Approfondimenti

I dubbi sulle nuove regole per il Green Pass, i sostegni per contenere i rincari dell’energia e le altre notizie della giornata

Ministro Giorgetti ANSA

Il racconto della giornata di venerdì 21 gennaio 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Il Presidente del Consiglio Mario Draghi ha firmato questa mattina il nuovo Dpcm che stabilisce a quali attività commerciali si potrà accedere senza Green Pass dal 1° febbraio 2022. Sempre oggi il Consiglio dei Ministri ha approvato il decreto per i cosiddetti “sostegni”, gli aiuti legati alle misure anti-pandemiche e per contenere i rincari dell’energia, ma nulla è destinato ai privati. Il vertice di Ginevra fra i Ministri degli Esteri russo e USA sulla crisi in Ucraina è riuscito a mantenere aperto il fronte diplomatico tra i due Paesi, anche se la tensione militare in Ucraina rimane elevata. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

La soluzione condivisa e unitaria del centrodestra per il Quirinale è dietro l’angolo

(di Anna Bredice)

Fonti leghiste fanno sapere che è stato Salvini a chiamare Berlusconi e Giorgia Meloni. Il capo della Lega preme per avere il prima possibile il passo indietro di Berlusconi, che oggi ad Arcore ha incontrato i dirigenti di Forza Italia e Confalonieri. Ma al momento, nonostante che sempre dalla Lega si assicuri che nella telefonata il clima è stato cordiale e sereno, da quello che emerge Berlusconi ancora resiste e non ha annunciato nessuna resa, che a destra chiamano per rispetto verso il Cavaliere “sciogliere la riserva”. Magari avverrà domani al vertice, dopo un’operazione a tenaglia di Salvini e Meloni, che non vogliono arrivare a lunedì senza nessuna forza autonoma nella trattativa con gli altri partiti. Salvini infatti ha annunciato che domani ci sarà una soluzione condivisa e unitaria, ed è difficile che sia quella di Berlusconi candidato al Colle, soprattutto perché il capo della Lega continua a ribadire di avere già pronti almeno altri due nomi di alto livello da fare. La questione quindi rimane sempre chi tra i due, Berlusconi e Salvini, ha il diritto di esprimere il candidato del centrodestra e quando lo faranno, una sfida tutta interna alla coalizione. Renzi appare fiducioso che entro giovedì o venerdì ci sarà già il Presidente della Repubblica, un’ipotesi che sembra legarsi al nome di Draghi, da votare al primo scrutinio dove bastano 505 voti, andare oltre vorrebbe dire la sconfitta del presidente del Consiglio. La questione rimane sempre quella del governo, una preoccupazione di tutti i partiti, maggiore per alcuni come i Cinque stelle. Se le ambizioni di Salvini sono quelle di entrare nel governo come Ministro dell’Interno, si ritroveranno il muro del PD, che non lo vorrebbe dentro ad un governo non più guidato da Draghi. Rimane quindi quel nodo, l’altra soluzione che si fa avanti è quella di Pier Ferdinando Casini, ma Draghi rimarrebbe ancora a Palazzo Chigi, senza più Mattarella al Quirinale?

I dubbi e le perplessità sulle regole per accedere ai negozi senza Green Pass

(di Omar Caniello)

Il certificato verde non sarà necessario per esigenze alimentari, di salute e di sicurezza quindi chi non ha il Green Pass potrà entrare nei supermercati e nei negozi di alimentari, nelle farmacie, parafarmacie, ottici, nei benzinai per l’acquisto di carburanti e nei negozi che vendono prodotti per animali. Senza Green Pass sarà possibile anche entrare negli uffici giudiziari o di pubblica sicurezza per presentare denunce. L’ultima stretta nei confronti dei non vaccinati lasciava però qualche dubbio e perplessità come ad esempio l’accesso ai supermercati dove in realtà si trovano non solo alimentari ma anche altri articoli come materiale di cancelleria o di arredo. Nel pomeriggio la precisazione di Palazzo Chigi attraverso una FAQ: “Chi entra nei supermercati senza Green Pass può acquistare tutti i prodotti venduti e non solo i beni di prima necessità”.
Cosa diversa invece se si entra in un centro commerciale: liberamente si potrà entrare solo nei locali che vendono alimentari o farmaci, ma non in un altro che, ad esempio, vende abbigliamento. E la verifica, con controlli a campione, sarà affidata agli stessi esercenti. Ma tornando ai dubbi e alle perplessità chi non ha il Green Pass, ad esempio, non potrà entrare in posta per ritirare la pensione oppure accedere ai centri per l’impiego per il reddito di cittadinanza, entrambi indubbiamente beni di prima necessità. Vedremo se nelle prossime ore ci saranno ulteriori FAQ e chiarimenti.

I nuovi sostegni per contenere i rincari dell’energia: nulla per gli utenti privati

Il Consiglio dei Ministri ha approvato il decreto per i cosiddetti “sostegni”, gli aiuti legati alle misure anti-pandemiche e per contenere i rincari dell’energia. “I sostegni per le attività in crisi a causa delle restrizioni anti-COVID arrivano a 390 milioni di euro, di cui solo 30 per le discoteche“, ha detto il Ministro Giorgetti. 80 milioni di euro andranno a bar e alberghi sotto forma di cassa integrazione “scontata”. Tra gli altri aiuti: proroga fino al 31 marzo per la Cig delle imprese strategiche con almeno mille dipendenti. Alle Regioni andranno 400 milioni per far fronte alle spese delle campagne vaccinali. Previsti circa 100 milioni di stanziamenti anche per il settore del trasporto locale, bus e treni. 

