Approfondimenti

Le liti nella maggioranza nel giorno del DL Sostegni, l’Europa resta divisa su AstraZeneca e le altre notizie della giornata

Draghi PNRR ANSA

Il racconto della giornata di venerdì 19 marzo 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Il metodo di lavoro chiesto da Mario Draghi alla maggioranza è entrato in crisi e il Consiglio dei Ministri previsto per le 15 è slittato di diverse ore. La decisione dell’EMA su AstraZeneca non convince l’intera Europa: Norvegia, Svezia, Danimarca e Finlandia non hanno ancora autorizzato la ripresa delle inoculazioni. In Italia nel giorno della ripresa delle vaccinazioni col siero di AstraZeneca il tasso di rinuncia oscilla tra lo zero di Palermo e il 33% del Friuli Venezia Giulia. I giovani di Fridays For Future sono tornati a manifestare in occasione della giornata mondiale di azione per il clima. Infine, i dati di oggi sull’andamento dell’epidemia da COVID in Italia.

Il metodo di lavoro chiesto da Draghi alla maggioranza è entrato in crisi

(di Anna Bredice)

Non era quello che forse Draghi si attendeva. La sua prima conferenza stampa che slitta di ora in ora perché i partiti del suo governo litigano tra loro su un tema che una parte della maggioranza non fa fatica a chiamare condono. Un’etichetta che rischia di rimanere legata a Draghi nel suo primo vero provvedimento economico, il famoso Dl ristori, che ora viene chiamato Sostegni, del valore di 32 miliardi. Un importo consistente per aiutare chi non si aspettava una nuova primavera con attività chiuse, lezioni dei figli online e lavoro che non c’è.
Il metodo di lavoro che ha chiesto alla sua maggioranza, lavorare a testa bassa e poi dichiarare solo quando si fanno le cose, oggi è entrato in crisi, nel corso del pomeriggio da Palazzo Chigi sono arrivate solo notizie di discussioni, la Lega che si impunta, prima riunisce i suoi ministri, poi chiede un allargamento dei termini della sanatoria/condono, ai leghisti si aggiunge anche Forza Italia. PD e LeU invece stanno su posizioni opposte.
Tutte le riunioni che si sono tenute da ieri fino ad oggi non sono servite ad arrivare al Consiglio dei Ministri con un accordo, e così il primo Consiglio dei Ministri con un tema atteso da milioni di persone, è slittato dalle 15 alle 18.30. Più o meno quello che capitava anche con il governo Conte, i ritardi e le conferenze stampa all’ora di cena. Eppure la conferenza stampa di Draghi è importante anche per un’altra ragione, nel giorno in cui ricominciano le vaccinazioni con AstraZeneca il suo compito sarà quello di rassicurare e ridare fiducia a milioni di persone confuse dalle decisioni contrastanti degli ultimi giorni e forse anche l’occasione per lanciare la campagna di comunicazione di Palazzo Chigi per i vaccini, cominciando forse da un atteso suo annuncio di volersi vaccinare presto proprio con AstraZeneca.

La decisione dell’EMA su AstraZeneca non convince l’intera Europa

Sul vaccino Astrazeneca, dopo il verdetto dell’Agenzia Europea del Farmaco di ieri, oggi è arrivata anche la certificazione dell’OMS: non c’è correlazione tra vaccino e trombosi. Ma a molti Paesi europei non basta né l’una né l’altra rassicurazione: Norvegia, Svezia, Danimarca e Finlandia non hanno ancora autorizzato la ripresa delle inoculazioni dopo lo stop dei giorni scorsi. La Francia, sorprendentemente se si pensa che all’atto dell’autorizzazione al pubblico il siero di AstraZeneca era consentito solo per gli under 65, ha deciso di iniettarlo d’ora in poi solo agli over 55. La motivazione: i casi sospetti hanno riguardato soprattutto le classi d’età più giovani. Anche la Germania starebbe valutando una decisione simile. Com’è possibile? Lo abbiamo chiesto al farmacologo Silvio Garattini:

Avete sentito, Silvio Garattini chiede un atto forte, magari del presidente del consiglio Draghi, per rinnovare la fiducia degli italiani nel vaccino. Dati certi sulle possibili defezioni ancora non sono disponibili, le situazioni sembrano variare molto da una regione all’altra. Le inoculazioni dei vaccini AstraZeneca sono riprese, in Italia, oggi pomeriggio alle 15.

Il tasso di rinuncia al vaccino Astrazeneca oscilla tra lo zero e il 33%

(di Andrea Monti)

