Approfondimenti

I combattimenti nelle strade di Mariupol, il decreto energia e profughi e le altre notizie della giornata

Ucraina, Mariupol

Il racconto della giornata di venerdì 18 marzo 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Le autorità di Mariupol hanno confermato che ormai si combatte nel centro della città, mentre i civili sono tutti nei rifugi. Le difficoltà maggiori nei negoziati – a parte le posizioni ufficiali – riguardano le questioni territoriali: Crimea e repubbliche separatiste del Donbass. Secondo gli ultimi dati dell’Onu, dall’inizio della guerra oltre tre milioni di ucraini hanno lasciato il paese. I punti principali del decreto che il consiglio dei ministri approverà questa sera. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

A Mariupol si combatte nel centro della città

(di Emanuele Valenti)

Come già nei giorni scorsi anche in queste ore la strategia russa è quella di bombardare. Con l’eccezione di Mariupol e del sud le truppe di Mosca non avanzano ma i bombardamenti non si fermano.

Partiamo da Mariupol, dove invece c’è un’avanzata di terra. Il ministero della difesa di Mosca e le autorità locali hanno confermato che ormai si combatte nel centro della città, mentre i civili sono tutti nei rifugi. Con i militari russi ci sono i miliziani filo-russi della Repubblica Popolare di Donetsk. La città – per le immagini che vediamo e per i racconti che ci arrivano in buona parte distrutta – la città a un certo punto potrebbe cadere. E attenzione, darebbe a Mosca il totale controllo di quella fascia di territorio che collega Russia e Crimea. A prescindere da come finirà questa guerra, difficile pensare che Putin a un certo punto rinunci al suo controllo diretto.
Le operazioni di soccorso nel teatro colpito due giorni fa proseguono. Al momento sono uscite solo 130 persone, all’interno ce ne sarebbero più di mille. Questo è quello che dicono gli ucraini. Oggi sono riuscite ad andare via da Mariupol circa 500 persone.

Parlavamo di bombardamenti, in diverse zone del paese. Questa mattina presto vicino all’aeroporto di Leopoli, verso il confine polacco, quindi anche a ovest, dove sarebbero arrivati dei missili sparati dal Mar Nero. Anche questo segnerebbe un cambio di strategia.
E poi ancora Kiev – parti di un missile intercettato su un edificio residenziale – Miykolaiv, nel sud, tra la Crimea e Odessa – con decine di vittime militari – Kramatorsk, dove c’è il quartier generale dell’esercito ucraino nel sud-est.
E infine l’est, Kharkiv e scendendo la regione di Luhansk che si trova già nel Donbass.
Quest’ultimo quadrante è importante perché se i russi dovessero riuscire a collegare i territori che controllano nella zona di Khakriv e quelli nella zona di Luhansk e più giù Donetsk, fino ad arrivare a Mariupol, potrebbero circondare/bloccare/chiudere una parte dell’esercito ucraino che si trova nel Donbass.
Quindi è vero che i russi non avanzano, per ora, ma potrebbero concentrare qui le loro energie, come hanno fatto finora sulla costa sud a Mariupol.

Il negoziato prosegue

(di Emanuele Valenti)

Gli ultimi commenti delle due parti sono discordanti. Il capo-negoziatore russo, Medinsky, ha detto che sono stati fatti altri passi in avanti sulla neutralità e la demilitarizzazione dell’Ucraina e sul non ingresso nella NATO.
L’ucraino Podolyak ha invece commentato che la posizione di Kiev rimane sempre la stessa: prima di tutto un cessate il fuoco e il ritiro della truppe di Mosca.

Sappiamo che nella mediazione tra le parti, soprattutto se a un certo punto ci dovesse essere un incontro Putin-Zelensky, è molto attiva la Turchia. Secondo alcuni funzionari di Ankara le difficoltà maggiori – a parte le posizioni ufficiali – riguardano le questioni territoriali: Crimea e repubbliche separatiste del Donbass. E dicevamo prima quanto sia difficile ipotizzare che Mosca lasci il controllo diretto del sud, almeno fino alla Crimea.
Lo stesso Putin, oggi, in un intervento pubblico per ricordare l’annessione della Crimea nel 2014 ha detto che gli obiettivi verranno raggiunti e che l’intervento punta a difendere la comunità russofona dell’Ucraina.
Anche nei colloqui telefonici tra il capo del Cremlino e Scholz e Macron non sembra siano stati fatti grossi passi in avanti.
Comunque le cose si muovono e non rimangono ferme.ù

Dall’inizio del conflitto oltre tre milioni di ucraini hanno lasciato il paese

Sono oltre tre milioni gli ucraini che hanno lasciato il paese dall’inizio della guerra, secondo gli ultimi dati dell’Onu. Circa due milioni si sono rifugiati nella vicina Polonia. In Polonia a Zosin, valico di frontiera con l’Ucraina, si trova la nostra inviata Martina Stefanoni.