La parte del decreto approvato oggi sui rincari dell’energia non contiene misure per gli utenti privati, le famiglie. Non sono servite le denunce dei giorni scorsi delle associazioni dei consumatori sul caro-bollette. Mentre è servito l’incontro di ieri tra Bonomi (capo di Confindustria) e Draghi. La manovra sull’energia da 1,6 miliardi, infatti, è tutta concentrata sulle imprese. Lo stato si accolla, nella forma di credito di imposta, il 20% delle spese sostenute da quelle imprese che sono grandi consumatrici di energia. Per il primo trimestre 2022 vengono poi annullate le aliquote relative agli oneri di sistema. Sorprendente è il “meccanismo di compensazione” sul prezzo dell’energia che finisce per applicarsi agli extra-profitti solo delle aziende con impianti rinnovabili. Perché? Edoardo Zanchini, vicepresidente di Legambiente

:


 

Quali concessioni possiamo aspettarci dagli USA verso la Russia?

Il vertice di Ginevra fra i Ministri degli Esteri russo e USA sulla crisi in Ucraina, dopo i toni accesi degli ultimi giorni, è riuscito a mantenere aperto il fronte diplomatico tra i due Paesi, anche se la tensione militare in Ucraina rimane elevata.
La prossima settimana Lavrov e Blinken dovrebbero incontrarsi nuovamente, ma – ha fatto sapere il ministero degli esteri russo – non prima che Washington avrà risposto alle richieste di Mosca. Il Cremlino, ha fatto sapere, vorrebbe il ritiro delle truppe straniere della Nato dalla Romania e dalla Bulgaria, Paesi membri dell’Alleanza atlantica. Abbiamo chiesto a Vittorio Emanuele Parsi, professore di relazioni internazionali all’università cattolica di Milano, quale tipo di concessioni possiamo aspettarci dagli Stati Uniti verso la Russia:


 

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 23/05/2022 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 24/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    From Genesis To Revelation di martedì 24/05/2022

    From Genesis to Revelation è una trasmissione dedicata al rock-progressive: sebbene sporadicamente attiva già da molti anni, a partire dall’estate…

    From Genesis To Revelation - 24/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di lunedì 23/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 24/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di lunedì 23/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 24/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di lunedì 23/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 24/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di lunedì 23/05/2022

    1-Guerra in Ucraina. Mosca aumenta la pressione militare nel Donbass e non si escludono nuove operazioni nelle zone dalle quali…

    Esteri - 24/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di lunedì 23/05/2022

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di…

    Esteri - 24/05/2022

  • PlayStop

    The Game di lunedì 23/05/2022

    Soldi, lavoro, avidità, disoccupazioni: il grande gioco dell’economia smontato ogni giorno da Raffaele Liguori.

    The Game - 24/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di lunedì 23/05/2022

    Dove si ricorda il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e gli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo…

    Muoviti muoviti - 24/05/2022

  • PlayStop

    Coralli e crocchette

    Con Zeina Ayache e Andrea Bellati

    Di tutto un boh - 24/05/2022

  • PlayStop

    Nando Dalla Chiesa, Ostinati e contrari. La sfida alla mafia nelle parole di due grandi protagonisti

    NANDO DALLA CHIESA - OSTINATI E CONTRARI. LA SFIDA ALLA MAFIA NELLE PAROLE DI DUE GRANDI PROTAGONISTI – presentato da…

    Note dell’autore - 24/05/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di lunedì 23/05/2022

    Si parla con Andrea Mustoni del suo libro Un uomo tra gli orsi, il racconto di un'avventura sulle Alpi, ediciclo…

    Considera l’armadillo - 24/05/2022

  • PlayStop

    Jack di lunedì 23/05/2022

    Intervista a Louise Bartle dei Bloc Party

    Jack - 24/05/2022

  • PlayStop

    Trentanni fa l'assasinio del Giudice Falcone

    Questa mattina a Prisma abbiamo ascoltato le voci di allora, l'intervista di Lele Liguori a Giuseppe Costanza, l'autista di Falcone…

    Clip - 23/05/2022

  • PlayStop

    Puntata di lunedì 23/05/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 24/05/2022

  • PlayStop

    Cult di lunedì 23/05/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare in onda alle 11.30: il festival del cinema di Cannes, Emilio…

    Cult - 24/05/2022

  • PlayStop

    Il veleno di Punta Catalina

    Non è solo l'ennesimo progetto killer del clima. La centrale a carbone di Punta Catalina, nel paradiso naturale della Repubblica…

    Omissis - 23/05/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di lunedì 23/05/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 24/05/2022

  • PlayStop

    Prisma di lunedì 23/05/2022

    GUERRA, ULTIMI SVILUPPI, ANALISI E COMMENTI con Emanuele Valenti, Mara Morini docente di Politiche dell'Europa Orientale all'Università di Genova e…

    Prisma - 24/05/2022

  • PlayStop

    Guarda che Lune di lunedì 23/05/2022

    Guarda che Lune oggi, con Claudio Jampaglia e Giuseppe Mazza, è dedicato alla memoria, di Falcone e della luce sulla…

    Guarda che Lune - 24/05/2022

Adesso in diretta