Approfondimenti

Il valico di Rafah rimane chiuso, lo sciopero degli operai ex Ilva e altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di venerdì 20 ottobre 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Oggi il segretario generale dell’Onu Guterres ha parlato da un valico chiuso, davanti a centinaia di manifestanti egiziani che chiedevano l’apertura di Rafah e l’ingresso dentro la striscia degli aiuti umanitari. Deliveroo e Uber dovranno versare all’Inps i contributi di circa 28mila rider. Mediaset ha sospeso Andrea Giambruno dopo i fuori onda pubblicati da Striscia la notizia. I metalmeccanici dell’ex Ilva sono in sciopero.

Gaza allo stremo, ma gli aiuti non possono arrivare

Hamas ha annunciato di aver liberato due ostaggi, madre e figlia. Si tratta di due cittadine americane. Hamas ha spiegato la decisione dicendo che l’obiettivo è “dimostrare al popolo americano quanto siano errate le affermazioni di Biden e della sua amministrazione” riferendosi al discorso tenuto dal presidente americano in cui ha definito Hamas il male da combattere.
Le due cittadine americane sono state consegnate da Hamas alla Croce rossa e secondo la televisione pubblica israeliana è possibile che che vengano liberate attraverso il valico di Rafah, fra Gaza ed Egitto.
Poco dopo questo annuncio, il presidente Usa Joe Biden ha raggiunto un accordo con Israele ed Egitto per l’apertura del valico di Rafah nelle prossime 24-48 ore, quando arriveranno i primi 12 camion di aiuti a Gaza.
Sentiamo Guido Olimpio, analista militare del corriere della sera

 

L’annuncio dell’apertura del valico, tuttavia, era già stato fatto nei giorni scorsi, e fino a questa mattina si diceva che il giorno dell’apertura sarebbe stato oggi. Così non è stato. Il segretario dell’Onu Antonio Gueterres, che ha visitato oggi il lato egiziano del valico di Rafah, ha detto: “È impossibile essere al valico di Rafah e non avere il cuore a pezzi. Dietro queste mura ci sono due milioni di persone a Gaza senza acqua, cibo, medicine, carburante. Da questa parte, questi camion hanno ciò di cui hanno bisogno. Dobbiamo farli spostare, il prima possibile, quanti sono necessari”.

(di Martina Stefanoni)
Guterres ha parlato da un valico chiuso, davanti a centinaia di manifestanti egiziani che chiedevano l’apertura di Rafah e l’ingresso dentro la striscia degli aiuti umanitari, fondamentali per i due milioni e mezzo di persone che da due settimane non hanno più né acqua, né cibo, né medicinali. Doveva aprire oggi, dopo giorni di negoziati tra Egitto, Israele, Stati Uniti e Onu, e invece la popolazione dovrà aspettare ancora. Guterres ha detto Israele ed Egitto sono d’accordo sul rendere possibili le consegne di aiuti, ma – ha specificato – su questo annuncio ci sono condizioni e restrizioni. I punti spinosi su cui ancora le parti in causa stanno discutendo sono principalmente 4. Innanzitutto la quantità degli aiuti. Israele avrebbe acconsentito all’ingresso di 20 camion, una quantità ridicola davanti alle necessità della popolazione, e non ha acconsentito a ingressi futuri, rendendo quindi questi 20 camion puramente simbolici. La comunità internazionale e l’Onu, invece, vorrebbero che a entrare fossero 100 camion e che entrassero quotidianamente.
La seconda questione riguarda la destinazione degli aiuti. Israele vorrebbe che venissero consegnati solo al sud e non al nord, dove sta verosimilmente preparando l’invasione di terra. Ma migliaia di persone rimangono al nord, con bisogni umanitari enormi.
Poi c’è il tema carburante. Per l’Onu è fondamentale farlo entrare insieme a cibo acqua e medicinali, perché indispensabile per i generatori degli ospedali, ma anche per riavviare gli impianti di desalinizzazione dell’acqua potabile.
Israele teme che venga utilizzato da Hamas per produrre armi e alimentare i propri veicoli.
L’ultimo punto riguarda gli osservatori internazionali. Israele vuole avere un coinvolgimento diretto sul controllo del carico che entra a Gaza, per garantire che i camion non trasportino armi. La comunità internazionale preme invece per affidare questo compito a personale addestrato delle Nazioni Unite, che viene considerato neutrale.
Israele, poi, deve garantire la sicurezza dell’area di distribuzione di aiuti, cosa che fino ad ora non è avvenuta.

