Approfondimenti

La fine della tregua e lo stop agli aiuti umanitari, i nuovi dettagli sul caso Delmastro e le altre notizie della giornata

bombardamenti Gaza ANSA

Il racconto della giornata di venerdì 1° dicembre 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. La tregua tra Hamas e Israele, durata 7 giorni, è finita e Israele ha ripreso i bombardamenti lungo tutta la striscia di Gaza: i morti da questa mattina sono 178. Le opposizioni stanno valutando la possibilità di presentare una mozione di sfiducia unitaria contro il sottosegretario Delmastro. La Procura di Milano ha avviato un’indagine sul Cpr di via Corelli dopo anni di segnalazioni e denunce. Mattarella ha firmato la legge che punta a vietare la produzione e commercializzazione di carne coltivata in Italia e il testo è stato trasmesso a Bruxelles, ma il provvedimento potrebbe avere vita molto breve.

La fine della tregua cambia l’epicentro dei bombardamenti

La tregua tra Hamas e Israele, durata 7 giorni, è finita. Israele ha ripreso i bombardamenti lungo tutta la striscia di Gaza. I morti da questa mattina sono 178, compresi tre giornalisti, e numerosi sono anche i feriti che tornano ad affollare gli ospedali già al collasso. L’esercito israeliano ha detto di aver colpito 200 obiettivi da questa mattina. Intanto il gruppo libanese di Hezbollah ha rivendicato un attacco contro soldati israeliani lungo la frontiera con Israele, mentre i media libanesi riportano che un bombardamento israeliano ha ucciso due civili nel sud del Paese. Lo scambio segna la fine della tregua anche lungo questo fronte.
Con la ripresa della guerra, anche centinaia di camion di aiuti sono stati bloccati al valico di Rafah e non sono entrati nella striscia pesando su una popolazione allo stremo e che ora, secondo quanto si apprende dall’esercito israeliano, saranno costretti ad evacuare di nuovo, anche dal sud della striscia.

(di Martina Stefanoni)

Li abbiamo visti camminare per chilometri e chilometri, a bordo di asini e cavalli i più fortunati, a piedi tutti gli altri, con anziani e malati in sedia a rotelle, migliaia e migliaia di bambini e ragazzini abbracciati ai loro genitori. Sono andati dal nord della striscia e da Gaza City, verso il sud, perché così chiedeva Israele e perché la situazione al nord stava diventando incompatibile con la vita. Poi c’è stata la tregua. 7 giorni di respiro in cui gli ultimi rimasti al nord – chi poteva – si sono faticosamente spostati a Khan Younis o a Rafah. Oggi, quando il silenzio è stato rotto dalle esplosioni e dagli spari, per la popolazione di Gaza l’incubo è ricominciato, come ci ha raccontato da Rafah Mohammad:

È chiaro, ormai, che il nuovo epicentro dei bombardamenti sarà il sud, in particolare Khan Younis, dove centinaia di migliaia di persone hanno cercato rifugio. Ora una nuova pioggia di volantini lanciati questa mattina dall’esercito israeliano chiede a queste persone di evacuare. “Siete stati avvisati” si legge su questi volantini, che hanno un elemento nuovo: un QR code, ironico se si pensa che una delle difficoltà principali per la popolazione è caricare il cellulare. Il codice manda ad un sito dell’IDF che mostra una cartina della striscia divisa in centinaia di blocchi numerati che dovrebbe man mano aiutare i civili a capire se la zona dove si trovano diventa pericolosa, per poi spostarsi. Dove, però, non si sa.

La Casa Bianca ha detto che gli Stati Uniti continuano a lavorare per una tregua umanitaria a Gaza con Israele, Egitto e Qatar. Un portavoce del consiglio della sicurezza nazionale ha detto che “Hamas non ha finora fornito un elenco di ostaggi che consenta un prolungamento della pausa”. Il governo israeliano ha fatto sapere che tra le persone ancora prigioniere di Hamas ci sono 115 uomini, 20 donne e due bambini. La maggioranza, ovvero 126, sono israeliani e 11 sono cittadini stranieri, di cui otto thailandesi. Sentiamo Meron Rapoport, giornalista israeliano ex caporedattore del quotidiano Haaretz:


 

