Approfondimenti

L’attacco russo su larga scala in Ucraina, il Consiglio UE dallo stato sociale alle armi e le altre notizie della giornata

consiglio europeo ANSA

Il racconto della giornata di venerdì 22 marzo 2024 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. In Ucraina c’è stato un attacco russo su larga scala, che ha preso di mira in particolare le infrastrutture energetiche, mentre a minimizzare sul clima di guerra oggi è stata la presidente del consiglio italiana Giorgia Meloni, che ha parlato alla stampa dal vertice di Bruxelles. Nei discorsi di questi giorni al consiglio d’Europa si sono usate, per giustificare le richieste di aumento di spesa militare, di fatto le stesse parole usate ad esempio in pandemia, in un’eterna logica emergenziale.

L’attacco russo su larga scala in Ucraina

In Ucraina c’è stato un attacco russo su larga scala, che ha preso di mira in particolare le infrastrutture energetiche. Almeno 5 persone sono morte, oltre un milione sono rimaste senza elettricità ed è stata danneggiata la più grande diga del paese. Il presidente Zelensky ha commentato tornando a chiedere nuovi sostegni agli alleati occidentali: “I missili russi non hanno ritardi, così come invece li hanno i pacchetti di aiuti per il nostro Paese” ha detto mentre a Bruxelles era riunito il consiglio europeo, finito con un impegno ad accelerare sugli aiuti a Kiev e uno a rafforzare l’Unione europea a livello militare. Il presidente francese Macron ha detto che è stato stabilito un principio, quello che l’Europa dev’essere autosufficiente dal punto di vista della produzione militare, e ha aggiunto che a giugno bisognerà decidere come finanziare questo cambiamento. “Non siamo fan degli eurobond” ha detto per esempio il cancelliere tedesco Scholz, sull’ipotesi che l’Unione si indebiti a livello comune per aumentare le spese militari. Serena Giusti insegna relazioni internazionali alla Scuola universitaria Sant’Anna di Pisa:

A minimizzare sul clima di guerra oggi è stata la presidente del consiglio italiana Giorgia Meloni, che ha parlato alla stampa dal vertice di Bruxelles. Da Roma, Anna Bredice:


 

Il Consiglio europeo dallo stato sociale alle armi

Tra i rischi legati a un aumento degli investimenti militari c’è quello che a essere ridotta sia la spesa per le politiche sociali.

(di Massimo Alberti)

Il ministro delle finanze Christian Lindner lo ha scritto chiaro, nel testo di programma della finanza tedesca: l’attuale stato sociale non può reggere e va tagliato. Mentre su Berlino piovono critiche proprio per il poco impegno nel ridurre le disuguaglianze a fronte della ricchezza diffusa. Soprattutto, mentre la Germania sale all’1,4% del Pil in spesa militare, e si prepara a salire al target del 2%. Mai come ora, la “locomotiva” è rappresentativa di un Europa, una volta culla del welfare, oggi affannata a spostare spesa pubblica dal sociale, agli armamenti. Nei discorsi di questi giorni al consiglio d’Europa si sono usate, per giustificare le richieste di aumento di spesa militare, di fatto le stesse parole usate ad esempio in pandemia, in un’eterna logica emergenziale. Ma se allora la spesa pubblica serviva ad investire su sanità e welfare per tamponare gli effetti sanitari e sociali del covid, oggi viene spostata, appunto sui cannoni. C’è evidentemente un nodo, quello della difesa comune, mai decollato e che ora, in una situazione assai delicata, viene al pettine. Ma, ancora una volta, dimostra che i soldi, quando si vuole, ci sono e si trovano, fosse pure sulla pelle dei giovani e degli ultimi. L’evidente pressione della lobby armiera, documentata dalle associazioni che se ne occupano, che non vede l’ora di incassare questa infornata di denaro pubblico, in un contesto dove la spesa militare mondiale è cresciuta di quasi il 10% lo scorso anno, non basta a spiegare la scelta politica. Iniziata a giugno, con il voto che concedeva di attingere ai fondi del pnrr destinati alle politiche sociali, al lavoro, alla salute, allo studio, alla transizione ecologica che appare ormai un totem vuoto, e dirottare questo denaro all’uso bellico. Coronata nel consiglio europeo odierno dove, a pochi mesi dal voto, i governi riempiono con i richiami alla guerra, il vuoto di proposta politica.