Oggi intanto l’Alto commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati, Filippo Grandi, ha detto che qualsiasi escalation dell’azione militare israeliana a Gaza sarà “catastrofica” per la popolazione. Degli sviluppi militari oggi ha parlato il ministro della difesa israeliano Gallant, che ha presentato un piano in tre fasi: la prima è “un impegno prolungato di fuoco su Gaza con una manovra di terra per l’eliminazione dei membri di Hamas e delle strutture” della fazione. La seconda è “una fase intermedia per eliminare i nidi di resistenza”. La terza invece – secondo Gallant – è “la creazione nella Striscia di una nuova zona cuscinetto.
Su questa ipotesi sentiamo Alissa Pavia, esperta dell’area dell’Atlantic Council

 

Deliveroo e Uber dovranno versare i contributi ai rider

Deliveroo e Uber dovranno versare all’Inps i contributi di circa 28 mila rider. Lo ha stabilito una sentenza del tribunale di Milano.
Ai rider che hanno lavorato per le due piattaforme del food delivery va applicata “la disciplina del lavoro subordinato”, scrive il giudice, non quella dei collaboratori autonomi.
Il periodo dei mancati versamenti va dal 2016 al 2020. La causa era nata dalle stesse società, che avevano impugnato dei verbali dell’ispettorato del lavoro che chiedevano loro proprio di regolarizzare la posizione degli addetti alle consegne.
Deliveroo e Uber erano già state condannate dal tribunale di Milano, nel 2021, in un’indagine più ampia sulle condizioni di sicurezza dei lavoratori.
Quella di oggi è una sentenza che segna un altro passo nel riconoscimento di diritti e tutele per i rider. Ora l’Inps dovrà calcolare l’esatta quota di contributi dovuti da entrambe le aziende: una prima stima parla di decine di milioni di euro.

Lo sciopero e le manifestazioni degli operi ex Ilva

“Lo Stato decida se sta dalla parte dei lavoratori o se vuole andare avanti con l’eutanasia del più grande gruppo siderurgico italiano”. Sono le parole dei sindacati al termine della manifestazione di oggi a Roma per l’ex Ilva.
Cgil, Cisl e Uil saranno nuovamente convocate a palazzo Chigi entro il 7 novembre per discutere del futuro delle Acciaierie d’Italia. Il governo esclude il rischio chiusura, ma gli operai continuano a denunciare una situazione insostenibile sul piano produttivo, della sicurezza e dell’inquinamento ambientale.

Michele De Palma è segretario generale della Fiom Cgil

Le dichiarazioni di Giorgia Meloni dopo il caso Giambruno

(di Anna Bredice)
Nell’arco di mezza giornata si è consumata la rottura della relazione più clamorosa perché ai vertici di una Istituzione: Giorgia Meloni lascia con un post sui social il compagno, guadagnandosi il like anche di Elon Musk, poche ore dopo Andrea Giambruno è fuori dalla porta, non solo di casa, ma anche di Mediaset dove la definiscono una autosospensione. Un crescendo di esternazioni, gaffe internazionali, dichiarazione colpevolizzanti per le donne, per finire con quelle che appaiono quasi molestie nei confronti delle colleghe in studio. Per Giorgia Meloni una situazione non più sopportabile, resa inaccettabile dagli ultimi video. L’imbarazzo era sempre più forte, solo una volta lo ha difeso durante una conferenza stampa, ma con un disagio evidente. Ora la confessione che da tempo le loro strade si erano divise e nel post un finale un po’ misterioso: a chi voleva indebolirla lei risponde di essere una roccia. Chi? Mediaset, Forza Italia per aver tenuto testa a Berlusconi, quel “non sono ricattabile” riferito magari ad uno scambio tra posti nel governo e promozione del compagno in Tv? Oppure, come dice lo stesso Ricci di Striscia la notizia, “tra poco capirà che le abbiamo fatto un piacere”, ha colto l’occasione con un aiutino della tv per liberarsi da un compagno non più presentabile. Sono solo ipotesi, ciò che è invece evidente è che gli eventi hanno prodotto una grande contraddizione nella sua identità politica, di donna di destra, Dio, Patria e Famiglia, quella tradizionale, non regge più sotto il peso della realtà. E lei con uno scatto, anche di coraggio, ha ribaltato la situazione, presentandosi come la donna che lascia il suo compagno per le umiliazioni subite, esattamente ciò che era accaduto a Berlusconi, ma a parti invertite, prima Presidente del Consiglio a farlo sui social, guadagnandosi il consenso a quanto pare di milioni di donne.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR domenica 03/03 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 03-03-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 03/03/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 03-03-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 01/03/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 01-03-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Prospettive Musicali di domenica 03/03/2024

