Approfondimenti

Le ultime sul nubifragio nelle Marche, la conferenza stampa di Draghi e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di venerdì 16 settembre 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Strade come fiumi, fango e alberi abbattuti. Nove morti accertati e quattro dispersi, tra cui due bambini, nel nubifragio che ha colpito le province di Ancona e Pesaro-Urbino, nelle Marche. Nella sua ultima conferenza stampa da premier prima del voto Mario Draghi ha risposto a diverse domande dei giornalisti, dal suo futuro in politica al dossier sui fondi russi. Il punto sulla guerra in Ucraina con il nostro inviato Emanuele Valenti. Un ragazzo di diciotto anni è morto questo pomeriggio in un incidente a San Donà di Piave, Venezia, specializzata nella lavorazione del metallo: era uno studente di un istituto 
tecnico di Portogruaro e si trovava in azienda per uno stage. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

L’Ordine dei geologi: “Nessuna prevenzione”

Cinquecento vigili del fuoco, protezione civile, sindaci e volontari sono al lavoro per liberare da fango e detriti le strade e le case dei Comuni travolti dal nubifragio di ieri in provincia di Ancona e Pesaro Urbino. Secondo i dati del Cnr, in poche ore, sono cadute piogge come nelle Marche si vedevano, in media, nell’arco di sei mesi.
La prefettura di Ancona ha accertato finora nove vittime, quattro le persone ancora disperse, tra di loro ci sono due bambini. 150 gli sfollati, la maggioranza sono a Senigallia, a Ostra e Cantiano. A Cantiano abbiamo raggiunto Emanuela Luchini, che coordinando i lavori dei volontari.

Alcuni dei sindaci delle località più colpite hanno detto di non essere stati avvisati: “Le previsioni del meteo avevano previsto solo un’allerta gialla, il grado più basso di allarme”. Alluvioni ed esondazioni non sono però una novità in quelle zone delle Marche: “Già otto anni avevamo raccomandato opere di prevenzione che non sono state fatte” racconta ai nostri microfoni il presidente dell’Ordine regionale dei geologi Piero Farabollini.

Il Consiglio dei ministri ha deliberato lo stato di emergenza su tutta la regione, il governo ha stanziato cinque milioni di euro per i primi interventi.

 

L’ultima conferenza stampa da premier per Mario Draghi

(di Anna Bredice)

E’ un no che non lascia dubbi. Draghi dà una risposta secca e negativa a chi gli chiede se è pronto ad accettare un secondo mandato. E’ un no, ma tutti i suoi ministri, aggiunge, li vedrebbe bene in un qualunque altro governo, compreso il ministro dell’economia Franco. Il presidente del Consiglio dimissionario è sembrato molto rilassato nell’ultima conferenza stampa prima del voto, ha risposto togliendosi in parecchie occasioni alcuni sassolini dalle scarpe. Sulle sanzioni e le armi alla Russia e le giravolte di parecchi partiti su questo tema, sulla delega fiscale per la quale un partito non ha mantenuto la parola data, nel mirino sembrano esserci soprattutto la Lega di Salvini e poi anche i Cinque stelle, ma Draghi non sembra ferito da tutto questo, la sua esperienza è come se fosse ormai alle sue spalle, ma ciò che ripete e a cui sembra tenere molto è la convinzione che la democrazia italiana sia salda, e lo dice a proposito dei fondi russi, ma sembra quasi un richiamo anche a chi pensa e dice che un governo di destra, guidato da Giorgia Meloni, possa mettere a rischio il sistema democratico. “E’ forte e non si fa abbattere da nemici esterni e dai loro pupazzi prezzolati”, dice Draghi aggiungendo che è “cosa nota che la Russia ha cercato negli ultimi vent’anni di fare un’opera di corruzione di molti paesi europei”. In ogni caso la condotta di alcuni partiti nei rapporti con la Russia e la guerra in Ucraina non è piaciuta a Draghi: “Non condivido chi dice che il Pnrr non va bene, oppure chiede di togliere le sanzioni e parla di nascosto con i russi. O chi ora si rallegra dell’avanzata ucraina, ma ha votato no alle armi”. Draghi sembra avere molta fiducia nella forza delle istituzioni, più che nei comportamenti di alcuni partiti del suo governo. Nello stesso tempo non mostra nessun timore verso l’eventualità di un governo di destra, si irrigidisce alla fine alla domanda sui rapporti con Giorgia Meloni, se è vero che le dà consigli e sarebbe pronto a collaborare con lei. “Ho rapporti normali con tutti i leader di partito”, reagisce un po’ piccato concludendo la conferenza stampa.

