Approfondimenti

Le liti nella maggioranza nel giorno del DL Sostegni, l’Europa resta divisa su AstraZeneca e le altre notizie della giornata

Draghi PNRR ANSA

Il racconto della giornata di venerdì 19 marzo 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Il metodo di lavoro chiesto da Mario Draghi alla maggioranza è entrato in crisi e il Consiglio dei Ministri previsto per le 15 è slittato di diverse ore. La decisione dell’EMA su AstraZeneca non convince l’intera Europa: Norvegia, Svezia, Danimarca e Finlandia non hanno ancora autorizzato la ripresa delle inoculazioni. In Italia nel giorno della ripresa delle vaccinazioni col siero di AstraZeneca il tasso di rinuncia oscilla tra lo zero di Palermo e il 33% del Friuli Venezia Giulia. I giovani di Fridays For Future sono tornati a manifestare in occasione della giornata mondiale di azione per il clima. Infine, i dati di oggi sull’andamento dell’epidemia da COVID in Italia.

Il metodo di lavoro chiesto da Draghi alla maggioranza è entrato in crisi

(di Anna Bredice)

Non era quello che forse Draghi si attendeva. La sua prima conferenza stampa che slitta di ora in ora perché i partiti del suo governo litigano tra loro su un tema che una parte della maggioranza non fa fatica a chiamare condono. Un’etichetta che rischia di rimanere legata a Draghi nel suo primo vero provvedimento economico, il famoso Dl ristori, che ora viene chiamato Sostegni, del valore di 32 miliardi. Un importo consistente per aiutare chi non si aspettava una nuova primavera con attività chiuse, lezioni dei figli online e lavoro che non c’è.
Il metodo di lavoro che ha chiesto alla sua maggioranza, lavorare a testa bassa e poi dichiarare solo quando si fanno le cose, oggi è entrato in crisi, nel corso del pomeriggio da Palazzo Chigi sono arrivate solo notizie di discussioni, la Lega che si impunta, prima riunisce i suoi ministri, poi chiede un allargamento dei termini della sanatoria/condono, ai leghisti si aggiunge anche Forza Italia. PD e LeU invece stanno su posizioni opposte.
Tutte le riunioni che si sono tenute da ieri fino ad oggi non sono servite ad arrivare al Consiglio dei Ministri con un accordo, e così il primo Consiglio dei Ministri con un tema atteso da milioni di persone, è slittato dalle 15 alle 18.30. Più o meno quello che capitava anche con il governo Conte, i ritardi e le conferenze stampa all’ora di cena. Eppure la conferenza stampa di Draghi è importante anche per un’altra ragione, nel giorno in cui ricominciano le vaccinazioni con AstraZeneca il suo compito sarà quello di rassicurare e ridare fiducia a milioni di persone confuse dalle decisioni contrastanti degli ultimi giorni e forse anche l’occasione per lanciare la campagna di comunicazione di Palazzo Chigi per i vaccini, cominciando forse da un atteso suo annuncio di volersi vaccinare presto proprio con AstraZeneca.

La decisione dell’EMA su AstraZeneca non convince l’intera Europa

Sul vaccino Astrazeneca, dopo il verdetto dell’Agenzia Europea del Farmaco di ieri, oggi è arrivata anche la certificazione dell’OMS: non c’è correlazione tra vaccino e trombosi. Ma a molti Paesi europei non basta né l’una né l’altra rassicurazione: Norvegia, Svezia, Danimarca e Finlandia non hanno ancora autorizzato la ripresa delle inoculazioni dopo lo stop dei giorni scorsi. La Francia, sorprendentemente se si pensa che all’atto dell’autorizzazione al pubblico il siero di AstraZeneca era consentito solo per gli under 65, ha deciso di iniettarlo d’ora in poi solo agli over 55. La motivazione: i casi sospetti hanno riguardato soprattutto le classi d’età più giovani. Anche la Germania starebbe valutando una decisione simile. Com’è possibile? Lo abbiamo chiesto al farmacologo Silvio Garattini:

Avete sentito, Silvio Garattini chiede un atto forte, magari del presidente del consiglio Draghi, per rinnovare la fiducia degli italiani nel vaccino. Dati certi sulle possibili defezioni ancora non sono disponibili, le situazioni sembrano variare molto da una regione all’altra. Le inoculazioni dei vaccini AstraZeneca sono riprese, in Italia, oggi pomeriggio alle 15.

