Approfondimenti

Il Ddl sulle bollette e i bonus edilizi, gli studenti in piazza in tutta Italia e le altre notizie della giornata

studenti in piazza Roma

Il racconto della giornata di venerdì 18 febbraio 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Il governo investe altri 6 miliardi di euro nelle misure per limitare il peso dei rincari delle bollette: via libera del CdM al Ddl sulle bollette a quello sui bonus edilizi. Gli studenti e le studentesse di tutta Italia sono scesi in piazza, arrabbiati contro un governo, una politica, un sistema da cui si sentono ignorati, o peggio che li reprime quando cercano di alzare la voce. A Torino si allarga l’inchiesta sulle violenze all’interno del centro di detenzione per immigrati dove nel maggio scorso è morto un cittadino guineiano, il 23enne Moussa Balde. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

Il punto sulla situazione in Ucraina

Le notizie sono in continuo movimento e anche interpretare le dichiarazioni delle due parti in gioco è difficile. Da un lato c’è la situazione sul campo, soprattutto nel Donbass e nelle repubbliche separatiste filo russe dove si moltiplicano le dichiarazioni di violazione del cessate il fuoco.
Noi proprio nella regione del Donbass abbiamo raggiunto il nostro inviato Emanuele Valenti che ci ha raccontato cosa è successo:

Come sentivate sia nel Donetsk che nel Lugansk hanno ordinato l’evacuazione dei civili verso la Russia.
Abbiamo chiesto a Fabrizio Dragosei, corrispondente per il Corriere della Sera da Mosca, come si può interpretare questa situazione:

Dall’altro lato intanto la diplomazia continua a colpi di dichiarazioni e smentite. Oggi Putin e il presidente Bielorusso Lukashenko si sono incontrati. Durante la conferenza stampa Putin ha parlato principalmente dello stretto rapporto che intercorre tra i due paesi, ma anche di un’apertura al dialogo con l’occidente. Più forti sono state invece le parole di Lukashenko, che ha apertamente parlato di guerra. Ha detto che l’irresponsabilità dei leader occidentali ha portato l’Europa sull’orlo di un conflitto, aprendo in qualche modo anche un fronte bielorusso in caso di attacco. In più, domani Lukashenko assisterà insieme a Putin alle manovre delle forze strategiche russe.
Oggi poi alle 20 ora italiana, Joe Biden sarà in videoconferenza con gli alleati di Nato e UE. Quello che uscirà potrà darci un’indicazione per capire se la linea diplomatica procederà -e quindi di apertura – o se le richieste di Mosca e Washington non troveranno una linea di contatto e quindi si andrà verso un punto di non ritorno.

Le contraddizioni del governo sui rincari delle bollette di luce e gas

Il governo investe altri 6 miliardi di euro nelle misure per limitare il peso dei rincari delle bollette. La parte più grande verrà dall’azzeramento degli oneri di sistema, poi ci sarà la riduzione dell’Iva e di altre tasse sul gas, quindi molte centinaia di milioni di euro saranno destinate alle imprese energivore. Una quota servirà ad aumentare il bonus sociale.
Il Ministro della transizione ecologica Cingolani ha annunciato interventi per aumentare la produzione nazionale di gas e portare al massimo gli stoccaggi. “Ci aspettiamo che i grandi produttori di energia condividano con il resto della popolazione il peso dei rincari, sul come ci stiamo riflettendo” – ha dichiarato Mario Draghi. Il che è in contrasto con quanto sta facendo il governo, che sta investendo risorse pubbliche per compensare i maxi profitti delle imprese e non interviene neanche dove sarebbe semplice farlo, per esempio con Eni, di cui detiene il 30%.
Oggi l’amministratore delegato di Eni De Scalzi ha annunciato i risultati del 2021, con un utile schizzato in alto del 400% rispetto al 2020, e ha detto che la società è pronta a investire per aumentare la produzione del gas in Italia. Duccio Facchini, giornalista di Altreconomia:


 

Gli studenti in piazza con testa, cuore e pancia

(di Luca Parena)

Per Lorenzo e Giuseppe, per una scuola libera dalle pressioni di aziende e poteri economici, per un’idea di futuro che i giovani vedono negata prima ancora di iniziare a costruirla. 
Nella manifestazione nazionale di oggi, in decine di città, gli studenti e le studentesse hanno portato in piazza testa, cuore, pancia. Arrabbiati contro un governo, una politica, un sistema da cui si sentono ignorati, o peggio che li reprime quando cercano di alzare la voce. Accorati al pensiero di due coetanei morti mentre erano in tirocinio, anche lucidi nell’allargare lo sguardo alle tante ingiustizie che vedono alimentarsi in Italia e nel mondo.
Contro i simboli della finanza, del profitto, contro le sedi locali di Confindustria gli studenti hanno lanciato vernice rossa, acceso fumogeni, sollevato cori e insulti.

La reazione ai problemi dell’alternanza scuola-lavoro, al prossimo Esame di Stato, ai mesi passati in didattica a distanza sono il terreno comune della protesta, ma da qui il discorso si è aperto anche a molto altro. Dai fondi statali indirizzati agli armamenti militari, alla violenza di genere, alla crisi climatica guardando verso lo sciopero trans-femminista dell’8 marzo e quello globale per il clima.
Molti dei giovani e delle giovani in piazza oggi per la scuola sono gli stessi che dedicano tempo ed energie per una società più equa, più rispettosa delle persone e dell’ambiente. 
Quello per cui lottano è il loro presente, il loro futuro. Molto di più rispetto a un voto in pagella o all’esame di maturità.