Il punto sulla guerra in Ucraina

Oggi nel Donbass sono stati uccisi il procuratore generale della autoproclamata repubblica di Lugansk, e il suo vice. Una bomba è esplosa nel loro ufficio. Lo hanno riferito fonti russe che accusano gli ucraini dell’attentato. Mentre questa mattina le Nazioni Unite hanno annunciato di voler inviare una squadra di esperti dopo che ieri sera il presidente Zelensky ha denunciato la scoperta di una fossa comune a Izyum, città riconquistata dal suo esercito nella regione nord-orientale di Arkiv. Secondo il capo della polizia sono stati trovati circa 450 corpi. Altre denunce sono arrivate oggi su persone imprigionate e torturate durante l’occupazione Russa. Sul campo di battaglia nel pomeriggio ci sono state forti esplosioni a Melitopol città occupata dai russi nella regione ucraina di Zaporizhzhia. Secondo fonti di Kiev è stato colpito l’aeroporto. Proseguono i combattimenti anche nella regione di Kharkiv nel nord est. Il nostro inviato Emanuele Valenti si trova a pochi kilometri da Karkiv nella regione di Sumy. Ascoltiamolo.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

https://twitter.com/RegLombardia/status/1570789996998656002

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 07/10/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 10/07/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 07/10/2022 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 10/07/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di venerdì 07/10/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 10/07/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di venerdì 07/10/2022

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 10/07/2022

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 06/10/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 10/06/2022

  • PlayStop

    Live Pop di giovedì 06/10/2022

    Dal 15 settembre, ogni giovedì alle 21, l’auditorium Demetrio Stratos di Radio Popolare torna ad ospitare concerti, presentazioni di libri,…

    Live Pop - 10/06/2022

  • PlayStop

    Live Pop di giovedì 06/10/2022

    Dal 15 settembre, ogni giovedì alle 21, l’auditorium Demetrio Stratos di Radio Popolare torna ad ospitare concerti, presentazioni di libri,…

    Live Pop - 10/06/2022

  • PlayStop

    Camere Oscure di giovedì 06/10/2022

    Camere Oscure è la trasmissione che Radio Popolare dedica alla campagna elettorale. Da lunedì 12 a venerdi' 24 settembre, tutti…

    Camere Oscure - 10/06/2022

  • PlayStop

    Esteri di giovedì 06/10/2022

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di…

    Esteri - 10/06/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di giovedì 06/10/2022

    (18 - 209) Dove si va alla scoperta, con ascoltatori e ascoltatrici, di Annie Ernaux premio Nobel 2022 per la…

    Muoviti muoviti - 10/06/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di giovedì 06/10/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 10/06/2022

  • PlayStop

    Madeleines di giovedì 06/10/2022

    Un ricordo può arrivare inaspettato, portandosi dietro la nostalgia di un mondo. Basta un accordo, una canzone, un suono. In…

    Madeleines - 10/06/2022

  • PlayStop

    Jack di giovedì 06/10/2022

    Ospite telefonico Mauro Valenti per parlare dell'Arezzo Wave Love Festival 2022

    Jack - 10/06/2022

  • PlayStop

    David Bidussa ospite di Ira Rubini

    David Bidussa è stato ospite dello spazio dedicato alle riflessioni sul presente storico e politico di Cult, insieme a Ira…

    Clip - 10/06/2022

  • PlayStop

    David Bidussa ospite di Ira Rubini

    David Bidussa è stato ospite dello spazio dedicato alle riflessioni sul presente storico e politico di Cult, insieme a Ira…

    Clip - 10/06/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di giovedì 06/10/2022

    Oggi con Rosario Balestrieri ornitologo del CISO e responsabile scientifico e Arnaldo Iudico organizzatore del campo Migrandata Cervati sul passaggio…

    Considera l’armadillo - 10/06/2022

  • PlayStop

    Poveri ma belli di giovedì 06/10/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 10/06/2022

  • PlayStop

    Cult di giovedì 06/10/2022

    Oggi a Cult: "The Matchmaker" di Benedetta Argentieri all'Anteo Palazzo del Cinema di Milano; Piercarlo Sacco, il violino di Sentieri…

    Cult - 10/06/2022

  • PlayStop

    Pubblica di giovedì 06/10/2022

    «Sul lavoro stiamo assistendo ad una forma moderna di ciò che era la servitù della gleba nel Medioevo». Alain Supiot…

    Pubblica - 10/06/2022

  • PlayStop

    Microfono aperto di giovedì 06/10/2022

    Vita, politica, storie, dibattito, confronto, scontro. La formula: un tema, un conduttore, degli ospiti e voi. Dalla notizia del momento…

    Microfono aperto - 10/06/2022

Adesso in diretta