Approfondimenti

Ilaria Salis è libera, il giorno del Papa al G7 e le altre notizie della giornata

Ilaria Salis liberata

Il racconto della giornata di venerdì 14 giugno 2024 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Ilaria Salis è stata liberata, la polizia ungherese le ha tolto il bracciale elettronico. Al G7 in corso in Puglia oggi è stato il giorno di Papa Francesco. Vladimir Putin ha detto che il suo paese è pronto a un cessate il fuoco, se Kiev si impegna a non entrare nella Nato e se rinuncia alle regioni di Donetsk, Lugansk, Zaporigia e Kherson. Per il terzo giorno consecutivo gli Hezbollah libanesi hanno lanciato decine di razzi verso il nord d’Israele. Ci sono stati altri due suicidi nelle carceri italiane. L’ultimo rapporto di Almalaurea evidenzia il problema dell’ascensore sociale bloccato.

L’intervento del Papa al G7

Al G7 in corso in Puglia oggi è stato il giorno di Papa Francesco. Il pontefice è stato invitato dalla presidenza italiana per parlare di intelligenza artificiale, tema che il papa ha affrontato soprattutto da un punto di vista etico e legandolo strettamente alla questione della pace. “E’ l’uomo che deve sempre decidere” ha detto Bergoglio, “non le macchine”, sottolineando l’importanza della politica per il futuro del mondo, anche davanti all’avanzamento tecnologico. Papa Francesco ha poi lanciato un appello ai leader dei G7, chiedendo l’abolizione delle armi letali autonome: “Nessuna macchina dovrebbe mai scegliere se togliere la vita ad un essere umano”, ha detto.

C’era grande attesa per il suo discorso, anche perché è stata la prima volta che un capo religioso partecipava ad un G7.
Ne abbiamo parlato con Giorgia Serughetti, docente di filosofia politica all’università bicocca di milano.

 

Alla presenza del Papa al vertice è stata legata anche l’eliminazione della parola “aborto” dalla bozza del documento finale. Nel Polemica alla quale si è poi unita quella sollevata dal giornale americano Bloomberg secondo cui dalla bozza sarebbe stata tolta anche la menzione alla protezione dei diritti LGBT. Notizia poi smentita sia dalla presidenza italiana che dall’ultima versione della bozza visionata dalle Agenzie.

(di Anna Bredice)
E’ probabile che per Giorgia Meloni sia stato un boccone un po’ indigesto aver sottoscritto nella bozza finale del G7 l’impegno di tutti gli Stati per raggiungere l’uguaglianza di genere, la condanna e la preoccupazione per la riduzione dei diritti delle persone Lgbtq+ e l’impegno per la loro partecipazione in tutte le sfere della società. Anche se questo tema era stato inserito già nel documento di Hiroshima, viene ribadito ora anche in quello conclusivo del vertice di Brindisi, alla vigilia delle manifestazioni del pride a Roma e in altre città. Forse Giorgia Meloni avrebbe preferito che finisse come per il punto sull’aborto, parola che non sarà citata nelle conclusioni, ma si fa esplicito riferimento agli accordi di Hiroshima che l’Italia ha condiviso e accetta. Magari sarebbe stata meno esposta sul fronte interno quando dovrà vedersela con Matteo Salvini, che ha candidato e fatto eleggere con 500 mila voti un generale dell’esercito che affermava che gli “omosessuali non sono normali”. La realpolitik ed essere presidente del G7 ha costretto Giorgia Meloni a negare uno scontro con Macron derubricando tutto come campagna elettorale del Presidente francese. E’ possibile che sia anche così, che ci sia un interesse politico sia americano che francese ad esasperare questo tema in vista del voto in entrambi i paesi, con Von Der Layen che tace preoccupata, visto che su questi argomenti si giocheranno anche molto delle alleanze per la prossima Commissione europea. Sull’aborto sarà stata anche la presenza del Papa, ma la parola non è riportata nel documento finale, è vero che gli impegni erano stati presi, ma ora si leggerà solo questa frase: “l’impegno a servizi sanitari adeguati, compresi la salute sessuale e riproduttiva delle donne”.