Il tasso di rinuncia al vaccino Astrazeneca oscilla tra lo zero e il 33%

(di Andrea Monti)

Una mappa in evoluzione e con percentuali anche molto variabili nelle diverse zone d’Italia. Secondo i dati resi pubblici finora, il tasso di rinuncia al vaccino AstraZeneca oscilla tra lo zero di Palermo e il 33% del Friuli Venezia Giulia. Nella regione nordorientale il vicepresidente Riccardi ha detto che ieri sera si contava un terzo di disdette sulle prenotazioni bloccate dalla sospensione dei giorni scorsi. Nel capoluogo siciliano, all’estremo opposto non solo geografico, il commissario locale all’emergenza è netto: “Nessuna defezione”. In mezzo le sfumature, con informazioni al momento parziali e provvisorie. Mentre a Milano si formavano file fuori dai centri vaccinali, in Liguria la federazione dei medici di base Fimmg diceva che circa il 10% delle persone toccate dalla sospensione ha chiamato il dottore per disdire. La stessa percentuale è stata comunicata dalla Regione Piemonte. A Bologna il direttore dell’azienda sanitaria ha detto che finora le rinunce sono state poche. In Toscana stamattina si contava il 5% di annullamenti per i prossimi due giorni. Nel Lazio, infine, l’assessore alla sanità ha parlato di qualche migliaio di disdette su un totale di 200mila prenotazioni. Un dato nazionale al momento non c’è, ma le informazioni ufficiali disponibili e le code viste oggi non solo in Lombardia – da Perugia a Cosenza – fanno pensare che la percentuale delle persone in lista per il vaccino Astrazeneca che ha cambiato idea sia nettamente minoritaria.

I giovani di Fridays For Future tornano a manifestare

Da Milano a Roma, da Torino a Napoli, da Bologna a Bari oggi sono tornati a manifestare i giovani di Fridays For Future nella giornata mondiale di azione per il Clima. “Basta false promesse” lo slogan della mobilitazione che chiede ai governi di tutto il Mondo di agire subito per la riduzione delle emissioni inquinanti e non di fissare obbiettivi da raggiungere in 20 o 30 anni. Iniziative online con musica, dibattiti e un social bombing partito alle 18.30, ma anche presidi e biciclettate. Le voci raccolte questa mattina a Milano da Luca Parena:


 

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

Oggi sono stati 25.735 i nuovi positivi al COVID e 386 le vittime. Con un tasso di positività stabile al 7%. Ancora in aumento invece i ricoveri, sia quelli ordinari che in terapia intensiva. 244 le persone ricoverate in rianimazione nelle ultime 24 ore, 31 in più di ieri. Dati in linea con il monitoraggio settimanale dell’ISS, in cui si evidenzia come unico dato stabile, rispetto alla settimana precedente, l’Rt, l’indice di contagiosità, fermo all’1,6. Per il resto tutti i dati sono in crescita: in particolare preoccupano i ricoveri con una percentuale dei posti occupati in terapia intensiva salita al 36% a livello nazionale, ben oltre la soglia di criticità. In crescita anche l’incidenza dei casi, arrivata a 264 ogni 100mila abitanti (una settimana fa era a 225).
Dunque da lunedì la stragrande maggioranza delle Regioni non cambierà colore. Le uniche novità riguardano la Sardegna che da bianca passa in zona arancione e il Molise che da rosso torna arancione. Per quanto riguarda la Lombardia fino a Pasqua compresa sarà zona rossa. Davide Tosi, ricercatore all’Università Insubria, intervistato da Roberto Maggioni:

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR mercoledì 31/05 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 31-05-2023

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 31/05/2023

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 31-05-2023

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 31/05/2023 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 31-05-2023

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mercoledì 31/05/2023

    Dischi nuovi, progetti attivi, concerti imminenti, ospiti appassionati, connessi al più che ampio e molto vivo mondo del Jazz e delle sue conseguenze. Musica, soprattutto, scelta con il desiderio di dare spazio alla scena contemporanea di un genere con un passato importante, ma la cui storia è ancora, decisamente, in corso. La sigla del programma è Theme Nothing di Jaimie Branch. A cura di Nina Terruzzi, in onda ogni mercoledì dalle 23.00 alla mezzanotte.

