Approfondimenti

Il Ddl sulle bollette e i bonus edilizi, gli studenti in piazza in tutta Italia e le altre notizie della giornata

studenti in piazza Roma

Il racconto della giornata di venerdì 18 febbraio 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Il governo investe altri 6 miliardi di euro nelle misure per limitare il peso dei rincari delle bollette: via libera del CdM al Ddl sulle bollette a quello sui bonus edilizi. Gli studenti e le studentesse di tutta Italia sono scesi in piazza, arrabbiati contro un governo, una politica, un sistema da cui si sentono ignorati, o peggio che li reprime quando cercano di alzare la voce. A Torino si allarga l’inchiesta sulle violenze all’interno del centro di detenzione per immigrati dove nel maggio scorso è morto un cittadino guineiano, il 23enne Moussa Balde. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

Il punto sulla situazione in Ucraina

Le notizie sono in continuo movimento e anche interpretare le dichiarazioni delle due parti in gioco è difficile. Da un lato c’è la situazione sul campo, soprattutto nel Donbass e nelle repubbliche separatiste filo russe dove si moltiplicano le dichiarazioni di violazione del cessate il fuoco.
Noi proprio nella regione del Donbass abbiamo raggiunto il nostro inviato Emanuele Valenti che ci ha raccontato cosa è successo:

Come sentivate sia nel Donetsk che nel Lugansk hanno ordinato l’evacuazione dei civili verso la Russia.
Abbiamo chiesto a Fabrizio Dragosei, corrispondente per il Corriere della Sera da Mosca, come si può interpretare questa situazione:

Dall’altro lato intanto la diplomazia continua a colpi di dichiarazioni e smentite. Oggi Putin e il presidente Bielorusso Lukashenko si sono incontrati. Durante la conferenza stampa Putin ha parlato principalmente dello stretto rapporto che intercorre tra i due paesi, ma anche di un’apertura al dialogo con l’occidente. Più forti sono state invece le parole di Lukashenko, che ha apertamente parlato di guerra. Ha detto che l’irresponsabilità dei leader occidentali ha portato l’Europa sull’orlo di un conflitto, aprendo in qualche modo anche un fronte bielorusso in caso di attacco. In più, domani Lukashenko assisterà insieme a Putin alle manovre delle forze strategiche russe.
Oggi poi alle 20 ora italiana, Joe Biden sarà in videoconferenza con gli alleati di Nato e UE. Quello che uscirà potrà darci un’indicazione per capire se la linea diplomatica procederà -e quindi di apertura – o se le richieste di Mosca e Washington non troveranno una linea di contatto e quindi si andrà verso un punto di non ritorno.

Le contraddizioni del governo sui rincari delle bollette di luce e gas

Il governo investe altri 6 miliardi di euro nelle misure per limitare il peso dei rincari delle bollette. La parte più grande verrà dall’azzeramento degli oneri di sistema, poi ci sarà la riduzione dell’Iva e di altre tasse sul gas, quindi molte centinaia di milioni di euro saranno destinate alle imprese energivore. Una quota servirà ad aumentare il bonus sociale.
Il Ministro della transizione ecologica Cingolani ha annunciato interventi per aumentare la produzione nazionale di gas e portare al massimo gli stoccaggi. “Ci aspettiamo che i grandi produttori di energia condividano con il resto della popolazione il peso dei rincari, sul come ci stiamo riflettendo” – ha dichiarato Mario Draghi. Il che è in contrasto con quanto sta facendo il governo, che sta investendo risorse pubbliche per compensare i maxi profitti delle imprese e non interviene neanche dove sarebbe semplice farlo, per esempio con Eni, di cui detiene il 30%.
Oggi l’amministratore delegato di Eni De Scalzi ha annunciato i risultati del 2021, con un utile schizzato in alto del 400% rispetto al 2020, e ha detto che la società è pronta a investire per aumentare la produzione del gas in Italia. Duccio Facchini, giornalista di Altreconomia:


 

Gli studenti in piazza con testa, cuore e pancia

(di Luca Parena)

Per Lorenzo e Giuseppe, per una scuola libera dalle pressioni di aziende e poteri economici, per un’idea di futuro che i giovani vedono negata prima ancora di iniziare a costruirla. 
Nella manifestazione nazionale di oggi, in decine di città, gli studenti e le studentesse hanno portato in piazza testa, cuore, pancia. Arrabbiati contro un governo, una politica, un sistema da cui si sentono ignorati, o peggio che li reprime quando cercano di alzare la voce. Accorati al pensiero di due coetanei morti mentre erano in tirocinio, anche lucidi nell’allargare lo sguardo alle tante ingiustizie che vedono alimentarsi in Italia e nel mondo.
Contro i simboli della finanza, del profitto, contro le sedi locali di Confindustria gli studenti hanno lanciato vernice rossa, acceso fumogeni, sollevato cori e insulti.