L’Italia, un paese che fa acqua

L’Italia, un paese che fa acqua. 
La dispersione idrica nei capoluoghi di provincia è in media al 36,2% e il 42,2% su tutta Italia. È quanto emerge dal XIX Rapporto sul servizio idrico integrato dell’Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva, in occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua che si celebra oggi. Con significative differenze: in Basilicata va disperso il 62% dell’acqua, tra i capoluoghi i peggiori sono Belluno e Latina, con una dispersione idrica di oltre 70%.
Secondo i dati dell’ultimo Rapporto sullo sviluppo idrico mondiale curato dall’Onu una persona su 4, ossia oltre 2 miliardi di persone in tutto il mondo, non dispone di acqua potabile, mentre quasi la metà della popolazione mondiale, 3,6 miliardi di persone non dispone di servizi igienico-sanitari sicuri. Una mappa, quella dell’acqua, che rispecchia quella delle disuguaglianze.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR giovedì 18/04 8:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 18-04-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di giovedì 18/04/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 18-04-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di giovedì 18/04/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 18-04-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di giovedì 18/04/2024

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni - per informarvi sui principali avvenimenti internazionali e su tutto quanto resta fuori dagli spazi informativi più consueti. Particolare attenzione ai temi delle libertà e dei diritti.

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 18-04-2024

  • PlayStop

    Non vedo l'ora di giovedì 18/04/2024

    Non Vedo l'Ora, ma nonostante questo iniziamo con calma! Poi appena riprendiamo conoscenza, dopo un caffè, due chiacchiere e della buona musica, vi racconto le cose per cui NON VEDO L'ORA di stare ogni giorno con voi!!

    Non vedo l’ora - 18-04-2024

  • PlayStop

    0091 di giovedì 18/04/2024

    Dalla musica classica alle produzioni elettroniche moderne, dai villaggi alla diaspora, l'India raccontata attraverso la sua musica. IG baaz_light_year

    0091 - 17-04-2024

  • PlayStop

    News della notte di mercoledì 17/04/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 17-04-2024

  • PlayStop

    Percorsi PerVersi di mercoledì 17/04/2024

    Poesie, liriche, sonetti, slam poetry, rime baciate, versi ermetici, poesie cantate. Ogni settimana Percorsi PerVersi incontra a Radio Popolare i poeti e li fa parlare di poesia. Percorriamo tutte le strade della parola poetica, da quella dei poeti laureati a quella dei poeti di strada e a quella – inedita – dei nostri ascoltatori.

    Percorsi PerVersi - 17-04-2024

  • PlayStop

    Il giusto clima di mercoledì 17/04/2024

    Ambiente, energia, clima, uso razionale delle risorse, mobilità sostenibile, transizione energetica. Il giusto clima è la trasmissione di Radio Popolare che racconta le sfide locali e globali per contrastare il cambiamento climatico e ridurre la nostra impronta sul Pianeta. Il giusto clima è realizzato in collaborazione con è nostra, la cooperativa che produce e vende energia elettrica rinnovabile, sostenibile, etica. In onda tutti i mercoledì, dalle 21 alle 22. In studio, Gianluca Ruggieri ed Elena Mordiglia. In redazione, Sara Milanese e Marianna Usuelli.

    Il giusto clima - 17-04-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di mercoledì 17/04/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 17-04-2024

  • PlayStop

    Esteri di mercoledì 17/04/2024

    1 - La guerra in Ucraina, capitolo 1. Un bombardamento russo ha fatto 17 morti e oltre 60 feriti nel nord del paese. I missili non sono stati intercettati. Zelensky: con le armi occidentali non sarebbe successo. Nei prossimi giorni il Congresso americano proverà a votare il pacchetto di aiuti (Roberto Festa) 2 - La guerra in Ucraina, capitolo 2. La strategia occidentale per contenere Putin non sembra funzionare. Nonostante le sanzioni l’economia russa sta crescendo più dei paesi ricchi. Lo dice il Fondo Monetario. Pesano le esportazioni verso Cina e India 3 - Peggiorano le relazioni tra Pechino e i paesi del sud-est asiatico. Nei prossimi giorni le Filippine faranno esercitazioni militari con l’alleato americano nel Mare Meridionale Cinese. Per la prima volta in una zona che la Cina rivendica come propria (Gabriele Battaglia) 4 – 10 anni senza Gabriel Garcia Marquez. In Esteri l’impegno politico dell’autore di Cent’anni di solitudine (Alfredo Somoza) 5 - Graphic Novel. La gemella fantasma. Il primo romanzo a fumetti di Lisa Brown (Luisa Nannipieri)

    Esteri - 17-04-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di mercoledì 17/04/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 17-04-2024

Adesso in diretta