L’ipotesi di una mozione di sfiducia contro Delmastro

Le opposizioni stanno valutando la possibilità di presentare una mozione di sfiducia unitaria contro il sottosegretario Delmastro. A proporla sono stati per primi Verdi e Sinistra Italiana, dopo che oggi sono state diffuse alcune delle carte del procedimento che lo riguarda: ne emerge l’accanita ricerca da parte di Delmastro di elementi e prove sul caso Cospito, estorti al dipartimento dell’amministrazione penitenziaria grazie alla sua posizione di sottosegretario e poi usati in aula per attaccare il PD dal collega di partito e coinquilino Giovanni Donzelli. Il servizio da Roma è di Anna Bredice:


 

L’effimero pasticcio legislativo del divieto alla carne coltivata

La firma del presidente Mattarella, la trasmissione a Bruxelles del testo della legge: è iniziata la breve parabola del ferreo divieto di produzione e commercializzazione di carne coltivata in Italia. Dal governo si approfitta per festeggiare, visto che la legge avrà con ogni probabilità vita breve: la firma di Mattarella è subordinata all’accoglimento dei rilievi che verranno da Bruxelles sul testo. Commissione e singoli stati hanno tre mesi, ora, per eccepire l’ovvio: la legge contrasta con le norme sulla libera circolazione delle merci in Europa, e dunque non potrà mai entrare effettivamente in vigore. Nel frattempo, fino a marzo dunque, è sospesa, ma nel dibattito pubblico e sui giornali megafono del governo la legge esiste eccome: e può fungere anzi da ottimo argomento di conversazione per cene e cenoni natalizi, dove la carne non manca mai e signora mia, vuoi mettere con quegli intrugli di laboratorio che ci vogliono propinare. Il ministro Lollobrigida, che ha firmato con quello della salute Schillaci questo effimero pasticcio legislativo, è raggiante: siamo i primi al mondo, e forse varrebbe la pena di chiedersi il perché. La consolazione, o disperazione a seconda di come la si vede, è che stiamo parlando di nulla: non c’è infatti alcun produttore di carne coltivata in laboratorio che abbia chiesto un’autorizzazione all’immissione sul mercato europeo. Ma tant’è, il governo brinda, e scrive leggi come mangia.

Le indagini della Procura sul Cpr di via Corelli a Milano

Ora si accende anche il faro della Procura sul Cpr di via Corelli a Milano. A far scattare l’indagine dei magistrati hanno contribuito le innumerevoli denunce pubbliche fatte in questi anni da attivisti antirazzisti, giornalisti e alcuni politici.

(di Roberto Maggioni)

Nelle carte dell’inchiesta della Procura c’è tutto il corollario di denunce fatte in questi anni da tutti coloro che si sono occupati di Cpr. Trattamenti disumani, cibo scadente, abuso di farmaci, impossibilità di comunicare con l’esterno, assistenza sanitaria negata. I Cpr sono questo e ora su quello di via Corelli a Milano c’è anche la parola dei magistrati.
Chissà se questa inchiesta scalfirà i piani del governo che i Cpr li vorrebbe moltiplicare e addirittura esternalizzare oltre i confini nazionali. Ne dubitiamo, si dirà che questi gestori di via Corelli sono delle mele marce e si proverà a difendere l’indifendibile.
Dall’indagine della Procura per turbativa d’asta e frode in pubbliche forniture emerge che la società Martinina Srl, per aggiudicarsi il bando da 4,4 milioni di euro per gestire per un anno i 72 posti di via Corelli, aveva promesso di tutto: dal cibo biologico ai mediatori culturali, dall’assistenza sanitaria di qualità alle attività religiose, sociali e ricreative. E invece nulla di tutto ciò è stato fatto. Nell’assenza di controlli e di occhi indipendenti in quei luoghi di segregazione può avvenire di tutto. E avviene. Da oggi però sappiamo che, almeno qui a Milano, le denunce pubbliche fatte da attivisti, associazioni come Naga e rete No Cpr, e da quei pochi parlamentari che ispezionano i centri – in questo caso il senatore ex 5 Stelle Gregorio De Falco – non sono cadute nel vuoto.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR domenica 25/02 13:00

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 25-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 25/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 25-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 23/02/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 23-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    C'è di buono di domenica 25/02/2024

    La cucina, la gastronomia, quello che mangiamo…hanno un ruolo fondamentale nella vita di tutti noi. Il cibo che scegliamo ci cambia, ci influenza e parla di noi. Ci può far stare bene o male in base a quello che scegliamo di avvicinare alla bocca. L’atto di cucinare e di mangiare ogni giorno è uno dei più importanti che possiamo fare. E va affrontato con consapevolezza, con conoscenza, oltre che con uno spirito divertito. Per questo Niccolò Vecchia a C’è di buono ogni settimana racconterà di prodotti e di cucina, raccogliendo storie contadine antiche e contemporanee, parlando di una cultura che può essere, insieme, popolare e raffinata.