 

Putin ha detto di essere pronto ad un cessate il fuoco

Mentre in Puglia è in corso il G7 e alla vigilia della conferenza di pace in Svizzera a cui parteciperà l’Ucraina ma non la Russia, oggi Vladimir Putin ha detto che il suo paese è pronto a un cessate il fuoco, se Kiev si impegna a non entrare nella Nato e se rinuncia alle regioni di Donetsk, Lugansk, Zaporigia e Kherson. “Non c’è nessuna novità e nessun desiderio di porre fine alla guerra, è una farsa” ha risposto il più importante consigliere di Zelensky, Mychajlo Podoljak. Il capo della Nato Stoltenberg ha commentato le parole di Putin dicendo “non è una proposta di pace, ma di maggiore aggressione”. Al momento infatti le forze russe non hanno il controllo completo delle regioni citate da Putin. “E’ stato lui a occupare illegalmente il territorio ucraino e non è nella posizione di dettare all’Ucraina cosa fare” ha dichiarato il ministro della difesa statunitense Austin.

Cresce la tensione al confine tra Libano e Israele

Resta alta la tensione tra Libano e Israele. Per il terzo giorno consecutivo gli Hezbollah libanesi hanno lanciato decine di razzi verso il nord d’Israele. Le sirene d’allarme hanno suonato in più momenti per tutto il giorno.
In serata sono scoppiati altri incendi, che i vigili del fuoco stanno ancora cercando di contenere. Secondo media israeliani l’esercito avrebbe fatto richiesta di spostare uomini e forze verso il fronte nord. Un alto funzionario Hezbollah oggi ha detto che questi intensi attacchi mostrano a Israele quale sarebbe il prezzo di una guerra totale contro il Libano. Eventualità che la comunità internazionale sta cercando di scongiurare, spingendo su una de-escalation.
Anche a Gaza intanto i bombardamenti israeliani non si fermano. In particolare prosegue l’intensa operazione militare su Rafah. Secondo Hamas, proprio qui, in un raid aereo israeliano di qualche giorno fa, sarebbero stati uccisi due ostaggi. Il gruppo palestinese ha detto che nessuno ha idea di quanti siano gli ostaggi ancora in vita. Nella striscia è in continuo peggioramento anche la situazione umanitaria. Il world food programma ha lanciato l’ennesimo allarme per una carestia sempre più grave. Decine di bambini sono a rischio di morire di fame, mentre i camion con gli aiuti umanitari continuano ad essere bloccati ai check point.

Ilaria Salis è stata liberata

Ilaria Salis festeggerà lunedì il suo quarantesimo compleanno a casa.
“Vado a prenderla e me la porto a casa io” ha detto il padre Roberto prima di partire per Budapest. La lieta notizia ai famigliari è arrivata a sorpresa oggi verso mezzogiorno quando la polizia ungherese le ha tolto il braccialetto elettronico. Dopo 16 mesi di detenzione Ilaria potrà tornare in Italia.

“Sono molto contento – ha detto Roberto Salis – sto cercando di organizzare il rientro il più velocemente possibile”.

L’avvocato ungherese ha detto che l’autorità giudiziaria ungherese nelle prossime settimane potrebbe chiedere al Parlamento europeo l’autorizzazione a procedere contro l’eurodeputata, chiedendo che le venga tolta l’immunità scattata con l’elezione a Bruxelles.

Intanto oggi per Ilaria Salis è stata una giornata di ritrovata piena libertà e felicità. Sentiamo l’avvocato Eugenio Losco che l’ha sentita appena liberata

 

Altri due suicidi nelle carceri italiane

Nel penitenziario di Biella la scorsa notte un detenuto di nazionalità romena di 46 anni è stato trovato morto impiccato con una corda rudimentale legata alle inferriate della propria cella. L’altro suicidio nel carcere di Ariano Irpino, un detenuto italiano di 38 anni.

Dall’inizio dell’anno 42 detenuti si sono tolti la vita. Oggi il Consiglio d’Europa si è detto molto preoccupato per l’alto numero di suicidi nelle carceri italiane e ha chiesto al governo di intervenire urgentemente.