    Prospettive musicali dà risalto a una serie di espressioni musicali che trovano generalmente poco spazio nelle programmazioni radiofoniche mainstream. Non pensando al genere come concetto limitativo, Prospettive musicali vuole suggerire percorsi di ascolto eterogenei. Prospettive musicali potrà accostare musiche medioevali e avanguardie elettroniche, free jazz e musiche per ambiente, danze etniche e partiture contemporanee, improvvisazione e composizione, avant rock e canzone, silenzio e rumore, invitando il proprio pubblico a condividere esperienze di ascolto coraggiose e «di confine». Alessandro Achilli collabora con Radio Popolare dal 17 marzo 1991 con i cicli Sciabadà (1991), Est (1992), Le vacanze di monsieur Hulot (1991, con Giovanni Venosta, e 1992), L’Orchestra (1996), Concerti da Babele (2001, 2002, 2003), Township Beat, musiche dal Sudafrica (2010) e corrispondenze dai festival Mimi (Provenza), Ring Ring (Belgrado), London Jazz Festival; ha inoltre curato la regia e l’adattamento di un ciclo condotto da Robert Wyatt, interviste in diretta a Shelley Hirsch, Arto Lindsay, Peter Blegvad e Robert Wyatt, e puntate monografiche di Cantaloop, In genere, Zona disco, Replicanti, Yuppi do, Il giardino degli dei, 5 giri, Jazz Anthology, Happy Together e Notturnover estate. Clicca qui per notizie sulle sue attività con Musica Jazz, Musiche, Radio3 Rai e come fotografo non professionista e traduttore. Fabio Barbieri collabora con Radio Popolare dal 1997. È stato ideatore e conduttore di Tropici e meridiani e ha realizzato collegamenti e interviste per Notturnover,Candid, Sidecar, Zoe, Alaska e per il gr in network. Ha collaborato con la redazione musicale del quotidiano Il Manifesto. Suoi articoli e recensioni sono apparsi su Rockerilla, Lost Trails e nel volume Bassa fedeltà (Bollati Boringhieri). Nella stagione 2003-2004 ha curato per Patchanka una serie di corrispondenze settimanali da Londra, intitolata London Calling. Da quell’esperienza è nato un blog: http://www.fabiocalling.blogspot.co.uk/ Gigi Longo collabora con Radio Popolare dal 1987. Ha condotto Jazz Anthology, Music Mag, Onda su onda e Cibo per psiconauti. In veste di inviato, ha recensito decine di concerti jazz, rock e world music per Notturnover. Ha realizzato trasmissioni speciali su Charles Mingus, Gil Evans, Duke Ellington e Miles Davis. È stato collaboratore dell’Associazione Jazz Capolinea, del mensile Il Buscadero e dela rivista Alp Grandi Montagne.

    Prospettive Musicali - 03-03-2024

  • PlayStop

    News della notte di domenica 03/03/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 03-03-2024

  • PlayStop

    La sacca del diavolo di domenica 03/03/2024

    “La sacca del diavolo. Settimanale radiodiffuso di musica, musica acustica, musica etnica, musica tradizionale popolare, di cultura popolare, dai paesi e dai popoli del mondo, prodotto e condotto in studio dal vostro bacicin…” Comincia così, praticamente da quando esiste Radio Popolare, la trasmissione di Giancarlo Nostrini. Ascoltare per credere. Ogni domenica dalle 21.30 alle 22.30.

