Approfondimenti

Le accuse di Putin verso l’Occidente, il no alla sospensione dei brevetti sui vaccini e le altre notizie della giornata

Putin ANSA

Il racconto della giornata di venerdì 17 giugno 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Il presidente russo Vladimir Putin ha tenuto un lungo discorso al forum economico di San Pietroburgo, lanciando accuse verso l’Occidente e assicurando che “tutti gli obiettivi dell’operazione in Ucraina saranno realizzati”. Intanto la candidatura dell’Ucraina per l’ingresso dell’UE è diventata più concreta. La frattura interna ai 5 Stelle non si ricompone, anzi diventa sempre più ampia con toni di reciproche accuse tra Conte e Di Maio. L’estradizione negli Stati Uniti per Julian Assange è più vicina. La ministra dell’Interno britannica l’ha ordinata questa mattina, dopo che nel Regno Unito era stata completata la procedura giudiziaria. L’Organizzazione Internazionale del Commercio ha deciso oggi che non ci sarà nessuna sospensione parziale o temporanea dei brevetti sui vaccini. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

Le sanzioni contro la Russia non funzionano: le accuse di Putin verso l’Occidente

Oggi c’è stato l’atteso discorso di Vladimir Putin. Il presidente russo ha parlato di fronte alla platea del forum economico di San Pietroburgo. Nelle sue parole una serie di accuse verso l’Occidente e l’assicurazione che “tutti gli obiettivi dell’operazione in Ucraina saranno realizzati”.

Questo un estratto del discorso di Putin, in cui – lo sentivate – il presidente ha accusato gli Stati Uniti, dichiarando la fine dell’era dell’ordine mondiale unipolare.
Che visione del mondo emerge dalle sue parole? Giovanni Savino, visiting professor di relazioni internazionali all’università di Parma, fino a poco prima dell’inizio della guerra insegnava all’università di Mosca:

Nel suo discorso Putin ha anche duramente criticato l’Europa, all’indomani della visita a Kiev di Draghi, Scholz e macron. “L’Unione ha perso la sua sovranità”, ha detto Putin che ha previsto in Europa l’arrivo di un’ondata di radicalismo che porterà preso a un cambio di élite. Il presidente russo ha poi parlato delle sanzioni. Le ha definite folli e sconsiderate, ma senza effetti sull’economia russa.

In merito, invece, al possibile ingresso dell’Ucraina nell’Unione Europea, il leader del Cremlino è sembrato più conciliante: “L’UE non è un’organizzazione militare, non siamo contrari alla sua adesione”, ha detto Putin.

Oggi è stata la giornata in cui la candidatura dell’Ucraina è diventata più concreta. La presidente della Commissione Von der Leyen chiederà al Consiglio dei leader della prossima settimana di assegnarle lo status di candidato. Pier Virgilio Dastoli, presidente del Movimento Europeo in Italia:

Al Forum di San Pietroburgo c’erano i rappresentanti di vari paesi del mondo, oltre ai principali partner economici della Russia. Nel suo discorso Putin ha elogiato il presidente cinese Xi Jinping: “È un amico”, ha detto. E ha poi esortato le aziende russe a investire nel Paese. A chi era indirizzato il discorso di Putin? Sentiamo ancora Giovani Savino:


 

La frattura nei 5 Stelle è sempre più ampia

(di Anna Bredice)

La frattura interna ai 5 Stelle non si ricompone, anzi diventa sempre più ampia con toni di reciproche accuse che sembrano voler portare ad un’unica soluzione: nei 5 Stelle deve rimanerci solo uno, o Conte o Di Maio. Insieme sono arrivati ad uno scontro di livello così alto che è difficile trovare una mediazione. Conte e le persone a lui vicine sembrano quasi spingere Di Maio fuori dal Movimento. “I Cinque Stelle rischiano di diventare la forza politica dell’odio”, ha detto il Ministro degli Esteri riferendosi alle accuse arrivate da Conte. Sullo sfondo c’è un appuntamento atteso, difficilmente prorogabile. Si tratta della scelta se tornare a casa dopo il doppio mandato, quasi una bomba a pochi mesi dalle prossime politiche. Conte ha deciso il referendum tra gli iscritti, il sospetto è che in questo modo se ne voglia lavare le mani, senza alzare un dito per salvare chi rimane fuori.
Sono tanti i parlamentari non più ricandidabili, 69 tra Camera e Senato, tra questi c’è proprio Di Maio. Oltre al Ministro degli Esteri c’è anche il presidente della Camera Fico e in sostanza tutti i ministri dei passati governi e di quegli attuali.
Beppe Grillo che non aveva commentato finora i risultati delle elezioni, oggi difende il limite del doppio mandato come uno dei punti fondamentali del programma dei Movimento. Nelle accuse reciproche di oggi – per Di Maio, Conte non è riuscito a dare un’idea precisa della linea del Movimento dal punto di vista politico e per questo avrebbe perso – Conte punta su un unico tema, “Di Maio non lo cacciamo, si sta cacciando da solo.” Conte sembra quasi sperarlo, per disegnare e costruire un Movimento nuovo, come ha iniziato a fare in questi mesi con una struttura di vice presidenti a lui molto fedeli. Di Maio è nel pieno della sua attività politica, Ministro degli Esteri in un momento così delicato, con poteri enormi anche nelle nomine e nella diplomazia, non può accettare di tornare a casa come se niente fosse. È il suo punto debole e Conte sembra averlo capito.

