Approfondimenti

L’intervento dell’ONU dopo due mesi di guerra, l’appello di Mattarella al sostegno della resistenza ucraina e le altre notizie della giornata

Mattarella

Il racconto della giornata di venerdì 22 aprile 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Al 58esimo giorno di guerra l’Onu finalmente interviene: Guterres sarà a Moasca la prossima settimana. Il presidente Mattarella celebra il 25 aprile spegnendo le polemiche sul sostegno alla resistenza ucraina. Una  stravagante proposta di Fratelli d’Italia sul divieto dell’utero in affitto anche a livello internazionale trova il sostegno di tutto il centro destra. I sindacati non gradscono le nuove regole sulla selezione dei docenti ipotizzata da governo. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

Dopo due mesi di guerra in Ucraina l’Onu si ricorda di esistere

(di Martina Stefanoni)

Nel 58 esimo giorno di guerra, dopo settimane di silenzio oggi qualcosa a livello diplomatico sembra muoversi. Il segretario generale dell’Onu Guterres ha annunciato poco fa che martedì prossimo visiterà Mosca e incontrerà il presidente russo Vladimir Putin e il ministro degli esteri Lavrov. Il suo portavoce ha detto che durante il viaggio Guterres parlerà di cosa può essere fatto per portare la pace in Ucraina. Il suo ufficio sarebbe anche in contatto con il governo Ucraino per una visita a Kiev.

Intanto però sul campo, la guerra prosegue. L’attenzione continua a essere soprattutto su Mariupol dove continuano i combattimenti nell’area dell’acciaieria Azovstal, dove centinaia di civili sono ancora bloccati e impossibilitati ad uscire. Oggi il sindaco di Mariupol ha detto che è necessario “un giorno intero di cessate il fuoco” per evacuare i civili, e anche il presidente del Consiglio Ue Michel ha chiesto “l’apertura immediata di corridoi umanitari da Mariupol e dalle città assediate” per la Pasqua ortodossa. La risposta di Mosca è stata molto dura. Il generale russo Mizintsev ha detto che la “tregua umanitaria” comincerà “quando le forze ucraine alzeranno le bandiere bianche” fuori dall’acciaieria di Azovstal.
Anche oggi quindi nessun corridoio umanitario dalla città, mentre ieri solo 3 bus – con a bordo 79 persone – sono arrivati da Mariupol a Zaporizhzhia. Qui c’era l’inviato del Corriere della Sera Lorenzo Cremonesi.

Intanto la battaglia prosegue anche nel Donbass. Oggi i bombardamenti si sono intensificati a Kharkiv, e sulle aree di confine, dove molti villaggi si trovano bloccati tra i due fuochi. Come ad esempio la cittadina di Popasna, dove tra l’altro oggi le forse russe hanno aperto il fuoco su un pulman di civili che cercava di scappare. Michele Migone ha intervistato Natalya Diyachenko, che ora si trova in Italia, ma che a Popasna è cresciuta, e lì ha la sua famiglia.

Oggi poi le Nazioni Unite hanno pubblicato un rapporto in cui parlano di crimini di guerra commessi in Ucraina. È la prima volta che un organo indipendente parla specificatamente di crimini di guerra, citando numeri e testimonianze. Dal 24 febbraio al 20 aprile, la missione dell’Onu ha documentato e verificato 2345 vittime civili e 2919 feriti, la maggior parte avvenuti in territorio controllato dal governo ucraino, ma una piccola percentuale anche nelle zone del Donbass di controllo russo. Più nello specifico, in una missione condotta a Bucha il 9 aprile, le nazioni unite hanno documentato uccisioni indiscriminate ed esecuzioni sommarie di almeno 50 civili. “Praticamente ogni residente di Bucha ha una storia da raccontare sulla morte di un parente o un vicino di casa” – ha detto l’alta commissaria per i diritti umani dell’Onu Michelle Bachelet – “Sappiamo che ancora molto lavoro è necessario per stabilire cosa è successo, ma sappiamo anche che Bucha non è un caso isolato”.
Per il momento, infatti, la denuncia dell’Onu è legata unicamente a testimonianze, ma una prima raccolta di questo tipo di racconti è fondamentale per poi poter aprire una vera e propria inchiesta che permetta di accertare con chiarezza cosa sia successo e chi siano gli effettivi responsabili.