    La sacca del diavolo - 03-03-2024

  • PlayStop

    Agitanti di domenica 03/03/2024

    Un programma per gente che muove mente, corpo e spirito. Un programma di sport – sport paralimpico – per imparare a conoscere le vite, i sogni, le discipline degli atleti che stanno cercando di qualificarsi per Parigi 2024. Per arrivare preparati alle prossime Paralimpiadi, al via il 28 agosto: sapendo cosa cercare, dove guardare, come godere della grandissima competizione che le discipline che gli sport per persone con disabilità riservano. Un magazine che prende il suo nome dagli Agitos (dal latno “agito”, metto in movimento), le tre anime – verde, rossa e blu, come i colori più diffusi nelle bandiere del mondo – che compongono lo stendardo dei giochi paralimpici e che rappresentano appunto mente, corpo e spirito. Magari – chissà – ascoltandolo scoprirai che esistono discipline a cui non avevi pensato. In cui puoi metterti in gioco con il corpo che hai, esattamente per come è fatto: metterti alla prova, sudare, divertirti, competere, tenerti in forma e spostare il tuo limite un po’ più in là. “You can’t be what you can’t see”, diceva Marian Wright Edelman, la prima donna afroamericana ammessa all’albo degli avvocati del Mississippi nel 1965. Non puoi essere ciò che non puoi vedere: ci vogliono modelli in cui ci si riconosce per come si è, altrimenti è difficile persino sognare di poter diventare qualcosa. Un discorso che vale per tutti quelli che in qualche misura vengono etichettate come “diversi”. Ogni domenica alle 21 per mezz’ora su Radio Popolare. Conduce Giulia Riva, giornalista e nuotatrice paralimpica. Un programma di corpi, teste e voci “diversamente” agili.

    Agitanti - 03-03-2024

  • PlayStop

    Bohmenica In di domenica 03/03/2024

    A cura di Gianpiero Kesten In co-conduzione: Zeina Ayache, Gaia Grassi, Astrid Serughetti, Clarice Trombella Ospite fisso: Andrea Bellati La famiglia allargata di Di tutto un boh colonizza la domenica di Radio Popolare! Tra domande scientifiche e curiosità esistenziali (a cui dare risposte, naturalmente) tutti i membri della squadra porteranno ogni settimana il proprio contributo, un po’ come i pasticcini o, ancora meglio, gli avanzi da spartire la domenica, tra buoni amici. La missione divulgativa e di infotainment di Di tutto un boh vivrà e lotterà insieme a noi. Ma la domenica, si sa, è anche il giorno delle somme da tirare, dei buoni propositi e della condivisione. Anche tra le famiglie atipiche e allargatissime, come quella della squadra di Di tutto boh e del pubblico di Radio Popolare. Bohmenica In va in onda ogni domenica dalle 19 alle 21.

    Bohmenica In! - 03-03-2024

  • PlayStop

    L'artista della settimana di domenica 03/03/2024

    Ogni settimana Radio Popolare sceglierà un o una musicista, un gruppo, un progetto musicale, a cui dare particolare spazio nelle sue trasmissioni, musicali e non. La nostra scelta racconterà molte novità discografiche, ma non soltanto. E ogni domenica, con mezz’ora di speciale, concluderemo i sette giorni proponendo un profilo approfondito del nostro Artista della Settimana.

    L’Artista della settimana - 03-03-2024

  • PlayStop

    Bollicine di domenica 03/03/2024

    Che cos’hanno in comune gli Area e i cartoni giapponesi? Quali sono i vinili più rari al mondo? Giunta alla stagione numero 15, Bollicine ogni settimana racconta la musica attraverso le sue storie e le voci dei suoi protagonisti: in ogni puntata un filo rosso a cui sono legate una decina di canzoni, con un occhio di riguardo per la musica italiana. Come sempre, tutte le playlist si trovano sul celeberrimo Bolliblog.com. A cura di Francesco Tragni e Marco Carini

    Bollicine - 03-03-2024

  • PlayStop

    Archivio Ricordi di domenica 03/03/2024

    Era da tempo che pensavo ad un nuovo programma, e non mi accorgevo che era già lì…ma dove? Semplice, nei vari supporti magnetici e negli hard disk dei miei due pc contenenti i miei incontri musicali (che non voglio chiamare interviste) degli ultimi quarantasei anni: quindi oramai un archivio, un archivio di parole e di voci che raccontano e portano alla musica! Quindi un archivio parlato, un Archivio Ricordi, da non confondere con quello cartaceo iniziato duecento anni fa dal mio antenato Giovanni, che ci ha conservato - tra le altre - la storia del melodramma: quello è l’Archivio storico Ricordi. Il mio non è ancora storico ma ci manca poco, eppoi vale la continuità: dalla conservazione su carta a quella digitale, tutto scorre… Ad ogni puntata un personaggio: spesso musicista, o in qualche modo legato alla musica, e non proprio un’intervista ma una conversazione con un’intelligenza musicale, potremmo dire. Qualche nome per le prime settimane? Bruno Canino, Claudio Abbado, Giorgio Gaslini, Franco Battiato, Maurizio Pollini, Riccardo Chilly, Sergio Endrigo, Karlheinz Stockhausen, Ennio Morricone… Un archivio sonoro che non si ferma, e che mentre racconta nel passato continua ad alimentarsi nel presente. E senza accorgerci ci troveremo su un sentiero della Storia della Musica. Buon ascolto. Claudio Ricordi settembre 2022