Un altro crocevia dei profughi è la città ucraina di Leopoli. Negli ultimi giorni i missili russi sono caduti anche qui, nell’ovest del paese. Oggi a Leopoli c’è stata una manifestazione di donne ucraine. 100 passeggini vuoti, a ricordare i bambini uccisi in guerra.
Gianluca Peciola, fa parte della missione di Mediterranea in Ucraina.

 

I punti principali del decreto energia e profughi

(di Anna Bredice)
Taglio delle accise, con circa dieci centesimi di riduzione del prezzo dei carburanti, bonus benzina per circa duecento euro che le aziende potranno dare ai loro dipendenti, rateizzazioni delle bollette per le famiglie e le imprese, cassa integrazione per le aziende in crisi e sette milioni e mezzo da stanziare per l’accoglienza dei profughi in Italia. Sono i punti principali del decreto che il consiglio dei ministri approverà questa sera e che verrà presentato in una conferenza stampa dal presidente del Consiglio Draghi e i ministri Cingolani e Franco. Sono le prime risposte soprattutto all’aumento della benzina definito ingiustificato dallo stesso Cingolani e per il caro bollette che da alcuni mesi rappresenta un problema per molte famiglie. Il taglio delle accise si applicherà solo per un mese e in maniera diversa per i vari tipi di carburante, si calcola che la riduzione si aggirerà intorno a 10 centesimi. Le imprese che sono clienti di energia elettrica e di gas possono chiedere la rateizzazione delle bollette per un numero di rate non superiore a 24. Un milione in più di famiglie rispetto ai 4 milioni finora potranno avere uno sconto nel pagamento delle bollette, una platea un po’ più vasta, ma nemmeno tanto, grazie al limite Isee che viene alzato. Per gli autotrasportatori verrà finanziato un fondo per la riduzione dei pedaggi. Arriveranno i crediti di imposta destinati alle imprese per l’acquisto di energia elettrica e gas naturale, sanzioni in vista per le imprese energetiche che aumenteranno i prezzi senza dare elementi spieghino la modifica del prezzo. Infine più cassa integrazione per le aziende che si troveranno a fronteggiare le difficoltà economiche dovute anche al costo delle materie prime e dell’energia, si tratta di 150 milioni stanziati per altre settimane di cassa in deroga fino al 31 dicembre. E infine sul fronte dell’accoglienza 7,5 milioni verranno dati a regioni ed enti locali per far fronte all’organizzazione dell’accoglienza dei profughi in Italia.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

A due anni dal corteo di mezzi militari carichi di bare a Bergamo, si è celebrata la giornata in memoria delle vittime del covid. Una cerimonia al cimitero dove è stata scoperta una lapide con una poesia di Ernesto Olivero.

Il presidente della camera Fico, accompagnato dal vicesindaco perché il sindaco bergamasco Gori è risultato positivo, ha detto: “Qui è stata cancellata una generazione, le nostre radici”.

E mentre il governo ha annunciato la fine del green pass e la cadute di quasi tutte le restrizioni nelle prossime settimane, i dati fanno registrare un balzo degli attualmente positivi, che tornano sopra il milione e 100mila.
Nelle ultime 24 ore i contagi accertati sono stati oltre 76mila, il 43% in più rispetto alla settimana scorsa. 165 i morti. La curva si è ormai decisamente invertita a causa della sottovariante Omicron BA2 e per la prima volta da settimane si registra un aumento, seppur lieve, dei ricoveri in terapia intensiva e nei reparti covid. Il tasso di positività è salito al 15,5%.

In Austria, uno dei primi paesi europei ad allentare le restrizioni, il governo dati alla mano sta pensando di tornare all’obbligo di mascherina in tutti gli spazi chiusi.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR martedì 23/04 15:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 23-04-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di martedì 23/04/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 23-04-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di martedì 23/04/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 23-04-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Il genocidio in Rwanda visto con gli occhi di una bambina: la storia di Mimì

    Nel 1994, Mimì aveva 5 anni. Viveva con la sua famiglia a Kigali, la capitale del Rwanda. Il 6 aprile, quando l'aereo che trasportava il presidente ruandese, Juvénal Habyarimana, e quello del Burundi, Cyprien Ntaryamira, venne abbattuto in fase di atterraggio proprio a Kigali, era in vacanza a casa dei nonni. Da quel momento i suoi ricordi sono segnati dal dolore, la confusione e la paura. Il suo è un racconto speciale, perché ci permette di guardare uno degli eventi più sanguinosi della storia dell'uomo, il genocidio del Rwanda, con gli occhi di una bambina. La sua intervista è andata in onda in due puntate nella trasmissione Terzo Tempo, tutti i sabato mattina dalle 11.00 alle 11.30 su Radio Popolare La storia di Mimì - il cui nome completo è Muhimpundu Armella - è anche una delle nove raccolte dal libro "La Famiglia" di Pietro Veronese.