Mattarella chiede unità di intenti per sostenere l’Ucraina

(di Anna Bredice)

“Un popolo in armi contro l’oppressore”: Sergio Mattarella celebra con queste parole il 25 aprile al Quirinale e ricordando la lotta antifascista e le rappresaglie brutali dei nazifascisti contro la popolazione ammonisce chi “quell’esperienza terribile sembra averla dimenticata, chi manifesta in queste settimane disinteresse per le sorti e la libertà delle persone, accantonando valori comuni su cui si era costruita la pacifica convivenza dei popoli”.

Il Capo dello Stato entra direttamente nel cuore delle polemiche di queste settimane che hanno anche coinvolto la stessa Anpi, presente al Quirinale questa mattina, accomunando la lotta partigiana a quella ucraina, quando considera come obiettivi comuni la libertà delle persone e il valore della democrazia.

Nel suo breve discorso Mattarella cita anche altri punti su cui si è discusso e si continua a discutere, anche dividendosi. “L’attacco della Russia al popolo ucraino, dice, non ha alcuna giustificazione”, per Mattarella si tratta di un “incendio appiccato all’intera comunità internazionale, devastante e destinato a propagare i suoi effetti se non viene fermato, per questo parla di una “solidarietà al popolo ucraino espressa e praticata in maniera ferma e coesa.” Quindi chiede che non ci siano divisioni su questa linea, parla anche di pace il presidente della Repubblica, perché questo deve essere l’obiettivo, “una de-escalation della violenza, il coraggio di interrompere le ostilità, un appello alla pace, dice, non ad arrendersi alla prepotenza.”

A rispondere a Mattarella per l’Anpi è stata la vicepresidente Soliani la quale dice di essere in sintonia con il presidente della Repubblica e chiede che venga riconosciuta la resistenza ucraina.

La destra italiana contro l’utero in affitto, forzando le convenzioni internazionali


Una proposta di legge di Giorgia Meloni è stata adottata dalla commissione giustizia della Camera. È quella che propone di rendere l’utero in affitto reato universale. Curioso che una proposta dell’unico partito di opposizione abbia trovato un’ampia maggioranza, che esclude solo Pd, 5 stelle e parte del gruppo Misto. Ancora più interessante che la convergenza avvenga su una proposta contraria al diritto internazionale: la legge dovrebbe infatti perseguire anche i cittadini stranieri che hanno dei figli con la gestazione per altri nei Paesi in cui questo è possibile e legale, come Canada e Stati Uniti. Se mettessero piede in Italia, potrebbero essere condannati a tre anni di carcere.
Una legge di difficile applicazione e che ha poche chance di riuscire a terminare l’iter parlamentare, ma che è perfetta per la campagna elettorale, perché mira a colpire le coppie omosessuali, anche se nel 90% dei casi chi ricorre alla gpa è una coppia eterosessuale.
Filomena Gallo, segretaria nazionale dell’associazione Luca Coscioni:

Le nuove regole sulla selezione degli insegnanti non piacciono ai sindacati


I sindacati della scuola criticano le norme sulla selezione degli insegnanti approvate ieri dal Consiglio dei ministri. Il decreto non è ancora stato pubblicato in modo ufficiale e Cgil, Cisl, Uil, Snals e Gilda contestano anche il metodo usato dal governo, accusandolo di non essersi confrontato né con loro né col Parlamento. Secondo le indiscrezioni circolate finora, il provvedimento stabilisce che per iniziare a insegnare serva un percorso universitario da 60 crediti, seguito da un concorso nazionale e da un periodo di prova di un anno. Per i precari che sono già in servizio da almeno 3 anni è previsto che possano fare direttamente il concorso e che poi debbano accumulare 30 crediti universitari.

Ivana Barbacci è la segretaria generale della Cisl di categoria:

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

Oggi in Italia sono stati comunicati 73mila casi di Covid con 202 morti. I tamponi positivi sono il 16,7%, stabili rispetto a ieri. Secondo il monitoraggio settimanale delle autorità l’occupazione delle terapie intensive è stabile al 4,2%. Quella degli altri reparti è in lieve crescita, con 13 regioni sopra la soglia di allerta del 15% (il dato più alto in Umbria, 37,5%). Nessuna regione invece è sopra il livello di allerta delle terapie intensive. Resta alta ma diminuisce l’incidenza, cioè i casi individuati ogni 100mila abitanti, che scendono a 675. Infine l’indice RT – che misura i contagi con sintomi ed è aggiornato al 5 aprile – cala a 0,96, tornando sotto 1 per la prima volta dall’8 marzo.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR lunedì 20/05 13:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 20-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 20/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 20-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 20/05/2024 delle 7:16

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 20-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di lunedì 20/05/2024

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una coabitazione sul pianeta attraverso letteratura, musica, scienza, costume, linguaggio, arte e storia. Ogni giorno con l’ospite di turno si approfondisce un argomento e si amplia il Bestiario che stiamo compilando. In onda da lunedì a venerdì dalle 14.00 alle 14.30. A cura di Cecilia Di Lieto.