Una mappa in evoluzione e con percentuali anche molto variabili nelle diverse zone d’Italia. Secondo i dati resi pubblici finora, il tasso di rinuncia al vaccino AstraZeneca oscilla tra lo zero di Palermo e il 33% del Friuli Venezia Giulia. Nella regione nordorientale il vicepresidente Riccardi ha detto che ieri sera si contava un terzo di disdette sulle prenotazioni bloccate dalla sospensione dei giorni scorsi. Nel capoluogo siciliano, all’estremo opposto non solo geografico, il commissario locale all’emergenza è netto: “Nessuna defezione”. In mezzo le sfumature, con informazioni al momento parziali e provvisorie. Mentre a Milano si formavano file fuori dai centri vaccinali, in Liguria la federazione dei medici di base Fimmg diceva che circa il 10% delle persone toccate dalla sospensione ha chiamato il dottore per disdire. La stessa percentuale è stata comunicata dalla Regione Piemonte. A Bologna il direttore dell’azienda sanitaria ha detto che finora le rinunce sono state poche. In Toscana stamattina si contava il 5% di annullamenti per i prossimi due giorni. Nel Lazio, infine, l’assessore alla sanità ha parlato di qualche migliaio di disdette su un totale di 200mila prenotazioni. Un dato nazionale al momento non c’è, ma le informazioni ufficiali disponibili e le code viste oggi non solo in Lombardia – da Perugia a Cosenza – fanno pensare che la percentuale delle persone in lista per il vaccino Astrazeneca che ha cambiato idea sia nettamente minoritaria.

I giovani di Fridays For Future tornano a manifestare

Da Milano a Roma, da Torino a Napoli, da Bologna a Bari oggi sono tornati a manifestare i giovani di Fridays For Future nella giornata mondiale di azione per il Clima. “Basta false promesse” lo slogan della mobilitazione che chiede ai governi di tutto il Mondo di agire subito per la riduzione delle emissioni inquinanti e non di fissare obbiettivi da raggiungere in 20 o 30 anni. Iniziative online con musica, dibattiti e un social bombing partito alle 18.30, ma anche presidi e biciclettate. Le voci raccolte questa mattina a Milano da Luca Parena:


 

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

Oggi sono stati 25.735 i nuovi positivi al COVID e 386 le vittime. Con un tasso di positività stabile al 7%. Ancora in aumento invece i ricoveri, sia quelli ordinari che in terapia intensiva. 244 le persone ricoverate in rianimazione nelle ultime 24 ore, 31 in più di ieri. Dati in linea con il monitoraggio settimanale dell’ISS, in cui si evidenzia come unico dato stabile, rispetto alla settimana precedente, l’Rt, l’indice di contagiosità, fermo all’1,6. Per il resto tutti i dati sono in crescita: in particolare preoccupano i ricoveri con una percentuale dei posti occupati in terapia intensiva salita al 36% a livello nazionale, ben oltre la soglia di criticità. In crescita anche l’incidenza dei casi, arrivata a 264 ogni 100mila abitanti (una settimana fa era a 225).
Dunque da lunedì la stragrande maggioranza delle Regioni non cambierà colore. Le uniche novità riguardano la Sardegna che da bianca passa in zona arancione e il Molise che da rosso torna arancione. Per quanto riguarda la Lombardia fino a Pasqua compresa sarà zona rossa. Davide Tosi, ricercatore all’Università Insubria, intervistato da Roberto Maggioni:

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 21/05/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 22/05/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 20/05/2022 delle 19:51

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 22/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 21/05/2022

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda…

    Slide Pistons – Jam Session - 22/05/2022

  • PlayStop

    Snippet di sabato 21/05/2022

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45…

    Snippet - 22/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di sabato 21/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 22/05/2022

  • PlayStop

    Avenida Brasil di sabato 21/05/2022

    La trasmissione di musica brasiliana di Radio Popolare in onda dal 1995! Da nord a sud, da est ad ovest;…

    Avenida Brasil - 22/05/2022

  • PlayStop

    Speciale Musica di Chris Cornell

    a cura di Niccolò Vecchia

    Gli speciali - 22/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di sabato 21/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 22/05/2022

  • PlayStop

    Pop Up Live di sabato 21/05/2022

    PopUp Live! Alberto Nigro e Andrea Frateff-Gianni – storici conduttori di PopUp – daranno vita a una trasmissione itinerante con…

    Pop Up Live - 22/05/2022

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 21/05/2022

    - GALLERIE D'ITALIA si espande. Oggi si apre un nuovo museo a Napoli e una ha aperto a Torino con…

    I girasoli - 22/05/2022

  • PlayStop

    Stay human di sabato 21/05/2022

    Daniele Sanzone degli A67 ci racconta come è nato #Jastemmma, il loro nuovo lavoro (una decina di canzoni che hanno…

    Stay human - 22/05/2022

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 21/05/2022

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da…

    Senti un po’ - 22/05/2022

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 21/05/2022

    DOC 73 - I CRIMINI DI JIMMY SAVILE - Uno dei più famosi dj e presentatori britannici, idolo di famiglie…

    DOC – Tratti da una storia vera - 22/05/2022

  • PlayStop

    Ollearo.con di sabato 21/05/2022

    Un faro nel weekend per orientare la community di RP. Il collante a tenuta super che tiene insieme gli elementi…

    Ollearo.con - 22/05/2022

  • PlayStop

    Good Times di sabato 21/05/2022

    Il Polo del Novecento di Torino ospita la mostra “Più moderno di ogni moderno. Le geografie di Pier Paolo Pasolini”;…

    Good Times - 22/05/2022

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 21/05/2022

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 22/05/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 21/05/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 22/05/2022

  • PlayStop

    Mash-Up di sabato 21/05/2022

    battiato_mistic_adventure

    Mash-Up - 22/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 20/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 22/05/2022

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 20/05/2022

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di…

    Psicoradio - 22/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di venerdì 20/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 22/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 20/05/2022

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di…

    Esteri - 22/05/2022

Adesso in diretta