Il Regno Unito ordina l’estradizione di Julian Assange negli USA

L’estradizione negli Stati Uniti per Julian Assange è più vicina. La ministra dell’Interno britannica l’ha ordinata questa mattina, dopo che nel Regno Unito era stata completata la procedura giudiziaria. Il fondatore di Wikileaks dal 2010 è ricercato dagli Stati Uniti dopo aver pubblicato documenti che provavano violazioni dei diritti umani e crimini di guerra in Iraq e Afghanistan. 
Vincenzo Vita, ex politico e giornalista di Articolo 21:


 

No alla sospensione dei brevetti sui vaccini: il WTO ha deciso

Non ci sarà nessuna sospensione parziale o temporanea dei brevetti sui vaccini come annunciato dal Wto, l’organizzazione internazionale del commercio. Secondo Oxfam, Medici Senza Frontiere, Emergency e molte altre organizzazioni umanitarie quello raggiunto nelle scorse ore è solo un compromesso raggiunto dai paesi ricchi per salvare la faccia e non le vite umane. Come ci spiega Sara Albiani, policy advisor di Oxfam:


 

Addio a Jean-Louis Trintignant

Discreto, umile, timido e una leggenda del cinema e del teatro. L’attore francese Jean-Louis Trintignant si è spento questo venerdì a 91 anni, nella sua casa familiare del Gard, tranquillamente come è vissuto. A renderlo famoso, nel 1956, fu lo scandaloso E Dio creò la donna di Roger Vadim, dove recitava a fianco di una Brigitte Bardot di cui divenne il compagno fuori dal set. Poi venne Il sorpasso di Dino Risi. La consacrazione con Un uomo, una donna di Claude Lelouch e il premio come migliore attore a Cannes per Z- l’orgia del potere di Costa Gavras. Impossibile fare la lista completa degli oltre 120 film in cui ha recitato, incarnando volentieri dei personaggi che detestava, o dei registi con cui ha lavorato, da Bertolucci a Truffaut a Scola. Dopo il femminicidio di sua figlia Marie, nel 2003, pensa al suicidio ma si getta sul teatro, finché Michael Haneke non lo riporta al cinema con Amour, Palma d’oro a Cannes. Dove è tornato ancora nel 2019 per presentare fuori concorso I migliori anni della nostra vita di Claude Lelouch. Ultimo capitolo di una filmografia lunga 60 anni, che ha lasciato un impronta indelebile nel mondo del cinema e nel cuore dei francesi.  

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

Tornano ad aumentare in modo consistente i casi di COVID. Lo ha certificato oggi il monitoraggio settimane del Ministero della Salute. L’incidenza dei casi è arrivata a 310 ogni 100mila abitanti rispetto ai 222 casi di una settimana fa. In aumento anche l’indice di trasmissibilità Rt che arriva allo 0,83 rispetto allo 0,75 della settimana scorsa. Più stabili i dati dei ricoveri in ospedale. Il tasso di occupazione dei reparti di terapia intensiva è in lieve calo, in leggero aumento quello dei reparti ordinari anche se due Regioni tornano questa settimana a superare la soglia di allerta del 15%: sono la Sicilia e la Valle d’Aosta. Nelle ultime 24 ore sono stati 35.400 i nuovi casi, 41 le vittime con un tasso di positività al 19% in lieve aumento rispetto a ieri. Cosa ci dobbiamo aspettare nelle prossime settimane ?
Massimo Andreoni, infettivologo all’Università di Roma Tor Vergata:

https://twitter.com/MinisteroSalute/status/1537810163800866816

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR mercoledì 19/06 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 19-06-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 19/06/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 19-06-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 19/06/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 19-06-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    0091 di giovedì 20/06/2024

    Dalla musica classica alle produzioni elettroniche moderne, dai villaggi alla diaspora, l'India raccontata attraverso la sua musica. IG baaz_light_year

    0091 - 19-06-2024

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mercoledì 19/06/2024

    Dischi nuovi, progetti attivi, concerti imminenti, ospiti appassionati, connessi al più che ampio e molto vivo mondo del Jazz e delle sue conseguenze. Musica, soprattutto, scelta con il desiderio di dare spazio alla scena contemporanea di un genere con un passato importante, ma la cui storia è ancora, decisamente, in corso. La sigla del programma è Theme Nothing di Jaimie Branch. A cura di Nina Terruzzi, in onda ogni mercoledì dalle 23.00 alla mezzanotte.

