometro, con tanto di spiegazioni da parte del Viceministro Maurizio Leo, ma soprattutto il cosiddetto decreto Salva-Casa. Meloni deve incassare e punta tutto sul premierato: “O la va o la spacca” dice sulla riforma della Costituzione.
Il cosiddetto decreto Salva-Casa, in sintesi: da una parte introduce la sanatoria per i piccoli abusi, soppalchi, tramezzi, tende da sole, ma disciplina anche difformità più rilevanti, per le quali bisognerà pagare una sanzione commisurata all’aumento di valore dell’immobile. Secondo uno studio del Consiglio nazionale degli ingegneri, riguarda potenzialmente quasi l’80% del patrimonio immobiliare italiano. Dall’altra rende però anche più facili i cambi di destinazione d’uso degli immobili, questione decisamente più problematica a rilevante, visto il mercato immobiliare nelle grandi città dove sul mercato finiscono con una certa facilità ex uffici, ex garage quando non addirittura cantine riadattate ad appartamenti.
Nel Consiglio dei Ministri è stato approvato anche il decreto sport, che istituisce una commissione indipendente per vigilare sui conti delle società sportive, norma che nelle scorse settimane aveva suscitato le proteste dei club e delle federazioni.

Meloni punta tutto sul referendum confermativo sul premierato

(di Anna Bredice)

Se Matteo Salvini punta molto sulle elezioni europee, anche per salvare la sua segreteria e rivendica tutte le misure che oggi sono state approvate dal Consiglio dei ministri, dal condono ai corsi di italiano per gli alunni stranieri, per Giorgia Meloni la prospettiva sembra essere diversa. Il suo sguardo va oltre e punta al referendum confermativo sul premierato e oggi da Trento lo ha ammesso con una frase molto illuminante, “O la va o la spacca”: la vittoria del referendum sancirà anche la prosecuzione del suo governo e l’ulteriore sua candidatura con poteri molto più forti di quelli attuali. Al Festival dell’economia di Trento ha spiegato, con il solito riferimento alla sua vita da madre che le lascia ben poco tempo, che non sta a Palazzo Chigi per “scaldare la sedia”, dice. La madre di tutte le riforme è l’appuntamento cruciale per il suo futuro politico, Matteo Salvini invece deve sopravvivere e oggi si è reso protagonista della conferenza stampa dopo la riunione, con messaggi molto elettorati, del resto il condono, anche se di piccolo calibro, è uno degli strumenti più utilizzati da chi governa. A Trento è andata in scena anche una sfida a distanza tra Meloni e Schlein. Forse sarà l’unica, in mancanza di un confronto in Tv. Sul premierato, Elly Schlein ha ribadito che viene toccato l’equilibrio dei poteri tra cui quello del Capo dello Stato, insiste sul lavoro, il salario minimo, sulle incoerenze del governo, a cominciare dal redditometro, altra marcia indietro di Meloni che oggi ha ammesso di volerci pensare, per ora ha subito lo stop da Salvini e Tajani.

La nuova udienza del processo contro Ilaria Salis

Oggi a Budapest c’è stata una nuova udienza del processo contro Ilaria Salis, l’insegnante accusata di aver aggredito due neonazisti ungheresi durante una manifestazione nel febbraio 2023. Salis è candidata alle europee con Alleanza Verdi Sinistra. È stata la prima volta che l’attivista è arrivata in tribunale senza catene a polsi e caviglie, essendo da ieri agli arresti domiciliari. Solo che il giudice ha rivelato pubblicamente l’indirizzo dove la donna è domiciliata, indirizzo immediatamente girato sui siti e sulle pagine social dell’estrema destra ungherese. C’è stata un protesta ufficiale dell’ambasciatore italiano e il padre ha chiesto che per la sua sicurezza venga al più presto riportata in Italia o almeno portata in ambasciata. Le difese hanno protestato anche per la mancata traduzione in italiano degli atti, mentre uno dei testimoni, sentito come parte lesa, non ha riconosciuto Salis in Aula.

L’undicesima giornata del Festival di Cannes

(di Barbara Sorrentini)

Ultimo giorno di concorso prima che venga decretata la Palma D’Oro di Cannes77. Ieri pomeriggio è arrivato il regista iraniano Mohammad Rasoulof, presenza in dubbio fino a pochi giorni fa, dopo essere scappato di nascosto dall’Iran dove era condannato a otto anni di carcere per i contenuti anti-regime del suo cinema. All’inizio di maggio si era rifugiato in Germania per poter partecipare al Festival di Cannes con il suo film di denuncia “I semi del fico selvatico”. Il regista non ha ancora rilasciato dichiarazioni né sulla sua condanna, né sulla morte del Presidente Raisi. La sua prima presentazione pubblica dopo la fuga, saà sabato in conferenza stampa. Secondo il quotidiano britannico “The Guardian” Rasoulof avrebbe affrontato un viaggio pericoloso di molte ore accompagnato da una guida che lo avrebbe aiutato ad attraversare le montagne e di varcare il confine a piedi. Questo film, come quelli di Jafar Panahi, rappresentano una voce libera per tutti gli iraniani e le donne iraniane che hanno subito la censura e la violenza del regime.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 14/06 19:29

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 14-06-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 14/06/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 14-06-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 14/06/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 14-06-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di venerdì 14/06/2024

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda le scorribande musicali dei due suonatori d’ottone in giro per la città, assecondate da artisti formidabili e straordinari.