L’ultimo suicidio, come dicevamo, è stato nel carcere di Ariano Irpino, in provincia di Avellino. In Campania ci sono stati sei suicidi da gennaio.
Sentiamo il garante dei detenuti della regione Campania e portavoce nazionale dei garanti Samuele Ciambriello

 

I laureati italiani scappano all’estero

(di Massimo Alberti)
Stipendi bassi, meno occupazione: e così i laureati italiani se ne vanno all’estero. E’ quanto emerge dall’ultimo rapporto di Almalaurea, che evidenzia un altro problema, quello dell’ascensore sociale bloccato. Arriva alla laurea soprattutto chi è già figlio di un laureato. Almalaurea è un consorzio che si occupa di intermediazione, ricerca e selezione del personale. A partire da questo contesto, il rapporto annuale fornisce dati interessanti che fotografano la situazione di questo grado di istruzione rispetto all’occupazione, al livello salariale, all’ascensore sociale. Quest’ultimo si conferma il più preoccupante: l’Italia è la peggiore in Europa per quota di laureati: circa il 20%. Ma tra i figli di laureati, si sale a uno su tre. Uno su cinque proviene da una famiglia di imprenditori, liberi professionisti e dirigenti. Circa il 40 per cento dei laureati in Giurisprudenza e in Medicina sono figli di avvocati, magistrati, notai, medici. Insomma una laurea per eredità, che smentisce la retorica del merito, perché le condizioni di partenza che si ereditano sono determinanti. L’altra fotografia è quella del livello di occupazione; Mentre seguendo la tendenza generale del mercato, dove le aziende puntano a tenersi strette determinate competenze, aumentano i contratti a tempo indeterminato, per la prima volta da 12 anni (con l’ovvia parentesi Covid) il tasso di occupazione a un anno dalla laurea è sceso di oltre un punto percentuale. E tra chi il lavoro lo trova, o meglio lo accetta, arriva il terzo problema: quello dei bassi stipendi. Un laureato in Italia guadagna fino al 60% meno che all’estero. A 5 anni dalla laurea, si sta in una forchetta media tra i 1384 e i 1768 euro. Tra le categorie gli stipendi più bassi sono degli insegnanti: 1412 euro. In questo quadro cresce il numero di chi rifiuta stipendi troppo bassi o offerte di lavoro non in linea col proprio percorso di studi. E chi può dunque, se ne va altrove. Un quadro che si integra con le difficoltà generali del paese.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR domenica 21/07 17:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 21-07-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 21/07/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 21-07-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 19/07/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 19-07-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Soulshine di domenica 21/07/2024

    Soulshine è un mix eclettico di ultime uscite e classici immortali fra soul, world music, jazz, funk, hip hop, afro beat, latin, r&b, ma anche, perchè no?, un po’ di sano rock’n’roll. L’obiettivo di Soulshine è ispirarvi ad ascoltare nuova musica, di qualsiasi decennio: scrivetemi i vostri suggerimenti e le vostre scoperte all’indirizzo e-mail cecilia.paesante@gmail.com oppure su Instagram (cecilia_paesante) o Facebook (Cecilia Paesante).

    Soulshine - 21-07-2024

  • PlayStop

    Supertele di domenica 21/07/2024

    I momenti più dorati nei nostri ricordi sono spesso legati ai caldi mesi di giugno, luglio e agosto. Supertele sa di malinconia, di nostalgia ma anche di divertimento, di spensieratezza. Supertele sa di estate. Musica e racconti di Elisa Graci. La Domenica alle 15.35 su Radio Popolare.

    Supertele - 21-07-2024

  • PlayStop

    Fatty Furba La Radio di domenica 21/07/2024

    Fatty Furba La Radio è la versione radiofonica e tutta dedicata al mondo della musica, senza filtry, genery ed età, del Podcast, che potete trovare su tutte le piattaforme di streaming. Margherita Devalle (Fatty Furba), attraverso interviste con artiste, addette ai lavori e tanta musica fresh vi porterà alla scoperta del dietro le quinte della musica contemporanea. Ah dimenticavo, Fatty Furba con la Y Aiuto redazione: Chiara Narciso Video: Margherita Mazzera Sigla: Francesco Sacco

    Fatty Furba La Radio - 21-07-2024

  • PlayStop

    Dieci città di domenica 21/07/2024

    "Dieci Città - 10 voci x 10 storie" è una trasmissione che esplora il fascino e l'influenza di dieci città attraverso gli occhi di dieci diversi conduttori di RP. Ogni episodio offre un viaggio unico, rivelando come l'atmosfera, la cultura e l'energia di ogni città plasmano la vita e le esperienze di chi le abita o le visita. Un racconto coinvolgente che intreccia storie personali e scoperte urbane.

    Dieci Città - 21-07-2024

  • PlayStop

    Camera a sud di domenica 21/07/2024

    Un'ora di radio per anime volatili

    Camera a sud - 21-07-2024

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 21/07/2024

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown trendaioli. La bruss e la steppa. Yak e orsetti lavatori. Il mal d’Africa e le pastiglie di xamamina per chi sta male sui traghetti. Calepini e guide di viaggio. Zaini e borracce. Musiche del mondo e lullabies senza tempo. Geografie fantastiche ed escursioni metafisiche. Nel blog di Onde Road tutti i dettagli delle trasmissioni.