La reazione ai problemi dell’alternanza scuola-lavoro, al prossimo Esame di Stato, ai mesi passati in didattica a distanza sono il terreno comune della protesta, ma da qui il discorso si è aperto anche a molto altro. Dai fondi statali indirizzati agli armamenti militari, alla violenza di genere, alla crisi climatica guardando verso lo sciopero trans-femminista dell’8 marzo e quello globale per il clima.
Molti dei giovani e delle giovani in piazza oggi per la scuola sono gli stessi che dedicano tempo ed energie per una società più equa, più rispettosa delle persone e dell’ambiente. 
Quello per cui lottano è il loro presente, il loro futuro. Molto di più rispetto a un voto in pagella o all’esame di maturità.

9 poliziotti indagati nell’inchiesta sul Cpr di Torino

(di Rita Rapisardi)

A Torino si allarga l’inchiesta sulle violenze all’interno del centro di detenzione per immigrati dove nel maggio scorso è morto un cittadino guineiano. Gli indagati sono ormai undici, di cui nove poliziotti. Nel centro di permanenza per il rimpatrio tra il 22 e il 23 maggio 2021 è morto Moussa Balde. Il giovane di 23 anni, migrante originario della Nuova Guinea, si è impiccato nell’Ospedaletto, un settore inizialmente pensato a scopi sanitari, composto da dodici celle di tre metri quadri, ma che di fatto è usato come luogo di isolamento allo scopo di mantenere la disciplina.
L’Ospedaletto, ora al centro dell’inchiesta, è stato chiuso dopo i primi accertamenti della procura, proprio per la sua natura repressiva che limiterebbe ancor più i detenuti. Gli undici indagati sono accusati a vario titolo di omicidio colposo e sequestro di persona, tra questi ci sono la direttrice della struttura e il medico responsabile. 

Moussa Balde, che secondo le relazioni si è impiccato con delle lenzuola, non doveva neanche esserci in quel Cpr, dopo che il 9 maggio era stato picchiato a Ventimiglia a colpi di spranga da tre italiani. Un’aggressione violenta a cui era seguito il ricovero ospedaliero che ha accertato la mancanza di documenti. A posteriori gli avvocati dell’Asgi, Associazione per gli studi giuridici sull’immigrazione, confermano che a Moussa doveva essere riconosciuto lo status di rifugiato e ricevere adeguata assistenza psicologica.


Da anni associazioni e volontari denunciano la realtà dei Cpr: luoghi sovraffollati, al di sopra della giurisdizione vigente, con numerosi casi di autolesionismo e utilizzo di psicofarmaci per sedare i detenuti. Sono strutture dalla gestione poco trasparente e con alta presenza di forze dell’ordine – segnala da tempo il Garante per i diritti dei detenuti nelle relazioni annuali – in cui le regole minime per i detenuti sono costantemente violate.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

Terapie intensive sotto quota mille, ulteriore calo dei casi settimanali, dell’incidenza, dell’indice di trasmissibilità e della pressione sugli ospedali in generale. Sono buoni i dati del monitoraggio settimanale del Ministero della Sanità, in linea con la discesa iniziata ormai tre settimane fa di tutte le curve epidemiche.
Questa sera il Ministro Speranza firmerà le ordinanze relative ai cambi di fascia. Per ora si sa, l’ha annunciato la vicepresidente Moratti, che la Lombardia tornerà da lunedì in zona bianca anche se tra i due regimi non ci sono sostanziali differenze. Nelle ultime 24 ore i casi rilevati sono stati 53mila, le vittime 314.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR giovedì 18/04 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 18-04-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di giovedì 18/04/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 18-04-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di giovedì 18/04/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 18-04-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Musiche dal mondo di giovedì 18/04/2024