    Slide Pistons – Jam Session - 14-06-2024

  • PlayStop

    Doppia Acca di venerdì 14/06/2024

    Dal 2011 è la trasmissione dedicata all’hip-hop di Radio Popolare.

    Doppia_Acca - 14-06-2024

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 14/06/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 14-06-2024

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 14/06/2024

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di Bologna e l’associazione Arte e Salute Onlus. Il progetto PSICORADIO è composto da due momenti intrecciati: un corso di formazione per operatori radiofonici rivolto a utenti dei servizi psichiatrici del dipartimento di salute mentale di Bologna e provincia, tenuto da professionisti della comunicazione guidati dalla direttrice della testata, prof. Cristina Lasagni (Università della Svizzera italiana). una testata radiofonica, Psicoradio, regolarmente registrata al tribunale di Bologna, che si occupa dei temi della salute mentale. I programmi di Psicoradio privilegiano i territori della psiche nei suoi incroci con il sociale e la cultura. Tutti gli argomenti – dalla cronaca all’arte – sono guardati da un punto di vista prevalentemente psicologico. Nelle trasmissioni si incrociano vari registri: poetici, informativi, ironici, scientifici, narrativi, autobiografici, assieme alle voci di chi la sofferenza psichica la sta attraversando. l corso di formazione per operatori radiofonici, articolato in tre anni, è tenuto da professionisti della comunicazione, della cultura, dell’arte, della psichiatria. Nel corso si apprendono i saperi classici del “fare radio”: quelli tecnici (registrazione, montaggio, regia); quelli giornalistici (l’intervista, l’inchiesta, ecc); quelli che servono per ideare e costruire una trasmissione, un palinsesto; e ciò che riguarda la programmazione musicale. Oltre ai contenuti prettamente comunicativi il corso aggiunge ambiti “psi”: per esempio, la psichiatria e la psicologia, nelle loro storie ed evoluzioni, ma anche terreni meno conosciuti ma oggi importanti come quelli dell’etnopsichiatria. Nei primi 5 anni di attività Psicoradio ha realizzato più di 220 trasmissioni nazionali, circa 20 trasmissioni per altre testate e 20 trasmissioni in diretta. Ha anche realizzato campagne di sensibilizzazione e comunicazione e convegni su temi cari alla redazione: nel 2008 la ricerca Follia scritta, sulle parole della salute mentale nella stampa nazionale, nel 2010 la campagna Basaglia piace solo in tv?, per la difesa della legge 180 e contro alcuni progetti di legge di modifica e nel 2011 Cronisti della mente, incontro delle radio che trattano la salute mentale.

    Psicoradio - 14-06-2024

  • PlayStop

    Sui Generis di venerdì 14/06/2024

    Una trasmissione che parla di donne e altre stranezze. Attualità, cultura, approfondimenti. A cura di Elena Mordiglia.

    Sui Generis - 14-06-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di venerdì 14/06/2024

    Nella puntata di Quel che resta del giorno del 14 giugno 2024, condotta da Luigi Ambrosio: Cecilia Strada risponde alle domande e dialoga con gli ascoltatori dopo l’elezione al parlamento europeo nelle fila del Partito Democratico. Alfonso Raimo dell’Huffington Post sulla settimana violenta della destra in Parlamento e la crisi del Movimento 5 Stelle. Mario Colosimo organizzatore del Pride di Roma, sul Pride e sulle conclusioni del G7 in tema di diritti civili. “Sarà un Pride pieno di frociaggine” ha detto, in polemica con le parole di Papa Bergoglio.

    Quel che resta del giorno - 14-06-2024

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 14/06/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 14-06-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 14/06/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 14-06-2024

  • PlayStop

    Playground di venerdì 14/06/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 14-06-2024

  • PlayStop

    Jack Box di venerdì 14/06/2024

    Jack Box è lo scatolone musicale di Jack del venerdi, dal quale estraiamo i suoni che hanno caratterizzato la settimana, gli approfondimenti musicali del periodo, in un ora che suona tanto e in cui si parla poco. Dalle 15:30 alle 16:30, ogni venerdi.

    Jack Box - 14-06-2024

  • PlayStop

    Jack di venerdì 14/06/2024

    Nella prima parte ricordiamo Paolo Carù attraverso le parole di Guido Giazzi. Nella seconda parte intervistiamo le Goat Girl sul loro ultimo disco Below The Waste

    Jack - 14-06-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di venerdì 14/06/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali che con Andrea Pistorio, programmista multimediale e Andrea Leone, sound designer ha parlato del podcast Lago, veleni e resistenza su @raiplaysound, ma anche di @animal Equality e macellazione di cavalli, di Giornata mondiale della Tartaruga marina , di Riccio day a Lido di Pedrosa, di @Centro Recupero Ricci la Ninna e scopriamo che Andrea voleva essere volpe e Andrea, falco pellegrino.

    Considera l’armadillo - 14-06-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di venerdì 14/06/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 14-06-2024

Adesso in diretta