9 poliziotti indagati nell’inchiesta sul Cpr di Torino

(di Rita Rapisardi)

A Torino si allarga l’inchiesta sulle violenze all’interno del centro di detenzione per immigrati dove nel maggio scorso è morto un cittadino guineiano. Gli indagati sono ormai undici, di cui nove poliziotti. Nel centro di permanenza per il rimpatrio tra il 22 e il 23 maggio 2021 è morto Moussa Balde. Il giovane di 23 anni, migrante originario della Nuova Guinea, si è impiccato nell’Ospedaletto, un settore inizialmente pensato a scopi sanitari, composto da dodici celle di tre metri quadri, ma che di fatto è usato come luogo di isolamento allo scopo di mantenere la disciplina.
L’Ospedaletto, ora al centro dell’inchiesta, è stato chiuso dopo i primi accertamenti della procura, proprio per la sua natura repressiva che limiterebbe ancor più i detenuti. Gli undici indagati sono accusati a vario titolo di omicidio colposo e sequestro di persona, tra questi ci sono la direttrice della struttura e il medico responsabile. 

Moussa Balde, che secondo le relazioni si è impiccato con delle lenzuola, non doveva neanche esserci in quel Cpr, dopo che il 9 maggio era stato picchiato a Ventimiglia a colpi di spranga da tre italiani. Un’aggressione violenta a cui era seguito il ricovero ospedaliero che ha accertato la mancanza di documenti. A posteriori gli avvocati dell’Asgi, Associazione per gli studi giuridici sull’immigrazione, confermano che a Moussa doveva essere riconosciuto lo status di rifugiato e ricevere adeguata assistenza psicologica.


Da anni associazioni e volontari denunciano la realtà dei Cpr: luoghi sovraffollati, al di sopra della giurisdizione vigente, con numerosi casi di autolesionismo e utilizzo di psicofarmaci per sedare i detenuti. Sono strutture dalla gestione poco trasparente e con alta presenza di forze dell’ordine – segnala da tempo il Garante per i diritti dei detenuti nelle relazioni annuali – in cui le regole minime per i detenuti sono costantemente violate.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

Terapie intensive sotto quota mille, ulteriore calo dei casi settimanali, dell’incidenza, dell’indice di trasmissibilità e della pressione sugli ospedali in generale. Sono buoni i dati del monitoraggio settimanale del Ministero della Sanità, in linea con la discesa iniziata ormai tre settimane fa di tutte le curve epidemiche.
Questa sera il Ministro Speranza firmerà le ordinanze relative ai cambi di fascia. Per ora si sa, l’ha annunciato la vicepresidente Moratti, che la Lombardia tornerà da lunedì in zona bianca anche se tra i due regimi non ci sono sostanziali differenze. Nelle ultime 24 ore i casi rilevati sono stati 53mila, le vittime 314.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 18/05/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 18/05/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 18/05/2022 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 18/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Tutto scorre di mercoledì 18/05/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 18/05/2022

  • PlayStop

    Prisma di mercoledì 18/05/2022

    GUERRA IN UCRAINA, AGGIORNAMENTI E ANALISI Con Nico Piro, inviato speciale Rai, in Afghanistan, ora di ritorno dalla Russia, che…

    Prisma - 18/05/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di mercoledì 18/05/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 18/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di mercoledì 18/05/2022 delle 7:48

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 18/05/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mercoledì 18/05/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Rassegna stampa internazionale - 18/05/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di mercoledì 18/05/2022

    ....Il Caffè Nero Bollente del mercoledì con musica, sfoglio dei giornali e la serie tv della settimana consigliata da Paolo…

    Caffè Nero Bollente - 18/05/2022

  • PlayStop

    Hexagone di mercoledì 18/05/2022

    Un viaggio alla scoperta della musica francofona con Alberto Visconti. Alberto Visconti, già voce e leader del gruppo L’Orage, propone…

    Hexagone - 18/05/2022

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di martedì 17/05/2022

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e…

    Jailhouse Rock - 17/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di martedì 17/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 18/05/2022

  • PlayStop

    L'altro martedì di martedì 17/05/2022

    Dal 14 settembre dalle ore 22.00 alle 22.30 alla sua quarantunesima edizione L’Altro Martedì, la trasmissione LGBT+ di Radio Popolare…

    L’Altro Martedì - 18/05/2022

  • PlayStop

    Doppio Click di martedì 17/05/2022

    Doppio Click è la trasmissione di Radio Popolare dedicata ai temi di attualità legati al mondo di Internet e delle…

    Doppio Click - 18/05/2022

  • PlayStop

    What's going on? 17/05/2022

    a cura di Luigi Ambrosio

    Gli speciali - 18/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di martedì 17/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 18/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di lunedì 17/05/2022

    1-Ucraina. Verso una nuova evacuazione dal sito Azovstal. Ieri 264 combattenti si erano arresi alle truppe russe. Il Punto di…

    Esteri - 17/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di martedì 17/05/2022

    1-Ucraina. Verso una nuova evacuazione dal sito Azovstal. Ieri 264 combattenti si erano arresi alle truppe russe. Il Punto di…

    Esteri - 18/05/2022

  • PlayStop

    The Game di martedì 17/05/2022

    Soldi, lavoro, avidità, disoccupazioni: il grande gioco dell’economia smontato ogni giorno da Raffaele Liguori.

    The Game - 18/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di martedì 17/05/2022

    Dove si parla del bando dell'ARPAC della Campania per cercare "esaminatori di odori". Richiesto buon naso e un'estrema pulizia del…

    Muoviti muoviti - 18/05/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di martedì 17/05/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 18/05/2022

Adesso in diretta