    Musiche dal mondo è una trasmissione nel solco della lunga consuetudine di Radio Popolare con la world music – da prima che questa discussa espressione entrasse nell’uso internazionale – e in rapporto con World Music Charts Europe. WMCE è una iniziativa a cui Radio Popolare ha aderito e partecipa dall’inizio: una classifica europea realizzata attraverso il sondaggio mensile di animatori di programmi di world music su emittenti pubbliche, aderenti all’Ebu, appunto l’associazione delle emittenti pubbliche europee, ma con qualche eccezione come Radio Popolare, che è una radio privata di ispirazione comunitaria. Nel 1991 l’EBU sondò la Rai, per coinvolgerla in WMCE, ma la Rai snobbò la proposta. Però all’Ebu segnalarono che c’era una radio che sulle musiche del mondo aveva una certa tradizione e che probabilmente avrebbe risposto con interesse… L’Ebu si fece viva con noi, e Radio Popolare aderì entusiasticamente. Ormai quasi trent’anni dopo, WMCE continua e Radio Popolare continua a farne parte, assieme ad emittenti per lo più pubbliche di ventiquattro paesi europei, fra cui la britannica BBC, le francesi Radio Nova e RFI, le tedesche WDR, NDR e RBB, l’austriaca ORF, Radio Nacional de Espana, la russa Echo of Moskow, la croata Radio Student. Attraverso WMCE, Musiche dal mondo riceve annualmente centinaia di novità discografiche inviate dalle etichette o direttamente dagli artisti, dal vintage dell’Africa nera al canto di gola siberiano, dalle fanfare macedoni al tango finlandese: proponendo musica che difficilmente le radio mainstream fanno ascoltare e di cui i media correntemente non si occupano, Musiche dal mondo è una trasmissione per la salvaguardia e lo sviluppo della biodiversità musicale.

    Musiche dal mondo - 18-04-2024

  • PlayStop

    Live Pop di giovedì 18/04/2024

    Ogni giovedì alle 21, l’auditorium Demetrio Stratos di Radio Popolare ospita concerti, presentazioni di libri, reading e serate speciali aperte al pubblico.

    Live Pop - 18-04-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di giovedì 18/04/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 18-04-2024

  • PlayStop

    Esteri di giovedì 18/04/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 18-04-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di giovedì 18/04/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 18-04-2024

  • PlayStop

    Playground di giovedì 18/04/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 18-04-2024

  • PlayStop

    Sapore Indie di giovedì 18/04/2024

    Sapore Indie è la trasmissione per connettersi al presente e scoprire le novità più rilevanti della musica alternative internazionale. Tutti i giovedì alle 15.30, con Dario Grande, un'ora di esplorazione tra le ultime uscite di artisti grandi e piccoli, storie di musica e vite underground. Per uscire dalla bolla dei soliti ascolti e sfuggire l’algoritmo, per orientarsi nel presente e scoprire il suono più rigenerante di oggi. ig: https://www.instagram.com/dar.grande/

    Sapore Indie - 18-04-2024

  • PlayStop

    Jack di giovedì 18/04/2024

    Nella prima parte della puntata parliamo del passaggio di consegne del Todays Frstival con Carlo Bordone. Nella seconda parte Gaia Morelli ci presenta il suo disco La Natura delle Cose con intervista e mini live dal vivo

    Jack - 18-04-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di giovedì 18/04/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali in onda alle 14.00 che oggi ha ospitato Andrea Battisti, professore di Entomologia all' Università degli Studi di Padova per parlarci della Processonaria e delle sue caratteristiche, ma anche con Bianca Nogara Notarianni di Biennale di Tecnologia, di commissariamento di Regione Lombardia sulla caccia nei valichi e scopriamo che Andrea voleva essere processonaria

    Considera l’armadillo - 18-04-2024

  • PlayStop

    Continuare a fare i pir

    quando, per il terzo giovedì di fila Gilberto Dindini della Cedola parla di piani individuali di risparmio a lungo termine (PIR), e poi noi ci scagliamo contro la sosta selvaggia, autentica piaga moderna soprattutto a Milano

    Poveri ma belli - 18-04-2024

  • PlayStop

    Un 25 aprile Popolare - E11

    Milano capitale della Resistenza ospiterà un museo nazionale della Resistenza per capire cosa sarà e soprattutto come vuole raccontare il movimento di Liberazione, la lotta, la storia c'è un sito già al lavoro, ricco di proposte: www.museodellaresistenza.it. Furono oltre 600mila i militari italiani deportati dopo l’8 settembre del 1943 per aver deciso di non aderire alla Repubblica Sociale Italiana. Anna Maria Passaggio ci ha raccontato la storia di suo padre

    Clip - 18-04-2024

  • PlayStop

    Cult di giovedì 18/04/2024

    Oggi a Cult: Lella Costa in "Otello, di precise parole si vive" al Teatro Carcano; all'Elfo Puccini Mauro Lamantia in "Gramsci Gay"; Roberto Pinto sulla Biennale Venezia 2024; all'Elfo Puccini una serata, la "Svampeide", dedicata a Nanni Svampa; la rubrica di lirica di Giovanni Chiodi...

    Cult - 18-04-2024

  • PlayStop

    Jack Meets: Grace Cummings

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista Grace Cummings

    Jack meets - 18-04-2024

Adesso in diretta