    Clip - 23-04-2024

  • PlayStop

    Jack di martedì 23/04/2024

    Nella prima parte Chawki ci presenta Back to Black, Biopic su Amy Winehouse. Nella seconda parte Jack The Smoker ci presenta il suo disco "Sedicinoni" con una lunga intervista

    Jack - 23-04-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di martedì 23/04/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali in onda alle 14.00 che ha ospitato Stefania Rivetti, volontaria di @Animals Asia Italia per parlare di Orsi della Luna e fattorie della bile, ma anche il Gr Animali di Bianca Nogara Notarianni e scopriamo che Stefania voleva essere cavallo.

    Considera l’armadillo - 23-04-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di martedì 23/04/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 23-04-2024

  • PlayStop

    EUROPAMENTE - Al voto con l'Europa in testa - E3

    Che fine ha fatto il Green Deal? La lobby del fossile all'assalto della transizione verde, mentre l'Europa subisce già i disastri dei cambiamenti climatici - con Monica Frassoni, presidente European Alliance to Save Energy

    Clip - 23-04-2024

  • PlayStop

    Un 25 aprile Popolare - E14

    Milano capitale della Resistenza ospiterà un museo nazionale della Resistenza per capire cosa sarà e soprattutto come vuole raccontare il movimento di Liberazione, la lotta, la storia c'è un sito già al lavoro, ricco di proposte: www.museodellaresistenza.it. Un 25 aprile Popolare oggi vi racconta Posta San Paolo a Roma e uno dei suoi protagonisti

    Clip - 23-04-2024

  • PlayStop

    Cult di martedì 23/04/2024

    Oggi a Cult: le compagnie ATIR e Generazione Disagio e le loro iniziative per il 25 aprile; la regista Martina De Polo sul film "Flora", dedicato a una partigiana bambina; l'edizione 2024 di Milano Musica comincia con "Tierkreis" di K. Stockhausen al Teatro Menotti, da un'dea di Luciano Gottardi; il libro di Gianluca Peciola "La linea del silenzio" (Solferino ed.)...

    Cult - 23-04-2024

  • PlayStop

    Pubblica di martedì 23/04/2024

    La fiamma e il nemico antifascista. Il legame ideologico del partito di Giorgia Meloni col passato neofascista: dai simboli ai contatti pericolosi con il mondo dell’estrema destra eversiva (Pino Rauti, il generale Gianadelio Maletti). E poi l’idea guida sull’antifascismo di Fratelli d’Italia: l’antifascismo è quello militante e con le spranghe in mano (le dichiarazioni di Meloni e Lollobrigida sono lì a dimostrarlo). A Pubblica la storica Simona Colarizi (autrice di “La resistenza lunga. Storia dell’antifascismo 1919-1945”, Laterza 2023) risponde a diversi interrogativi, a partire dal caso Scurati e dalla censura in Rai. Che cosa racconta il legame di FdI con i vecchi simboli della destra? Qual è il segno delle politiche del governo Meloni? Conservatore, reazionario o liberista? E l’antifascismo?

    Pubblica - 23-04-2024

  • PlayStop

    Tutto scorre di martedì 23/04/2024

    "La fine degli anticorpi" nella convivenza civile. L'Italia democratica è rimasta per troppo tempo distratta? A cura di Massimo Bacchetta

    Tutto scorre - 23-04-2024

  • PlayStop

    Giorni migliori di martedì 23/04/2024

    Con Don Gino Rigoldi (per trent'anni cappellano del Beccaria) ragioniamo su quanto emerso nell'inchiesta della procura di Milano sulle violenze degli agenti penitenziari nel carcere minorile e con Luigi Mastrodonato analizziamo le inchieste sui maltrattamenti e le torture in carcere e l'inazione della politica. Il 25 aprile popolare ci porta a Roma a Porta San Paolo con la storia del partigiano Persichetti. I bambini di Gaza sono lo specchio della nostra fatica a vedere l'orrore della guerra ci racconta Cecilia gentile autrice di “Bambini all’inferno”. La terza puntata di EuropaMente a cura di Alessandro Principe oggi vi racconta il Green Deal con Monica Frassoni. La lotta delle scuole civiche di Milano contro i tagli del Comune spiegata dal portavoce dell'assemblea degli studenti Michelangelo Canzi. UN 25 APRILE POPOLARE oggi vi racconta Posta San Paolo a Roma e uno dei suoi protagonisti

    Giorni Migliori – Intro - 23-04-2024

  • PlayStop

    VALERIO VARESI - ESTELLA. LA VITA STRAORDINARIA E DIMENTICATA DI TERESA NOCE

    VALERIO VARESI - ESTELLA. LA VITA STRAORDINARIA E DIMENTICATA DI TERESA NOCE - presentato da Anna Bredice

    Note dell’autore - 23-04-2024

Adesso in diretta