    C’è di buono - 25-02-2024

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 25/02/2024

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown trendaioli. La bruss e la steppa. Yak e orsetti lavatori. Il mal d’Africa e le pastiglie di xamamina per chi sta male sui traghetti. Calepini e guide di viaggio. Zaini e borracce. Musiche del mondo e lullabies senza tempo. Geografie fantastiche ed escursioni metafisiche. Nel blog di Onde Road tutti i dettagli delle trasmissioni.

    Onde Road - 25-02-2024

  • PlayStop

    La domenica dei libri di domenica 25/02/2024

    La domenica dei libri è la trasmissione di libri e cultura di Radio Popolare. Ogni settimana, interviste agli autori, approfondimenti, le novità del dibattito culturale, soprattutto la passione della lettura e delle idee. Condotta da Roberto Festa

    La domenica dei libri - 25-02-2024

  • PlayStop

    Va pensiero di domenica 25/02/2024

    Viaggio a bocce ferme nel tema politico della settimana.

    Va Pensiero - 25-02-2024

  • PlayStop

    Apertura musicale classica di domenica 25/02/2024

    La musica classica e le sue riverberazioni con Carlo Lanfossi per augurare un buon risveglio a “tutte le mattine del mondo”. Novità discografiche, segnalazioni di concerti, rassegna stampa musicale e qualunque altra scusa pur di condividere con voi le musiche che ascolto, ho ascoltato e ascolterò per tutta la settimana.

    Apertura musicale classica - 25-02-2024

  • PlayStop

    Emergenza di sabato 24/02/2024

    La trasmissione sulle novità musicali della scena emergente italiana. Per chi crede nel talento dei giovani artisti o ha solo voglia di scoprire nuova musica. Le canzoni in primo piano, ma anche tanti ospiti che ci raccontano la loro storia. Conduce La Melchi. - @lamelchi_

    Emergenza - 24-02-2024

  • PlayStop

    Snippet di sabato 24/02/2024

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45 (tranne il primo sabato di ogni mese)

    Snippet - 24-02-2024

  • PlayStop

    News della notte di sabato 24/02/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 24-02-2024

  • PlayStop

    Warm-up di sabato 24/02/2024

    musica by Davide Facchini

    Warm-up - 24-02-2024

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 24/02/2024

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come recita la famosa canzone del fu Giacomo: Questo di sette è il più grandioso giorno, pien di speme e di gioia: di man tristezza e noia recheran l'ore, ed il travaglio usato ciascuno in suo pensier farà ritorno.

    Il sabato del villaggio - 24-02-2024

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 24/02/2024

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da vent’anni si occupa di novità musicali su queste frequenze. Ospiti, interviste, minilive, ma anche tanta tanta musica nuova. 50 minuti (circa…) con cui orientarsi tra le ultime uscite italiane e internazionali. Da ascoltare anche in Podcast (e su Spotify con le playlist della settimana). Senti un po’. Una trasmissione di Niccolò Vecchia In onda il sabato dalle 18.30 alle 19.30.

    Senti un po’ - 24-02-2024

  • PlayStop

    Stay human di sabato 24/02/2024

    Ogni sabato dalle 17.35 alle 18.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni e il fedele Fela.

    Stay human - 24-02-2024

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 24/02/2024

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e altre radio di Popolare Network, Radio Sonica, Radio Beckwith, Radio Zainet e Radio Onda d’Urto e altre ancora. In Jailhouse Rock storie di musica e di carcere si attraversano le une con le altre. Alla trasmissione collaborano detenuti del carcere romano di Rebibbia Nuovo Complesso e del carcere milanese di Bollate. Dando vita alla prima esperienza del genere, ogni settimana realizzano un Giornale radio dal carcere (Grc) in onda all’interno di Jailhouse Rock, nonché delle cover degli artisti ascoltati nella puntata. Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, a cura di Patrizio Gonnella e Susanna Marietti. http://www.jailhouserock.it/ https://www.facebook.com/Jailhouse-Rock-451755678297925/

    Jailhouse Rock - 24-02-2024

  • PlayStop

    10 Pezzi di sabato 24/02/2024

    Una colonna sonora per il sabato pomeriggio, 45 minuti di musica con cui attraversare il repertorio di grandi artisti che hanno fatto la storia.

    10 Pezzi - 24-02-2024

Adesso in diretta