    Jazz Ahead - 19-06-2024

  • PlayStop

    News della notte di mercoledì 19/06/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 19-06-2024

  • PlayStop

    Percorsi PerVersi di mercoledì 19/06/2024

    Poesie, liriche, sonetti, slam poetry, rime baciate, versi ermetici, poesie cantate. Ogni settimana Percorsi PerVersi incontra a Radio Popolare i poeti e li fa parlare di poesia. Percorriamo tutte le strade della parola poetica, da quella dei poeti laureati a quella dei poeti di strada e a quella – inedita – dei nostri ascoltatori.

    Percorsi PerVersi - 19-06-2024

  • PlayStop

    3° puntata: l'uccisione di Attilio Oldani

    La sera del 26 giugno 1924 nella zona di via Canonica una squadra di fascisti decidere di intimidire chi avrebbe partecipato allo sciopero del giorno successivo. E poco dopo mezzanotte incrocia anche Attilio Oldani.

    Domani sciopero -1924: Attilio Oldani, morte di un tranviere antifascista - 19-06-2024

  • PlayStop

    Il giusto clima di mercoledì 19/06/2024

    Ambiente, energia, clima, uso razionale delle risorse, mobilità sostenibile, transizione energetica. Il giusto clima è la trasmissione di Radio Popolare che racconta le sfide locali e globali per contrastare il cambiamento climatico e ridurre la nostra impronta sul Pianeta. Il giusto clima è realizzato in collaborazione con è nostra, la cooperativa che produce e vende energia elettrica rinnovabile, sostenibile, etica. In onda tutti i mercoledì, dalle 21 alle 22. In studio, Gianluca Ruggieri ed Elena Mordiglia. In redazione, Sara Milanese e Marianna Usuelli.

    Il giusto clima - 19-06-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di mercoledì 19/06/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 19-06-2024

  • PlayStop

    Esteri di mercoledì 19/06/2024

    1- Possibili crimini contro l’umanità a Gaza. È la conclusione dell’ ONU dopo l’esame di 6 bombardamenti israeliani. Sulle forniture di armi scambi di accuse tra Joe Biden e Netanyahu. Secondo la Cnn il presidente americano si è detto frustrato dal comportamento del premier israeliano. 2-Russia – Corea del nord come ai tempi della guerra fredda. Putin e Kim firmano il trattato di cooperazione strategica 3-Francia. La crisi di rigetto dell’ ecologia si è trasformata in un serbatoio di consensi per il partito di Marine le pen 4-Romanzo a fumetti. Diario il graphic novel di Fabrice Neaud 5-Progetti sostenibili. Da città turistica a punto di riferimento per la qualità urbana.l’esempio di Nizza.

    Esteri - 19-06-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di mercoledì 19/06/2024

    (183 - 565) Dove c'è un problema di mani sudate del laureato (ex laureando Simonetta). Poi con Marina Catucci parliamo di monoliti che compaiono nel deserto del Nevada. Nella terza parte con l'ascoltatrice Laura, membro interno, affrontiamo la giornata della prima prova dell'esame di maturità.

    Muoviti muoviti - 19-06-2024

  • PlayStop

    Playground di mercoledì 19/06/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 19-06-2024

  • PlayStop

    Soulshine di mercoledì 19/06/2024

    PLAYLIST 1. “Once Upon a Lie” – Quinn Sullivan 2. “Eyesight to the Blind - Live” – Quinn Sullivan 3. “Pinball Wizard” – Elton John 4. “Jet - One Hand Clapping Sessions” – Paul McCartney, Wings 5. “Bluebird - One Hand Clapping Sessions” – Paul McCartney, Wings 6. “Got To Be Mine” – Vulfmon, Evangeline 7. “Pink Panther” – James Galway, Lizzo 8. “Ooh La La” – Flow Tribe 9. “Higher Vibration” – Flow Tribe 10. “Where The Goddess Goes” – The Bogmen 11. “Summer of Soul” – The Bogmen

    Soulshine - 19-06-2024

  • PlayStop

    Jack di mercoledì 19/06/2024

    Ospiti della puntata i John qualcosa che ci raccontano, e cantano dal vivo, il loro ultimo disco Cani come Figli

    Jack - 19-06-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di mercoledì 19/06/2024

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una coabitazione sul pianeta attraverso letteratura, musica, scienza, costume, linguaggio, arte e storia. Ogni giorno con l’ospite di turno si approfondisce un argomento e si amplia il Bestiario che stiamo compilando. In onda da lunedì a venerdì dalle 14.00 alle 14.30. A cura di Cecilia Di Lieto.

    Considera l’armadillo - 19-06-2024

  • PlayStop

    Il festival del neutrino

    quando celebriamo il centenario della radio pedalando e poi ospitiamo gli scienziati Davide e Irene, in arrivo dalla conferenza internazionale sui neutrini con due favolosi gadget per noi altri ignorantoni

    Poveri ma belli - 19-06-2024

Adesso in diretta