Approfondimenti

Le ultime sul nubifragio nelle Marche, la conferenza stampa di Draghi e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di venerdì 16 settembre 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Strade come fiumi, fango e alberi abbattuti. Nove morti accertati e quattro dispersi, tra cui due bambini, nel nubifragio che ha colpito le province di Ancona e Pesaro-Urbino, nelle Marche. Nella sua ultima conferenza stampa da premier prima del voto Mario Draghi ha risposto a diverse domande dei giornalisti, dal suo futuro in politica al dossier sui fondi russi. Il punto sulla guerra in Ucraina con il nostro inviato Emanuele Valenti. Un ragazzo di diciotto anni è morto questo pomeriggio in un incidente a San Donà di Piave, Venezia, specializzata nella lavorazione del metallo: era uno studente di un istituto 
tecnico di Portogruaro e si trovava in azienda per uno stage. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

L’Ordine dei geologi: “Nessuna prevenzione”

Cinquecento vigili del fuoco, protezione civile, sindaci e volontari sono al lavoro per liberare da fango e detriti le strade e le case dei Comuni travolti dal nubifragio di ieri in provincia di Ancona e Pesaro Urbino. Secondo i dati del Cnr, in poche ore, sono cadute piogge come nelle Marche si vedevano, in media, nell’arco di sei mesi.
La prefettura di Ancona ha accertato finora nove vittime, quattro le persone ancora disperse, tra di loro ci sono due bambini. 150 gli sfollati, la maggioranza sono a Senigallia, a Ostra e Cantiano. A Cantiano abbiamo raggiunto Emanuela Luchini, che coordinando i lavori dei volontari.

Alcuni dei sindaci delle località più colpite hanno detto di non essere stati avvisati: “Le previsioni del meteo avevano previsto solo un’allerta gialla, il grado più basso di allarme”. Alluvioni ed esondazioni non sono però una novità in quelle zone delle Marche: “Già otto anni avevamo raccomandato opere di prevenzione che non sono state fatte” racconta ai nostri microfoni il presidente dell’Ordine regionale dei geologi Piero Farabollini.

Il Consiglio dei ministri ha deliberato lo stato di emergenza su tutta la regione, il governo ha stanziato cinque milioni di euro per i primi interventi.

 

L’ultima conferenza stampa da premier per Mario Draghi

(di Anna Bredice)

E’ un no che non lascia dubbi. Draghi dà una risposta secca e negativa a chi gli chiede se è pronto ad accettare un secondo mandato. E’ un no, ma tutti i suoi ministri, aggiunge, li vedrebbe bene in un qualunque altro governo, compreso il ministro dell’economia Franco. Il presidente del Consiglio dimissionario è sembrato molto rilassato nell’ultima conferenza stampa prima del voto, ha risposto togliendosi in parecchie occasioni alcuni sassolini dalle scarpe. Sulle sanzioni e le armi alla Russia e le giravolte di parecchi partiti su questo tema, sulla delega fiscale per la quale un partito non ha mantenuto la parola data, nel mirino sembrano esserci soprattutto la Lega di Salvini e poi anche i Cinque stelle, ma Draghi non sembra ferito da tutto questo, la sua esperienza è come se fosse ormai alle sue spalle, ma ciò che ripete e a cui sembra tenere molto è la convinzione che la democrazia italiana sia salda, e lo dice a proposito dei fondi russi, ma sembra quasi un richiamo anche a chi pensa e dice che un governo di destra, guidato da Giorgia Meloni, possa mettere a rischio il sistema democratico. “E’ forte e non si fa abbattere da nemici esterni e dai loro pupazzi prezzolati”, dice Draghi aggiungendo che è “cosa nota che la Russia ha cercato negli ultimi vent’anni di fare un’opera di corruzione di molti paesi europei”. In ogni caso la condotta di alcuni partiti nei rapporti con la Russia e la guerra in Ucraina non è piaciuta a Draghi: “Non condivido chi dice che il Pnrr non va bene, oppure chiede di togliere le sanzioni e parla di nascosto con i russi. O chi ora si rallegra dell’avanzata ucraina, ma ha votato no alle armi”. Draghi sembra avere molta fiducia nella forza delle istituzioni, più che nei comportamenti di alcuni partiti del suo governo. Nello stesso tempo non mostra nessun timore verso l’eventualità di un governo di destra, si irrigidisce alla fine alla domanda sui rapporti con Giorgia Meloni, se è vero che le dà consigli e sarebbe pronto a collaborare con lei. “Ho rapporti normali con tutti i leader di partito”, reagisce un po’ piccato concludendo la conferenza stampa.

Il punto sulla guerra in Ucraina

Oggi nel Donbass sono stati uccisi il procuratore generale della autoproclamata repubblica di Lugansk, e il suo vice. Una bomba è esplosa nel loro ufficio. Lo hanno riferito fonti russe che accusano gli ucraini dell’attentato. Mentre questa mattina le Nazioni Unite hanno annunciato di voler inviare una squadra di esperti dopo che ieri sera il presidente Zelensky ha denunciato la scoperta di una fossa comune a Izyum, città riconquistata dal suo esercito nella regione nord-orientale di Arkiv. Secondo il capo della polizia sono stati trovati circa 450 corpi. Altre denunce sono arrivate oggi su persone imprigionate e torturate durante l’occupazione Russa. Sul campo di battaglia nel pomeriggio ci sono state forti esplosioni a Melitopol città occupata dai russi nella regione ucraina di Zaporizhzhia. Secondo fonti di Kiev è stato colpito l’aeroporto. Proseguono i combattimenti anche nella regione di Kharkiv nel nord est. Il nostro inviato Emanuele Valenti si trova a pochi kilometri da Karkiv nella regione di Sumy. Ascoltiamolo.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

https://twitter.com/RegLombardia/status/1570789996998656002

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 19/07 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 19-07-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 19/07/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 19-07-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 19/07/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 19-07-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Jukebox & Slot Machine di sabato 20/07/2024