    Considera l’armadillo - 20-05-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di lunedì 20/05/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 20-05-2024

  • PlayStop

    Cult di lunedì 20/05/2024

    Oggi a Cult: Tindaro Granata in "Vorrei una voce" all'Elfo Puccini di Milano; a Milano inziaia la ArchWeek 2024; Marco Malvaldi sul suo libro "Dodici" (Il Mulino);la corrispondenza dal Festival del Cinema di Cannes di Barbara Sorrentini; la rubrica di classica di Giuseppe Califano...

    Cult - 20-05-2024

  • PlayStop

    Pubblica di lunedì 20/05/2024

    La Cina ha prenotato un posto in prima fila nel futuro ordine mondiale? Il presidente Xi Jinping è l’unico - tra i leader globali - ad essere riuscito ad incontrare, seppur separatamente, le parti in conflitto in Ucraina. La settimana scorsa, nel giro di pochi giorni, Xi ha incontrato Putin, l’invasore dell’Ucraina, e Macron, il presidente francese che vorrebbe mandare i soldati occidentali a combattere contro i russi in Ucraina. Pubblica ha ospitato Filippo Fasulo, ricercatore all’Istituto di Studi di Politica Internazionale (ISPI) e direttore del centro studi della «Fondazione Italia-Cina», e Alessandro Politi, analista politico e strategico internazionale, direttore «Nato Defense College Foundation».

    Pubblica - 20-05-2024

  • PlayStop

    Tutto scorre di lunedì 20/05/2024

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare. A cura di Massimo Bacchetta

    Tutto scorre - 20-05-2024

  • PlayStop

    Giorni migliori di lunedì 20/05/2024

    Ogni mattina il racconto di quel che propone l’informazione, i fatti e gli avvenimenti in presa diretta con i nostri inviati, i commenti e gli approfondimenti di esperte, studiosi, commentatrici e personaggi del mondo della politica. Dal lunedì al venerdì dalle 7.45 alle 10. Una trasmissione di Massimo Alberti e Claudio Jampaglia; senza mai rinunciare alla speranza del domani.

    Giorni Migliori – Intro - 20-05-2024

  • PlayStop

    GIAN ANDREA CERONE - LE CONSEGUENZE DEL MALE

    GIAN ANDREA CERONE - LE CONSEGUENZE DEL MALE - presentato da Ira Rubini

    Note dell’autore - 20-05-2024

  • PlayStop

    Rights now di lunedì 20/05/2024

    - La libertà d’informazione a rischio. Oggi Londra decide se estradare Julian Assange verso gli Stati Uniti. Milano attenderà la sentenza in piazza Mercanti con l’istallazione Anything to say? Parla il suo ideatore Davide Dormino. - 10 anni fa in Ucraina l’uccisione del fotoreporter Andy Rocchelli. Insieme a lui venne ucciso l’interprete e attivista dei diritti umani Andrej Mironov. 10 anni senza verità è giustizia. Parla il padre di Andy. - Malala e le sue sorelle. Sono milioni le ragazze a cui è impedito di studiare da regimi autoritari. Sentiamo uno dei podcast realizzati dalle scuole che hanno partecipato al Festival dei Diritti Umani. Oggi ci occupiamo del Premio Sacharov Malala Yousafzai. In collaborazione con l’Ufficio di Milano del Parlamento Europeo.

    Rights now – Il settimanale della Fondazione Diritti Umani - 20-05-2024

  • PlayStop

    Non vedo l'ora di lunedì 20/05/2024

    Non Vedo l'Ora, ma nonostante questo iniziamo con calma! Poi appena riprendiamo conoscenza, dopo un caffè, due chiacchiere e della buona musica, vi racconto le cose per cui NON VEDO L'ORA di stare ogni giorno con voi!!

    Non vedo l’ora - 20-05-2024

Adesso in diretta