    Archivio Ricordi - 03-03-2024

  • PlayStop

    Mitologia Popular di domenica 03/03/2024

    Mitologia Popular esplora e racconta il folclore e la cultura popolare brasiliana: da miti e leggende come Saci Pererê, Mula sem cabeça, Cuca alla storia di piatti tipici come la feijoada o la moqueca, passando per la letteratura, il carnevale, la storia delle città più famose e la musica, ovviamente. Conduce Loretta da Costa Perrone, brasiliana nata a Santos che, pur vivendo a Milano da anni, è rimasta molto connessa con le sue origini. È autrice del podcast Lendas con il quale ha vinto gli Italian Podcast Award per il secondo anno consecutivo.

    Mitologia Popular - 03-03-2024

  • PlayStop

    Giocare col fuoco di domenica 03/03/2024

    Giocare col fuoco: storie, canzoni, poesie di e con Fabrizio Coppola Un contenitore di musica e letteratura senza alcuna preclusione di genere, né musicale né letterario. Ci muoveremo seguendo i percorsi segreti che legano le opere l’una all’altra, come a unire una serie di puntini immaginari su una mappa del tesoro. Memoir e saggi, fiction e non fiction, poesia (moltissima poesia), musica classica, folk, pop e r’n’r, mescolati insieme per provare a rimettere a fuoco la centralità dell’esperienza umana e del racconto che siamo in grado di farne.

    Giocare col fuoco - 03-03-2024

  • PlayStop

    Dietro al palco di domenica 03/03/2024

    Un viaggio musicale nella vita “ai piedi del palcoscenico” di artisti/artiste italiani. Una chiacchiera in tre, una sorta di “backstage” in musica degli ascolti consigliati e goduti e che fissa con pochi passaggi sonori sogni, passioni e storia di chi sará ospitato da Chiara Soldi e Andrea Cegna.

    Dietro al palco - 03-03-2024

  • PlayStop

    Comizi d’amore di domenica 03/03/2024

    Quaranta minuti di musica e dialoghi cinematografici trasposti, isolati, destrutturati per creare nuove forme emotive di ascolto. Ogni domenica dalle 13.20 alle 14.00, a cura di Stefano Ghittoni.

    Comizi d’amore - 03-03-2024

  • PlayStop

    C'è di buono di domenica 03/03/2024

    La cucina, la gastronomia, quello che mangiamo…hanno un ruolo fondamentale nella vita di tutti noi. Il cibo che scegliamo ci cambia, ci influenza e parla di noi. Ci può far stare bene o male in base a quello che scegliamo di avvicinare alla bocca. L’atto di cucinare e di mangiare ogni giorno è uno dei più importanti che possiamo fare. E va affrontato con consapevolezza, con conoscenza, oltre che con uno spirito divertito. Per questo Niccolò Vecchia a C’è di buono ogni settimana racconterà di prodotti e di cucina, raccogliendo storie contadine antiche e contemporanee, parlando di una cultura che può essere, insieme, popolare e raffinata.

    C’è di buono - 03-03-2024

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 03/03/2024

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown trendaioli. La bruss e la steppa. Yak e orsetti lavatori. Il mal d’Africa e le pastiglie di xamamina per chi sta male sui traghetti. Calepini e guide di viaggio. Zaini e borracce. Musiche del mondo e lullabies senza tempo. Geografie fantastiche ed escursioni metafisiche. Nel blog di Onde Road tutti i dettagli delle trasmissioni.

    Onde Road - 03-03-2024

  • PlayStop

    La domenica dei libri di domenica 03/03/2024

    La domenica dei libri è la trasmissione di libri e cultura di Radio Popolare. Ogni settimana, interviste agli autori, approfondimenti, le novità del dibattito culturale, soprattutto la passione della lettura e delle idee. Condotta da Roberto Festa

    La domenica dei libri - 03-03-2024

Adesso in diretta