    Onde Road - 21-07-2024

  • PlayStop

    Archivio Ricordi di domenica 21/07/2024

    Era da tempo che pensavo ad un nuovo programma, e non mi accorgevo che era già lì…ma dove? Semplice, nei vari supporti magnetici e negli hard disk dei miei due pc contenenti i miei incontri musicali (che non voglio chiamare interviste) degli ultimi quarantasei anni: quindi oramai un archivio, un archivio di parole e di voci che raccontano e portano alla musica! Quindi un archivio parlato, un Archivio Ricordi, da non confondere con quello cartaceo iniziato duecento anni fa dal mio antenato Giovanni, che ci ha conservato - tra le altre - la storia del melodramma: quello è l’Archivio storico Ricordi. Il mio non è ancora storico ma ci manca poco, eppoi vale la continuità: dalla conservazione su carta a quella digitale, tutto scorre… Ad ogni puntata un personaggio: spesso musicista, o in qualche modo legato alla musica, e non proprio un’intervista ma una conversazione con un’intelligenza musicale, potremmo dire. Qualche nome per le prime settimane? Bruno Canino, Claudio Abbado, Giorgio Gaslini, Franco Battiato, Maurizio Pollini, Riccardo Chilly, Sergio Endrigo, Karlheinz Stockhausen, Ennio Morricone… Un archivio sonoro che non si ferma, e che mentre racconta nel passato continua ad alimentarsi nel presente. E senza accorgerci ci troveremo su un sentiero della Storia della Musica. Buon ascolto. Claudio Ricordi settembre 2022

    Archivio Ricordi - 21-07-2024

  • PlayStop

    Microfono aperto di domenica 21/07/2024

    Vita, politica, storie, dibattito, confronto, scontro. La formula: un tema, un conduttore, degli ospiti e voi. Dalla notizia del momento alla vita di tutti i giorni: si parla di tutto e c’è spazio per tutti. Basta telefonare e argomentare. Il Microfono Aperto è nato insieme a Radio Popolare e ne resta un cardine. Negli anni ha cambiato conduttori, forma, orari, durata, non la sostanza: la voce alle ascoltatrici e agli ascoltatori, la loro opinione, il loro punto di vista sulle cose.

    Microfono aperto del sabato - 21-07-2024

  • PlayStop

    Apertura musicale classica di domenica 21/07/2024

    La musica classica e le sue riverberazioni con Carlo Lanfossi per augurare un buon risveglio a “tutte le mattine del mondo”. Novità discografiche, segnalazioni di concerti, rassegna stampa musicale e qualunque altra scusa pur di condividere con voi le musiche che ascolto, ho ascoltato e ascolterò per tutta la settimana.

    Apertura musicale classica - 21-07-2024

  • PlayStop

    Jazz Ahead di sabato 20/07/2024

    Dischi nuovi, progetti attivi, concerti imminenti, ospiti appassionati, connessi al più che ampio e molto vivo mondo del Jazz e delle sue conseguenze. Musica, soprattutto, scelta con il desiderio di dare spazio alla scena contemporanea di un genere con un passato importante, ma la cui storia è ancora, decisamente, in corso. La sigla del programma è Theme Nothing di Jaimie Branch. A cura di Nina Terruzzi, in onda per l'estate ogni sabato dalle 23.45 alle 00.45

    Jazz Ahead - 20-07-2024

  • PlayStop

    Snippet di sabato 20/07/2024

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45 (tranne il primo sabato di ogni mese)

    Snippet - 20-07-2024

  • PlayStop

    News della notte di sabato 20/07/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 20-07-2024

  • PlayStop

    Blue Lines di sabato 20/07/2024

    Conduzione musicale a cura di Chawki Senouci

    Blue Lines - 20-07-2024

  • PlayStop

    Mash-Up di sabato 20/07/2024

    Arriva l’estate e Mash Up si trasforma in un cocktail party, offerto dal tramonto alla sera dei vostri sabati calienti. Mischia e shakera il vostro dj per matrimoni impossibili Piergiorgio Pardo. Servire con ghiaccio bollente. Mail: mischionepopolare@gmail.com

    Mash-Up - 20-07-2024

Adesso in diretta