    Come molte altre cose, un luogo è definito dalle funzioni che dentro di esso si possono svolgere. Un po' come l'ambiente che ci circonda può essere più o meno ostile. Ne consegue che la presenza ormai capillare in Italia delle macchinette da gioco d'azzardo nei bar, qualcosa deve aver cambiato rispetto a quando la possibile macchina-mangia-monetine che si rischiava di incontrare sotto casa, invece che vacue promesse di un'antidoto alla disperazione della povertà, spacciava il lato di un 45 giri o al massimo anni dopo qualche giocosa avventura con le fattezze del cartone animato. In quell'epoca invece che un semplice schermo e dei bottoni, le slot-machine confinate ai casinò avevano una manopola e dei rulli che scorrevano prima di dare un responso in forma di immagini miste o uguali, spesso non casualmente in tema di frutta, poiché la natura costruisce sopra l'esistente invece che sostituirlo ed il cervello sapiens non fa eccezione. una banana, delle ciliegie, una mela? ciliegie, ciliegie e un'ananas? tre pere? sono tutte combinazioni possibili. parafrasando un celebre umanista e compositore, si potrebbe dire che "these are tunes that go together well", o almeno così ci auguriamo che sarà. anche perché dalle retrovie pare si dica che "vincere sempre è come non vincere mai".

    Jukebox & Slot Machine - 19-07-2024

  • PlayStop

    Doppia Acca di venerdì 19/07/2024

    Dal 2011 è la trasmissione dedicata all’hip-hop di Radio Popolare.

    Doppia_Acca - 19-07-2024

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 19/07/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 19-07-2024

  • PlayStop

    Conduzione musicale di venerdì 19/07/2024 delle 21:30

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che serve!

    Conduzione musicale - 19-07-2024

  • PlayStop

    Popsera di venerdì 19/07/2024

    Popsera è lo spazio che dedicheremo all’informazione dalla prima serata per tutta l’estate e nel periodo festivo di fine anno. Si comincia alle 18.00 con le notizie nazionali e internazionali, per poi dare la linea alle 19.30 al giornale radio. Popsera riprende con il Microfono aperto, per concludersi alle 20.30. Ogni settimana in onda un giornalista della nostra redazione.

    Popsera - 19-07-2024

  • PlayStop

    Poveri ma in ferie di venerdì 19/07/2024

    Quando arriva finalmente il weekend e possiamo fare mille pisolini ma anche mille balli in Balera. Puntata ricca di ospiti con i fondi di coesione europei che oggi ci portano all’interno delle scuole, la missione Manda un clown a quel paese e la super rubrica Cegna, Cegna edition.

    Poveri ma belli - 19-07-2024

  • PlayStop

    Parla con lei di venerdì 19/07/2024

    Ospite della puntata di oggi Elena Liverani , professoressa di lingua e cultura spagnola nonché traduttrice ufficiale di Isabelle Allende. Con lei abbiamo parlato del mestiere del traduttore e del rapporto con libri e autori.

    Parla con lei - 19-07-2024

  • PlayStop

    Conduzione musicale di venerdì 19/07/2024 delle 14:30

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che serve!

    Conduzione musicale - 19-07-2024

  • PlayStop

    La rotta atlantica: la traversata mortale verso l'Europa

    La rotta delle Canarie è tornata a essere una delle più mortali al mondo, con un aumento del 167% di migranti quest'anno, arrivando a circa 19.000 persone. Partendo dal Senegal o dalla Mauritania, questi migranti cercano di raggiungere le isole spagnole e successivamente l'Europa continentale. Secondo un report della ONG Caminando Fronteras, oltre 4.000 persone hanno perso la vita tentando questa traversata. La scelta di questa rotta pericolosa è dovuta alla crescente militarizzazione del Mediterraneo. Sara Dell’Acqua ha intervistato Edurne Gautxori, traduttrice della Croce Rossa a El Hierro, l'isola dell'arcipelago delle Canarie più lontana dalle coste africane.

    Clip - 19-07-2024

  • PlayStop

    Il Filo della Storia - Attivismo & bigodini

    Attivismo & bigodini: come le parrucchiere afroamericane trasformarono i loro saloni in un luogo di potere e lotte civili. A cura di Alba Solaro

    Il Filo della Storia - 19-07-2024

  • PlayStop

    Cult di venerdì 19/07/2024

    Cult è condotto da Ira Rubini e realizzato dalla redazione culturale di Radio Popolare. Cult è cinema, arti visive, musica, teatro, letteratura, filosofia, sociologia, comunicazione, danza, fumetti e graphic-novels… e molto altro! Cult è in onda dal lunedì al venerdì dalle 10.00 alle 11.30. La sigla di Cult è “Two Dots” di Lusine. CHIAMA IN DIRETTA: 02.33.001.001

    Cult - 19-07-2024

  • PlayStop

    Giorni migliori di venerdì 19/07/2024

    Oggi abbiamo parlato del discorso di Trump alla convention repubblicana e del possibile ritiro di Biden dalla corsa presidenziale con Roberto Festa. Dell’elezione di Ursula Von der Leyen grazie al voto determinante dei Vardi con Monica Frassoni. Un ricordo del G8 di Genova 23 anni dopo con Lorenzo Guadagnucci e della situazione migratoria nelle Canarie con un’intervista a una traduttrice della Croce Rossa che lavora lì

    Giorni Migliori – Intro - 19-07-2024

Adesso in diretta