    Jazz Ahead - 31-05-2023

  • PlayStop

    News della notte di mercoledì 31/05/2023

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 31-05-2023

  • PlayStop

    Gimme Shelter di mercoledì 31/05/2023

    I suoni dell’architettura. A cura di Roberto Centimeri e Riccardo Salvi.

    Gimme Shelter - 31-05-2023

  • PlayStop

    Il giusto clima di mercoledì 31/05/2023

    Ambiente, energia, clima, uso razionale delle risorse, mobilità sostenibile, transizione energetica. Il giusto clima è la trasmissione di Radio Popolare che racconta le sfide locali e globali per contrastare il cambiamento climatico e ridurre la nostra impronta sul Pianeta. Il giusto clima è realizzato in collaborazione con è nostra, la cooperativa che produce e vende energia elettrica rinnovabile, sostenibile, etica. In onda tutti i mercoledì, dalle 21 alle 22. In studio, Gianluca Ruggieri ed Elena Mordiglia. In redazione, Sara Milanese.

    Il giusto clima - 31-05-2023

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di mercoledì 31/05/2023

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici.

    Quel che resta del giorno - 31-05-2023

  • PlayStop

    Esteri di mercoledì 31/05/2023

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 31-05-2023

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di mercoledì 31/05/2023

    (170 - 361) Dove scopriamo che sotto la Scandinavia vogliono costruire il tunnel sottomarino più lungo del mondo mentre in Italia c’è chi pensa che per il ponte sullo stretto i geologi non siano importanti e siano allo stesso livello dei giornalisti. Secondo puntata della rubrica delle interviste a corpo libero con l'inviato Salvo Buonfine. Oggi andiamo a scoprire il… Nella terza parte ospitiamo Carlo Angioni, redattore della Gazzetta dello Sport, per cercare di capire qualcosa di più sul futuro dello Stadio Meazza.

    Muoviti muoviti - 31-05-2023

  • PlayStop

    Di tutto un boh di mercoledì 31/05/2023

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo di notizia. Per quello Di tutto un boh mette a disposizione approfondimenti con i migliori esperti della galassia per capire il mondo. Un po’ meglio, almeno. In co-conduzione, a turno: Astrid Serughetti, Margherita Fruzza, Erica Casati, Gaia Grassi, Clarice Trombella, Zeina Ayache

    Di tutto un boh - 31-05-2023

  • PlayStop

    Sounds and the City 32 - 31/05/2023

    The National, Dr Dog, St Vincent, The Flaming Lips, Tame Impala, Courtney Barnett, Nick Cave, INXS, MGMT...

    Sounds and the City - 31-05-2023

  • PlayStop

    Jack di mercoledì 31/05/2023

    Per raccontare tutto quello che di interessante accade oggi nella musica e in ciò che la circonda. Anticipazioni e playlist sui canali social di Matteo Villaci.

    Jack - 31-05-2023

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di mercoledì 31/05/2023

    Con Massimo Vitturi, responsabile Fauna Selvatica di Lav torniamo a fare il punto su l'orsa Gaia Jj4 e degli altri plantigradi trentini, ma anche di uccelli migratori, di Università Statale di Milano, di Sabrina Giannini, di Indovina chi viene a cena, di Enpa, di Oipa, di Lac, di Katia Impellittiere, vicepresidente di Lac ospite della festa di Radio Popolare, di Giornata mondiale della lontra e Wwf Italia

    Considera l’armadillo - 31-05-2023

  • PlayStop

    Poveri ma belli di mercoledì 31/05/2023

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 31-05-2023

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 31/05/2023

    Oggi a Cult: Annagaia Marchioro con #Pourparler alla Festa di Radio Popolare; il ricordo di Paolo Portoghesi, insigne architetto, di Fulvio Irace; Rosita Volani presenta l'edizione 2023 di "Da vicino nessuno è normale" all'ex-Pini a cura di Olinda; Caterina Cardona parla del suo libro "Un matrimonio epistolare" (Sellerio ed.); a Ivrea il festival letterario La grande invasione, diretto da Marco Cassini...

    Cult - 31-05-2023

Adesso in diretta